User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow Armi, armi americane… all’Iran.

    di Andrea Nativi

    Nel giorno in cui la Russia conferma la consegna dei primi semoventi missilistici contraerei TOR M-1 a Teheran, vendita che Washington ha osteggiato in ogni modo, scoppia lo scandalo delle forniture americane all’Iran di preziosi pezzi di ricambio per missili e aerei da combattimento made in Usa che gli ayatollah hanno a suo tempo ereditato dal regime dello Scià. E i materiali arrivano direttamente dai surplus del Pentagono.
    La vicenda riguarda un traffico clandestino organizzato con maestria dalla struttura iraniana per l’acquisizione di ricambi e componenti militari strategiche, quella che nel gergo dei servizi d’intelligence viene chiamata semplicemente «procurement». Gli iraniani si avvalgono sia di disinvolti intermediari sia di società fittizie, basate negli Usa o in Europa, che approfittano della ingenuità con la quale il ministero della Difesa statunitense cerca di racimolare qualche soldo vendendo al miglior offerente mezzi, materiali, armi, componenti e ricambi che il Pentagono ritiene ormai superati e che quindi ha ritirato dal servizio.
    Ma quello che per gli Usa è ormai inutile può essere proficuamente utilizzato da tanti altri Paesi, anche dai più mortali nemici della superpotenza. Ci sono ad esempio ricambi per i caccia F-14 Tomcat, che la US Navy ha mandato in pensione da pochi mesi. L’Iran però considera l’F-14 il più potente aereo da combattimento di cui dispone e ne ha ancora 40-50 operativi dei 79 che acquistò nel 1977. Non sono più impiegati come caccia, quanto piuttosto come aerei radar e hanno il compito di avvistare tempestivamente un eventuale attacco condotto con aerei o missili da crociera. Questo perché l’Iran sa perfettamente che i suoi radar basati a terra sarebbero eliminati o neutralizzati prima di un’ipotetica offensiva. Ma malgrado il complesso industriale iraniano abbia cercato di fabbricare autonomamente i ricambi necessari a questi aerei, sono migliaia le parti critiche, sui 76.000 componenti del velivolo, che non sono semplice carpenteria aeronautica o che non possono essere duplicati. E la Repubblica islamica fa di tutto per procurarsele. Con buon successo, perché non sempre il servizio doganale statunitense riesce a bloccare le spedizioni.
    Nella lista della spesa iraniana non ci sono solo gli F-14, ma anche i sistemi di guida per i missili aria-aria Sparrow, parti per i motori degli elicotteri CH-47, solo per citare alcuni casi eclatanti. E il sistema di vendite dirette, anche online, del surplus militare americano è così disastrosamente pieno di falle che è persino capitato che parti molto delicate dell’F-14 siano state intercettate dagli ispettori delle dogane, restituite al Pentagono… che le ha prontamente rivendute a un altro intermediario colluso con l’intelligence iraniana. Solo un miracolo ha consentito un secondo sequestro.
    A beneficiare di queste gravi carenze non c’è soltanto l’Iran: altri Paesi sono interessati alla tecnologia militare Usa, anche se non è all’ultimo grido. È il caso della Cina, che grazie allo shopping diretto, alla corruzione, ad aziende compiacenti ottiene relativamente a buon prezzo apparati che richiederebbero anni di studio e forti investimenti per essere sviluppati in modo autonomo.
    Il problema non è neanche recente: più volte in passato i servizi di sicurezza occidentali, compreso il nostro Sismi, che ha una ottima struttura di contrasto del procurement illegale, hanno segnalato ai colleghi americani transazioni sospette di sottosistemi e apparati di interesse militare strategico, che in qualche caso sono passate per il suolo europeo invece che per quello americano. Ma non sempre si è saputo o voluto provvedere. E gli iraniani ringraziano. Altro che embargo.
    - 2007 07:00Armi, armi americane… all’Iran. Nel giorno in cui la Russia conferma la consegna dei primi semoventi missilistici contraerei TOR M-1 a Teheran, vendita che Washington ha osteggiato in ogni modo, scoppia lo scandalo delle forniture americane all’Iran di preziosi pezzi di ricambio per missili e aerei da combattimento made in Usa che gli ayatollah hanno a suo tempo ereditato dal regime dello Scià. E i materiali arrivano direttamente dai surplus del Pentagono.La vicenda riguarda un traffico clandestino organizzato con maestria dalla struttura iraniana per l’acquisizione di ricambi e componenti militari strategiche, quella che nel gergo dei servizi d’intelligence viene chiamata semplicemente «procurement». Gli iraniani si avvalgono sia di disinvolti intermediari sia di società fittizie, basate negli Usa o in Europa, che approfittano della ingenuità con la quale il ministero della Difesa statunitense cerca di racimolare qualche soldo vendendo al miglior offerente mezzi, materiali, armi, componenti e ricambi che il Pentagono ritiene ormai superati e che quindi ha ritirato dal servizio.Ma quello che per gli Usa è ormai inutile può essere proficuamente utilizzato da tanti altri Paesi, anche dai più mortali nemici della superpotenza. Ci sono ad esempio ricambi per i caccia F-14 Tomcat, che la US Navy ha mandato in pensione da pochi mesi. L’Iran però considera l’F-14 il più potente aereo da combattimento di cui dispone e ne ha ancora 40-50 operativi dei 79 che acquistò nel 1977. Non sono più impiegati come caccia, quanto piuttosto come aerei radar e hanno il compito di avvistare tempestivamente un eventuale attacco condotto con aerei o missili da crociera. Questo perché l’Iran sa perfettamente che i suoi radar basati a terra sarebbero eliminati o neutralizzati prima di un’ipotetica offensiva. Ma malgrado il complesso industriale iraniano abbia cercato di fabbricare autonomamente i ricambi necessari a questi aerei, sono migliaia le parti critiche, sui 76.000 componenti del velivolo, che non sono semplice carpenteria aeronautica o che non possono essere duplicati. E la Repubblica islamica fa di tutto per procurarsele. Con buon successo, perché non sempre il servizio doganale statunitense riesce a bloccare le spedizioni.Nella lista della spesa iraniana non ci sono solo gli F-14, ma anche i sistemi di guida per i missili aria-aria Sparrow, parti per i motori degli elicotteri CH-47, solo per citare alcuni casi eclatanti. E il sistema di vendite dirette, anche online, del surplus militare americano è così disastrosamente pieno di falle che è persino capitato che parti molto delicate dell’F-14 siano state intercettate dagli ispettori delle dogane, restituite al Pentagono… che le ha prontamente rivendute a un altro intermediario colluso con l’intelligence iraniana. Solo un miracolo ha consentito un secondo sequestro.A beneficiare di queste gravi carenze non c’è soltanto l’Iran: altri Paesi sono interessati alla tecnologia militare Usa, anche se non è all’ultimo grido. È il caso della Cina, che grazie allo shopping diretto, alla corruzione, ad aziende compiacenti ottiene relativamente a buon prezzo apparati che richiederebbero anni di studio e forti investimenti per essere sviluppati in modo autonomo.Il problema non è neanche recente: più volte in passato i servizi di sicurezza occidentali, compreso il nostro Sismi, che ha una ottima struttura di contrasto del procurement illegale, hanno segnalato ai colleghi americani transazioni sospette di sottosistemi e apparati di interesse militare strategico, che in qualche caso sono passate per il suolo europeo invece che per quello americano. Ma non sempre si è saputo o voluto provvedere. E gli iraniani ringraziano. Altro che embargo.
    18th Gennaio 2007

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    RUS
    RUS è offline
    Sopra il Nord
    Data Registrazione
    04 Dec 2005
    Località
    Europa autogenocida.
    Messaggi
    8,988
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    io so che l'aereo piu moderno di cui dispone è il mig-29 e ne possiede una cinquantina.

  3. #3
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nativi racconta le favole ...gli americani sono tutto fuorche ' ingenui ..

    La realta' e' probabilmente un' altra .. Ci sono diversi " amici dell america " che non hanno alcun scrupolo a vendere pezzi di ricambio a chi paga ...Ma e' roba vecchia essendo l' armamento americano in mano ai persiani vecchio di 30 anni..
    non saranno quei ferrivecchi a fare una qualche diifferenza con le "bombing campaign" americane gia' viste in serbia ed irak ..

    Gia il fatto che nativi dica che gli F14 siano utilizzati come " arei radar" ci dice quanto poco sia strategica la cosa ... Nativi scrive per far fare un po' di buona figura a chi lo paga ...
    .... il sismi ? ..
    "dammi i soldi, e al diavolo tutto il resto "
    Marx


    (graucho..:-))

 

 

Discussioni Simili

  1. Armi nucleari americane in Italia: che fare?
    Di Morfeo nel forum Politica Estera
    Risposte: 64
    Ultimo Messaggio: 30-08-10, 13:20
  2. Nuove armi americane
    Di Lombardoveneto nel forum Politica Estera
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-02-07, 21:16
  3. Le armi umanitarie americane
    Di gigionaz nel forum Politica Estera
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 27-01-07, 20:50
  4. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 01-04-04, 13:39
  5. Senza Armi Americane in Padania
    Di ORONZO nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-11-03, 11:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226