User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La ballerina inglese che sfida la censura del politicamente corretto

    La ballerina inglese che sfida la censura del politicamente corretto
    di Fausto Carioti

    L’Europa è razzista, e il paradigma razzista dominante porta le insegne del politicamente corretto. Nelle moschee del continente tanti imam sono liberi di invocare la distruzione di Israele e l’avvento della sharia, la legge del Corano, sull’Eurabia prossima ventura. Chi professa simpatie comuniste e pratica l’antiamericanismo militante è vezzeggiato dalle elites politiche e intellettuali, molto spesso ne fa parte e non di rado vede questo suo impegno premiato con riconoscimenti pubblici. Ma appena qualche personaggio abbraccia idee difformi dal pensiero unico multiculturalista - magari chiamando i problemi per nome e cognome, invece di voltare lo sguardo dall’altra parte - subito trova una gogna che lo attende. È successo con Pym Fortuyn, con Theo van Gogh, con Oriana Fallaci.«Personaggi controversi», vengono definiti di solito. Eppure nessuno ritiene «controversi» quei ministri che corrono a stringere le mani dei dittatori di sinistra sparsi per il mondo, o che in nome dell’appeasement sono pronti a svendere le libertà dei loro cittadini al primo imam che alza la voce. L’ultimo personaggio finito sulla gogna si chiama Simone Clarke, ha 36 anni ed è la prima ballerina dell’English National Ballet.

    La sua colpa è essersi iscritta al British National Party (Bnp), ritenuto razzista e xenofobo. «Penso che la Clarke debba essere licenziata», ha sentenziato il direttore dell’Ufficio Uguaglianza del comune di Londra quando la notizia è uscita. «Dobbiamo porci la domanda su come sia possibile che qualcuno in una simile posizione possa abusarne per pubblicizzare il Bnp», ha attaccato un esponente del Consiglio islamico inglese. Ma la Clarke non è né razzista né xenofoba. Il suo fidanzato, ballerino anch’egli, è un cubano con sangue cinese. «Il punto non è mandare via gli stranieri. Il punto è controllare i nostri confini», spiega la Clarke (solite contarddizioni libertarie), che mostra di avere idee chiare e di non essere affatto quel mostro nazista che la sinistra sta cercando di dipingere. È stato proprio il suo fidanzato a spingerla a iscriversi al Bnp. «Mi ha ha detto: “Se sei davvero preoccupata smettila di piagnucolare e fai qualcosa”. Ho guardato su Internet, ho trovato il manifesto del Bnp, ho pagato la quota e ho avuto la tessera».

    E, piaccia o meno, il manifesto del Bnp contiene più di una verità scomoda: «In base agli attuali trend demografici, noi nativi inglesi saremo una minoranza etnica nel nostro stesso Paese entro 60 anni». Inconfutabile. È giusto non parlarne? Serve a qualcosa negarlo? Per invertire il processo, il Bnp propone di «fermare subito l’ulteriore immigrazione, deportare immediatamente tutti gli immigrati illegali e colpevoli di crimini e dare agli immigrati legali l’opportunità di tornare nella loro patria d’origine, incentivati da generosi finanziamenti». È una ricetta che si può condividere o meno, ma che ha il merito di chiamare i problemi con il loro nome. Di certo, non è un progetto “fascista”, né può giustificare un licenziamento. Ed è difficile non dare ragione al Bnp quando nel manifesto sostiene che sui temi più importanti, come la politica sull’immigrazione, ai cittadini inglesi è stato tolto il diritto di parola, poiché tutte le decisioni vengono prese da un esercito di euroburocrati privi di legittimazione democratica. Simone Clarke tira dritto. Dice: «Non ho mai avuto chiaro come adesso che sto facendo la cosa giusta al momento giusto».

    © Libero. Pubblicato il 3 gennaio 2007.

    Post scriptum. Non stupisce che il sindaco di Londra Ken Livingstone, dai cui uffici è partita la richiesta di licenziare Simone Clarke, stia preparando una grande festa per il 2009, allo scopo di celebrare i 50 anni di dittatura di Fidel Castro.
    posted by fc at 12:40 PERMALINK

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    kalashnikov47
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jenainsubrica Visualizza Messaggio
    La ballerina inglese che sfida la censura del politicamente corretto
    di Fausto Carioti

    L’Europa è razzista, e il paradigma razzista dominante porta le insegne del politicamente corretto. Nelle moschee del continente tanti imam sono liberi di invocare la distruzione di Israele e l’avvento della sharia, la legge del Corano, sull’Eurabia prossima ventura. Chi professa simpatie comuniste e pratica l’antiamericanismo militante è vezzeggiato dalle elites politiche e intellettuali, molto spesso ne fa parte e non di rado vede questo suo impegno premiato con riconoscimenti pubblici. Ma appena qualche personaggio abbraccia idee difformi dal pensiero unico multiculturalista - magari chiamando i problemi per nome e cognome, invece di voltare lo sguardo dall’altra parte - subito trova una gogna che lo attende. È successo con Pym Fortuyn, con Theo van Gogh, con Oriana Fallaci.«Personaggi controversi», vengono definiti di solito. Eppure nessuno ritiene «controversi» quei ministri che corrono a stringere le mani dei dittatori di sinistra sparsi per il mondo, o che in nome dell’appeasement sono pronti a svendere le libertà dei loro cittadini al primo imam che alza la voce. L’ultimo personaggio finito sulla gogna si chiama Simone Clarke, ha 36 anni ed è la prima ballerina dell’English National Ballet.

    La sua colpa è essersi iscritta al British National Party (Bnp), ritenuto razzista e xenofobo. «Penso che la Clarke debba essere licenziata», ha sentenziato il direttore dell’Ufficio Uguaglianza del comune di Londra quando la notizia è uscita. «Dobbiamo porci la domanda su come sia possibile che qualcuno in una simile posizione possa abusarne per pubblicizzare il Bnp», ha attaccato un esponente del Consiglio islamico inglese. Ma la Clarke non è né razzista né xenofoba. Il suo fidanzato, ballerino anch’egli, è un cubano con sangue cinese. «Il punto non è mandare via gli stranieri. Il punto è controllare i nostri confini», spiega la Clarke (solite contarddizioni libertarie), che mostra di avere idee chiare e di non essere affatto quel mostro nazista che la sinistra sta cercando di dipingere. È stato proprio il suo fidanzato a spingerla a iscriversi al Bnp. «Mi ha ha detto: “Se sei davvero preoccupata smettila di piagnucolare e fai qualcosa”. Ho guardato su Internet, ho trovato il manifesto del Bnp, ho pagato la quota e ho avuto la tessera».

    E, piaccia o meno, il manifesto del Bnp contiene più di una verità scomoda: «In base agli attuali trend demografici, noi nativi inglesi saremo una minoranza etnica nel nostro stesso Paese entro 60 anni». Inconfutabile. È giusto non parlarne? Serve a qualcosa negarlo? Per invertire il processo, il Bnp propone di «fermare subito l’ulteriore immigrazione, deportare immediatamente tutti gli immigrati illegali e colpevoli di crimini e dare agli immigrati legali l’opportunità di tornare nella loro patria d’origine, incentivati da generosi finanziamenti». È una ricetta che si può condividere o meno, ma che ha il merito di chiamare i problemi con il loro nome. Di certo, non è un progetto “fascista”, né può giustificare un licenziamento. Ed è difficile non dare ragione al Bnp quando nel manifesto sostiene che sui temi più importanti, come la politica sull’immigrazione, ai cittadini inglesi è stato tolto il diritto di parola, poiché tutte le decisioni vengono prese da un esercito di euroburocrati privi di legittimazione democratica. Simone Clarke tira dritto. Dice: «Non ho mai avuto chiaro come adesso che sto facendo la cosa giusta al momento giusto».

    © Libero. Pubblicato il 3 gennaio 2007.

    Post scriptum. Non stupisce che il sindaco di Londra Ken Livingstone, dai cui uffici è partita la richiesta di licenziare Simone Clarke, stia preparando una grande festa per il 2009, allo scopo di celebrare i 50 anni di dittatura di Fidel Castro.
    posted by fc at 12:40 PERMALINK


  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 Jun 2006
    Località
    Feudo de Bèrghem
    Messaggi
    525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mah.
    Tutto ciò che viene dall'Inghilterra è marcio fino in fondo...

  4. #4
    kalashnikov47
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da KriegerfurPDN Visualizza Messaggio
    Mah.
    Tutto ciò che viene dall'Inghilterra è marcio fino in fondo...

    Quoto, ma se si comincia a muovere il mondo dell'intelligentsjia, cominciano i dolori...
    Anche se credo che l'iniziativa di Simone Clarke, rimarrà isolata.

 

 

Discussioni Simili

  1. Le tre divinità del politicamente corretto
    Di orpheus nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 102
    Ultimo Messaggio: 23-06-13, 09:05
  2. Pensare politicamente corretto
    Di L'Europeo nel forum Cronaca
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-08-12, 21:38
  3. Basta politicamente corretto!
    Di cammarrone nel forum Fondoscala
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 17-06-11, 16:38
  4. Politicamente corretto.
    Di Mike Suburro nel forum Fondoscala
    Risposte: 143
    Ultimo Messaggio: 10-01-11, 23:05
  5. Il doppio standard del politicamente corretto.
    Di Zdenek nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 22-08-06, 15:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226