User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito The Holocaust of America

    The Holocaust of America
    Report; Posted on: 2007-01-08 18:426 [ Printer friendly / Instant flyer ]

    Note: This talk was presented to a white-nationalist gathering in October 2005 and appeared, slightly edited, in the Spring 2006 issue of The Occidental Quarterly.

    by Michael O'Meara

    Comrades: I'm honored by this invitation to speak to you today. Honor, though, comes with trepidation -- since my role at this conference is to report that the main threat to white American survival is not what the so called Devil Theory of Politics (however pertinent) would have us believe, but rather something far closer to home: Namely ourselves. For if we, like Joseph de Maistre, assume that every people gets the government it deserves, then the fact that we are governed by scoundrels and race traitors has more to do with who we are than it does with who they are. Based on the assumption that we must first look to ourselves to understand -- and hence resist -- the catastrophe threatening our people, I want here to look at several interpretations of the America experience that speak to the question of why our countrymen seem so indifferent to their impending demise.

    The Neocons' Creedal Notion

    I would like to begin with an interpretation favored by our enemy: The liberals and especially their right-wing, the Jewish neocons. In what is now the standard narrative of American history, the United States is portrayed as being unlike other nations in representing not a specific people, but rather certain timeless, universal ideas that have come to us from the biblical Zionism of New England's early settlers and from the revolutionary political heritage of 18th-century liberalism. Constituting the country's alleged essence, these ideas were early on associated with what is known as the American Creed and, in lieu of a foundation myth, served as the rationale for its national project. In the course of the 19th century, the Creed would assume various forms, animating the forces of Manifest Destiny, Progressivism, and other of the country's quintessential ideologies. Then, in 1917, as Woodrow Wilson launched his crusade to Americanize the international order, it was codified in a statement that spelled out its exact principles. To this codification emphasizing equality, democracy, and other fictitious liberal abstractions, there has since been added principles of cultural pluralism and multiracialism. Yet whatever its form, the Creed always defines the nation in ideological or propositional terms dismissive of race, culture, and history.

    In recent years, this creedal conception of America has become a hobby horse of the neoconservatives: That semitically-correct "brood of liberals, social democrats, and ex-Trotskyists" who routinely appeal to the Creed to legitimate the Zionist direction of U.S. foreign and domestic policy. In their hands, the Creed acquires a particularly anti-foundationalist character. For example, the neocon hero, Mayor Rudoph Giuliani, in his farewell address at St. Paul's Chapel in New York, near the fallen Twin Towers, describes the Creed in these terms: "It doesn't matter," he argues, "if you came here rich or poor, if you came here voluntarily or involuntarily, if you came here in freedom or in bondage. All that matters is that you embrace America and understand its ideals and what it's all about. Abraham Lincoln used to say that the test of your Americanism was not your family tree; the test of your Americanism was how much you believe in America. Because we're like a religion really. A secular religion. We believe in ideas and ideals. We're not one race; we're many. We're not one ethnic group; we're everyone . . . So what ties us together? We're tied together by our belief in political democracy."

    In Giuliani's neocon rendering, American identity becomes essentially a matter of believing in the country's democratic ideals (whatever they may be) and not a matter of having an ancestral affiliation to its people. Old stock or illegal, white or black -- what counts for the neocon is belief in America's democratic political heritage. Anyone, by this reckoning, can be an American. For if certain abstract political propositions constitute the nation's essence, it cannot but follow that the race, culture, and history of its European founders are entirely incidental to what it means to be an American.

    Most of you, I realize, reject the notion that the American nation is based on a creed rather than a genetically/historically formed people. This creedal conception is not, however, without its historical antecedents and not, therefore, without a certain resonance in American life. Today, for example, it serves as an ideological justification for multiculturalism, globalization, and those disastrous policies premised on the belief that American democratic principles can, in the bloody civilizational wars of the 21st century, triumph over the insurgent forces of militant Islam. Given its present neocon appropriation, white nationalists tend to dismiss it outright, as if it were just another shakedown of the unsuspecting goy and thus not something integral to the dominant forms of American identity. The argument I'm making contends that the creedal interpretation of American identity, contrived as it may be, nevertheless says something defining about the American experience -- and therefore something defining about why the impending destruction of white America leaves most American whites indifferent.

    But instead of convincing you of this by looking at the actual historical role the Creed has played in American life, I want here to examine a transatlantic interpretation of American identity that offers a related, though more persuasive, explanation of the country's creedal foundations.

    The New Right's View

    A)Anti-Europe

    The European New Right -- arguably the most formidable postwar school of anti-liberal thought -- has worked out a critique of American civilization that shares certain of the neocons' creedal premises (even if it draws far different conclusions from them). At the core of its critique is the contention that the United States is not a real nation, but rather a collection of disparate individuals without cultural cohesion and common ancestry. American national identity consequently comes to rest on a civil rather than an ethnic designation of nationality that grants no special status to the country's origin as an organic offshoot of Europe and hence no significance to those racial, cultural, and historical ascriptions distinct to nations in the European sense.

    New Rightists point out that from the moment the Pilgrims stepped ashore at Plymouth and at Salem, they turned their backs on their homeland, imagining the wilderness that was then North America as a New Israel, pure and uncorrupted by the compromised moral order they had fled. Given their biblical culture and what David Gelernter calls "their uncanny tendency to think like Jews," John Winthrop, the first New England governor, was made out to be a Moses-like figure who had led the visible saints out of Egypt to the Promised land, where their City on the Hill was to be a beacon to the rest of humanity, a "light unto the Gentiles," "morally superior to all others . . . and closer to God." England in Puritan discourse was accordingly depicted as "awash in thieves, drunkards, idlers, prostitutes, and blasphemers," while New England was conceived as "the pivotal battleground for the eternal fate of all mankind." In this spirit, the country's Calvinist founders rejected those customs and institutions which had offended God in the Old World, doing away with "church courts and tithes, bishops and archbishops, church weddings and ales, Sunday sports and maypoles, saints' days and Christmas." At the same time, their colony was seen as a Promised Land, its settlers as a Chosen People, and its creedal principles as part of a divine mission to conquer the world.

    New Rightists claim the implicit anti-Europeanism of these beliefs could not but turn America into a sort of anti-Europe.

    That the Puritans' godly-wise commonwealth was founded in opposition to a spiritually "corrupt" Europe also meant that it wasn't long before the land of their former kinsmen slipped from memory and that European life and custom became a "matter of ignorance, indifference, and contempt." The hazardous Atlantic crossing that had brought them to America's shores was thus soon imaginatively re-figured as something other than a geographic separation from their former homeland: It became a symbol of their moral ontological rupture with it. Of course, this doesn't imply that European and English folkways didn't continue to have a major impact on American life or that the arguments Hackett Fischer and Grayson Allen make about the transplantation of European folkways and institutions are unfounded. There's no getting away from the fact that New England's settlers were people of European extraction, however much they sought to minimize it. The New Right's point is that, despite its European antecedents, America developed in opposition to Europe -- and thus, implicitly, in opposition to its ancestors' blood and heritage.

    The Puritans' anti-traditional, anti-European convictions quite naturally came to affect everything else. Thus it was that the American struggle against British imperial reorganization at the end of the 18th century was framed not simply as a colonial dispute with the Mother Country, but as a world crusade against "the traditional ethnic, religious, and tribal loyalties of the Old World" (Gordon Wood). In this vein, Tom Paine proclaimed the American cause to be "the cause of all mankind," part of the same Divine Plan that had led the Israelites out of Pharaoh's Egypt and into the Promised Land. And it was not just Tom Paine but the entire Masonic-Enlightenment generation of 1776 that thought every step toward American independence was prompted "by some token of providential agency" (George Washington). The founding documents thus speak to a project, whose values and beliefs were to distinguish Americans from the rest of humanity (exceptionalism), yet, at the same time, make them champions of humanity's highest aspirations (universalism). Even in its original whites-only form, this propositional definition of the nation all but dismissed its European origins. A neocon today can thus argue that: "We have no biological fathers to provide an ethnic basis for American nationality. For us the [Founders'] ideals must do the work." America's ideological definition of nationality, New Rightists conclude, could not but transform it into "the living negation of all specificity" -- insofar as it dismissed the racial, cultural, and historical character of its European origin. At no point in its development, they claim, is it even possible to speak of its disparate population as a specific ethnonational entity.

    B) The Homeland of Modernity

    The country's anti-Europeanism was not, however, simply a facet of its Calvinist founding. America's emergence as the foremost exemplar of modern liberal civilization also played a role in undermining its identification with Europe. This gets us to the second critique the European New Right makes of America.

    As virtually every student of modernity holds, the "modern condition" entails more than a process of secularization, structural differentiation, industrialization, urbanization, and the growth of science. More fundamentally, the modern condition introduces a civilizational ethos entirely unlike that of traditional or pre-modern civilizations, for basic to this condition is the separation of past from present: That is, the separation of present endeavors from the heritage preceding them. The modernist consequently favors an ideology of progress that rearranges the world in ways indifferent to established hierarchies, ancient authorities, and accepted truths, assuming, in the process, that its deracinating rationalisms apply to all mankind. This subjects everything to a process of unceasing change and accepts every change as an improvement. Modern liberal civilization thus imagines that it has attained a higher level of human achievement, though actually the opposite seems to have happened, as it sinks "to the lowest elements in man and . . . to the needs inherent in the material side of his nature" (René Guénon). Relatedly, the crass materialism of such a devolution concerns itself only with industry, commerce, finance, and with materialism's corollary, the nation-killing principle of equality.

    Nowhere did modernization go farther and faster than in America, which lacked a deeply rooted tradition. Like the founding generation of Calvinists, the revolutionaries of '76 disclaimed those time-encrusted hierarchies and authorities associated with Europe's "corrupt" moral order. In fact, their break with the past was even more decisive, for the struggle they waged against their British Motherland dictated that American national identity shed its past affiliations -- and redefine itself in the bloodless postulates of its revolutionary liberal ideology. Jefferson, accordingly, thought the key to the country's exceptionalism was its "escape" from "history's nightmare." In contrast to Europeans who saw themselves in terms of past glories characteristic of their higher modes of Being, he celebrated the open, dynamic, and forward-looking spirit of the new republic, free as it was of historical encumbrances and free thus to realize a glorious future ex nihilo. This has led one French observer (Jean Baudrillard) to note that: "America avoids the question of origins; it lives in a perpetual present." To live in such an on-going here-and-now means, however, to live in isolation from former and future generations. Indeed, it is this very absence of a common ancestral tradition that seems to account for the fact that there is no real organic cohesion, no deeper value, or felt principle to knit the American people together -- only certain ideological ones, such as the Creed provides.

    And though it was Europe that gave birth to modernity, it was the United States that zealously remade the world in its modernist image. For given the absence of a native aristocracy and the hegemony of its business class, there was little in the New World to obstruct modernity's irrepressible onslaught. Modernizers, progressives, reformers, developers, and speculators had the field almost entirely to themselves. Thus it was that, in the decades following the revolution, the former colonies were swept up and carried along by a wave of social scrambling and economic development that shocked most European observers. Even certain of the Founders were taken aback by the restless, self-seeking changes that marked the national life of the new republic. One historian reports that in his old age Jefferson himself, once he realized the vices of commerce had achieved a decisive victory over the virtues republicanism was to nurture, began to despair of the democratic society born of the revolution. Instead, then, of becoming more virtuous, the American people seemed to become more materialistic, more egoistic or self-centered, and hence more indifferent to the rights of blood and heritage.

    C) Leviathan State

    There is a third New Right critique that converges -- again negatively -- with the neocons' creedal view. This one is based on geopolitics and the geopolitical view that America is preeminently a maritime (or thalassocratic) power. Geopolitics, as you might know, is the study of environmental influences, physical as well as economic, on the evolution of peoples and their territories, particularly as such influences affect the strategic actions of states. One student calls geopolitics "the political grammar of world politics." Within this grammar's interpretative frame, America's creedal notion of nationality is not simply an offshoot of its Puritan heritage and liberal-modernist foundations, but also of its sea-faring civilizational forms.

    The great German jurist Carl Schmitt, who died before the New Right's birth but who continues to influence it, writes that "World history is the history of the struggle between the maritime powers and the continental powers." This idea is key to virtually all schools of geopolitical thought. The Ancient World's Punic Wars, in pitting maritime Carthage against overland Rome, represents the purest paradigmatic expression of this land-sea conflict. In the modern era, the “Anglo-Saxons” (the British, succeeded by the Americans), assume Carthage's role and the great continental land powers -- principally Germany and Russia -- that of ancient Rome.

    This inherent antagonism between land and sea touches everything else. In this spirit, the Russian New Rightist, Alexandr Dugin, writes: "Through the experiences of land and sea, earth and water, man enters into contact with the most fundamental facets of his existence. Land is stability, gravity, fixity, space as such. Water is mobility, softness, dynamics, time." These two basic geopolitical concepts, land and sea, cannot, then, but affect man's other relationships. Maritime empires tend thus to sustain complex commercial societies that are open, innovative, and cosmopolitan, as well as plutocratic, materialistic, and individualistic, while land or continental powers tend toward traditionalist sensibilities privileging communal relations, honorific commitments, and well-defined social hierarchies.

    Given this opposition between sea and land, island and continent, America's maritime supremacy -- and I should remind you that from the very beginning the country's republican principles were premised on America's maritime preeminence and the need to ensure unimpeded access to foreign markets -- has been possible only at the expense of Europe. Since the dawn of the American Century in 1945, U.S. maritime power has pursued, as a consequence, not only Britain's former geostrategic logic, but its anti traditionalist, anti-identitarian policies toward the European mainland. Today, America's New World Order, premised on global markets and creedal civilizational forms, continues to rely on its maritime supremacy to project its military power into every corner of the globe and to use its capital and markets to force global economic integration on its own terms. This money based order, with its multicultural ideology, international labor markets, and missionary impulse to impose American modernist forms on other peoples, is, of course, something far different from the older white America, with its independent yeoman producers and its republican forms of governance, but it too has its roots in America's liberal rejection of its biocultural heritage.

    Conclusion

    Let me conclude by drawing the strands of my argument together. I began by suggesting that our greatest enemy is ourselves -- and the American system in which we operate. I then suggested that the liberals, and especially the Jewish neocons, exploit the system's creedal principles for the sake of their anti-white agenda. I next looked at the way the New Right's view of American civilization negatively overlaps the liberal/neocon one. For like them, New Rightists believe the American experiment has never been about the growth and identity of its white settler population, but rather about certain Hebraic ideas, modernist principles, and maritime practices dismissive of all that culturally, historically, and genetically defines white Americans as a people of European extraction. In the optic of this New Right representation, the holocaust whites face today is less the consequence of their ever expanding managerial state (as, for instance, the late Sam Francis thought) or of the Jews' invidious culture of critique (as Kevin MacDonald suggests), than of a civilization founded in opposition to blood and heritage.

    Though it discloses a reality we white nationalist tend to neglect, this is not the conclusion with which I want to leave you. For however much America affronts its European origins (the main point of my argument), the country's essence is nevertheless not reducible to a single monolithic interpretation, especially one whose geopolitical, modernist, and historical assumptions are less than certain. Indeed, the neocon and New Right interpretations seem especially disputable given that they ignore the most important consideration of all: America's biocultural fundament. In this context, it bears recalling that the philosophical tradition of our race -- as it stretches from Heidegger's clearing pathways to Greece's pre-Socratic dawn -- teaches that every origin anticipates its future in the same way that every life enhancing future is realized in reference to its past. Given America's European birth, its possibilities are thus only meaningfully attainable if it remains "true" to the essence of its original European being. Despite the Hebraicism of its Puritan settlers, the anti-identitarianism of its liberal modernity, and the cosmopolitanism of its maritime tradition, the fact remains that America's roots are European and will always be so, even if the Zionist mafia in control of the political and social systems succeeds in forsaking its original pre destination. Indeed, the present universalizing cosmopolitanism of the American polity, as it endeavors to make the country into something it was never destined to be, is very much a product of Europe, representing not just one of its organic offshoots, but one of the purest distillations of our race's millennia-long flirtation with nihilism. If white Americans, then, should ever draw back from the racial-cultural abyss to which they seem headed and recommence the possibilities latent in their existence, they, like their transatlantic cousins, will have no alternative but to reclaim that which lies both nearest to and most distant from them: The destining origination born of their ancestors' blood and heritage.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Traduzione


    Il Holocaust dell'America
    Rapporto; Inviato sopra: 2007-01-08 18:42: 36 [aletta di filatoio amichevole/istante dello stampatore]

    Nota: Questo colloquio è stato presentato ad una riunione del bianco-nazionalista nell'ottobre 2005 ed è stato comparso, pubblicato un po', nell'emissione della molla 2006 del Quarterly Occidental.

    da Michael O'Meara

    Camerati: Honored da questo invito parlare oggi voi. Il Honor, benchè, venga con il trepidation -- poiché il mio ruolo a questo congresso è di segnalare che la minaccia principale contro la sopravvivenza americana bianca non è che cosa la cosiddetta teoria del diavolo della politica (per quanto pertinente) ci farebbe credere, ma piuttosto qualcosa lontano più vicino alla sede: Vale a dire noi stessi. Per se, come Joseph de Maistre, supponiamo che ogni gente ottiene il governo che si merita, quindi il fatto che siamo governati dagli scoundrels e traitors della corsa ha più da fare con chi siamo che facciamo con chi sono. Sulla base del presupposto che dobbiamo in primo luogo osservare a noi stessi per capire -- e quindi resistere a -- la catastrofe che minaccia la nostra gente, desidero qui guardare parecchie interpretazioni dell'esperienza dell'America che parlano alla domanda di perchè i nostri countrymen sembrano così indifferent al loro demise imminente.

    La nozione di Creedal del Neocons

    Vorrei cominciare con un'interpretazione favorita dal nostro nemico: I liberali e particolarmente il loro della destra, i neocons ebrei. In che cosa ora è la descrizione standard di storia americana, gli Stati Uniti sono ritratti come essendo diverso di altre nazioni nel rappresentare non una gente specifica, ma di idee timeless e universali piuttosto determinate che sono venuto a noi dallo Zionism biblico dei settlers in anticipo della Nuova Inghilterra e dall'eredità politica rivoluzionaria di diciottesimo liberalism di secolo. Costituendo l'essenza dichiarata del paese, queste idee nella fase iniziale sono state associate con che cosa è conosciuto come la dottrina religiosa americana e, invece di un mito del fondamento, è servito da spiegazione razionale per il relativo progetto nazionale. Nel corso del diciannovesimo secolo, la dottrina religiosa presupporrebbe le varie forme, animanti le forze del destino manifesto, Progressivism ed altro delle ideologie quintessential del paese. Allora, in 1917, poichè Woodrow Wilson ha lanciato il suo crusade per americanize l'ordine internazionale, è stata codificata in una dichiarazione che ha spiegato i relativi principii esatti. A questa codificazione che dà risalto all'uguaglianza, alla democrazia e ad altre astrazioni liberali fittizie, ci da allora sono stati principii aggiunti di pluralism e del multiracialism culturali. Tuttavia qualunque la relativa forma, la dottrina religiosa sempre definisce la nazione nei termini di propositional o ideologici distanti della corsa, della coltura e della storia.

    Negli ultimi anni, questa concezione creedal dell'America si è trasformata in in un cavallo di hobby dei neoconservatives: Quella “nidiata semitically-corretta dei liberali, carbossimetilazioni e ex-Trotskyists sociali„ chi fanno appello ordinariamente alla dottrina religiosa a legittimo il senso sionistico degli Stati Uniti stranieri e della politica domestica. In loro mani, la dottrina religiosa acquista specialmente un carattere di anti-foundationalist. Per esempio, il hero del neocon, il sindaco Rudoph Giuliani, nel suo indirizzo d'addio al Chapel della st Paul a New York, vicino alle torrette gemellate cadute, descrive la dottrina religiosa in questi termini: “Non importa,„ lui discute, “se veniste qui rich o poveri, se veniste volontariamente o involontariamente qui, se veniste qui nella libertà o nel bondage. Tutto che importi è che abbracciate l'America e capite i relativi ideali e che cosa esso è interamente circa. Abraham Lincoln ha usato dire che la prova del vostro Americanism non era il vostro albero di famiglia; la prova del vostro Americanism era quanto credete in America. Poiché siamo come una religione realmente. Una religione secolare. Crediamo nelle idee e negli ideali. Non siamo una corsa; siamo molti. Non siamo un gruppo etnico; siamo tutto. Così che cosa li lega insieme? Siamo legati insieme dalla nostra credenza nella democrazia politica.„

    Nel neocon del Giuliani che rende, l'identità americana si trasforma in essenzialmente in un aspetto di credere negli ideali democratici del paese (qualunque possono essere) e non un aspetto di avere un'affiliazione ancestral alla relativa gente. Vecchie azione o illegale, bianco o nero -- che cosa conta per il neocon è credenza nell'eredità politica democratica dell'America. Chiunque, da questo conto, può essere un americano. Per se determinate proposte politiche astratte costituiscono l'essenza della nazione, non può ma seguire che la corsa, la coltura e la storia dei relativi fondatori europei sono interamente fortuite a che cosa significa essere un americano.

    La maggior parte di voi, realizzo, rifiuto la nozione che la nazione americana è basata su una dottrina religiosa piuttosto che su geneticamente/gente di a storicamente formata. Questa concezione creedal non è, tuttavia, senza relativi antecedenti storici e non, quindi, senza certa risonanza nella vita americana. Oggi, per esempio, serve da giustificazione ideologica per il multiculturalism, il globalization e quelle politiche disastrose premesse sulla credenza che i principii democratici americani possono, nelle guerre sanguinanti del ventunesimo secolo, trionfo di civilizational sopra le forze insurgent di Islam del militante. Dato la relativa appropriazione attuale del neocon, i nazionalisti bianchi tendono ad allontanarli completamente, come se sia stata giusta un altro shakedown del goy unsuspecting e così non qualche cosa di integrale alle forme dominanti dell'identità americana. La discussione che sto facendo si contende che l'interpretazione creedal dell'identità americana, contrived mentre può essere, tuttavia dice qualcosa definente circa l'esperienza americana -- e quindi qualcosa che definisce circa perchè la distruzione imminente dell'America bianca lascia la maggior parte dei bianchi americani indifferent.

    Ma invece di convincerli di questo guardando il ruolo storico reale la dottrina religiosa ha giocato nella vita americana, io desidera qui esaminare un'interpretazione transatlantica dell'identità americana che offre un relativo, benchè più convincente, spiegazione dei fondamenti creedal del paese.

    La vista della nuova destra

    A) Anti-Europa

    La nuova destra europea -- discutibilmente la scuola dopoguerra più ardua di pensiero anti-liberale -- ha risolto una valutazione di civilizzazione americana che ripartisce un certo numero di locali creedal dei neocons (anche se disegna le conclusioni diverse lontane da loro). Al nucleo della relativa valutazione è il conflitto che gli Stati Uniti non sono una nazione reale, ma piuttosto una collezione di individui disparati senza coesione culturale ed ascendenza comune. L'identità nazionale americana conseguentemente viene riposarsi su un'indicazione civile piuttosto che etnica della nazionalità che non assegna condizione speciale all'origine del paese come ramo organico di Europa e quindi importanza a quei ascriptions razziali, culturali e storici distinti alle nazioni nel senso europeo.

    Le nuove persone di destra precisano che dal momento i Pilgrims hanno fatto un passo a secco a Plymouth ed a Salem, hanno girato le loro parti posteriori sulla loro patria, immaginando la selva che era allora l'America del Nord come nuovo Israele, puro e uncorrupted dall'ordine che morale compromesso erano fuggito. Dato la loro coltura biblica e che David Gelernter chiama “la loro tendenza uncanny pensare come gli ebrei,„ John Winthrop, il primo regolatore della Nuova Inghilterra, è stato incitato fuori per essere a Moses-come la figura che aveva condotto i san visibili dall'Egitto alla terra promessa, in cui la loro città sulla collina era di essere un falò al resto di umanità, “una luce unto il Gentiles,„ “morale superiore a tutti gli altri. e più vicino al dio.„ L'Inghilterra nel discorso Puritan è stata descritta di conseguenza come “awash in ladri, drunkards, tenditori, prostitutes e blasphemers,„ mentre la Nuova Inghilterra è stata concepita come “il battleground chiave per il destino eterno di tutta l'umanità.„ In questo spirito, i fondatori del Calvinist del paese hanno rifiutato quelle abitudini ed istituzioni che avevano offenduto il dio nel vecchio mondo, eliminando “le corti e tithes della chiesa, bishops e arcivescovi, nozze e birre inglesi della chiesa, sport e maypoles di domenica, giorni dei san e Natale.„ Allo stesso tempo, la loro colonia è stata vista come una terra promessa, i relativi settlers come gente scelta e relativi principii creedal come componente di una missione divine per conquistare il mondo.

    Le nuove persone di destra esigono il anti-Europeanism implicito dei questi credenza non potrebbero ma trasformano nell'America una specie di anti-Europa.

    Che il commonwealth godly-saggio dei Puritans è stato fondato nell'opposizione ad un'Europa spiritual “corrotta„ inoltre ha significato che non era molto prima che della terra dei loro ex kinsmen slittati dalla memoria e che la vita e l'abitudine europee si sono trasformate in “in un aspetto dell'ignoranza, dell'indifferenza e del contempt.„ L'incrocio atlantico pericoloso che li aveva portati ai puntelli dell'America presto immaginativo re-è stato calcolato così come qualcosa tranne una separazione geografica dalla loro patria precedente: Si è trasformato in in un simbolo della loro rottura ontological morale con esso. Naturalmente, questo non implica che i folkways europei ed inglesi non abbiano continuato ad avere un effetto importante su vita americana o che le discussioni Hackett Fischer e Grayson Allen facciano circa il trapianto dei folkways e delle istituzioni europei essere non fondato. Non ci è ottenere via dal fatto che i settlers della Nuova Inghilterra erano la gente dell'estrazione europea, comunque molto ha cercato di minimizzarlo. Il punto della nuova destra è che, malgrado i relativi antecedenti europei, l'America si è sviluppata nell'opposizione ad Europa -- e così, implicitamente, nell'opposizione ad anima ed all'eredità dei relativi antenati.

    I Puritans anti-tradizionali, convinzioni anti-Europee sono venuto abbastanza naturalmente interessare tutto altrimenti. Così era che la lotta americana contro riorganizzazione imperiale britannica alla conclusione del diciottesimo secolo è stata incorniciata non semplicemente come disputa coloniale con il paese della madre, ma come crusade del mondo contro “le lealtà etniche, religiose e tribali tradizionali di vecchio mondo„ (legno del Gordon). In questa vena, Tom Paine ha affermato la causa americana per essere “la causa di tutta l'umanità,„ parte dello stesso programma Divine che aveva condotto i Israelites dall'Egitto del Pharaoh e nella terra promessa. E non era Tom giusto Paine ma l'intera generazione di Masonic-Chiarimento di 1776 che ha pensato ogni punto verso indipendenza americana è stata richiamata “da un certo segno dell'agenzia providential„ (George Washington). I documenti fondanti parlano così ad un progetto, di cui valori e la credenza era di distinguere gli Americani dal resto di umanità (exceptionalism), tuttavia, allo stesso tempo, rendono loro i campioni di più alte aspirazioni dell'umanità (universalism). Anche nei relativi bianchi-soltanto originali formare, questa definizione di propositional della nazione che tutte solo hanno allontanato le relative origini europee. Un neocon oggi può discutere così quello: “Non abbiamo padri biologici per fornire una base etnica per la nazionalità americana. Per noi [il mosto di ideali del Founders'] fa il lavoro.„ La definizione ideologica dell'America della nazionalità, nuove persone di destra conclude, non potrebbe ma trasformarlo “nella negazione vivente di tutta la specificità„ -- nella misura in cui ha allontanato il carattere razziale, culturale e storico della relativa origine europea. A nessun punto nel relativo sviluppo, sostengono, sono esso persino possibile parlare della relativa popolazione disparata come entità specifica di ethnonational.

    B) La patria di Modernity

    Il anti-Europeanism del paese non era, tuttavia, semplicemente una sfaccettatura del relativo fondare del Calvinist. L'emersione dell'America come il primo exemplar di civilizzazione liberale moderna inoltre ha svolto un ruolo nell'insidiare la relativa identificazione con Europa. Ciò ci ottiene alla seconda valutazione le nuove giuste marche europee dell'America.

    Come virtualmente ogni allievo di modernity tiene, “lo stato moderno„ richiede più di un processo del secularization, della differenziazione strutturale, dell'industrializzazione, dell'urbanizzazione e dello sviluppo della scienza. Più fondamentalmente, lo stato moderno introduce un ethos di civilizational interamente diverso di quello delle civilizzazioni tradizionali o pre-moderne, dato che di base a questo stato è la separazione di passato dal presente: Cioè la separazione del presente tenta dall'eredità che le precede. Il modernist conseguentemente favorisce un'ideologia di progresso che riorganizza il mondo nei sensi indifferent alle gerarchie stabilite, autorità antiche e le verità accettate, presupponente, nel processo, che i relativi rationalisms deracinating si applicano a tutta l'umanità. Ciò sottopone tutto ad un processo di cambiamento incessante ed accetta ogni cambiamento come miglioramento. La civilizzazione liberale moderna immagina così che ha raggiunto un di più alto livello del successo umano, comunque realmente l'opposto sembra accadere, come esso si affonda “agli elementi più bassi nell'uomo e. ai bisogni inerenti al lato materiale della sua natura„ (René Guénon). Relatedly, il materialism crass di una tal devoluzione si interessa soltanto di industria, commercio, finanza e del corollario del materialism, il principio di nazione-uccisione di uguaglianza.

    Nessuna parte ha fatto l'ammodernamento va più lontano e più velocemente di in America, che difettava di una tradizione profondamente sradicata. Come la generazione fondante dei Calvinists, i rivoluzionari 'di 76 hanno smentito quelle gerarchie tempo-encrusted e le autorità connesse con Europa “corrompono„ l'ordine morale. Infatti, la loro rottura con il passato era ancor più decisiva, dato che la lotta che hanno intrapreso contro il loro Motherland britannico ha dettato che tettoia nazionale americana di identità le relative affiliazioni passate -- e ridefinir nei postulati bloodless della relativa ideologia liberale rivoluzionaria. Jefferson, di conseguenza, pensiero la chiave al exceptionalism del paese era la relativa “fuga„ “dall'incubo della storia.„ Contrariamente ad Europei che si sono visti in termini di glories passati caratteristici dei loro più alti modi di essere, ha celebrato l'aperto, dinamico e di andata-osservando lo spirito di nuova repubblica, per quanto sia così libera degli ingombri storici e libero realizzare un ex nihilo futuro glorious. Ciò ha condotto un osservatore francese (Jean Baudrillard) notare quello: “L'America evita la domanda delle origini; vive in un presente perpetuo.„ Per vivere in così on-going qui-e-ora mezzi, tuttavia, per vivere nell'isolamento dalle generazioni precedenti e future. Effettivamente, è questa assenza stessa di una tradizione ancestral comune che sembra rappresentare il fatto che non ci è coesione organica reale, nessun valore più profondo, o ha ritenuto il principio per lavorare a maglia insieme la gente americana -- soltanto quei ideologici determinati, quale la dottrina religiosa forniscono.

    E benchè fosse Europa che ha dato alla luce a modernity, era gli Stati Uniti che hanno refatto zelante il mondo nella relativa immagine modernist. Per dato l'assenza di un aristocracy natale e dell'egemonia del relativo codice categoria di affari, ci era piccolo nel nuovo mondo per ostruire il onslaught irrepressible del modernity. Modernizers, i progressives, i reformers, gli sviluppatori e gli speculatori hanno avuti il campo quasi interamente a se stesso. Così era che, nelle decadi che seguono la rivoluzione, le ex colonie sono state scopate in su e sono state trasportate avanti da un'onda della rimescolanza sociale e dello sviluppo economico che ha scosso la maggior parte dei osservatori europei. Anche un certo numero di fondatori sono stati presi il aback dai cambiamenti agitati e self-seeking che hanno contrassegnato la vita nazionale di nuova repubblica. Uno storico segnala che nel suo Jefferson di vecchiaia egli stesso, una volta che realizzasse che i vizi del commercio avevano realizzato una vittoria decisiva sopra il republicanism di virtù era consolidare, ha cominciato a disperazione della società democratica sopportata della rivoluzione. Invece, allora, di diventare più virtuosa, la gente americana ha sembrato diventare più materialistic, più egoistic o self-centered e quindi più indifferent ai diritti di anima e dell'eredità.

    C) Leviathan dichiara

    Ci è una terza nuova giusta valutazione che converge -- ancora negativamente -- con la vista creedal dei neocons. Questo è basato sul geo - politica e la vista geopolitica che l'America è preeminently un'alimentazione marittima (o thalassocratic). Geo - la politica, poichè potreste sapere, è lo studio sulle influenze ambientali, fisico medica così come economico, sullo sviluppo della gente e dei loro territori, specialmente come tali influenze interessano le azioni strategiche di dichiara. Un allievo denomina il geo - politica “la grammatica politica della politica del mondo.„ All'interno della struttura interpretativa di questa grammatica, la nozione creedal dell'America della nazionalità non è semplicemente un ramo della relativi eredità Puritan e fondamenti liberale-modernist, ma inoltre del relativo sea-faring civilizational forma.

    Il jurist tedesco grande Carl Schmitt, che è morto prima che la nascita della nuova destra ma chi continua ad influenzarlo, scrive che “la storia del mondo è la storia della lotta fra le alimentazioni marittime e le alimentazioni continentali.„ Questa idea è chiave a virtualmente tutte le scuole di pensiero geopolitico. Le guerre di Punic del mondo antico, in puntinatura Carthage marittimo contro Roma terrestre, rappresenta l'espressione paradigmatica più pura di questo conflitto del terra-mare. Nell'era moderna, “i Anglo-Saxons„ (i Britannici, riusciti dagli Americani), ammettono il ruolo de Carthage e le alimentazioni continentali grandi della terra -- principalmente la Germania e la Russia -- quello di Roma antica.

    Questo antagonismo inerente fra terra ed il mare tocca tutto altrimenti. In questo spirito, la nuova persona di destra russa, Alexandr Dugin, scrive: “Con le esperienze in terra e mare, terra ed acqua, uomo entra in contatto con le sfaccettature più fondamentali della sua esistenza. La terra è stabilità, gravità, fixity, spazio come tale. L'acqua è mobilità, la morbidezza, dynamics, tempo.„ Questi due concetti geopolitici di base, terra e mare, non possono, quindi, ma interessare altri rapporti dell'uomo. Gli imperi marittimi tendono così a sostenere le società commerciali complesse che sono aperte, innovarici e cosmopoliti, così come plutocratic, materialistic ed individualistic, mentre la terra o le alimentazioni continentali tende verso le sensibilità tradizionaliste che privilegiano i rapporti comunali, gli impegni honorific e le gerarchie sociali ben definite.

    Dato questa opposizione fra il mare e terra, isola e continente, supremacy marittimo dell'America -- e dovrei ricordargli che fin dall'inizio i principii repubblicani del paese sono stati premessi sul preeminence marittimo e sulla necessità dell'America accertare l'accesso senza impedimenti ai mercati stranieri -- è stato possibile soltanto a scapito di Europa. Dall'alba del secolo americano in 1945, l'alimentazione marittima degli Stati Uniti ha perseguito, di conseguenza, non solo la logica geostrategic precedente della Gran-Bretagna, ma le relative politiche anti tradizionaliste e anti-identitarian verso il continente europeo. Oggi, il nuovo ordine del mondo dell'America, premesso sui mercati globali e sulle forme creedal di civilizational, continua a contare sul relativo supremacy marittimo per proiettare la relativa alimentazione militare in ogni angolo del globo e per usare il relativi capitale e mercati per forzare l'integrazione economica globale alle relative proprie condizioni. Questo ordine basato soldi, con la relativa ideologia multicultural, i mercati del lavoro internazionali e l'impulso di missionario per imporre le forme modernist americane all'altra gente, è, naturalmente, qualcosa lontano differente dalla più vecchia America bianca, con i relativi produttori indipendenti del yeoman e le relative forme repubblicane di controllo, ma di esso anche ha relative radici nel rifiuto liberale dell'America della relativa eredità biocultural.

    Conclusione

    Lasciarlo concludere disegnando i fili della mia discussione insieme. Ho cominciato suggerendo che il nostro nemico più grande è noi stessi -- ed il sistema americano in cui funzioniamo. Allora ho suggerito che i liberali e particolarmente i neocons ebrei, sfruttano i principii creedal del sistema per il loro ordine del giorno anti-bianco. I dopo guardato la vista il senso della nuova destra di civilizzazione americana coincide negativamente il liberale/neocon uno. Per come loro, le nuove persone di destra credono che l'esperimento americano non sia stato mai circa lo sviluppo e l'identità della relativa popolazione bianca del settler, ma piuttosto circa determinate idee Hebraic, i principii modernist e le pratiche marittime distanti di tutti quello culturalmente, storicamente e geneticamente definisca gli Americani bianchi come gente dell'estrazione europea. Nell'ottico di questa nuova giusta rappresentazione, i bianchi che del holocaust la faccia oggi è meno la conseguenza della loro mai espansione direttiva dichiarano (come, per esempio, il SAM ritardato Francis pensato) o alla coltura spiacevole degli ebrei della valutazione (mentre Kevin MacDonald suggerisce), che di una civilizzazione fondata nell'opposizione ad anima ed all'eredità.

    Benchè rilevi una realtà noi che il nazionalista bianco tende a trascurare, questa non è la conclusione con cui desideri lasciarlo. Per tuttavia la molta America affronta le relative origini europee (il punto principale della mia discussione), l'essenza del paese è tuttavia non riducibile ad una singola interpretazione monolitica, particolarmente una di cui i presupposti geopolitici, modernist e storici sono più di meno di sicuri. Effettivamente, il neocon e le nuove giuste interpretazioni sembrano particolarmente disputable poichè ignorano la considerazione più importante di tutti: Fondamento biocultural dell'America. In questo contesto, sopporta recalling che la tradizione filosofica della nostra corsa -- come allunga dalle vie di schiarimento del Heidegger in Grecia pre-Socratic albeggiare -- insegna che ogni origine prevede il relativo futuro nello stesso senso che ogni vita che aumenta il futuro è realizzata nel riferimento al relativo passato. La nascita europea della data America, le relative possibilità è così soltanto chiaramente raggiungibile se rimane “allineare„ all'essenza del relativo essere europeo originale. Malgrado il Hebraicism dei relativi settlers Puritan, il anti-identitarianism del relativo modernity liberale e il cosmopolitanism della relativa tradizione marittima, il remains di fatto che le radici dell'America sono europee e sempre saranno così, anche se la mafia sionistica nel controllo dei sistemi politici e sociali riesce a forsaking la relativa destinazione di originale pre. Effettivamente, il cosmopolitanism universalizing attuale del polity americano, poichè tenta di trasformarlo al paese qualcosa non era mai destinato essere, è molto un prodotto di Europa, rappresentante non appena uno dei relativi rami organici, ma una delle distillazioni più pure del flirtation millennio-lungo della nostra corsa con il nihilism. Se gli Americani bianchi, allora, disegnano mai indietro dal abyss razziale-culturale a cui sembrano diretti e ricominciano le possibilità latenti nella loro esistenza, come i loro cugini transatlantici, non avranno alternativa ma riprendono quello a cui sta sia il più vicino che il più distante da loro: Le origini di destinazione sopportate di anima e dell'eredità dei loro antenati.

    Fonte: autore

 

 

Discussioni Simili

  1. Miss Holocaust
    Di Stille Volk nel forum Fondoscala
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 01-07-12, 20:22
  2. Euro Holocaust
    Di Good Fellas nel forum Destra Radicale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 23-09-09, 23:34
  3. Cannibal Holocaust
    Di Nicki (POL) nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 24-10-08, 19:25
  4. The Holocaust Controversy
    Di Harm Wulf nel forum Storia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-10-03, 20:13
  5. The Holocaust Controversy
    Di Harm Wulf nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-10-03, 20:10

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226