User Tag List

Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 63
  1. #1
    Critico
    Data Registrazione
    14 Jun 2006
    Messaggi
    1,424
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il nuovo socialismo, in breve

    Credo che il sistema capitalistico faccia acqua da tutte le parti e credo che problemi veri come quello ambientale e quello sociale saranno i veri germi che faranno modificare il sistema.
    Il nuovo socialismo deve coniugare queste due esigenze e per farlo non può certo parlare di collettivizzazione o di nazionalizzazione. Il nuovo socialismo deve farsi interprete del disagio mondiale e fornire un'alternativa vera a questo sistema corporativo e liberista. La corporazione deve diventare cooperazione in nome della difesa della libertà positiva di tutti gli uomini della terra. Interpretare la globalzzazione della società (non solo dell'economia) affinchè, citando una famosa canzone, "nessuno al mondo deve essere sfrutatto". Questo è il "mio" socialismo.
    Grazie.
    Ps: pensare globale, agire locale.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore CasaDelPopolo
    Data Registrazione
    06 Jan 2005
    Località
    Villaricca (Na)
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non capisco bene cosa proponi tambourine....
    Secondo me per il socialismo è essenziale la gestione collettiva della produzione e la sua riutilizzazione a fini sociali.
    A pugno kiuso!

  3. #3
    28 de Abrili - Juventudi Sarda
    Data Registrazione
    20 Dec 2004
    Località
    Casteddu - SRDN - «Custa pòpulos est s'ora de estirpare sos abusos! A terra sos malos usos, a terra su dispotismu! Gherra gherra a s'egoismu e gherra a sos opressores! Custos tirannos minores est pretzisu umiliare!»
    Messaggi
    2,686
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Questo è il nuovo socialismo: http://www.aporrea.org/
    Il nuovo socialismo, che non può prescindere dalla gestione collettiva (quindi statale, in attesa dell'eliminazione delle classi sociali), è quello che realmente si oppone, a livello nazionale e internazionale, all'imperialismo del capitale finananziario internazionale, al fianco dei popoli oppressi e delle masse subalterne degli stessi stati imperialisti. Un socialismo che passa da Caracas a Kathmandu, da L'Avana a La Paz e non certo per le sedi impolverate dei partiti della "sinistra" sistemica degli stati occidentali.
    Berlinguer al limite può essere simbolo di un (illusorio e utopistico) capitalismo "dal volto umano", non certo di un qualunque tipo di effettivo nuovo socialsmo...senza polemica e a pugno chiuso.
    SOTZIALISMU! INDIPENDENTZIA!

  4. #4
    Critico
    Data Registrazione
    14 Jun 2006
    Messaggi
    1,424
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da chenap Visualizza Messaggio
    Non capisco bene cosa proponi tambourine....
    Secondo me per il socialismo è essenziale la gestione collettiva della produzione e la sua riutilizzazione a fini sociali.
    Quello è il socialismo, non c'è niente di nuovo.

  5. #5
    Moderatore CasaDelPopolo
    Data Registrazione
    06 Jan 2005
    Località
    Villaricca (Na)
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    I punti discriminanti di una società socialista sono secondo me i seguenti:

    a) La produzione è finalizzata alla realizzazione dei bisogni della collettività (produzione ai fini sociali);
    b) I lavoratori gestiscono in maniera cooperativa la produzione e la distribuzione delle merci e dei servizi (autogestione dei lavoratori);
    c) Ogni persona ha il diritto ad una formazione che permetta una completa realizzazione della persona dal punto di vista culturale e sociale (diritto alla formazione);
    d) Ogni persona ha il dovere di collaborare alla realizzazione degli interessi generali della collettività secondo le proprie capacità e le proprie attitudini (dovere di solidarietà);
    e) Il popolo prende le decisioni politiche determinanti per la comunità politica (democrazia diretta);
    f) Ogni nazione ha la piena libertà di autodeterminarsi in ordine alle scelte fondamentali nel quadro però di un'ampia collaborazione federativa internazionale su vari livelli (autodeterminazione dei popoli e internazionalismo).

    Mi scuso se l'elenco è incompleto e un po mal formulato, ma ho cercato di riassumere al massimo i concetti evitando di inserire elementi che non siano necessari.
    A pugno kiuso!

  6. #6
    Critico
    Data Registrazione
    14 Jun 2006
    Messaggi
    1,424
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da chenap Visualizza Messaggio
    I punti discriminanti di una società socialista sono secondo me i seguenti:

    a) La produzione è finalizzata alla realizzazione dei bisogni della collettività (produzione ai fini sociali);
    b) I lavoratori gestiscono in maniera cooperativa la produzione e la distribuzione delle merci e dei servizi (autogestione dei lavoratori);
    c) Ogni persona ha il diritto ad una formazione che permetta una completa realizzazione della persona dal punto di vista culturale e sociale (diritto alla formazione);
    d) Ogni persona ha il dovere di collaborare alla realizzazione degli interessi generali della collettività secondo le proprie capacità e le proprie attitudini (dovere di solidarietà);
    e) Il popolo prende le decisioni politiche determinanti per la comunità politica (democrazia diretta);
    f) Ogni nazione ha la piena libertà di autodeterminarsi in ordine alle scelte fondamentali nel quadro però di un'ampia collaborazione federativa internazionale su vari livelli (autodeterminazione dei popoli e internazionalismo).

    Mi scuso se l'elenco è incompleto e un po mal formulato, ma ho cercato di riassumere al massimo i concetti evitando di inserire elementi che non siano necessari.
    I primi due punti non hanno più senso.

  7. #7
    Omia Patria si bella e perduta
    Data Registrazione
    14 Apr 2006
    Località
    Contro l'Unione Europea prigione dei Popoli Per un'Europa di Nazioni libere, eguali e sovrane!
    Messaggi
    4,649
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Tambourine Visualizza Messaggio
    I primi due punti non hanno più senso.
    Potresti spiegare il perché?
    Sono anni che non trovo più un diessino che vuole discutere di socialismo piuttosto che proclamarlo in modo vago.......non posso farmi scappare l'occasione.

  8. #8
    Critico
    Data Registrazione
    14 Jun 2006
    Messaggi
    1,424
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sandokan80 Visualizza Messaggio
    Potresti spiegare il perché?
    Sono anni che non trovo più un diessino che vuole discutere di socialismo piuttosto che proclamarlo in modo vago.......non posso farmi scappare l'occasione.
    Per due motivi, uno metodologico ed un sostanziale:
    Quello metodologico concerne la filosofia economica e, essendo che ognuno di noi ha preferenze diverse e valori diversi, diventa molto difficile stabilire un utilità (ad esempio la quantità di produzione) che soddisfi le esigenze di tutti (o quasi) gli individui. Gli aggregati economici si fondano su ipotesi alquanto fantasiose, come, ad esempio la razionalità perfetta: ciò significa che tutte le volte che vai a fare la spesa tracci la tua funzione di utilità e fai un' analisi costi/benefici, insomma dovresti starci 3 giorni per fare una spesa.
    Questo è un problema metodologico di rappresentazione dell'economia. Nessun pianificatore può conoscere tutte le preferenze degli individui, che cambiano continuamente nel tempo.
    Il motivo sostanziale è molto semplice: la collettivizzazione non funziona perchè la maggior parte degli uomini è egoista e quindi non considerando come sua la proprietà pubblica non sarà efficente nella sua attività produttiva. Inoltre l'economia sta cambiando e il ruolo dell'industria non è quello dell'ottocento. La collettivizzazione ha un senso in un sistema di tipo fordistico (grandi produzioni in scala).
    Tutto questo per dire che la produzione non può essere usata ai fini della collettività poichè è impossibile stabilire quale sia il fine della collettività.
    La cooperazione ha un senso se fatta in logiche privatistiche (come le cooperative).
    Grazie.
    Ps: sono marxista prima che diessino

  9. #9
    Moderatore CasaDelPopolo
    Data Registrazione
    06 Jan 2005
    Località
    Villaricca (Na)
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Tambourine Visualizza Messaggio
    I primi due punti non hanno più senso.
    Mi spieghi perché?

    Per il primo punto (produzione a fini sociali) mi sembra che il passar del tempo lo ha reso ancora più irrinunciabile in quanto l'odierna società basata su un consumismo sfrenato mostra ogni giorno di più i suoi lati oscuri.
    L'unica risposta al consumismo è quella di cambiare punto di vista.
    Bisogna smetterla di pensare che bisogna consumare ciò che si produce se si vuole salvaguardare l'occupazione. Quella capital-consumista è la prima società della storia in cui non si cerca di colmare i bisogni reali, ma di creare bisogni inesistenti (pensiamo ad esempio alla tirannia della pubblicità) per vendere ciò che viene prodotto. E spesso a sinistra avalliamo tale ragionamento incentivando i consumi solo per salvaguardare i posti di lavoro.

    Sul secondo punto (autogestione dei lavoratori) credo che sia normale che un socialista (vero) si ponga come fine ultimo la gestione dei mezzi di produzione nelle mani dei lavoratori che partecipano alla produzione, ovviamente fermo restando la suddivisione dei compiti esecutivi secondo le competenze di ogni lavoratore.
    A pugno kiuso!

  10. #10
    Moderatore CasaDelPopolo
    Data Registrazione
    06 Jan 2005
    Località
    Villaricca (Na)
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Tambourine Visualizza Messaggio
    Ps: sono marxista prima che diessino
    ma Marx non parlava di fine della proprietà privata dei mezzi di produzione?
    A pugno kiuso!

 

 
Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. A breve un nuovo partito
    Di alessandro74 (POL) nel forum Fondoscala
    Risposte: 39
    Ultimo Messaggio: 14-06-06, 01:00
  2. commento breve sul nuovo governo
    Di DrugoLebowsky nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 23-05-06, 00:11
  3. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 21-03-06, 22:57
  4. A breve un nuovo BGY-FCO...
    Di RON2805 nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 25-11-04, 19:48

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225