User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19
  1. #1
    Segafredo
    Ospite

    Predefinito Chirac si scusa. Per aver detto la verità.

    Chirac si scusa. Per aver detto la verità.
    Maurizio Blondet
    04/02/2007



    Jacques ChiracJacques Chirac si credeva non ascoltato.
    Ed ha detto: «Non è poi tanto pericoloso se l’Iran ha una bomba atomica. Non servirà a niente. Dove la tira, questa bomba? Su Israele? Non avrà fatto duecento metri di volo, e Teheran sarà rasa al suolo».
    Come ha ammesso persino il New York Times, «Chirac ha detto quel che credono molti analisti». (1)
    La disparità tra l’armamento nucleare sionista e quello (per ora potenziale) di Teheran è di 300 testate contro una o due.
    E chi ha la bomba atomica entra immediatamente nel quadro psicologico della deterrenza, che ha garantito mezzo secolo di non-guerra tra USA ed URSS: nessuno spara per primo, sapendo che sarebbe annichilito in ogni caso dalla rappresaglia atomica automatica.
    Logico e realista.
    Ma non per i media servili, tutti i giornali francesi hanno strillato «la gaffe di Chirac», anzi «irresponsabile gaffe».
    Le Monde ha scritto che «la frase contraddice la linea ufficiale della diplomazia francese, e disorienta i partner della Francia sulla scena internazionale».
    La presunta gaffe di Chirac, ha rincarato il giornale del Grand Orient, «arriva al momento sbagliato. Nei giorni in cui la comunità internazionale si appresta a riunirsi a New York per minacciare l’Iran, ci si domanda quale credibilità avrà ancora la posizione della Francia».
    Il Guardian, che pure è progressista e critico delle guerre di Bush, è giunto a chiedersi se Chirac, «a 74 anni, ha perso contatto con la realtà e vigore mentale».
    Alla fine, il presidente francese ha dovuto scusarsi, e sconfessare la frase sfuggitagli, che è la pura verità.



    Ancor peggio è accaduto a Zbigniew Brzezinski, l’ex consigliere della Sicurezza Nazionale di Carter, membro potente del Council on Foreign Relations, fortemente ammanicato con gli ambienti finanziari e militari, il politologo più celebre dopo Kissinger, tutt’altro che un pacifista.
    Ad una audizione davanti alla Commissione Esteri del Senato USA, Brzezinski ha definito le guerre in Iraq e in Afghanistan «una calamità».
    Ed ha avvertito i senatori che la Casa Bianca è tentata di uscire dal disastro attaccando l’Iran, ossia provocando una nuova calamità.
    Egli, il grande scenarista, ha delineato lo scenario seguente: «Il fallimento in Iraq, con il seguito di accuse all’Iran come responsabile di questo fallimento; poi una qualche provocazione in Iraq o un atto terroristico in USA che sarà attribuito all’Iran, culminerà con un’azione militare USA ‘difensiva’ contro l’Iran. Ciò piomberà l’America, solitaria, in un pantano sempre più profondo e vasto, che finirà per estendersi dall’Iraq all’Iran, dall’Afghanistan al Pakistan». (2)
    Brzezinski ha poi criticato «il fatto che le principali decisioni strategiche vengono prese in un circolo assai ristretto di persone, forse non più delle dita della mia mano. E sono questi individui che hanno preso la decisione iniziale di andare alla guerra».
    Ebbene: né il Washington Post né il New York Times, men che meno il Wall Street Journal o nemmeno USA Today hanno ripreso la notizia e le frasi.
    Silenzio totale sul fatto.
    Anche Brzezinski, di colpo, è diventato una non-persona.
    Quanto ai senatori che l’hanno ascoltato, nessuno ha fatto domande più precise sulla «provocazione» paventata da Zbig.
    I democratici erano i più flaccidi e i meno interessati.


    Zbigniew Brzezinski



    Offro questi due fatti a quei lettori - ancora ce ne sono - non convinti che l’11 settembre sia stato un «lavoro interno» dell’Amministrazione, e che oppongono alla teoria del complotto i ben noti argomenti:
    1) non può esserci stato alcun complotto perché l’America è la più grande e libera democrazia della storia, e la sua stampa è la più coraggiosa del mondo, ha denunciato il «blowjob» della Lewinsky a Clinton, ha costretto alle dimissioni Nixon.
    2) Se il complotto c’è stato, devono avervi partecipato centinaia di persone; come mai nessuno parla e rivela niente?
    3) Se c’è stato un complotto così criminoso, i servizi segreti occidentali dovevano saperlo.
    Perché i governanti europei non lo denunciano? Perché Putin tace?
    O anche Chirac, che ha mostrato sempre una certa indipendenza dalla Casa Bianca, fino a sfiorare la crisi nei rapporti reciproci?
    Ecco qui perché: Chirac viene fatto passare dal Guardian come un vecchietto impazzito, per aver detto ciò che molti seri analisti pensano.
    All’unisono, i media mondiali decretano che la sua è «una gaffe».
    E che la sua credibilità è diminuita: diminuita dalla verità.
    Questa è paura, anzi terrore.
    Si tenga presente che il Guardian è, a Londra, il giornale più aspramente critico nei confronti di Bush e di Blair e delle loro avventure belliche unilaterali.
    Dunque non è di Bush né di Blair che ha paura.
    Non sono loro che ispirano il terrore, che esercitano l’intimidazione che ammutolisce.
    Chi sa ispirare questa paura?



    Rivolgo la domanda a quei lettori (ce ne sono ancora) che sospirano: ah, Blondet, ce l’ha con gli ebrei.
    Ma di chi credete che parli Brzezinski quando allude al «ristretto circolo di individui, tanti come la dita della mano», che prendono le decisioni in USA?
    Allude all’American Enterprise Institute, il centro-studi di Paul Wolfowitz, Richard Perle, Michael Leeden e gli altri neocon con doppio passaporto.
    Sono loro, i congiurati, che hanno messo a segno il colpo di Stato dell’11 settembre.
    Bush può, a questo punto del disastro, essere criticato; questi signori no.
    Nessuno li chiama a rendere ragione dei loro atti.
    Fra questi atti, si scopre ora, c’è un premio di 10 mila dollari che l’American Enterprise paga ai giornalisti che scrivono articoli per dire che l’effetto serra è una menzogna, un complotto ecologista.
    I neocon allievi di Leo Strauss sono dunque interessati a contrastare l’allarme climatico, e per questo pagano i liberi giornalisti.
    Il perché è noto: l’American Enterprise riceve finanziamenti, in media 250 mila dollari l’anno, dalla Exxon.
    Lee Raymond, vice-presidente della Exxon, è nel comitato dei garanti dell’American Enterprise. Accanto ai capi di Motorola, Kodak, Chrysler, General Motor, General Electric… tutti lì un po’ per convinzione, ma ancor più nella perfetta coscienza che l’American Enterprise comanda la Casa Bianca e le politiche USA, e dunque è bene averla amica.



    E’ un piccolo indizio del riuscito raccordo che ha spinto gli USA nelle guerre per Israele: la convergenza tra i tre grandi poteri americani e globali, la lobby ebraica, il sistema militare-industriale, gli interessi petroliferi.
    Oltre a questi tre, non c’è in USA un altro centro di potere da essi autonomo, e che possa o voglia contrastarli.
    Non i media, non i giornalisti, non la società civile che sta sgobbando oberata dai debiti, e non può alzare la testa.
    Non giudici, non sindacati nazionali indipendenti.
    La grande democrazia americana.
    La collusione fra Exxon e American Enterprise non è solo uno scandalo e un evidente vergognoso conflitto d’interessi; è un pericolo da denunciare.
    Dove sono gli ecologisti che denunciano? Paura.
    Terrore che rende muti.

    Maurizio Blondet




    --------------------------------------------------------------------------------
    Note
    1) Elaine Sciolino, «Living with a nuclear Iran - Chirac said what many analysts believe», New York Times, 3 febbraio 2007.
    2) «Zbig censure», Dedefensa, 3 febbraio 2007.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    legio_taurinensis
    Ospite

    Predefinito

    La verità è un lusso in epoca di dittatura liberal-capitalista!!!

  3. #3
    fioca luce
    Data Registrazione
    05 Apr 2005
    Località
    Europa occupata.
    Messaggi
    1,048
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non solo non hanno espiato le loro abominevoli azioni, ma c'e' chi e' stato addirittura premiato; Wolfowitz e' diventato presidente della banca mondiale (coi calzini bucati e i capelli unti di saliva...).
    Immaginati di essere un acclamato, decorato, eroe nazionale, un idolo per milioni di persone disperate, poi, nel giro di sei mesi, condannato a morte tramite impiccagone ~ Joachim Peiper

  4. #4
    legio_taurinensis
    Ospite

    Predefinito

    Per capire meglio il personaggio Wolfowitz, consiglio la lettura del libro "Chi comanda in America" di Blondet....

    Ho scoperto tante cose...

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2002
    Messaggi
    16,995
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    La famosa artista idolo delle folle :" si figuri che uno ha addirittura scritto che avrei dovuto investire i MIEI soldi comprando un bar! Io!!!! La barista!!!!"

  6. #6
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    mamma che cretinate. Non esiste nessun sistema in grado di bloccare un missile "dopo duecento metri di volo", che cagata.

  7. #7
    Segafredo
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da yurj Visualizza Messaggio
    mamma che cretinate. Non esiste nessun sistema in grado di bloccare un missile "dopo duecento metri di volo", che cagata.
    Ma che sfigato!!!

    Non è poi tanto pericoloso se l’Iran ha una bomba atomica. Non servirà a niente. Dove la tira, questa bomba? Su Israele? Non avrà fatto duecento metri di volo, e Teheran sarà rasa al suolo

    Anche un bambino di prima elementare capisce che il significato è: la reazione internazionale sarebbe immediata.
    Evidentemente yurj va ancora all'asilo...o forse andando in giro con Max Gallob gli hanno passato una canna tagliata con qualche nuovo tipo di droga...

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    23 Feb 2006
    Messaggi
    31
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Brzezinsky

    Definire Brzezinski "grande scenarista" è da psicolabili. Il suo periodo di permanenza nell'Amministrazione, con Carter, è stato questo si una "calamità".

    L'invasione sovietica dell'Afghanistan; la rivoluzione islamica in Iran; il genocidio cambogiano, con l'indegno riconoscimento del governo di Pol Pot alle Nazioni Unite; l'inizio della guerra Iran/Iraq; il golpe del gen. Mohammed Zia in Pakistan.

    Cito solo alcune delle cose sciagurate che accaddero in quei 4 anni. L'amministrazione Carter, ben consigliata da Brzezinski, non fece niente, quando non provocò queste disgrazie che sono anche alla base di molti problemi attuali.

    Citiamo qualcun altro, per favore

    Fabio

  9. #9
    Forumista junior
    Data Registrazione
    18 Oct 2006
    Messaggi
    44
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    come una piovra il complotto plutogiudaicomassonicobolscevico (ho dimenticato qualcuno?) attanaglia il mondo. Siete solo degli sfigati che hanno bisogno di odiare per sentrisi vivi e incapaci di pensare con la vostra testa.... la colpa è sempre di un complotto di Ebrei ricchi unti ....vecchia storia.... ma quanti saranno mai sti Ebrei e quanto coglione è il Mondo a cascarci sempre?? A me sembra che se c'è qualcheduno che ci tiene per le palle sono gli Arabi con il loro petrolio e i loro dollari .... e ahimè, tutto gira attorno al petrolio che è in mano a Paesi Arabi o musulmani o arabofili ( vedi Venezuela )....

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 Oct 2004
    Messaggi
    15,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    blondet spara le solite cazzate
    uno, i musulmani sono 1 miliardo e non solo i 90.000.000 dell'Iran, quindi a un attacco atomico musulmano (tramite l'iran) Israele dovrebbe rispondere contro tutto l'islam e per questo non ha abbastanza atomiche
    due, per l'iran sacrificare metà della sua popolazione non sarebbe un problema perchè rimarrebbe l'altra metà che avrebbe vinto la guerra contro Israele
    i musulmani sono come il formicaio, non hanno una mentalità orientata all'individuo ma al gruppo

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02-06-10, 00:48
  2. Chirac: sono scioccato, Berlusconi non mi ha mai detto quelle cose
    Di FalcoConservatore nel forum Conservatorismo
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 21-06-09, 01:10
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-04-09, 00:27
  4. Le Pen sara' condannato per aver detto la verita'
    Di Daltanius nel forum Destra Radicale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 29-01-08, 18:14
  5. Cossiga si scusa con Chirac per MAterazzi
    Di Willy nel forum Termometro sportivo
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 13-07-06, 08:11

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226