I sequestratori si sono finti poliziotti
Rapimento Mussini: un arresto
Si tratta di un cinquantenne siciliano, che avrebbe avuto un ruolo operativo, materiale e ideativo


MODENA - Trovata la casa del sequestro e forse anche gli autori. È stata individuata in una località tra Modena e Reggio Emilia l'abitazione dove Vanessa Mussini è stata condotta dopo quello che per gli inquirenti è un sequestro a tutti gli effetti. Un uomo, il proprietario della casa, è stato portato in Questura per gli accertamenti. Nell'abitazione gli investigatori della Polizia hanno raccolto elementi ritenuti univoci che confermano la presenza della ragazza in quella che avrebbe dovuto essere la sua prigione. È poi stata la stessa Vanessa Mussini a riconoscere la casa che per qualche ora sarebbe stata la sua prigione. La notizia è filtrata da ambienti investigativi. Si tratterebbe di una casa isolata nel modenese, in direzione di Reggio Emilia. Da quanto è filtrato non è ancora chiaro come abbia potuto riconoscere il covo.

I SEQUESTRATORI SI SONO FINTI POLIZIOTTI - Il sequestro di Vanessa Mussini è avvenuto in autostrada tra Modena e Reggio Emilia e i sequestratori per convincere la ragazza a fermarsi hanno finto di essere poliziotti. È uno dei dettagli che è emerso nella brevissima conferenza stampa tenuta in questura a Modena dal questore Elio Graziano, dal dirigente della squadra mobile di Bologna Armando Nanei, dal responsabile della sezione criminalità organizzata di Bologna Lorenzo Bucossi e il dirigente della squadra mobile di Modena Amedeo Pazzanese. I rapitori hanno indotto Vanessa Mussini a fermarsi mostrando dei distintivi similari a quelli usati dalla polizia. Le persone - non è stato specificato quante - non indossavano divise.

ARRESTATO UN SICILIANO - È stato arrestato in esecuzione di fermo e già tradotto al carcere Sant'Anna di Modena l'uomo nei confronti del quale era stato emesso in tarda mattinata il fermo di polizia giudiziaria. Si tratta di un cinquantenne siciliano, che ha avuto un ruolo operativo, materiale e ideativo nel sequestro di Vanessa Mussini.

ALTRE PERSONE IN QUESTURA - Altre persone, pare due, sono state portate in Questura a Modena per essere sentite: gli inquirenti sono convinti che possano essere legate al rapimento lampo della studentessa modenese.
08 febbraio 2007