User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'Europa è al suicidio demografico. E questi parlano di sovrappopolazione

    L'Europa è al suicidio demografico. E questi parlano di sovrappopolazione
    di Fausto Carioti

    Gli articoli di Alberto Ronchey vengono regolarmente tradotti e commentati nei quotidiani arabi? Il Corriere della Sera è venduto nelle strade afgane, yemenite, somale e pakistane? Se, come risulta, la risposta giusta a queste domande è «no», non si capisce il senso dell’editoriale apparso ieri sul quotidiano di via Solferino, che è solo l’ultimo di una lunga serie di sermoni che con cadenza ormai quotidiana ci inseguono da decenni, dalle colonne dei giornali più o meno autorevoli di un certo establishment europeo, per ripeterci i soliti due concetti: che su questo pianeta siamo troppi e che le risorse sono poche, e che quindi dobbiamo limitare il numero di esseri umani sul pianeta.

    «Da una parte, la pressione dei consumi o iperconsumi e dell’invasiva demografia. D’altra parte, la scarsità di risorse naturali non rinnovabili e la precarietà delle condizioni ambientali. Senza decisi passi verso un minimo sistema d’equilibrio globale, appare arduo anche solo concepire un’ipotesi di “ecologia umana” vivibile per le prossime generazioni», scrive Ronchey, ricalcando quanto detto da qualche altro migliaio di commentatori prima di lui. Il problema è che tutti costoro hanno sbagliato indirizzo. I loro articoli non devono inviarli a via Solferino, a largo Fochetti o ad avenue Stephen-Pichon, Paris, sede di Le Monde Diplomatique. In Europa il loro messaggio è già passato, e già ha prodotto più danni di quanti era possibile prevedere. L’Italia e gli altri Paesi europei, archiviata la fase del contenimento della popolazione, marciano ormai spediti lungo la strada del suicidio demografico. È il resto del mondo, specie quello islamico, dove il concetto occidentale e politicamente corretto di ecocompatibilità è ben lontano dall’essere tradotto, che si riproduce allegramente, nella convinzione - fondata - che di questo passo, tempo qualche generazione, tre quarti del pianeta, iniziando proprio dall’Europa, apparterrà ai loro discendenti. Mentre le risorse naturali, ovviamente, non accennano ad esaurirsi. Per fare l’esempio più banale: le riserve accertate di petrolio oggi ammontano a 1.200 miliardi di barili, il 17% in più di venti anni fa. Gli “scienziati” del Club di Roma, nel loro rapporto del 1972 sui limiti della crescita, ne avevano previsto l’esaurimento per il 1992. Ovviamente, allora come oggi, politici e intellettuali avevano preso sul serio la previsione degli ecocatastrofisti.

    Decenni passati a pubblicare sui giornali simili allarmi, durante i quali le teorie più allarmistiche sulla sovrappopolazione - malgrado le continue figuracce rimediate - hanno usurpato l’aurea di scientificità, non sono trascorsi invano. I più noti e importanti tra i profeti di sventura sono stati i coniugi Paul e Anne Ehrlich: furono loro, con il volume “The population bomb”, a far decollare il “dibattito demografico”, nel 1968. I loro libri (con tanto di logo del Wwf in copertina) sono stati adottati come testo di studio nelle università italiane, e gli insegnamenti che vi si potevano leggere erano questi: «L’ideale sarebbe che ogni coppia avesse soltanto un figlio o, al massimo, due»; «Se avete amici o parenti più vecchi che cercano di convincere i loro figli a generare eserciti di nipotini, potete prenderli in giro»; «Noi non facciamo regali ai bambini per nessun figlio oltre i primi due»; «I bambini ricchi sono una minaccia per il nostro futuro molto più dei bambini poveri». Le autorità scolastiche erano invitate a «introdurre i temi demografici sin dai primi anni (...). Si può discutere l’importanza delle famiglie poco numerose e, nei film proiettati in classe, le famiglie felici non dovrebbero mai essere mostrate con più di due figli». Sono stati presi in parola. Non tutti conoscono i coniugi Ehrlich e i loro libri, ed è ovvio che la gente sceglie di non fare figli per una lunga serie di motivi. Ma è innegabile che il loro messaggio sia stato accettato e rilanciato da quasi tutti coloro che hanno avuto un ruolo di responsabilità nel mondo dei media e della cultura, diventando ben presto uno dei dogmi della fede laicista.

    I risultati sono quelli che tutti possiamo toccare con mano. La popolazione del mondo avanzato è sempre di meno, è sempre più anziana, e gli abitanti “indigeni” dell’Europa, tempo poche generazioni, si ritroveranno minoranza nei loro stessi Paesi. Qualche numero, tanto per capire. Un tasso di fertilità di 2,1 figli per donna è necessario a mantenere stabile la popolazione. Al di sopra di questo tasso la popolazione aumenta, al di sotto diminuisce. Gli Stati Uniti hanno un tasso di fertilità pari a 2,1: sono in perfetto equilibrio. Tutto il resto della popolazione occidentale si riproduce a un tasso inferiore, e quindi si sta riducendo. Il Canada ha un tasso di fertilità pari a 1,61. Quello dell’Unione europea è pari a 1,47 figli per donna. Le donne italiane sono tra le meno prolifiche al mondo: ognuna di loro fa 1,28 figli. Vuol dire che, tempo che una generazione si sostituisca all’altra, al posto di venti individui adulti (dieci donne con i relativi partner) ne resteranno sì e no tredici. Di questo passo, i “nativi” italiani faranno presto a dimezzarsi, per non parlare del problema che avranno le nuove generazioni a farsi carico del welfare di quelle più anziane. Le previsioni dicono che nel 2050 il sessanta per cento degli italiani non avrà né fratelli, né cugini, né zii. Si potrebbe, seguendo i consigli di Ronchey e dei tanti che la pensano come lui, fare più di questo per salvare il pianeta dalla minaccia umana? Forse sì, ma a parte il suicidio immediato dell’intera popolazione occidentale, altre soluzioni non vengono in mente.

    Il resto del mondo, intanto, dei coniugi Ehrlich e dei loro epigoni se ne frega. Soprattutto nei Paesi musulmani, dove anche la poligamia, riducendo le probabilità che una donna rimanga senza partner e quindi senza figli, contribuisce a tenere alto il tasso di fertilità. L’islam è la grande religione che cresce al ritmo più elevato. Ma questo avviene solo grazie al processo demografico: sul terreno delle conversioni, infatti, i cristiani sono più attivi degli islamici, e per ogni 100 convertiti all’islam se ne contano 170 che abbracciano il cristianesimo. La differenza la fa il talamo: nei Paesi musulmani il ritmo “naturale” di crescita della popolazione è doppio rispetto a quello dei Paesi cristiani. Conseguenza del fatto che il tasso di fertilità è di 6,7 figli per le donne afghane e somale, di 6,6 per le loro correligionarie yemenite, di 4 per le pakistane, e in generale assai più alto di 2,1 in gran parte dell’islam. Il risultato è che, mettendo nel conto anche le conversioni, la parte musulmana della popolazione mondiale cresce a un tasso annuale del 2,13%, mentre quella cristiana aumenta dell’1,36%. Ma i cristiani, appunto, sono aiutati dalle conversioni e dal trend demografico dei Paesi cristiani meno sviluppati. Se si raffronta invece la crescita del mondo islamico con la crescita del mondo occidentale, la differenza è impressionante: nel 1970 il mondo islamico pesava per il 15% della popolazione mondiale, la metà di quanto valeva il mondo occidentale, che contava il 30% degli abitanti del pianeta. Nel 2000 questa differenza è stata annullata: il mondo avanzato rappresentava poco più del 20% della popolazione mondiale (10 punti percentuali in meno in trent’anni), tanto quanto i Paesi islamici (che nel frattempo hanno aumentato il loro peso demografico di 5 punti).

    Per rubare l’immagine usata da Mark Steyn, intellettuale conservatore canadese, autore di uno quei libri (“America Alone”) che non saranno mai tradotti in Italia: avesse quattro zampe e passasse le sue giornate sugli alberi di qualche foresta pluviale, l’uomo occidentale sarebbe nella lista delle specie in via d’estinzione. Invece l’uomo occidentale vive nelle grandi metropoli e viaggia in automobile, e il Wwf e gli opinionisti dei quotidiani più importanti lo incoraggiano a consegnare la propria specie ai libri di paleontologia.

    © Libero. Pubblicato il 9 gennaio 2007.
    posted by fc at 13:16 PERMALINK

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ordine e Disciplina
    Data Registrazione
    08 Apr 2002
    Località
    Reazione, Tradizione, Controrivoluzione, Restaurazione, Legittimismo, Sanfedismo
    Messaggi
    5,143
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Forse la strategia è proprio questa: cercare i far estinguere l'uomo bianco europeo. Sanno bene che le campagne mediatiche sulla sovrappopolazione del pianeta non hanno nessuna influenza sulle masse semialfabetizzate o analfabeti del Terzo Mondo e sugli immigrati che vivono in Europa e che combattono contro di noi la guerra demografica, ma ne hanno moltissima sull'uomo occidentale colto, opulento e inricchionito, che già di suo è poco motivato a fare figli.
    Mi chiedo se anche l'insistenza ossessiva sul riscaldamento planetario, probabilmente dovuto a un incremento di radiazioni solari degli scorsi decenni e già in riflusso, ma attribuito dai media come cosa certa all'azione umana e dato per irreversibile a meno di una radicale e del tutto utopica ristrutturazione degli attuali sistemi produttivi, non rientri in questa stessa logica: "uomini bianchi, voi che siete colti e responsabili e leggete i giornali, smettete di fare anche quei pochi bambini che fate, perché sarebbero destinati a vivere in un mondo infernale, devastato e senza futuro".

  3. #3
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,137
    Mentioned
    898 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Peucezio Visualizza Messaggio
    Forse la strategia è proprio questa: cercare i far estinguere l'uomo bianco europeo. Sanno bene che le campagne mediatiche sulla sovrappopolazione del pianeta non hanno nessuna influenza sulle masse semialfabetizzate o analfabeti del Terzo Mondo e sugli immigrati che vivono in Europa e che combattono contro di noi la guerra demografica, ma ne hanno moltissima sull'uomo occidentale colto, opulento e inricchionito, che già di suo è poco motivato a fare figli.
    Mi chiedo se anche l'insistenza ossessiva sul riscaldamento planetario, probabilmente dovuto a un incremento di radiazioni solari degli scorsi decenni e già in riflusso, ma attribuito dai media come cosa certa all'azione umana e dato per irreversibile a meno di una radicale e del tutto utopica ristrutturazione degli attuali sistemi produttivi, non rientri in questa stessa logica: "uomini bianchi, voi che siete colti e responsabili e leggete i giornali, smettete di fare anche quei pochi bambini che fate, perché sarebbero destinati a vivere in un mondo infernale, devastato e senza futuro".
    No è anche peggio: in quell'articolo sul Corriere della sera Ronchey sostiene di fatto che il modello demografico suicida dell'europa non è una manifestazione di decadenza ma dovrebbe diventare un modello di riferimento per tutte le realtà del pianeta dagli Stati uniti (di cui depreca che siano "purtroppo" ancora in fase di crescita demografica "nonostante siano un paese avanzato" (come se essere avanzati dovesse per forza voler dire essere in fase di decadenza) alle realtà del terzo e quarto mondo.
    In pratica Ronchey rientra tra gli esponenti del pensiero occidentale (quanto di più pericoloso e mortifero ci sia )che fa combaciare la modernità con la decadenza e neanche se ne accorge.

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,017
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jenainsubrica Visualizza Messaggio

    per ripeterci i soliti due concetti: che su questo pianeta siamo troppi e che le risorse sono poche, e che quindi dobbiamo limitare il numero di esseri umani sul pianeta.
    secondo l'estensore dell'articolo,
    siamo in pochi e le le risorse sono infinite..........

    non lo so se questo corrisponde al vero,
    ma so che per accaparrarsi le risorse energetiche,
    alimentari, minerarie, etc. qualcuno è disposto anche
    a fare guerra.........


  5. #5
    Ordine e Disciplina
    Data Registrazione
    08 Apr 2002
    Località
    Reazione, Tradizione, Controrivoluzione, Restaurazione, Legittimismo, Sanfedismo
    Messaggi
    5,143
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da [email protected] Visualizza Messaggio
    No è anche peggio: in quell'articolo sul Corriere della sera Ronchey sostiene di fatto che il modello demografico suicida dell'europa non è una manifestazione di decadenza ma dovrebbe diventare un modello di riferimento per tutte le realtà del pianeta dagli Stati uniti (di cui depreca che siano "purtroppo" ancora in fase di crescita demografica "nonostante siano un paese avanzato" (come se essere avanzati dovesse per forza voler dire essere in fase di decadenza) alle realtà del terzo e quarto mondo.
    In pratica Ronchey rientra tra gli esponenti del pensiero occidentale (quanto di più pericoloso e mortifero ci sia )che fa combaciare la modernità con la decadenza e neanche se ne accorge.

    Sì, ma se davvero riuscissero a fare una cosa del genere, ci metterei la firma! Poca gente in tutto il mondo, come è stato per millenni, anzi, per milioni di anni, e noi ad armi pari con gli altri popoli. Invece secondo me Ronchey, o chi c'è dietro, sa benissimo che in Africa non lo leggono (e nemmeno nelle periferie italiane colonizzate dai tunisini) e che quindi la popolazione bianca sarà riassorbita fino a sparire in un magma multietnico afroasiatico.

  6. #6
    kalashnikov47
    Ospite

    Predefinito

    Io so solo una cosa: che noi siamo in discesa demografica. In padania poi, non ne parliamo. Questo comporterà un afflusso sempre maggiore di alieni.
    Una forte crescita demografica nelle nostre terre avrebbe vanificato ogni tentativo di invasione, ma fra l'edonismo, egoismo, femminismo, omosessualità, le difficoltà oggettive a mettere su famiglia etc, ogni tentativo di correggere la rotta sarà più difficile.

    Mi rifaccio ad una frase di Hegel: "Chi non è padre non è uomo". Ovviamente la frase può essere applicate anche alle donne.

  7. #7
    kalashnikov47
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Peucezio Visualizza Messaggio
    Sì, ma se davvero riuscissero a fare una cosa del genere, ci metterei la firma! Poca gente in tutto il mondo, come è stato per millenni, anzi, per milioni di anni, e noi ad armi pari con gli altri popoli. Invece secondo me Ronchey, o chi c'è dietro, sa benissimo che in Africa non lo leggono (e nemmeno nelle periferie italiane colonizzate dai tunisini) e che quindi la popolazione bianca sarà riassorbita fino a sparire in un magma multietnico afroasiatico.
    Ronchey è solo un pupazzetto nelle mani dei Pupari. Lui è preposto a convincerci che dobbiamo sparire. Tutto qui.

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,017
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da kalashnikov47 Visualizza Messaggio

    Io so solo una cosa: che noi siamo in discesa demografica. In padania poi, non ne parliamo.
    Questo comporterà un afflusso sempre maggiore di alieni.
    Una forte crescita demografica nelle nostre terre avrebbe vanificato ogni tentativo di invasione, ma fra l'edonismo, egoismo, femminismo, omosessualità, le difficoltà oggettive a mettere su famiglia etc, ogni tentativo di correggere la rotta sarà più difficile.

    Mi rifaccio ad una frase di Hegel: "Chi non è padre non è uomo". Ovviamente la frase può essere applicate anche alle donne.
    il fatto che la padania sia in discesa demografica è una cosa positiva
    perchè siamo in presenza di un territorio sovrapopolato.

    non capisco la relazione tra questo processo del tutto
    normale e l'afflusso di allogeni;
    gli immigrati devono entrare previo permesso dello stato
    ospitante e non certo per presunti calcoli, del tutto arbitrari,
    sulla demografia di un paese che NON è il loro........

    senza "il prezioso aiuto della immigrazione",
    tra 40 anni la penisola avrebbe circa 40 milioni di abitanti;
    dove sta la disgrazia secondo te?

    prepariamoci piuttosto già da ora a gestire questa provvidenziale
    discesa, senza inseguire inopportuni primati di fecondità,
    perché è molto probabile che fra qualche anno, un litro di acqua
    pura diventerà più preziosa dell'oro.............


  9. #9
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,137
    Mentioned
    898 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Maxadhego Visualizza Messaggio

    senza "il prezioso aiuto della immigrazione",
    tra 40 anni la penisola avrebbe circa 40 milioni di abitanti;
    dove sta la disgrazia secondo te?

    prepariamoci piuttosto già da ora a gestire questa provvidenziale
    discesa, senza inseguire inopportuni primati di fecondità,
    .............

    Scherziamo? con una fecondità così disastrosamente bassa abbiamo un invecchiamento pauroso della popolazione per cui in quei 40 futuri milioni la percentuale degli ultrasessantenni rispetto alla popolazione attiva salirà ad una percentuale insostenibile per qualsiasi società

  10. #10
    kalashnikov47
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Maxadhego Visualizza Messaggio
    il fatto che la padania sia in discesa demografica è una cosa positiva
    perchè siamo in presenza di un territorio sovrapopolato.

    non capisco la relazione tra questo processo del tutto
    normale e l'afflusso di allogeni;
    gli immigrati devono entrare previo permesso dello stato
    ospitante e non certo per presunti calcoli, del tutto arbitrari,
    sulla demografia di un paese che NON è il loro........

    senza "il prezioso aiuto della immigrazione",
    tra 40 anni la penisola avrebbe circa 40 milioni di abitanti;
    dove sta la disgrazia secondo te?

    prepariamoci piuttosto già da ora a gestire questa provvidenziale
    discesa, senza inseguire inopportuni primati di fecondità,
    perché è molto probabile che fra qualche anno, un litro di acqua
    pura diventerà più preziosa dell'oro.............

    Caro Max, ma allora non ti sei accorto di una cosa: oggi siamo invasi da alieni e sai cosa ti dicono quando chiedi il perchè? Ti dicono che non essendoci più ricambio generazionale, i vuoti vanno riempiti con i maghrebini. Altrimenti non avremo più le pensioni, le fabbriche di tondini del bresciano chiuderebbero etc etc etc. Non solo, ma fino a 10 anni fa il rapporto alieni-padani era di 1:10 ora siamo a 1:6....Noi diminuiamo. Loro aumentano, e non solo perchè continuano a venire, ma perchè fanno figli in quantità industriale.
    Le proiezioni statistiche sono agghiaccianti (per noi)
    Se i padani invece di pensare alle vacanze in Polinesia, ai telefonini, alla barchetta etc., e se invece di sposarsi a 40 anni e fare un figlio rachitico all'ultimo tuffo, avessero messo su una famiglia normale con due o tre figli, oggi di maghrebini in giro ce ne sarebbero di meno.
    Tra qualche anno un litro di acqua per noi non avrà più alcun valore: noi non ci saremo.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il suicidio demografico figlio del vuoto culturale
    Di Galaad nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 28-11-13, 18:19
  2. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 09-01-07, 22:20
  3. Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 15-11-06, 17:07
  4. Articolo di Introvigne sul suicidio demografico europeo
    Di codino nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15-11-06, 14:56
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-11-06, 19:05

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226