User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24
  1. #1
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Éire
    Messaggi
    29,868
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito PACS O DICO. Perché io, laico e liberale, dico no a questa legge

    Libero, 13 febbraio 2007
    di Antonio Martino

    Il numero dei commenti al disegno di legge di iniziativa governativa sui diritti dei conviventi è assolutamente spropositato e questo sia perché fra il dire ed il fare c’è di mezzo il Parlamento (e non si vede perché il governo non abbia lasciato ad esso l’iniziativa), sia perché il numero di persone da esso interessate è, credo, molto piccolo. Premetto che del provvedimento so solo quanto hanno scritto i giornali, il che non equivale a dire che sono informato: come sosteneva Mark Twain, se non leggi i giornali non sei informato, ma se li leggi sei disinformato. Malgrado ciò, corro il rischio di contribuire all’inflazione di commenti sul tema aggiungendo il mio personalissimo parere.

    Premetto che da quasi 40 anni pratico il matrimonio indissolubile e sono stato e sono felicissimo di questa mia scelta. Tuttavia, non mi è mai venuto in mente non dico di imporre ad altri la stessa opzione, ma nemmeno di predicarne la bontà. A me è andata benissimo, ma non è scritto da nessuna parte che ciò che va bene per me debba valere anche per altri. Sono fermamente convinto che ognuno di noi abbia, per usare le parole della dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti, un inalienabile diritto, non solo alla vita ed alla libertà, ma anche alla ricerca della felicità. Ognuno di noi compie le sue scelte in base alle proprie preferenze ed ha il diritto di farlo in piena libertà ma non ovviamente quello di imporle ad altri o di predicarne la superiore, assoluta bontà.

    Provo un certo fastidio nei confronti di quanti predicano con fervore illimitato il valore assoluto e generale della famiglia fondata sul matrimonio, specie quando i predicatori conducono una vita dedita al libertinaggio e pullulata di mogli abbandonate. Delle tre possibili categorie di cattolici – il cattolico liberale (pratica il cattolicesimo ma non ha la pretesa di imporlo agli altri), il cattolico integralista (che lo pratica e vuole imporlo agli altri), il cattolico libertino (non lo pratica ma vuole imporlo agli altri) – è quest’ultimo che maggiormente detesto.

    Detto questo, non vedo proprio perché tutti i casi possibili di non-matrimonio debbano essere regolamentati per legge in base ad un unico modello. Ritengo, invece, che queste situazioni, tutte quelle possibili e che non ricadono certo sotto un’unica fattispecie, debbano essere affidate a quello che è uno dei principi fondamentali del liberalismo, la libertà di contratto. In un magistrale articolo apparso sul Corriere della sera e poi ripreso dal Foglio del lunedì, Magdi Allam ci ha spiegato come nel mondo islamico il matrimonio sia semplicemente un contratto, redatto in fronte ad un notaio, le cui clausole sono stabilite dai contraenti in base alle proprie esigenze. In questo caso (e, temo, solo in questo) credo che dovremmo imitare il mondo islamico: non si vede perché le convivenze non-matrimoniali non possano essere regolate in base a quanto decidono le parti interessate. Se si seguisse questo elementare principio di civiltà liberale, sono certo che le regole adottate dai conviventi sarebbero molto diverse a seconda dei casi. Perché, invece, abbiamo la luciferina presunzione di imporre a tutti un vestito della stessa taglia? Perché non lasciamo che a decidere in base a quali regole convivere siano gli stessi interessati, che conoscono meglio di chiunque altro cosa sia meglio adottare nel loro interesse?

    La libertà di contratto è pre-condizione necessaria di moltissime libertà fondamentali. Se due adulti consenzienti vogliono stipulare un contratto su qualcosa che riguarda soltanto loro, che diritto ha lo Stato di impedirglielo? Solo nel caso in cui un accordo ha implicazioni per soggetti terzi esiste, in generale, lo spazio per una disciplina legislativa. Ma se l’accordo riguarda soltanto i due contraenti non si vede proprio perché politici e burocrati debbano interferire. Se potessi, aggiungerei un 140° articolo alla nostra Costituzione: la legge non impedisca atti di capitalismo fra adulti consenzienti.

    Infine, quanto alla giaculatoria ripetuta fino alla nausea dai sinistri secondo cui con questa iniziativa vengono introdotti nuovi diritti, prescindendo dalla ridicola presunzione che i politici abbiano un potere illimitato di creare diritti (a costo zero?), si tratta solo del camuffamento di un vecchissimo vizietto dei sinistri: estendere senza limiti l’ambito dell’assistenzialismo di Stato, con le conseguenze arcinote per le nostre tasche e per la nostra libertà. Siamo passati da un assistenzialismo statale che andava “dalla culla alla tomba” ad uno in cui, se li lasciamo fare, andrà “dall’erezione alla resurrezione”!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Aug 2005
    Località
    fuoridaltrumanshow.blogspot.com - Idealmente: Palestina
    Messaggi
    1,973
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La legge sui DICO sarebbe un primo passo verso una piena flessibilità nel campo delle unioni civili. Dire no ad essa significa dire no al primo passo in quella direzione.

  3. #3
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da -Duca- Visualizza Messaggio
    Libero, 13 febbraio 2007
    di Antonio Martino

    Il numero dei commenti al disegno di legge di iniziativa governativa sui diritti dei conviventi è assolutamente spropositato e questo sia perché fra il dire ed il fare c’è di mezzo il Parlamento (e non si vede perché il governo non abbia lasciato ad esso l’iniziativa), sia perché il numero di persone da esso interessate è, credo, molto piccolo. Premetto che del provvedimento so solo quanto hanno scritto i giornali, il che non equivale a dire che sono informato: come sosteneva Mark Twain, se non leggi i giornali non sei informato, ma se li leggi sei disinformato. Malgrado ciò, corro il rischio di contribuire all’inflazione di commenti sul tema aggiungendo il mio personalissimo parere.

    Premetto che da quasi 40 anni pratico il matrimonio indissolubile e sono stato e sono felicissimo di questa mia scelta. Tuttavia, non mi è mai venuto in mente non dico di imporre ad altri la stessa opzione, ma nemmeno di predicarne la bontà. A me è andata benissimo, ma non è scritto da nessuna parte che ciò che va bene per me debba valere anche per altri. Sono fermamente convinto che ognuno di noi abbia, per usare le parole della dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti, un inalienabile diritto, non solo alla vita ed alla libertà, ma anche alla ricerca della felicità. Ognuno di noi compie le sue scelte in base alle proprie preferenze ed ha il diritto di farlo in piena libertà ma non ovviamente quello di imporle ad altri o di predicarne la superiore, assoluta bontà.

    Provo un certo fastidio nei confronti di quanti predicano con fervore illimitato il valore assoluto e generale della famiglia fondata sul matrimonio, specie quando i predicatori conducono una vita dedita al libertinaggio e pullulata di mogli abbandonate. Delle tre possibili categorie di cattolici – il cattolico liberale (pratica il cattolicesimo ma non ha la pretesa di imporlo agli altri), il cattolico integralista (che lo pratica e vuole imporlo agli altri), il cattolico libertino (non lo pratica ma vuole imporlo agli altri) – è quest’ultimo che maggiormente detesto.

    Detto questo, non vedo proprio perché tutti i casi possibili di non-matrimonio debbano essere regolamentati per legge in base ad un unico modello. Ritengo, invece, che queste situazioni, tutte quelle possibili e che non ricadono certo sotto un’unica fattispecie, debbano essere affidate a quello che è uno dei principi fondamentali del liberalismo, la libertà di contratto. In un magistrale articolo apparso sul Corriere della sera e poi ripreso dal Foglio del lunedì, Magdi Allam ci ha spiegato come nel mondo islamico il matrimonio sia semplicemente un contratto, redatto in fronte ad un notaio, le cui clausole sono stabilite dai contraenti in base alle proprie esigenze. In questo caso (e, temo, solo in questo) credo che dovremmo imitare il mondo islamico: non si vede perché le convivenze non-matrimoniali non possano essere regolate in base a quanto decidono le parti interessate. Se si seguisse questo elementare principio di civiltà liberale, sono certo che le regole adottate dai conviventi sarebbero molto diverse a seconda dei casi. Perché, invece, abbiamo la luciferina presunzione di imporre a tutti un vestito della stessa taglia? Perché non lasciamo che a decidere in base a quali regole convivere siano gli stessi interessati, che conoscono meglio di chiunque altro cosa sia meglio adottare nel loro interesse?

    La libertà di contratto è pre-condizione necessaria di moltissime libertà fondamentali. Se due adulti consenzienti vogliono stipulare un contratto su qualcosa che riguarda soltanto loro, che diritto ha lo Stato di impedirglielo? Solo nel caso in cui un accordo ha implicazioni per soggetti terzi esiste, in generale, lo spazio per una disciplina legislativa. Ma se l’accordo riguarda soltanto i due contraenti non si vede proprio perché politici e burocrati debbano interferire. Se potessi, aggiungerei un 140° articolo alla nostra Costituzione: la legge non impedisca atti di capitalismo fra adulti consenzienti.

    Infine, quanto alla giaculatoria ripetuta fino alla nausea dai sinistri secondo cui con questa iniziativa vengono introdotti nuovi diritti, prescindendo dalla ridicola presunzione che i politici abbiano un potere illimitato di creare diritti (a costo zero?), si tratta solo del camuffamento di un vecchissimo vizietto dei sinistri: estendere senza limiti l’ambito dell’assistenzialismo di Stato, con le conseguenze arcinote per le nostre tasche e per la nostra libertà. Siamo passati da un assistenzialismo statale che andava “dalla culla alla tomba” ad uno in cui, se li lasciamo fare, andrà “dall’erezione alla resurrezione”!

    Confermo quello che dico da mesi su Antonio Martino, l'uomo con la tessera umero due di FI: è uno dei leader liberali più autorevoli e degni di raccogliere l'eredità di Berlusconi come leader del cdx. Anche sui contratti davanti al notaio per le unioni dice benissimo.
    Bravo.

  4. #4
    Fiamma dell'Occidente
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Nei cuori degli uomini liberi. ---------------------- Su POL dal 2005. Moderatore forum Liberalismo.
    Messaggi
    38,156
    Mentioned
    131 Post(s)
    Tagged
    47 Thread(s)

    Predefinito

    Martino è come al solito un grande e ovviamente quello che scrive quelle assurdita al post #2 è piccolo piccolo e non ha nemmeno una idea del liberalismo, così prono com'è a fare leggi a "fare passi", quando bisognerebbe TORNARE INDIETRO coi passi e DISFARE leggi
    _
    P R I M O_M I N I S T R O_D I _P O L
    * * *

    Presidente di Progetto Liberale

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Aug 2005
    Località
    fuoridaltrumanshow.blogspot.com - Idealmente: Palestina
    Messaggi
    1,973
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Con la legge sui DICO si comincia a disfare una restrizione: l'imposizione del matrimonio come unica forma di convivenza civile possibile. E' sempre un'introduzione di maggiore flessibilità. Io sono sempre favorevole all'introduzione di maggiore flessibilità.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Aug 2005
    Località
    fuoridaltrumanshow.blogspot.com - Idealmente: Palestina
    Messaggi
    1,973
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Aggiungo: ribadisco, anche in questo caso, che secondo me bisogna rifuggire dall'ideologismo anarcoide.

  7. #7
    Fiamma dell'Occidente
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Nei cuori degli uomini liberi. ---------------------- Su POL dal 2005. Moderatore forum Liberalismo.
    Messaggi
    38,156
    Mentioned
    131 Post(s)
    Tagged
    47 Thread(s)

    Predefinito

    vanno abolite le regolamentazioni della famiglia "tipiche" e introdotta la libertà di negozio.
    _
    P R I M O_M I N I S T R O_D I _P O L
    * * *

    Presidente di Progetto Liberale

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Aug 2005
    Località
    fuoridaltrumanshow.blogspot.com - Idealmente: Palestina
    Messaggi
    1,973
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Esattamente, ma è un cammino graduale: da una sola forma possibile, a più forme possibili, a infinite forme possibili. Secondo me solo quando ci saranno molte forme tipiche si compirà il definitivo passo di abolire le forme tipiche, essendone a quel punto riconosciuta l'inutilità. Il cammino della storia lo si percorre passo passo, e se non si comincia a camminare non si arriva mai. Ed è per questo che la legge sui DICO sarebbe appunto un primo passo in questa direzione, perché avere due possibilità di negoziazione (matrimonio e DICO, e non so nemmeno se la legge sui DICO preveda una sola o più d'una tipologia di DICO), è sempre meglio che averne una sola, cioè il solo matrimonio, in quanto la moltiplicazione delle forme tipiche è il passo fondamentale per la loro abolizione.

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Mar 2010
    Messaggi
    2,448
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    i dico sono la cosa + illiberale ke esista è il bello ke passa per grande riforma liberale: il fondamento è il "vincolo affettivo", ma cosa è questo? come verificarlo? ad essere seri l'unico modo e vedere se la coppia consuma o meno e quindi mandare i vigli in camera da letto

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Mar 2010
    Messaggi
    2,448
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    sarebbe sicuramente valida la proposta di martino ke prevede dei liberi accordi privati depositati dal notaio o ancora meglio all'anagrafe.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Leggete qua...Pacs..Dico...Cus
    Di Klearchos nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-07-07, 16:52
  2. Dico e Pacs
    Di Nando Biondini nel forum Repubblicani
    Risposte: 73
    Ultimo Messaggio: 14-05-07, 15:02
  3. petizione NO DICO SI PACS
    Di benfy nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 06-03-07, 13:12
  4. perchè dico si aI pacs
    Di benfy nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 01-01-07, 23:36
  5. «Da liberale io dico: è una buona legge»
    Di Alberich nel forum Fondoscala
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 11-01-05, 13:12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226