User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Vivere di rendita.

  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Vivere di rendita.

    E' il sogno di ogni italiano.
    C'è chi si fa un partitino su misura e si rende indispensabile
    per gli equilibri del sistema politico.
    Ma sopratutto ci sono quelli che investono nell'edilizia.
    Le risorse della malavita vengono investite nel mattone.
    Le risorse sottratte allo stato vengono investite nel mattone.
    Chi si arricchisce grazie alla politica prova ad investire nel mattone
    (per fortuna che qualche volta gli va male).

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    itaglia stato canaglia
    Data Registrazione
    26 Aug 2006
    Località
    Busnago (Brianza Est)
    Messaggi
    1,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Gente indegna di vivere...

    Se vedùm

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    12 Jul 2006
    Messaggi
    127
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Non è solo degli italiani “vivere di rendita”


    “Vivere di rendita” è anche di uomini che, appartengono quasi sempre a famiglie aristocratiche, le quali dominavano i popoli con pugno di ferro, da feudatari:con diritto di vita e di morte sui loro sudditi, prima di perdere questi poteri a causa della colonizzazione che, certo, ha avuto i suoi torti, ma non era peggiore dei poteri che rimuoveva.
    Non era un mandarino Mao tze Tung? Non continuò a vivere da Mandarino?... E, dopo la "rivoluzione proletaria", con un potere che nessun Mandarino Cinese ha mai avuto! Anzi, nella magnifica e millenaria storia Cinese nessun Imperatore dinastico ha mai avuto tanto potere nelle sue mani né, credo, tanti morti sulla coscienza tra gli avversari perseguitati.
    Non era forse un Patrizio Nguyèn (Potente casato feudale che possedeva il Sud ed il Nord Vietnam prima della Colonizzazione Francese) Nguyèn Ai Quoc, noto con il nome di battaglia di Ho Chi Minh, con cui tanti ragazzi della mia età scandivano slogan sulle strade d’Italia e d’Europa? Non era forse vero che il Famoso Generale Giap, nome di battaglia del comandante dell’Armata Viet-minh prima e Viet-Kong poi, era lui stesso un Nguyèn ed il suo vero nome era Vò Nguyèn? Non era forse lui in persona ad ordinare l’esecuzione dei "collaborazionisti”? Ossia di chi non si sottometteva ai loro diktat? Non è forse vero che lo stesso Van Thieu, Presidente filo Americano del Vietnam del Sud dal 1965, era anche lui uno Nguyèn? Avete mai sentito o avete mai letto sui giornali italioti, della lotta intestina tra "Nguyèn del Sud Vietnam", esattamente tra Nguyèn Cao-Ky (Vice Presidente del Sud) e Nguyèn Van-Thieu (Presidente) che, insieme, si "sbarazzarono" con un golpe, nel Novembre 1963, del Governo di Ngò-Dinh-Diem ... (contemporaneamente a Dallas, in Texas J.F. Kennedy veniva assassinato!) e si auto nominarono uno Capo delle forze aeree, l’altro delle forze armate e poi Presidente del Consiglio. Avete mai saputo della "notte dei lunghi coltelli" del ’67, che portò all’uccisione di tutti gli Ufficiali Sud Vietnamiti fedeli a Nguyèn Cao-Ky ad opera di quelli fedeli a Nguyèn Van Thieu? Naturalmente a Nguyèn Cao-Ky non fu torto un capello (tra Aristocratici si deve saper perdere sportivamente), dopo il bagno di sangue si accontentò della Vice Presidenza! E di tutti quei morti che importa: per gli Nguyèn si trattava solo di servi! Pensate che, alle successive elezioni Presidenziali del 1971, il Nguyèn Cao Ky, ritirò la sua candidatura a causa delle "scorrettezze elettorali" del suo avversario il Nguyèn Van Thieu ! !Chissà se era stato detto, ai giovani Marines morti laggiù, che morivano per la supremazia di un gruppo di feudatari Nguyèn sull’altro. Sono certo di no!
    La Storia del Vietnam non può scostarsi dalla storia della famiglia Nguyèn, un pò come i Savoia con l’Italia. Quello che dovrebbe far pensare è che i protagonisti di entrambe le parti: quella Nordista filo Sovietica e quella Sudista filo Americana, si chiamassero tutti Nguyèn ! ! !
    Una saggezza popolare diceva che non erano liberatori quelli che arrivavano, ma gli oppressori di prima, gli oppressori di sempre, che cambiano le insegne, le parole, gli abiti, ma sono sempre loro, i restauratori, ... quelli che vivono alle spalle del popolo che lavora!
    Nessuna riflessione sull’odierno parallelismo centrodestra-centrosinistra?
    Non è forse vero che erano tutti ricchi rampolli di nobili famiglie, viziati ed abituati a vivere alle spalle del prossimo, tutti i principali capi comunisti di cui si abbia notizia? Non era un ricco Hidalgo Cubano Fidel Castro Ruz? Non è forse vero che, catturato durante l'unica azione di guerriglia a cui partecipò personalmente, il 26 Luglio 1953, l'assalto alla caserma Moncada di Santiago de Cuba, fu condannato a 15 anni di carcere e subito graziato, dal Dittatore Batista, per intercessione della sua famiglia? E che, la "Revolucion Cubana", in realtà, fu combattuta sulla Sierra da "CienfuegosCamillo" (precipitato con il suo aereo da turismo subito dopo la Vittoria del 1959) e da Ernesto Guevara, detto el Che, il quale, dopo aver rinunciato ai suoi incarichi di Governo, "anche" ... per dei dissensi avuti con Fidel Castro, partecipò alla guerriglia in Congo e in Bolivia. Catturato dall’esercito di La Paz, (venduto in Bolivia, nel 1967, con una "soffiata" a ... chi ? ... da chi ? ... boh ! venne ucciso. E Manuel Ochoa, eroe di Cuba Libre, combattente con El Che nel Congo di Lumumba e Kabila, "Libertador" dell'Angola, Colonnello di Castro. Ochoa sopravvisse agli incidenti che colpirono gli altri due Colonnelli della "Revolucion" grazie al prestigio che si conquistò in Angola. Ma, nel 1989, anche quest’ultimo eroico Colonnello della "Revolucion Cubana" ebbe un "incidente": fu accusato di spacciare droga, prontamente processato e condannato ed altrettanto prontamente impiccato, per ordine di Castro Fidel ! Ma già, il Leader Maximo ha rinunciato a tutto per la "Revolucion"... ma a tutto che ! ? Ha rinunciato a dirigere Haciende e pollai di famiglia per prendersi tutta Cuba, popolo compreso!Chissà quanta sofferenza per cotanto sacrificio ! ! !
    E' notizia del 16 Luglio 1997:la rivista Americana "Forbes" ha dichiarato che Fidel Ruz Castro era uno dei 100 Uomini più ricchi del mondo (!?). Niente da ridire ovviamente per gli altri, una ricchezza per un imprenditore è un chiaro segno dei suoi meriti e capacità! Ma, quali meriti e capacità ha dimostrato un Dittatore sanguinario come Castro?... lascio a Voi ogni ulteriore commento. Ma, è accertato che il popolo Cubano è in miseria, come, del resto, tutti i popoli che si lasciano governare da simili predoni! Davvero non importa a nessuno quanto sangue eroico ed innocente è costata quella ricchezza? ... non proviene certo da una libera competizione sui mercati!? ...no?
    I Patrizi Nguyèn, che guidarono la lotta di liberazione dal colonialismo del Vietnam, erano idealisti che avevano sofferto le persecuzioni della Tirannia, espropriati di ogni bene, il carcere e l’esilio, ... ma, poi, essi stessi si trasformarono in Tiranni, negando ad altri quegli stessi Diritti che furono negati a loro: il Diritto di poter esprimere liberamente la propria opinione, per esempio, e molti altri.
    La Tirannia degli attuali partiti politici non vincerà, se non riuscirà a trasformarci in uno di loro. Tutti costoro, forse, sono stati sinceri quando si ribellarono ai Tiranni che li opprimevano, ma sono troppo “deboli” (Sic!) per darci la vera democrazia. Lungo il cammino si sono persi! Considerazioni, queste, che oggi come allora, finiscono sempre con le stesse conclusioni: hanno uffici di propaganda incredibili, capaci di convincere l’agnello ad inneggiare al lupo gridandogli: «scannami ... scannami !» Che potere immenso hanno ... solo i cittadini-elettori-contribuenti non sanno ancora cosa può fare la democrazia diretta, dove sono i cittadini a dare ordini ai partiti, e non viceversa ! ! !
    Constatato questo, stiamo ancora qui a… gingillarci?
    Il cosiddetto “Gruppo di Peschiera 2006” farà presto una proposta. Chi e quanti saranno gli uomini liberi che vorranno accoglierla?

  4. #4
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,823
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rotgaudo Visualizza Messaggio
    E' il sogno di ogni italiano.
    C'è chi si fa un partitino su misura e si rende indispensabile
    per gli equilibri del sistema politico.
    Ma sopratutto ci sono quelli che investono nell'edilizia.
    Le risorse della malavita vengono investite nel mattone.
    Le risorse sottratte allo stato vengono investite nel mattone.
    Chi si arricchisce grazie alla politica prova ad investire nel mattone
    (per fortuna che qualche volta gli va male).
    Un sogno? E perchè? Per molti è una realtà.
    È sostenuto dall'imbecillità di chi pensa solo a lavorare e a risparmiare. E, per di più, vantandosene.

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    Un sogno? E perchè? Per molti è una realtà.
    È sostenuto dall'imbecillità di chi pensa solo a lavorare e a risparmiare. E, per di più, vantandosene.
    In effetti è vero, i due maggiori alleati della Lega, F.I. e A.N.
    prosperano agendo in uno stato come quello attuale italiano,
    non vorranno mai cambiare una virgola.
    A.N. per esempio ha un elettorato quasi del tutto di origine
    meridionale che lavora quasi esclusivamente in ambito statale.

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    02 Jun 2006
    Messaggi
    1,557
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enzo Trentin Visualizza Messaggio
    “Vivere di rendita” è anche di uomini che, appartengono quasi sempre a famiglie aristocratiche, le quali dominavano i popoli con pugno di ferro, da feudatari:con diritto di vita e di morte sui loro sudditi, prima di perdere questi poteri a causa della colonizzazione che, certo, ha avuto i suoi torti, ma non era peggiore dei poteri che rimuoveva.
    Non era un mandarino Mao tze Tung? Non continuò a vivere da Mandarino?... E, dopo la "rivoluzione proletaria", con un potere che nessun Mandarino Cinese ha mai avuto! Anzi, nella magnifica e millenaria storia Cinese nessun Imperatore dinastico ha mai avuto tanto potere nelle sue mani né, credo, tanti morti sulla coscienza tra gli avversari perseguitati.
    Non era forse un Patrizio Nguyèn (Potente casato feudale che possedeva il Sud ed il Nord Vietnam prima della Colonizzazione Francese) Nguyèn Ai Quoc, noto con il nome di battaglia di Ho Chi Minh, con cui tanti ragazzi della mia età scandivano slogan sulle strade d’Italia e d’Europa? Non era forse vero che il Famoso Generale Giap, nome di battaglia del comandante dell’Armata Viet-minh prima e Viet-Kong poi, era lui stesso un Nguyèn ed il suo vero nome era Vò Nguyèn? Non era forse lui in persona ad ordinare l’esecuzione dei "collaborazionisti”? Ossia di chi non si sottometteva ai loro diktat? Non è forse vero che lo stesso Van Thieu, Presidente filo Americano del Vietnam del Sud dal 1965, era anche lui uno Nguyèn? Avete mai sentito o avete mai letto sui giornali italioti, della lotta intestina tra "Nguyèn del Sud Vietnam", esattamente tra Nguyèn Cao-Ky (Vice Presidente del Sud) e Nguyèn Van-Thieu (Presidente) che, insieme, si "sbarazzarono" con un golpe, nel Novembre 1963, del Governo di Ngò-Dinh-Diem ... (contemporaneamente a Dallas, in Texas J.F. Kennedy veniva assassinato!) e si auto nominarono uno Capo delle forze aeree, l’altro delle forze armate e poi Presidente del Consiglio. Avete mai saputo della "notte dei lunghi coltelli" del ’67, che portò all’uccisione di tutti gli Ufficiali Sud Vietnamiti fedeli a Nguyèn Cao-Ky ad opera di quelli fedeli a Nguyèn Van Thieu? Naturalmente a Nguyèn Cao-Ky non fu torto un capello (tra Aristocratici si deve saper perdere sportivamente), dopo il bagno di sangue si accontentò della Vice Presidenza! E di tutti quei morti che importa: per gli Nguyèn si trattava solo di servi! Pensate che, alle successive elezioni Presidenziali del 1971, il Nguyèn Cao Ky, ritirò la sua candidatura a causa delle "scorrettezze elettorali" del suo avversario il Nguyèn Van Thieu ! !Chissà se era stato detto, ai giovani Marines morti laggiù, che morivano per la supremazia di un gruppo di feudatari Nguyèn sull’altro. Sono certo di no!
    La Storia del Vietnam non può scostarsi dalla storia della famiglia Nguyèn, un pò come i Savoia con l’Italia. Quello che dovrebbe far pensare è che i protagonisti di entrambe le parti: quella Nordista filo Sovietica e quella Sudista filo Americana, si chiamassero tutti Nguyèn ! ! !
    Una saggezza popolare diceva che non erano liberatori quelli che arrivavano, ma gli oppressori di prima, gli oppressori di sempre, che cambiano le insegne, le parole, gli abiti, ma sono sempre loro, i restauratori, ... quelli che vivono alle spalle del popolo che lavora!
    Nessuna riflessione sull’odierno parallelismo centrodestra-centrosinistra?
    Non è forse vero che erano tutti ricchi rampolli di nobili famiglie, viziati ed abituati a vivere alle spalle del prossimo, tutti i principali capi comunisti di cui si abbia notizia? Non era un ricco Hidalgo Cubano Fidel Castro Ruz? Non è forse vero che, catturato durante l'unica azione di guerriglia a cui partecipò personalmente, il 26 Luglio 1953, l'assalto alla caserma Moncada di Santiago de Cuba, fu condannato a 15 anni di carcere e subito graziato, dal Dittatore Batista, per intercessione della sua famiglia? E che, la "Revolucion Cubana", in realtà, fu combattuta sulla Sierra da "CienfuegosCamillo" (precipitato con il suo aereo da turismo subito dopo la Vittoria del 1959) e da Ernesto Guevara, detto el Che, il quale, dopo aver rinunciato ai suoi incarichi di Governo, "anche" ... per dei dissensi avuti con Fidel Castro, partecipò alla guerriglia in Congo e in Bolivia. Catturato dall’esercito di La Paz, (venduto in Bolivia, nel 1967, con una "soffiata" a ... chi ? ... da chi ? ... boh ! venne ucciso. E Manuel Ochoa, eroe di Cuba Libre, combattente con El Che nel Congo di Lumumba e Kabila, "Libertador" dell'Angola, Colonnello di Castro. Ochoa sopravvisse agli incidenti che colpirono gli altri due Colonnelli della "Revolucion" grazie al prestigio che si conquistò in Angola. Ma, nel 1989, anche quest’ultimo eroico Colonnello della "Revolucion Cubana" ebbe un "incidente": fu accusato di spacciare droga, prontamente processato e condannato ed altrettanto prontamente impiccato, per ordine di Castro Fidel ! Ma già, il Leader Maximo ha rinunciato a tutto per la "Revolucion"... ma a tutto che ! ? Ha rinunciato a dirigere Haciende e pollai di famiglia per prendersi tutta Cuba, popolo compreso!Chissà quanta sofferenza per cotanto sacrificio ! ! !
    E' notizia del 16 Luglio 1997:la rivista Americana "Forbes" ha dichiarato che Fidel Ruz Castro era uno dei 100 Uomini più ricchi del mondo (!?). Niente da ridire ovviamente per gli altri, una ricchezza per un imprenditore è un chiaro segno dei suoi meriti e capacità! Ma, quali meriti e capacità ha dimostrato un Dittatore sanguinario come Castro?... lascio a Voi ogni ulteriore commento. Ma, è accertato che il popolo Cubano è in miseria, come, del resto, tutti i popoli che si lasciano governare da simili predoni! Davvero non importa a nessuno quanto sangue eroico ed innocente è costata quella ricchezza? ... non proviene certo da una libera competizione sui mercati!? ...no?
    I Patrizi Nguyèn, che guidarono la lotta di liberazione dal colonialismo del Vietnam, erano idealisti che avevano sofferto le persecuzioni della Tirannia, espropriati di ogni bene, il carcere e l’esilio, ... ma, poi, essi stessi si trasformarono in Tiranni, negando ad altri quegli stessi Diritti che furono negati a loro: il Diritto di poter esprimere liberamente la propria opinione, per esempio, e molti altri.
    La Tirannia degli attuali partiti politici non vincerà, se non riuscirà a trasformarci in uno di loro. Tutti costoro, forse, sono stati sinceri quando si ribellarono ai Tiranni che li opprimevano, ma sono troppo “deboli” (Sic!) per darci la vera democrazia. Lungo il cammino si sono persi! Considerazioni, queste, che oggi come allora, finiscono sempre con le stesse conclusioni: hanno uffici di propaganda incredibili, capaci di convincere l’agnello ad inneggiare al lupo gridandogli: «scannami ... scannami !» Che potere immenso hanno ... solo i cittadini-elettori-contribuenti non sanno ancora cosa può fare la democrazia diretta, dove sono i cittadini a dare ordini ai partiti, e non viceversa ! ! !
    Constatato questo, stiamo ancora qui a… gingillarci?
    Il cosiddetto “Gruppo di Peschiera 2006” farà presto una proposta. Chi e quanti saranno gli uomini liberi che vorranno accoglierla?
    Materiale veramente interessante e ben confezionato, stà a vedere che esistono grandi menti anche fuori dalla lega!!!!!In mezzo a tutti quei personaggi nobili o aristocratici che tanto danno fecero alla loro terra, il bossi stona un pò essendo di estrazione popolare ma devo dire che ha fatto l'impossibile per essere quanto meno alla loro pari.saluti e auguri per l'incontro di domani

  7. #7
    mòrt ul foèch...fregia l'acqua
    Data Registrazione
    03 Dec 2006
    Località
    alta brianza
    Messaggi
    30
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rotgaudo Visualizza Messaggio
    In effetti è vero, i due maggiori alleati della Lega, F.I. e A.N.
    prosperano agendo in uno stato come quello attuale italiano,
    non vorranno mai cambiare una virgola.
    A.N. per esempio ha un elettorato quasi del tutto di origine
    meridionale che lavora quasi esclusivamente in ambito statale.
    Alleaanza nazziunale...Partito dei terroni assistenzialisti statali parassiti....

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 10-10-13, 07:50
  2. Come faranno le zitelle greche senza la rendita statale ?
    Di L'anticristo nel forum Politica Europea
    Risposte: 66
    Ultimo Messaggio: 04-05-10, 00:27
  3. Vi state costruendo una pensione/rendita per quando sarete vecchi??
    Di alexeievic nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 48
    Ultimo Messaggio: 22-02-10, 14:45
  4. una repubblica fondata sulla rendita
    Di Roberto Buffagn nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-04-06, 18:51
  5. Risposte: 100
    Ultimo Messaggio: 26-09-05, 20:59

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226