User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    12 Feb 2008
    Messaggi
    20,158
    Inserzioni Blog
    3
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito quando gli svizzeri volevano invaderci

    I piani segreti dell’esercito svizzero per invadere la penisola diventano un libro

    «Poiché non è pensabile una difesa diretta del Mendrisiotto, il Comando dell’Esercito ha l’obbligo di cercare una battaglia decisiva nel Luganese o nel fondovalle di Bellinzona». Va da sé che «il ponte diga di Melide- Bissone sia completamente distrutto ed occupato da parte della fanteria per cautelarsi contro il fuoco di cannoni a Melide e S. Martino».
    Sembra il delirio di un cultore delle battaglie vecchia maniera, quelle che si cominciavano a combattere a tavolino spostando truppe di soldatini di piombo sopra plastici che riproducono i rilievi geologici della zona di conflitto. In realtà si tratta di citazioni tratte da un documento secretato per molti anni dall’esercito svizzero e scritto dalla massima autorità militare elvetica d’inizio Novecento.
    Il testo, tradotto e ampiamente commentato (il saggio introduttivo è di 200 pagine) da due giovani storici ticinesi – Maurizio Binaghi e Roberto Sala – è ora diventato un libro: «La frontiera contesa. I piani svizzeri di attacco all’ Italia nel rapporto segreto del colonnello Arnold Keller (1870-1918)», edizioni Casagrande, Bellinzona. Il volume verrà presentato proprio oggi all’ Archivio di Stato di Bellinzona alle ore 18.00. Abbiamo chiesto agli autori di anticiparne qualche contenuto, scoprendo che un secolo fa la guerra tra Italia e Svizzera era molto più di una lontana ipotesi. In barba al mito della nostra neutralità.

    PAGINA DI CARLO SILINI (CdT di oggi)
    Siamo alla fine degli anni Novanta. Durante un corso di ripetizione a Berna a due giovani laureati in storia ticinesi – Binaghi e Sala, appunto – viene chiesto di tradurre in italiano un lungo documento dattiloscritto in tedesco.
    Si tratta di un testo pubblicato sotto segreto militare di cui all’epoca esistevano solo due esemplari, oggi conservati uno all’ Archivio federale di Berna e l’altro alla Biblioteca militare. I due militi leggono, traducono e trasaliscono. Scoprono infatti che la Svizzera e l’ Italia tra la fine dell’ Ottocento e l’inizio del Novecento erano pronte ad invadersi l’un l’altra. Tra le loro mani erano finiti i dettagliatissimi piani di Berna sia per difendere il Ticino in caso di invasione, sia per attaccare la grande potenza confinante. È questo, in estrema sintesi, il soprendente contenuto del documento intitolato «Geografia militare della Svizzera e zone confinanti» e firmato nel 1914 da Arnold Keller, di cui Binaghi e Sala (poi aiutati da Michele Bösch, Flavio Maggi, Mattia Piattini e Ivano Tavernelli)hanno tradotto uno solo dei 34 volumi:quello dedicato al nostro Cantone. Alcuni altri volumi della medesima opera, ad esempio uno sul Giura bernese, sono stati pubblicati negli anni scorsi.
    Il «pallino» del colonnello
    L’autore dell’opera ora riscoperta è garanzia del suo straordinario rilievo. Arnold Keller non era un oscuro funzionario dell’armata svizzera. Per molti anni è stato Capo di Stato Maggiore, la massima autorità militare elvetica. E doveva avere «il pallino» del Ticino, visto che tra il 1909 e il 1914 ha consacrato ben quattro monografie al territorio più a sud della Svizzera. In realtà, più che una manìa, chiariscono Binaghi e Sala, l’attenzione che il colonnello dedicava al nostro cantone dipendeva dalla convinzione del suo assoluto valore strategico. Scriveva infatti Keller:«Delle tre regioni strategiche di cui è composto il fronte svizzero meridionale ( Vallese, Ticino e Grigioni)il Canton Ticino è il più importante per la questione della difesa del territorio».
    Ponti, uomini e cavalli
    Ma cosa c’è scritto di tanto eccezionale nel suo testo? Il documento secretato, spiegano i due studiosi, è suddiviso in due parti. La prima è una radiografia del Ticino che potremmo definire millimetrica: paese per paese, Keller indica il numero di abitanti e la capacità di accoglienza di soldati e di cavalli (per esempio, a Balerna: 2 mila abitanti, capacità di accoglienza per 4 mila uomini e 140 cavalli). Quando descrive i fiumi spiega, tratto per tratto, quanto sono larghi e profondi, la loro portata media, il tipo di fondo, la condizione degli argini. Fotografiche le descrizioni dei ponti (manufatti fondamentali in caso di guerra).
    Parlando della Leventina, ad esempio, annota:«Passarella di 500 metri ad est di Airolo, costruita su due luci murate larghe un metro; apertura media 16 metri, larghezza 1 metro, rampe di 10x4 metri, da rinforzare in vista del passaggio di truppa». Strade, clima, orografia, storia, economia: tutto viene computato con perizia enciclopedica. «Non mancano neppure gli stereotipi sul Ticino e sui loro abitanti » fanno notare Binaghi e Sala. Sia quel che sia, la prima parte del volume di Keller è di altissima rilevanza storica già «solo» per il fatto di descrivere in modo così minuzioso e attendibile ( dalle città ai villaggi più piccoli) lo stato reale del Ticino dell’inizio del Novecento.
    Eppure i principali motivi di interesse del documento risiedono soprattutto nella seconda parte dell’opera (a cui è stata aggiunta, nel volume «La frontiera contesa», anche la traduzione delle parti strategiche delle altre monografie di Keller sul Ticino meridionale e sui settori di Novara e Como-Milano).
    Le reciproche paure
    Qui si entra nel vivo di quegli scenari diguerra evocati all’inizio dell’articolo. Sarebbe troppo complicato, in questa sede, descrivere l’esatta collocazione delle varie nazioni europee nello scacchiere delle alleanze e delle inimicizie continentali. Limitiamoci a ricordare che al termine dell’ Ottocento la Svizzera temeva un accordo tra Italia e Germania per spartirsi il nostro Paese. La geografia non dava loro torto:la Svizzera e il Ticino sono il più logico corridoio di «scorrimento» tra il Sud e il Nord dell’ Europa. Alla fine degli anni Dieci l’altro scenario temuto dagli elvetici (ma anche dagli austriaci) erano le mire espansionistiche del nazionalismo italiano. Nell’uno e nell’altro caso la reazione fu quella di prepararsi meticolosamente all’invasione da Sud. Nello stesso tempo Roma paventava una germanizzazione della Confederazione e considerava una minaccia gli apparati difensivi elvetici.
    La corsa alle fortificazioni
    Nasce in questo contesto un’autentica corsa alle fortificazioni alpine e prealpine da una parte e dall’altra del confine. Ma i primi a cominciare furono gli svizzeri. «Con un notevole sforzo finanziario», si legge nel libro di Binaghie Sala, «si procedette alla costruzione delle opere fortificate lungo la linea di frontiera dal Vallese, al Ticino, fino ai Grigioni». Una scelta che invece di dissuadere il nemico alimentò le paure italiane «spingendo Roma a prendere delle contromisure, come la realizzazione di una barriera fortificata lungo i tratti più esposti del suo fronte settentrionale». A partire dall’11 l’ Italia eresse fortificazioni sul Monte Orfano a difesa degli accessi dalla Val D’ Ossola e dal lago Maggiore e piazzò appostamenti di artiglieria sui monti Piambello, Scerré, Martica, Campo dei fiori, Gino e Sighignola. E la Svizzera realizzò opere di sbarramento «a Gordola, Magadino, Monte Ceneri e sui monti di Medeglia». L’avvicinarsi delle fortificazioni svizzere alla linea di confine (dopo il Gottardo, il Ceneri) venne interpretato dagli italiani come una prova delle mire espansionistiche confederate verso Sud.
    Attaccare per difendersi
    Ma torniamo alle operazioni militari previste da Keller. In caso di un attacco italiano il colonnello aveva già messo in conto la perdita del Mendrisiotto, ritenuto indifendibile. Così si spiega la lucida determinazione a distruggere completamente il ponte diga di Melide: per impedire o quanto meno frenare l’avanzata dei nemici verso Nord. Keller ipotizzava una battaglia decisiva nel Luganese o nel fondovalle di Bellinzona. In caso di sconfitta l’ultimo baluardo, quello cruciale, sarebbe stato il Gottardo. È il peggiore dei casi ipotizzato: la perdita del Ticino. Fin qui i piani difensivi. Perché Keller non si era limitato ad immaginare un attacco dei soldati del tricolore. Aveva stabilito anche un piano d’attacco svizzero verso l’ Italia. Le opzioni erano fondamentalmente due. La prima prevedeva la riconquista della Valtellina e della Val D’ Ossola, che del resto erano state svizzere per secoli. Non si trattava, tuttavia, di una conquista motivata da intenti espansionistici svizzeri:riannettere quei territori sarebbe servito soprattutto per «coprire» i fianchi del Ticino e riuscire a difenderlo. Solo così, infatti, le truppe dei Grigioni e del Vallese avrebbero potuto raggiungere il Ticino senza attraversare un territorio nemico. Valtellina e Val D’Ossola, inoltre, sarebbero poi servite come «merce di scambio» in occasione di futuri accordi di pace per riavere indietro i territori «forzatamente abbandonati» in Ticino e in Vallese. La seconda opzione è da capogiro: un’invasione svizzera della Lombardia fino a conquistare Milano!
    Sarebbe delirante se non si tenesse conto che questa ipotesi era prevista da Keller unicamente nel caso in cui la Svizzera si alleasse con il potente Impero austro-ungarico. Fantastoria? Mica tanto. «Quando a Keller subentrò Sprecher von Bernegg», spiegano Binaghi e Sala, «lo Stato Maggiore svizzero aveva già preparato una trattato di alleanza con Vienna. Mancava solo la firma».
    Mica tanto neutrali
    Fin qui i contenuti principali del documento di Keller. Ineludibile a questo punto, una domanda: e la nostra neutralità? Possibile che i vertici dell’ Esercito svizzero fossero tanto propensi ad azioni – l'alleanza con l’ Austria o l’invasione dell’Italia – così palesemente contrarie al caposaldo elvetico della neutralità? Più che probabile, osserva Maurizio Binaghi: «Contrariamente a quello che si pensa oggi l’idea di neutralità, in quegli anni non era intoccabile, diciamo piuttosto che era funzionale alla sicurezza del Paese. Nel momento in cui la neutralità non fosse sembrata sufficiente a garantire la pace in Svizzera, si poteva benissimo rinunciarvi».
    Che dire, invece, dell’ambiziosissimo piano di aggressione all’ Italia?
    Roberto Sala ci ricorda che «a ridosso della prima guerra mondiale per gli eserciti europei era una ‘moda’ assai diffusa quella di preparare accurati piani offensivi. E la Svizzera non sfuggiva a questa regola».
    Come andò a finire
    Lasciamo per ultima la domanda più importanteerché non andò a finire così? Perché non invademmo la Valtellina e/o la Val D’Ossola e/o la pianura padana? Nel rapporto tra politica e potere militare, alla fine, la spuntò la politica. Il potere militare aveva il dovere di preparare dei piani per garantire la tranquillità o la vittoria della Svizzera. Ma spettava poi sempre al potere politico avallare o meno quei progetti. «Quando nel maggio del 1915 l’ Italia entrò in guerra, Berna dovette decidere in fretta cosa fare.», spiegano gli storici ticinesi, «L’esercito, allora guidato dal Capo di Stato Maggiore Sprecher von Bernegg – il successore di Keller – e dal generale Ulrich Wille (molto vicino ai tedeschi) premeva per accrescere il numero di truppe sul confine meridionale. Ma il Consiglio federale non lo assecondò. Molto probabilmente fu decisivo il fatto che in governo ci fosse anche un ticinese: Giuseppe Motta».
    È vero che la storia non si fa coi «se» e coi «ma», tuttavia, a leggere i piani segreti del nostro Paese per difendersi o per attaccare l’ Italia, non si può fare a meno di pensare che se nel lontano 1915 il governo federale non avesse trattenuto il suo braccio armato, forse oggi il Mendrisiotto sarebbe provincia di Como. Oppure la Valtellina e la Val D’Ossola sarebbero due distretti del nostro Cantone. O, addirittura, Milano sarebbe la maggior città della Svizzera. Fantastoria e fantastorie, probabilmente, che il libro «La frontiera contesa» – colmando un vuoto storiografico sul Ticino tra Ottocento e Novecento – ci permette ora di valutare come qualcosa di molto più concreto di semplici fantasie. E di cui i chilometri di fortificazioni di montagna – monumenti alla reciproca diffidenza italo svizzera – sono i silenziosi, mimetizzati testimoni.

    Politicamente Scorretto: Quando volevamo attaccare l’ Italia
    Dannato Barone Rosso.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    24,748
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Rif: quando gli svizzeri volevano invaderci

    Ho acquistato il libro e l'ho letto in buona parte.
    Molto interessante (con alcune cartine e le immancabili fotografie e copie di disegni e pagine di giornali dell'epoca), anche se la parte in cui descrive tutti i paesi, i fiumi e quant'altro l'ho saltata di netto dopo qualche pagina...
    L'ultima parte del libro ancora mi manca.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Feb 2010
    Messaggi
    27
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: quando gli svizzeri volevano invaderci

    Davvero molto interessante, sono assai curioso di leggerlo...

  4. #4
    duca di rivoli
    Data Registrazione
    27 May 2009
    Località
    LOMBARDIA - Alpi
    Messaggi
    15,929
    Mentioned
    66 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Rif: quando gli svizzeri volevano invaderci

    lo comprerò di sicuro.
    sono un fan sella geografia militare e, ultimamente, della geologia militare.

    certo che probabilmente sarebbe finita con la svizzera senza il "ditino" verso SUD.
    gli svizzeri prendono batoste in lombardia dai tempi di marignano e pavia nel '500.

  5. #5
    Valsesiano-Padano-Europeo
    Data Registrazione
    07 Jan 2010
    Località
    Valsesia
    Messaggi
    1,780
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: quando gli svizzeri volevano invaderci

    Letto il libro, molto bello anche se l'ho trovato un po' pesantino...

    Mi ha effettivamente lasciato l'amaro in bocca. I piani di invasione prevedevano l'occupazione (da ovest a est), della Valsesia fino a Varallo, l'Ossola fino a Gravellona o Omegna e l'intera Valtellina, più in forse la presa di Varese e/o Como...

    Pensa ora potrei essere Svizzero... niente questione meridionale, niente spoliazione di risorse, niente colonizzazione degli uffici pubblici...

    E' incredibile quanto può essere rilevante nascere 50 km più a sud...:giagia:

  6. #6
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    56,593
    Mentioned
    1073 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Rif: quando gli svizzeri volevano invaderci

    Citazione Originariamente Scritto da cgs71 Visualizza Messaggio
    Letto il libro, molto bello anche se l'ho trovato un po' pesantino...

    Mi ha effettivamente lasciato l'amaro in bocca. I piani di invasione prevedevano l'occupazione (da ovest a est), della Valsesia fino a Varallo, l'Ossola fino a Gravellona o Omegna e l'intera Valtellina, più in forse la presa di Varese e/o Como...

    Pensa ora potrei essere Svizzero... niente questione meridionale, niente spoliazione di risorse, niente colonizzazione degli uffici pubblici...

    E' incredibile quanto può essere rilevante nascere 50 km più a sud...:giagia:
    nessuno ti impedisce di andare a lavorare in Svizzera dove tra l'altro c'è libera circolazione di cittadini UE e le assunzioni sono state molto facilitate a partire dal 2002 e dove i diplomi e le lauree europee sono abbastanza apprezzate: fatti un bel corso di tedesco e vedrai che qualsiasi specializzazione hai sarai il benvenuto.
    Io la mia Patria la amo comunque, se poi motivi di lavoro mi spingono a lavorare all'estero, cio' non toglie che l'Italia è un paese meraviglioso in moltissimi aspetti
    Ultima modifica di FrancoAntonio; 08-03-10 alle 15:50

  7. #7
    Valsesiano-Padano-Europeo
    Data Registrazione
    07 Jan 2010
    Località
    Valsesia
    Messaggi
    1,780
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: quando gli svizzeri volevano invaderci

    Codice PHP:
    nessuno ti impedisce di andare a lavorare in Svizzera dove tra l'altro
    c'
    è libera circolazione di cittadini UE e le assunzioni sono state molto
    facilitate a partire dal 2002 e dove i diplomi e le lauree europee sono 
    abbastanza apprezzate
    fatti un bel corso di tedesco e vedrai che 
    qualsiasi specializzazione hai sarai il benvenuto
    .
    Io la mia Patria la amo comunquese poi motivi di lavoro mi spingono a 
    lavorare all
    'estero, cio' non toglie che l'Italia è un paese meraviglioso in 
    moltissimi aspetti 
    Forse non sono stato chiaro; io nella mia Patria ci sono e grazie a Dio ci lavoro. Sono e conto di rimanere dove sono stati concepiti, hanno lavorato, sono morti e sono stati sepolti i mie progenitori (sin da quanto ne esiste documentazione scritta e molto probabilmente anche da prima), non è accettabile che altri mi vengano a dire quello che devo sentire e possano permettersi di invitarmi ad andarmene dalla mia Terra, solo perchè hanno deciso di darle una etichetta!
    Stavo solo questionando sul fatto che, sui documenti invece di trovar scritto "Federazione Svizzera", trovo scritto "Repubblica Italiana", e che dal mio punto di vista, se le cose di cui all'oggetto del tread, fossero realmente avvenute, di certo ne avrei avuto dei notevoli benefici.
    Detto questo, concludo dicendo che non era mia intenzione urtare gli altrui sensi di appartenenza, quindi se ne vuoi discutere senza cosigliare ad altri l'emigrazione...

    Alegru.

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    24,748
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Rif: quando gli svizzeri volevano invaderci

    gli svizzeri prendono batoste in lombardia dai tempi di marignano e pavia nel '500.
    Ma non dagli italiani...
    Letto il libro, molto bello anche se l'ho trovato un po' pesantino...
    A volte in effetti lo è.
    Mi ha effettivamente lasciato l'amaro in bocca. I piani di invasione prevedevano l'occupazione (da ovest a est), della Valsesia fino a Varallo, l'Ossola fino a Gravellona o Omegna e l'intera Valtellina, più in forse la presa di Varese e/o Como...

    Pensa ora potrei essere Svizzero...
    Mah, difficilmente la linea di frontiera sarebbe cambiata. Prima di tutto perché l'acquisizione territoriale era una pura mossa tattica (guadagnare terreno in vista di una difesa ad oltranza) e strategica (prendere terre da usare come merce di scambio alla fine della guerra). Inoltre avrebbe variato gli equilibri etnico-religiosi interni alla Confederazione. Dopo la guerra, il distretto austriaco del Vorlarberg votò a schiacciante maggioranza per l'annessione alla Svizzera, ma tale annessione venne rifiutata dalla Confederazione proprio per questo. Probabilmente, visto che già c'erano problemi e incomprensioni con il Canton Ticino, difficilmente la Confederazione avrebbe aggregato ulteriori terre italofone, anche con il beneplacito popolare. Forse per la Valtellina si sarebbe fatta un'eccezione, visto che è stata parte parte dei Grigioni per trecento anni fin circa al 1800, ma non credo.

    Inoltre, l'unico momento buono, a mio parere (escludendo tensioni interne e altro), per iniziare una guerra di conquista permanente era nel 1917, durante l'attacco austro-tedesco e la caduta di Caporetto. Lì l'arrivo di un quarto di milione di soldati freschi alle spalle dell'esercito italiano avrebbe anche potuto variare il corso della guerra. Altrimenti l'Italia, alla lunga, si sarebbe ripresa e sarebbe stato ben difficile mantenere a lungo le terre acquisite.

  9. #9
    Valsesiano-Padano-Europeo
    Data Registrazione
    07 Jan 2010
    Località
    Valsesia
    Messaggi
    1,780
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: quando gli svizzeri volevano invaderci

    Codice PHP:
    Citazione:
    gli svizzeri prendono batoste in lombardia dai tempi di marignano e pavia nel '500.  

    Ma non dagli italiani... 
    Non le dire queste cose che qulcuno si può inc....


    Codice PHP:
    Mahdifficilmente la linea di frontiera sarebbe cambiataPrima di 
    tutto perché l
    'acquisizione territoriale era una pura mossa tattica 
    (guadagnare terreno in vista di una difesa ad oltranza) e strategica 
    (prendere terre da usare come merce di scambio alla fine della guerra). 
    Inoltre avrebbe variato gli equilibri etnico-religiosi interni alla 
    Confederazione. Dopo la guerra, il distretto austriaco del Vorlarberg votò a 
    schiacciante maggioranza per l'
    annessione alla Svizzerama tale 
    annessione venne rifiutata dalla Confederazione proprio per questo

    Probabilmentevisto che già c'erano problemi e incomprensioni con il 
    Canton Ticino, difficilmente la Confederazione avrebbe aggregato ulteriori 
    terre italofone, anche con il beneplacito popolare. Forse per la Valtellina si 
    sarebbe fatta un'
    eccezionevisto che è stata parte parte dei Grigioni per 
    trecento anni fin circa al 1800
    ma non credo
    Giusto: l'alto comando Svizzero considerava (probabilmente a buona ragione) il confine Ticinese indifendibile e considerava la conquista in terrritorio italiano sopratutto al fine di potersi attestare su posizioni "di forza". Non a caso il limite in Valsesia, al di sotto di Varallo, è un punto facilmente difensibile, ed anche oggi basta dargli un occhiata per capire il perchè (si tratta di un chiara strettoia lungo la valle).
    In caso contrario proponeva un ritiro su Bellinzona o addirittura sino ad attestarsi su una line di difesa sul Gottardo.

    Codice PHP:
    Inoltrel'unico momento buono, a mio parere (escludendo tensioni 
    interne e altro), per iniziare una guerra di conquista permanente era nel 
    1917, durante l'
    attacco austro-tedesco e la caduta di CaporettoLì l'arrivo 
    di un quarto di milione di soldati freschi alle spalle dell'
    esercito italiano 
    avrebbe anche potuto variare il corso della guerra
    Altrimenti l'Italia, alla 
    lunga, si sarebbe ripresa e sarebbe stato ben difficile mantenere a lungo 
    le terre acquisite. 
    Effettivamente sarebbe stato il momento migliore; in effetti l'esercito Italiano era sull'orlo dello sfascio e sarebbe bastata una leggera spinta per farlo crollare del tutto. Il fatto che comunque questa spinta, da parte Svizzera non ci fu, dimostra che in effetti l'invasione di cui stiamo discernendo era unicamente solo uno dei vari piani operativi definiti da vari stati maggiori. Lo suffraga inoltre la disposizione delle varie unità, che per tutta la durata della guerra furono dislocate, per la stragrande maggioranza sul confine Tedesco/Austriaco ed in maniera minore su quello Francese, a dimostrare che in fondo l'evenutalità maggiormente temuta era una invasione Tedesca, al fine di aprire un secondo fronte lungo il confine Francese e Italiano.

    Alegru.

  10. #10
    duca di rivoli
    Data Registrazione
    27 May 2009
    Località
    LOMBARDIA - Alpi
    Messaggi
    15,929
    Mentioned
    66 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Rif: quando gli svizzeri volevano invaderci

    Citazione Originariamente Scritto da Halberdier Visualizza Messaggio
    Ma non dagli italiani...

    A volte in effetti lo è.

    Mah, difficilmente la linea di frontiera sarebbe cambiata. Prima di tutto perché l'acquisizione territoriale era una pura mossa tattica (guadagnare terreno in vista di una difesa ad oltranza) e strategica (prendere terre da usare come merce di scambio alla fine della guerra). Inoltre avrebbe variato gli equilibri etnico-religiosi interni alla Confederazione. Dopo la guerra, il distretto austriaco del Vorlarberg votò a schiacciante maggioranza per l'annessione alla Svizzera, ma tale annessione venne rifiutata dalla Confederazione proprio per questo. Probabilmente, visto che già c'erano problemi e incomprensioni con il Canton Ticino, difficilmente la Confederazione avrebbe aggregato ulteriori terre italofone, anche con il beneplacito popolare. Forse per la Valtellina si sarebbe fatta un'eccezione, visto che è stata parte parte dei Grigioni per trecento anni fin circa al 1800, ma non credo.

    Inoltre, l'unico momento buono, a mio parere (escludendo tensioni interne e altro), per iniziare una guerra di conquista permanente era nel 1917, durante l'attacco austro-tedesco e la caduta di Caporetto. Lì l'arrivo di un quarto di milione di soldati freschi alle spalle dell'esercito italiano avrebbe anche potuto variare il corso della guerra. Altrimenti l'Italia, alla lunga, si sarebbe ripresa e sarebbe stato ben difficile mantenere a lungo le terre acquisite.
    hai ragione su tutto...
    se avessero attaccato alle spalle l'esercito italiano ci sarebbero state pesanti ripercussioni a partire dal 1919. (e non dall'italia, ma dalla francia)
    comuque un paese come la svizzera non ce lo vedo a fare guerre di conquista...

    p.s.: ho ordinato oggi il libro.
    pps: la battuta sul '500 l'ho fatta perchè sono nato più o meno a "marignano" (melegnano) e una delle mie gite tipiche in bicicletta (con la morosa) comprendeva anche il passaggio per mezzano, dove c'è l'ossario con i resti degli svizzeri. (che mi sono molto più simpatici dei lanzichenecchi)

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. «Volevano obbligarmi a dire quello che volevano»
    Di venetoimpenitente nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 24-02-13, 21:45
  2. Quando gli svizzeri emigravano nelle Due Sicilie
    Di southern nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-01-10, 14:15
  3. è ufficiale, vogliono invaderci
    Di Kranzler II nel forum Destra Radicale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 13-02-08, 15:14
  4. Quando erano gli svizzeri ad emigrare da noi
    Di uqbar (POL) nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-12-07, 14:11
  5. Quando i "democratici"volevano fucilare Chavez
    Di cubainforma nel forum Politica Estera
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 19-04-06, 13:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226