User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15
  1. #1
    EUROSIBBERIANO CONVINTO
    Data Registrazione
    15 Nov 2005
    Messaggi
    7,771
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sul «complotto» contro la Chiesa in Polonia

    Sul «complotto» contro la Chiesa in Polonia


    Apprendo con ritardo il nome del nunzio apostolico, ossia dell’ambasciatore della Santa Sede in Polonia: monsignor Joseph Kowalczyk.
    Un polacco. (1)
    Nominato da Giovanni Paolo II nel 1989 contro la regola, molto ragionevolmente prudenziale, che vieta ai nunzi di esercitare le funzioni nel loro Paese di nascita.
    E mai sostituto in diciott’anni.
    Ora tutto è più chiaro.
    Papa Benedetto è stato mal informato da questo personaggio, wotiliano e inamovibile, su monsignor Wielgus e i suoi trascorsi di informatore della polizia politica comunista, e che ha portato ad una crisi non necessaria, e a un grave attentato all’autorità del Papa regnante.
    Emergono le ambiguità di un pontificato durato un quarto di secolo che, sotto l’apparenza tutta mediatica di attivismo, ha gestito con immobilismo, per non dire con incuria, la Chiesa clericale, e i suoi molti mali interiori.
    Che ha «viziato» la sua chiesa nazionale, troppo potente e sicura di sé, abituata a non rendere conto a nessuno e a considerarsi impeccabile.
    E’ stato facile - e molto applaudito - chiedere perdono per il processo a Galileo, le «sofferenze» dei giudei, la caduta degli Aztechi.
    Molto meno facile, come ha dimostrato monsignor Wielgus, chiedere perdono per le proprie mancanze attuali e personali, molto meno affrontare l’umiliazione e la verità di oggi.
    Probabilmente tutto è aggravato dalla pochezza e incompetenza del nuovo segretario di Stato, che non ha abbastanza esperienza delle chiese locali.
    E da una Chiesa che, dal Concilio in poi avendo dichiarato la sua retorica «apertura al mondo», ascolta quasi solo le sue «voci di dentro», i suoi giudaizzanti eretici e le sue lobby preferite che «hanno accesso» alle sacre stanze.

    So che buoni cattolici sentiranno come offensive queste parole.
    C’è un’idea - che in passato lo stesso Ratzinger mi pare abbia espresso - che la Chiesa non debba darsi una riforma interna, che non è una creazione umana o un’azienda da doversi dotare dei suoi sistemi di controllo e di esame, nel nome dell’efficienza.
    E’ un’idea santa, evangelica: non strappare il loglio di mezzo al grano, non spegnere il lucignolo che fumiga.
    E difatti, questo è il dovere dei sacerdoti e prelati.
    Ma sono convinto che il dovere del laico credente, che conosce meglio il mondo e le sue trappole, è invece proprio quello di criticare i difetti della Chiesa a lui più visibili, ed anche di protestare delle chiusure e delle eresie che vi prosperano senza controllo.
    A ciascuno il suo compito.
    Anche perché il laico sa che, coperto lo scandalo, c’è nel vasto mondo qualcun altro che lo scopre e lo divulga.
    Un amico ben al corrente mi dice che è anche peggio.
    Allude a cose terribili: il dilagare dell’omosessualità, le affiliazioni massoniche, il «fare ognuno per sé» in Vaticano e persino - orribile a credersi - «riciclaggi di denaro».
    Dice che il Papa ne è cosciente, e per questo mette degli «ingenui» e degli stranieri nei dicasteri. Speriamo.
    Ancora una volta, rincresce notare che se ci fosse stato Navarro Vals, un giornalista, questa crisi non necessaria avrebbe avuto un altro corso.
    La Chiesa ha parlato di «complotto», di «vendetta», di strane collusioni nell’agitare il caso Wielgus di gruppi di estrema destra uniti a vecchi agenti comunisti.
    Ironia: c’è finalmente un complotto a cui crede la Chiesa, che rigetta ogni sospetto sull’11 settembre come complottismo.
    Ma può esserci qualcosa di vero.

    Non è la prima volta che un personaggio importante, in Polonia, viene liquidato con la rivelazione dei suoi rapporti con la polizia politica del passato regime.
    Accadde già nel 1992: primo governo cattolico polacco, Lech Walesa presidente.
    E’ un governo di coalizione: ne fa parte tra gli altri un partitino che si presenta come di estrema destra cristiana, lo ZCHN (Unione Nazionale Cristiana).
    Al suo capo, il super-cattolico Piotr Naimski, viene affidato il direttorato dell’Ufficio di Protezione dello Stato, ossia dei servizi segreti rinnovati e democratici.
    «Cattolico integralista», feroce «antisemita», Naimski ha accesso ai documenti riservati della polizia politica comunista, alle liste dei collaboratori e degli informatori del regime passato.
    Ai primi di giugno, Naimski divulga una lista di 120 collaboratori e informatori.
    La legge in parlamento, per cecità o complicità, il ministro dell’Interno Anton Macierewicz.
    La lista comprende i nomi di tutti gli eroi cattolici di Solidarnosc.
    Persino Lech Walesa viene indicato nei documenti segreti come «l’agente Bolek».
    E’ un falso (come si saprà anni dopo) ma ottiene l’effetto voluto: l’immediata caduta del governo cattolico; la spaccatura della destra cattolica, una scissione avvelenata dal sospetto che dura ancora e che non consente più ai cattolici l’unità necessaria per tornare al governo.
    Allora tornarono al potere i comunisti «rifondati».
    Inoltre, viene distrutto il mito di Solidarnosc, e viene resa impossibile per sempre una vera «lustrazione» dei vecchi agenti comunisti celati nelle istituzioni.


    Piotr Naimski

    E chi è l’autore di tutto, Piotr Naimski?
    Lo dirà lui stesso in un’intervista: «Sono frankista, come Mickiewicz».
    Viene così per un attimo alla luce - ma subito soffocata - la più profonda ambiguità che avvelena la Polonia: l’attività politica occulta di «cattolici» che sono in realtà seguaci del falso messia Jacob Frank, il messia anti-nomico, che si convertirono in massa con lui, falsamente, al cattolicesimo.
    L’allusione a Mickiewicz è cruciale: si tratta di Adam Mickiewicz, il poeta nazionale polacco, esaltato e citato dal Papa come vero cattolico.
    Di fatto, Mickiewicz era in profondi rapporti con Mazzini, aveva sposato un’ebrea frankista come lui (l’endogamia, obbligatoria nella setta e nell’ebraismo) e morì a Costantinopoli mentre cercava di assoldare una «legione ebraica» per conquistare Gerusalemme.
    Anche Naimski, l’antisemita, è sposato ad una ebrea.
    Non cadde con il governo nel ‘92, passò - lui «catttolico fondamentalista» - nel nuovo governo comunista riformato, come consigliere per gli affari esteri.
    E scopro che è ancora in auge: attualmente, vice-ministro dell’Economia nel governo «di destra» o cosiddetto.
    Ed ospite fisso dei circoli neoconservatori di Washington, ricevuto con tutti gli onori dall’American Enterprise.
    Ho narrato tutta questa vicenda nel mio libro «Cronache dell'Anticristo» (2), spiegandone la strategia.

    Accanto a Solidarnosc, nella epiche pacifiche battaglie contro il regime, apparve assai presto un’organizzazione «laica», il KOR.
    Ne facevano parte personaggi come Jacek Kuron, Adam Michnik, Bronislav Geremek: ebrei, figli di alti dirigenti comunisti (il comunismo in Polonia, come altrove, fu essenzialmente ebraico) ed essi stessi ben inseriti ai vertici delle organizzazioni giovanili del partito.
    Ma che dal partito s’erano allontanati perché era divenuto anti-israeliano.
    Il comunismo aveva fatto il suo tempo: doveva cadere.
    Costoro, si aggregarano a Solidarnosc perché questa aveva con sé le masse, che a loro mancavano.
    Come ha detto lo stesso Michnik (vero nome Schetzer) lo scopo del KOR fu «di coinvolgere i cattolici e la Chiesa nel conflitto fra gli operai e il regime».
    Compiuta la missione, non si poteva certo lasciare che fossero dei cattolici a guidare il Paese; bisognava dare il potere a gruppi «laici» e filo-americani.
    Ora, ho visto che le TV occidentali hanno molto intervistato, a discettare sulla crisi della Chiesa e su Wielgus, non Walesa, ma il vecchio Geremek, il nomenklaturista perfettamente ripulito e accreditato.
    E’ il New York Times, in prima pagina, a lumeggiare la figura di un prete che promette - contro la gerarchia - di pubblicare un libro con i nomi di altri 39 sacerdoti collaborazionisti.
    Questo prete si chiama Tadeusz Isakowicz-Zelenski: qualcosa mi dice che questo figlio di Isacco sia un «convertito» franchista. (3)
    Com’è probabilmente monsignor Dziwisz, il maggiordomo di Giovanni Paolo II da lui nominato cardinale: il nome si pronuncia come l’inglese «jewish», mi fa notare un lettore. (4)

    Dunque un complotto c’è.
    Ma è un complotto molto più antico, grave e capillare di quello che la Chiesa è disposta ad ammettere.
    E questa marcescenza non purificata darà altri marci frutti.

    Maurizio Blondet

    Note
    1) Henry Tincq, «Une atteinte grave à l’autoritè du Pape Benoit XVI», Le Monde, 9 gennaio 2007.
    2) Maurizio Blondet, «Cronache dell’Anticristo», Effedieffe, 2001. Non si può sottovalutare il potere e l’influsso dei frankisti né in Polonia né negli USA. Nel 1848, fallita la rivoluzione giacobina pan-europea (a cui partecipò Mazzini e che doveva rovesciare le monarchie europee per sostituirle con regimi repubblicani), una grande quantità di ebrei frankisti, finanziatori di quella rivoluzione, emigrarono in America. Un celebre giudice della Corte suprema, che ebbe gran parte nella fondazione dello Stato ebraico, Louis Brandeis, era un frankista e teneva sulla sua scrivania il ritratto di Eva Frank, la figlia (incestuosa) del falso messia polacco. Un altro frankista polacco è Felix Rohatyn, senior manager della banca Lazard, da tempi immemorabili gestore dei debiti della città di New York. Un terzo è probabilmente Zbigniew Brzezinsky, il consigliere della Sicurezza Nazionale sotto Carter, che Papa Woytjla riceveva spesso ed ascoltava.
    3) Craig Smith, «Poland’s scandal: an unholy alliance», Herald Tribune, 10 gennaio 2007.
    4) Con ciò non si vuole insinuare una qualunque deliberata complicità di Woytjla: lui stesso era forse solo manipolato e influenzato dall’ambiente «culturale» che frequentò da giovane, dai suoi «amici ebrei».


    Copyright © - EFFEDIEFFE - all rights reserved.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Jul 2006
    Messaggi
    1,641
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    lo sapevooooooooooooooo!!!!

    appena ho letto il nome di Jacob Frank ero SICURO l'avesse scritto Blondet.

    il vecchio maurizio....
    beh, ognuno ha le sue fissazioni.
    a me piace la porchetta. A lui la cospirazione giudeo-massonica-franckista.

    solo che la porchetta fa meno male alla salute.

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Jul 2006
    Messaggi
    1,641
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    4) Con ciò non si vuole insinuare una qualunque deliberata complicità di Woytjla: lui stesso era forse solo manipolato e influenzato dall’ambiente «culturale» che frequentò da giovane, dai suoi «amici ebrei».
    nemmeno Blondet ha ancora il coraggio di attaccare DIRETTAMENTE giovanni paolo II. ma si inizia a girare attorno a GP II come squali attorno alla preda (lui ed altri, molti altri....)

    probabilmente i primi attacchi diretti a papa giovani paolo II arriveranno tra uno o due anni. e il primo a criticare a fondo Wojtila sarà un qualche professore o politologo molto "devoto" e attento ai valori dell'occidente.

  4. #4
    EUROSIBBERIANO CONVINTO
    Data Registrazione
    15 Nov 2005
    Messaggi
    7,771
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bottero Visualizza Messaggio
    nemmeno Blondet ha ancora il coraggio di attaccare DIRETTAMENTE giovanni paolo II


    Su questo hai ragione: blondet farebbe bene a trarre le conseguenze dei suoi ragionamenti fino in fondo.

  5. #5
    EUROSIBBERIANO CONVINTO
    Data Registrazione
    15 Nov 2005
    Messaggi
    7,771
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bottero Visualizza Messaggio
    probabilmente i primi attacchi diretti a papa giovani paolo II arriveranno tra uno o due anni. e il primo a criticare a fondo Wojtila sarà un qualche professore o politologo molto "devoto" e attento ai valori dell'occidente.
    QUanto a questo, mi pare che attacchi a GPII ne siano già arrivati da "sinistra" e da ambienti protestanti. Penso ad esempio ad hans kung.

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Jul 2006
    Messaggi
    1,641
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    si hai ragione. io parlo di attacchi da parte di chi fino ad ora lo esalta e ne canta il peana.
    se questi sono i prodromi prima arriveranno. Magari con il dire "Wojtila sulla prima guerra del golfo e sulla seconda sbagliava, ma non perché male informato. sbagliava proprio perché interpretava male il pnesiero della chiesa."

    o l'attacco verrà sul tema dell'ecumenismo.

    i temi sono due
    rapporto con le altre religioni / ecumenismo

    qui wojtila verrà attaccato anche da dentro la chiesa, da chi sta iniziando a scaldare i muscoli attancando la "chiesa wojitiliana".

  7. #7
    Amore vince la morte
    Data Registrazione
    22 Sep 2006
    Località
    In prossimità, desidero, del Santo dei santi
    Messaggi
    6,292
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    no, GPII sarà attaccato per la sua politica "aggressiva" nei balcani, in jugoslavija per essere più precisi.
    ma fa niente, i santi rimangono tali nonostante le idiozie di alcuni.

  8. #8
    EUROSIBBERIANO CONVINTO
    Data Registrazione
    15 Nov 2005
    Messaggi
    7,771
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Spunti interessanti...
    In fondo Pio XII continua ad essere diffamato per la sua politica prudente ed accorta verso i regimi nazi-fascisti (e pur su questo ci sarebbe da dire visto che pare che il Papa abbia offerto il suo appoggio ad una cospirazione per assassinare Hitler...). COsa diranno i posteri, quando commenteranno il nuovo secolo americano di bushetta? Parleranno nuovamente di connivenze? di tiepide proteste? parleranno nuovamente di convergenze tra i sedicenti "neo-crociati" e la Chiesa? si dirà di un nuovo "cristianesimo positivo" (stavolta made in USA)?
    Ai posteri...

  9. #9
    Amore vince la morte
    Data Registrazione
    22 Sep 2006
    Località
    In prossimità, desidero, del Santo dei santi
    Messaggi
    6,292
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    le accuse a Pio XII hanno la stessa consistenza di quelle verso san Stepinac, la consistenza di una buffala atea e anticristiana.

  10. #10
    EUROSIBBERIANO CONVINTO
    Data Registrazione
    15 Nov 2005
    Messaggi
    7,771
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da antonio Visualizza Messaggio
    gia' ferrara si vide smentito nella sua pretesa di accreditare un avvallo teologico da parte di GP II alla guerra preventiva.
    La guerra di bushetta è avallata dalla teologia millenarista dei "born again christians": scatenare la guerra globale contro l'ANticristo (secondo loro l'Islàm) per poi essere miracolosamente assunti in cielo ("rapture"). É una boiata enorme, chiaro, una semplice copertura per perseguire l'interesse geo-politico israelo-americano, certo: ma non la pensano così decine di milioni di americani con i cervelli lavati, che finanziano telepredicatori criminali (alla wanna marchi) e sostengono nei fatti la cosca evangelico-sionista, i neo-con, al potere.
    Il problema è che l'ecumenismo a la page, ammannito alle masse, ha inserito nel dibattito pubblico una pericolosa distorsione: quando gli sgherri di bushetta (compresi quelli nostrani) parlano di crociata giudeo-cristiana contro l'Islàm, gran parte di chi ascolta associa a quei vaneggiamenti la Chiesa cattolica, quale più eminente rappresentante di questa nuova, confusa, idea di "civiltà giudeo-cristiana".
    Non è escluso quindi, che in futuro qualche "storico" alla Cornwell ci proponga il suo "Il Papa di Bush"....

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 80
    Ultimo Messaggio: 02-03-08, 12:20
  2. Sul «complotto» contro la Chiesa in Polonia
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 15-01-07, 12:10
  3. Il Complotto Contro L’america
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-11-05, 17:15
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 29-12-02, 21:53
  5. Complotto politico/religioso contro l'arte della Chiesa Cristiana d'Oriente
    Di Nebbia nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 29-12-02, 21:48

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226