Granma Int. – Il neo eletto presidente sandinista, Daniel Ortega, ha annunciato che il Nicaragua si integra da subito alla Alternativa Bolivariana delle Americhe (ALBA) fomentata dal Venezuela e da Cuba.

Nel suo primo discorso come presidente e di fronte a una vera manifestazione popolare a Managua, Ortega ha assicurato: "Noi ci incorporiamo a un’ALBA d’oro” ed ha annunciato che il suo governo non permetterà la privatizzazione dell’acqua potabile, “perchè non possiamo permettere che le nostre risorse naturali vengano distrutte”.

Davanti a migliaia di persone in Plaza de la Fe, un’immensa spianata nel vecchio centro della capitale, Ortega ha segnalato che: “L’acqua non si deve privatizzare, non si può privatizzare...”.

Alla grande manifestazione, piena di giubilo, hanno partecipato assieme al leader sandinista i presidenti Hugo Chávez (Venezuela) ed Evo Morales (Bolivia), che hanno partecipato anche alla cerimonia del passaggio dei poteri presidenziali, assieme ad altri 13 capi di stato e di governo.

Ortega ha fustigato il capitalismo selvaggio e il neoliberalismo, ed ha affermato che il modello economico neoliberista applicato in Nicaragua dal 1990 non ha dato soluzioni ai problemi del popolo ma, anzi, ha incrementato la disuguaglianza sociale.

Egli ha reiterato le promesse di salute, educazione e lavoro pronunciate nella campagna elettorale ed ha annunciato che immediatamente si occuperà della crisi energetica severa che il Nicaragua sta affrontando.

Ortega ha detto nuovamente che il suo sarà un governo di riconciliazione nazionale e che ha incontrato un spirito di unità da parte dei settori politici ed economici del paese, per contribuire alla riduzione della miseria che colpisce l’80% della popolazione.

Inoltre ha affermato che promuoverà l’unità latino americana sotto una sola bandiera: “Poiché non esistono ragioni perchè i nostri popoli si affrontino in guerre di frontiera”.

“L’unità latino americana e dei Caraibi è necessaria per far sì che i nostri popoli potenzino le loro ricchezze, le loro risorse naturali e per essere più forti, tutti uniti”, ha dichiarato ancora Daniel Ortega.