User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Poca fede, pochi figli

  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    24 Jun 2002
    Messaggi
    337
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Poca fede, pochi figli

    http://www.svipop.org/sezioniTematic....php?idArt=151

    Poca fede, pochi figli

    di Guglielmo Piombini

    Dalle panche vuote delle chiese alla culle vuote. Ora la conferma viene anche da uno studio accademico pubblicato nel settembre 2005 da tre economisti statunitensi: Eli Berman, Giuseppe Ragusa (entrambi dell’University of California di San Diego) e Laurence R. Iannaccone (della George Mason University). La ricerca, intitolata appunto “From Empty Pews To Empty Cradles. Fertility Decline Among European Catholics” (Dalle panche vuote alle culle vuote. Il declino della fertilità tra i cattolici europei) ha l’obiettivo di stabilire, sulla base dei dati empirici, le cause del rapido declino della fertilità avvenuto nei paesi cattolici a partire dalla seconda metà degli anni Sessanta del secolo scorso.

    Fino a quell’epoca, infatti, i paesi cattolici avevano generalmente goduto di una fertilità superiore a quella dei paesi protestanti, ma poi il calo è stato così rapido che le parti si sono invertite. Oggi sono i paesi scandinavi, l’Inghilterra o gli Stati Uniti ad avere una natalità sensibilmente più alta rispetto all’Italia, alla Spagna o al Portogallo: e questo malgrado il fatto che le percentuali delle donne che lavorano siano attualmente più basse proprio nei paesi cattolici dell’Europa.

    I dati presentati dai tre studiosi sembrano dimostrare che il declino della fertilità sia fortemente correlato con il declino sociale della religione. Da un lato ha certamente influito il minor rispetto per il tradizionale insegnamento cattolico contrario all’aborto e al controllo artificiale delle nascite, e favorevole delle famiglie numerose. Gli autori però, più che gli aspetti teologici, mettono in evidenza le ricadute sociali della scomparsa di gran parte dei servizi sociali per l’infanzia e la maternità prestati un tempo dalle istituzioni cattoliche, perlopiù grazie all’opera di suore.

    I tre ricercatori rilevano che prima del Concilio Vaticano II il cattolicesimo si trovava all’apice di un lungo periodo di sviluppo. In particolare nel secondo dopoguerra, dal 1946 al 1965, la crescita del cattolicesimo nel mondo era stata esplosiva, nell’aumento del numero dei battesimi, delle conversioni, delle presenze alla messa domenicale, dei preti, delle suore, delle scuole e degli ospedali cattolici. In Italia fino al 1966 più del 70 per cento degli asili-nido e delle scuole materne erano gestiti da suore. Negli Stati Uniti, quasi il 50 per cento dei bambini cattolici frequentavano scuole cattoliche, mentre gli ospedali cattolici fornivano un quinto di tutti i letti ospedalieri della nazione.

    Immediatamente dopo il Concilio Vaticano II tutti gli indicatori volsero però rapidamente al peggio. Si discute ancora oggi se il Concilio Vaticano II sia stato o meno la causa scatenante del fenomeno, ma l’esistenza della crisi postconciliare viene universalmente riconosciuta.

    Le statistiche ufficiali della Chiesa cattolica forniscono infatti una conferma dettagliata dell’improvviso calo delle forze a disposizione della Chiesa, con conseguente rapida diminuzione dei servizi scolastici, educativi ed assistenziali.

    Negli Stati Uniti, ad esempio, il numero delle suore era cresciuto da 140.000 nel 1948 a 180.000 nel 1966, ma da allora è sempre sceso fino a 81.000 di oggi. Tra il 1962 e il 1992 gli ordini religiosi femminili si sono ridotti del 42 per cento, e di conseguenza sono calati i servizi da loro prestati: gli ospedali del 23 per cento, le scuole superiori del 15 per cento, le scuole elementari del 42 per cento. Simili tendenze si sono verificate in quasi ogni altro paese.

    In definitiva, i risultati della ricerca sembrano dimostrare che il declino della religiosità, combinato con un calo dei servizi sociali per l’infanzia fornito dalle istituzioni cattoliche tradizionali, sia all’origine del pronunciato calo di natalità tra i cattolici occidentali. Il ruolo che il personale religioso ha svolto nell’incoraggiare la natalità è stato dunque tanto importante quanto sottovalutato. Paradossalmente, i voti delle suore di non avere figli propri sono più che compensati dai loro effetti sulla fertilità degli altri!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    06 Nov 2006
    Località
    Difendi, Conserva, Prega!
    Messaggi
    15,330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Fino a che la gente non capirà che avere figli, oltre ad essere un dono del Signore, è il più grande gesto d'amore, le cose non cambieranno.

    Perchè ora ci si ferma ad un figlio, massimo due, per poi riempirgli di cellulari, vestiti firmati, scooter a 14 anni, macchinetta a 16 e auto a 18. Soldi infiniti per uscire con gli amici: ormai si va a cena fuori in ristorante a 16 anni.

    Bisognerebbe che la gente conoscesse le famiglie con molti figli, che indubbiamente sono le più felici del mondo.

  3. #3
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    bisognerebbe poterseli permettere.....

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    24 Jun 2002
    Messaggi
    337
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Secondo me ha perfettamente ragione Merello: le famiglie numerose sono le più felici al mondo. I Dinks ("Double Income No Kids"), cioè le coppie che volontariamente non vogliono figli per ragioni di edonismo o di carriera, sono miserabili e da compatire. Prima o poi si renderanno conto di non aver capito nulla della vita, e piangeranno amaramente sui loro sbagli.

    Quello di benfy è un pretesto bello e buono: tant'è che il numero dei figli è quasi sempre inversamente proporzionale al reddito. I nostri nonni e genitori facevano più figli di noi, come oggi gli extracomunitari, pur avendo molte meno disponibilità economiche.

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    06 Nov 2006
    Località
    Difendi, Conserva, Prega!
    Messaggi
    15,330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da benfy Visualizza Messaggio
    bisognerebbe poterseli permettere.....
    Anche io la pensavo così fino a poco tempo fa. Questo è un forum poco frequentato, quindi le discussioni possono anche non essere caratterizzate dagli slogan.

    Ma, negli ultimi tempi, vuoi per aver frequentato molte famiglie numerose, mi sono accorto che è solo una questione d'amore. Cioè, quanto sei disposto a rinunciare per darlo ai tuoi figli: lavoro e, soprattutto, pubbliche relazioni. Palestra, cene con amici, cinema, ecc.

    I soldi, è vero, è innegabile contano, ma ho visto genitori professori di liceo che mandano avanti una famiglia con 5-6 figli in modo dignitoso senza far mancare nulla. I sacrifici sono tanti, ma l'idea di vivere con l'affetto di tutti quei figli sommerge, davvero, ogni dubbio.

    Devi avere anche strutture che ti supportino, ed è per questo che sono queste le famiglie che hanno bisogno di sussidi, di agevolazioni, di aiuto costante e duraturo da parte delle istituzioni. da questo (ma non solo per questo), la mia contrarietà ad ogni forma di famiglia alternativa. Come posso permettere, in coscienza, che vengano aiutate famiglie che famiglie non sono, a discapito di queste che sono la forza motrice dell'Italia? Esempio di donazione, solidarietà e amore. Te lo dico, odio usare queste parole: sono troppo propagandistiche, ma vedendo queste realtà sono le uniche da usare.

  6. #6
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    encomiabile il professore, però bisogna partire dal presupposto che non dare ai figli l'ultimo cellulare alla moda andare vestiti in una certa maniera porta all'isolamento sociale

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    06 Nov 2006
    Località
    Difendi, Conserva, Prega!
    Messaggi
    15,330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da benfy Visualizza Messaggio
    encomiabile il professore, però bisogna partire dal presupposto che non dare ai figli l'ultimo cellulare alla moda andare vestiti in una certa maniera porta all'isolamento sociale
    Non scherziamo..

  8. #8
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    mio cugino ha 12 anni e tu non hai idea di quello che capita......


    se impara da quelli come te ci credo; prova ad insegnargli che esistono altri valori. Ah gia' dimenticavo, per voi e' una parolaccia....

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 Jun 2004
    Messaggi
    16,607
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da benfy Visualizza Messaggio
    bisognerebbe poterseli permettere.....
    giuro che i laicisti come te mi terrorizzano. ma cosa diavolo significa? non molto tempo fa la gente moriva di FAME. La poverta' era la norma. Abbiamo passato una catastrofica guerra mondiale mezzo secolo fa. Eppure i nostri padri e nonni si sono rimboccati le maniche e non hanno inventato le scuse patetiche che tiri fuori tu.

    E tu salti fuori con la storia dei cellulari... voi non siete laici, siete EGOISTI, che e' diverso!

  10. #10
    macht geht vor recht
    Data Registrazione
    24 Mar 2006
    Località
    Regno d'Italia > They challenge science to prove the existence of God. But must we really light a candle to see the sun?
    Messaggi
    7,101
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' lo stato sintomatico di una società decadente frutto delle lobbies progressiste europee

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. [QUESTIONE DEMOGRAFICA] Poca fede, pochi figli
    Di carlomartello nel forum Destra Radicale
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 25-02-11, 16:29
  2. Lasciate fare al Mercato,uomini di poca fede
    Di Dragonball nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 44
    Ultimo Messaggio: 18-01-10, 15:10
  3. Il Terzo Mondo fa pochi figli
    Di Ragioniamo! nel forum Politica Estera
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 16-10-08, 17:42
  4. Gente di poca fede
    Di pensiero nel forum Fondoscala
    Risposte: 177
    Ultimo Messaggio: 12-03-08, 17:37
  5. Poca fede, pochi figli
    Di Paleo (POL) nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-01-07, 19:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226