User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Serbia: Del Ponte inizia una nuova crociata

    | Venerdi 26 Gennaio 2007 - 20:03 | Andrea Perrone |

    Dopo la fine delle consultazioni e lo spoglio delle schede elettorali i gendarmi d’Oltreoceano e i loro fedeli servitori chiedono la resa dei conti per i patrioti serbi e la creazione di un nuovo governo in chiave filoeuropea e filoatlantica. Infatti, il procuratore generale del Tribunale penale internazionale (Tpi) dell’Aja per la ex Jugoslavia, Carla Del Ponte, ha deciso di incontrare alcuni politici europei per sollecitarli ad esigere dai nuovi dirigenti della Serbia maggiore cooperazione con la corte dell’Aja. La notizia è stata resa nota dal portavoce del procuratore, Olga Kavran, precisando che il procuratore del Tpi incontrerà nella capitale olandese, lunedì prossimo, il ministro per gli Affari europei della Gran Bretagna Geoff Honn, poi si recherà mercoledì a Bruxelles per un colloquio con il responsabile della politica estera dell’Ue Javier Solana e con il commissario europeo all’Allargamento, Olli Rehn. Per il 7 febbraio ha in programma una missione a Madrid per incontrare il ministro degli Esteri, Miguel Angel Moratinos. La Del Ponte nella sostanza, insiste affinché l’Ue non sblocchi, senza precisi impegni da parte di Belgrado, il negoziato per un accordo di associazione e stabilizzazione, preludio a quello per l’adesione all’Unione, sospeso perché la Serbia è accusata di non cooperare sufficientemente per catturare e consegnare il generale Ratko Mladic e Radovan Karadzic, ricercati da oltre dieci anni dal Tpi con l’accusa pretestuosa di genocidio e di altri gravi reati. Va ricordato che i processi contro i patrioti serbi sono stati voluti dall’ex segretario di Stato Usa, Madeleine Albright che li ha sollecitati sempre con molta premura favorendo la nascita del Tpi. Al ruolo della Albright fa seguito quello della sua sodale Carla Del Ponte che in questi anni si è distinta nel perseguitare i combattenti serbi tentando di obbligare le istituzioni di Belgrado a consegnare a tutti i costi i ricercati dal Tpi. Ma la Del Ponte ha un curriculum di tutto rispetto, si fa per dire. Oltre ad aver avuto una carriera fulminante da procuratore garantita dai suoi atteggiamenti molto benevoli nei confronti del crimine organizzato, la Del Ponte è molto legata alla Albright con la quale ha condotto un attacco contro l’ex capo del Cremlino Boris Eltsin per indebolire ulteriormente il peso politico dell’ex presidente russo e garantire un attacco indisturbato degli Usa sul territorio serbo. Infatti, a detta di alcuni analisti i rapporti politici fra l’ex segretario di Stato Usa e la Del Ponte sono di vecchia data e risalgono già al 1999, anno in cui iniziarono i bombardamenti umanitari della Nato e di Washington sull’ex Jugoslavia. A quei tempi la Del Ponte intratteneva delle relazioni di lavoro con Felipe Turover, magistrato e amministratore di crediti in Svizzera, legato all’epoca con il Cremlino e con il presidente Eltsin, nonché con la Banca del Gottardo. In quegli anni, infatti, i legami fra la Del Ponte e Turover erano intensi e questa amicizia veniva coltivata dal futuro procuratore del Tpi perché l’amministratore di crediti manteneva buoni rapporti con il Cremlino e conosceva molto bene i loschi traffici che venivano condotti nell’ombra in un intreccio di soldi, politica e affari. Turover si trovava, infatti, al centro di un crocevia finanziario fra la Banca del Gottardo di Claudio Generali, la Mabetex di Behjget Pacolli e il governo russo, un vero e proprio Russiagate. Ed era perciò in grado di indebolire Eltsin rivelando corruzione e traffici illeciti all’interno del Cremlino. La rivelazione dell’intreccio di affari e politica indebolì tanto Eltsin che capitolò sul bombardamento della Nato sulla Serbia, da tempo immemorabile amica e alleata della Russia. La mossa vincente della Del Ponte fu l’incontro con l’Albright il 15 giugno del 1999 nell’aeroporto di Heatrow dove venne discusso e preparato l’accordo tra i due contro Eltsin che garantì poi alla Del Ponte il posto di procuratore generale del Tpi all’Aja, dopo due mesi soltanto. Ecco spiegata la fulminea carriera della Del Ponte e i suoi ottimi rapporti con i gendarmi d’Oltreoceano.
    Intanto, proseguono frenetici i colloqui per la formazione del nuovo governo di Belgrado ma la commissione elettorale centrale della Serbia ha annunciato ieri il rinvio ai primi di febbraio della proclamazione ufficiale dei risultati delle elezioni svoltesi domenica scorsa. Proclamazione prevista inizialmente per oggi. La commissione ha motivato questa decisione con la necessità di ripetere le procedure in otto seggi elettorali, dove sarebbero state rilevate irregolarità nello scrutinio. Le verifiche necessarie richiederanno 3 o 4 giorni, poi scatterà di nuovo il termine d’una settimana per la formalizzazione e la pubblicazione dei dati completi sulla consultazione di domenica scorsa. Probabilmente questo è un pretesto per dare più tempo ai partiti filoatlantici e filoeuropei di coordinarsi e prepararsi, superando divisioni e incertezze, per formare un nuovo governo ancora più prono agli interessi statunitensi.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    kalashnikov47
    Ospite

    Predefinito

    Ormai, nel nuovo ordine mondiale, è chiaro che la volontà popolare non vale un fico secco. Puoi vincere o stravincere le elezioni, ma se non fai parte della gang internazionale, ci sarà sempre una scusa per non farti governare.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,713
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da kalashnikov47 Visualizza Messaggio
    Ormai, nel nuovo ordine mondiale, è chiaro che la volontà popolare non vale un fico secco. Puoi vincere o stravincere le elezioni, ma se non fai parte della gang internazionale, ci sarà sempre una scusa per non farti governare.
    considerando che la volontà popolare spesso si fa infinocchiare la cosa potrebbe avere un suo valore, il più è avere un elitè nazionalista che decida cosa fare, il suffragio universale non è amico della Verità

  4. #4
    Ordine e Disciplina
    Data Registrazione
    08 Apr 2002
    Località
    Reazione, Tradizione, Controrivoluzione, Restaurazione, Legittimismo, Sanfedismo
    Messaggi
    5,143
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io continuo a non capire chi l'ha fatto fare a due terzo dei serbi di votare questi merdosi partiti occidentalisti (perché è vero che i nazionalisti hanno avuto la maggioranza relativa, ma questo significa che tutti gli altri elettori hanno votato partiti filo-occidentali) e perché invece non si sono mai decisi a rompere ogni legame con Ue, Nato e altre simili associazioni a delinquere e a mettersi sotto l'ombrello protettivo della Russia, che penso avrebbe tutto l'interesse strategico ad avere un suo referente nel cuore dei Balcani, alle spalle degli stessi nuovi avamposti Nato come Bulgaria e Romania.
    Io comincio a credere che i guai dei Serbi siano in fondo colpa loro. Non aderiscono in pieno all'Occidente, ma nemmeno ne prendono le distanze, rimangono in bilico, in una specie di stallo permanente, avendo quindi gli svantaggi dell'una e dell'altra situazione.
    Se solo, per esempio, non si fossero arresi così facilmente agli americani e li avessero costretti all'intervento di terra in Cossovo, ci sarebbe stato di che divertirsi, perché abbiamo visto cosa succede agli americani quando devono combattere sul campo contro gente che conosce il territorio e che non si fa troppi scrupoli: i cetnici avrebbero infilzato le teste dei soldati americani su pali ai margini delle pubbliche vie. Invece gli stessi militari e paramilitari serbi sono stati pugnalati alle spalle dalla politica di Belgrado e da Milosevic (pace all'anima sua), il quale a sua volta è stato pugnalato dalla popolazione e dai giovani. E non mi si dica che è colpa solo di Soros, dell'Otpor e della CIA, perché in Ucraina c'è metà della popolazione con un radicato sentimento antirusso e una politica fatta da mafiosi opportunisti pronti a vendersi al miglior offerente e in Georgia il sentimento atirusso è ancora più generale e radicato. In Bielorussia ci hanno provato e abbiamo visto: quattro gatti in piazza arrestati due giorni dopo (e poi rilasciati, non valeva neanche la pena sfamarli a spese dello stato) e in Venezuela poi lasciamo perdere: perfino il capo dell'opposizione ha dovuto riconoscere la totale validità della schiacciante vittoria di Chávez (e anche lì i soliti noti si erano mobilitati con ogni mezzo).

 

 

Discussioni Simili

  1. Serbia e Kossovo, brutali rivelazioni di Carla del Ponte
    Di Wento (POL) nel forum Politica Estera
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 08-04-08, 17:54
  2. 7 vittime di una nuova crociata
    Di aguas nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 04-03-06, 15:24
  3. La nuova crociata che perderà il Vaticano
    Di aguas nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-11-05, 19:46
  4. Serbia :inizia la caccia alle streghe!
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-03-03, 23:35
  5. Indire una nuova crociata
    Di asburgico nel forum Padania!
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 14-10-02, 22:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226