User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: "Novità Politiche"

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    6,110
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    "Novità Politiche"

    Sebbene i tempi sono quelli che sono, e la situazione politica ci fa addirittura rimpiangere periodi oscuri della storia d’Europa, non possiamo non notare alcune novità che si stanno profilando anche nella zona “occidentale” del vecchio continente.
    Sono ormai anni che si cerca di analizzare la politica interna (e quindi anche internazionale) dei vari Stati europei, non dal punto di vista dei gruppi egemoni, cioè attraverso la dicotomia destra-sinistra, bensì proprio superando questa falsa opposizione partendo da una concezione antagonista al sistema liberale e capitalista a guida USA. Per come è conformato il mondo dell’informazione, della propaganda, delle idee, a causa del dominio di un certo tipo di cultura hollywoodiana asservita alle mafie oligarchiche, fino ad oggi parlare di superamento di destra e sinistra è stato come parlare al vento, si veniva ignorati se andava bene, considerati infiltrati di un qualsiasi estremismo nella maggior parte dei casi. In questo modo la cultura dominante è riuscita per anni a tenere ai margini idee talmente innovative e pericolose (per loro), da essere temute ed ostracizzate da tutti gli ambienti dominanti, ancora oggi impegnati a fomentare vecchi, inutili ed infami scontri fra presunti nemici irriducibili, rovinando la vita a troppe persone, rendendo futile l’impegno di ottimi rivoluzionari.
    Ma oggi qualcosa sta cambiando. E non solo grazie al successo dei più coraggiosi e illuminati ribelli, bensì a causa dello stesso sistema politico dominante liberal-democratico; infatti soprattutto nelle competizioni elettorali che si stanno svolgendo in questo periodo, troviamo fenomeni nuovi, che riflettono proprio il cambiamento dei tempi. Parliamo di tutti quei partiti o coalizioni governative fondati specificamente sull’affievolimento dei confini destra-sinistra. Un esempio lampante è la coalizione del governo in Germania, governo retto da una cosiddetta “grande coalizione” comprendente elementi di “destra” ed elementi di “sinistra”. Ma ancora più interessante è ciò che sta succedendo in Francia. Per le prossime elezioni presidenziali oltre al solito Le Pen che chiacchiera da anni di superamento destra-sinistra (definendosi di sinistra), c’è anche un altro partito, l’UDF, che sta facendo la campagna elettorale, con ottimi risultati (è qui il punto!), proprio sul superamento dell’opposizione già citata. Qui va subito inserita la fondamentale precisazione: quando si parla di superamento dell’opposizione destra-sinistra per creare un alternativa all’attuale sistema politico, economico e sociale di matrice nord americana, non si vuole certo indicare la costituzione di partiti o coalizioni come quelli citati per affrontare la lotta politica da un ottica rivoluzionaria, però queste esperienze sono utili per vari motivi. Infatti, anche se tali nuovi raggruppamenti sono apertamente filo-sistemici, filo-americani, filo- liberali ecc.. , anche se creano il loro superamento delle dicotomie in un ottica di inclusione dei democratici liberali in opposizione agli “altri”, la loro nascita è utilissima in quanto fanno entrare nell’arena politica, e proprio dalla porta principale controllata dalle guardie del capitale, le tematiche che da un ottica antagonista avevano problemi ad imporsi al grande pubblico. Ora, da qui a pochi anni, si parlerà tranquillamente di coalizioni o partiti oltre la destra e la sinistra, finalmente partiti che si definiranno non attraverso queste categorie ideologiche oggi false ed inutili, bensì avvicinandosi alla realtà, attraverso i più esattamente descrittivi termini “liberali” e “democratici”. Ciò sarà senza dubbio una spallata all’odierno sistema politico, fondato proprio sulla falsa alternanza destra-sinistra, utile solo per tenere distanti affini sentimenti rivoluzionari e sociali, che con la costituzione di entità formate dagli “amici del sistema” si troveranno anch’essi a dover riformulare le proprie parole d’ordine, le proprie fedi e convinzioni, dovranno confrontarsi con la dura realtà e non più con il mondo dei sogni che li teneva ai margini del mondo politico. Per affrontare i nuovi partiti “oltre la destra e la sinistra” capitalisti, dovranno porsi e si porranno, idee e realtà “oltre la destra e la sinistra” socialiste!
    Ancora una volta nella storia, sarà lo stesso sistema dominante a creare le basi per il cambiamento, cambiamento che deve però essere prontamente sfruttato, sin da oggi, da chi ha a cuore i destini della Comunità. Sicuramente la lotta non sarà agevole, il sistema si è sempre dimostrato forte e cercherà di evitare cambiamenti, conservando attraverso la reazione democratica (liberale) l’odierno ordine mondiale. Noi dobbiamo invece cogliere la palla al balzo, capire le nuove esperienze politiche e studiare strategie e tattiche all’altezza, senza avere paura di lasciarsi alle spalle convinzioni ormai totalmente inutili per agire efficacemente nella realtà.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Iscritto
    Data Registrazione
    20 Feb 2006
    Località
    "O Siamo Un Popolo Rivoluzionario O Cessiamo Di Essere Definitivamente Un Popolo Libero" ERNST NIEKISCH
    Messaggi
    2,083
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Combat1982 Visualizza Messaggio
    Sebbene i tempi sono quelli che sono, e la situazione politica ci fa addirittura rimpiangere periodi oscuri della storia d’Europa, non possiamo non notare alcune novità che si stanno profilando anche nella zona “occidentale” del vecchio continente.
    Sono ormai anni che si cerca di analizzare la politica interna (e quindi anche internazionale) dei vari Stati europei, non dal punto di vista dei gruppi egemoni, cioè attraverso la dicotomia destra-sinistra, bensì proprio superando questa falsa opposizione partendo da una concezione antagonista al sistema liberale e capitalista a guida USA. Per come è conformato il mondo dell’informazione, della propaganda, delle idee, a causa del dominio di un certo tipo di cultura hollywoodiana asservita alle mafie oligarchiche, fino ad oggi parlare di superamento di destra e sinistra è stato come parlare al vento, si veniva ignorati se andava bene, considerati infiltrati di un qualsiasi estremismo nella maggior parte dei casi. In questo modo la cultura dominante è riuscita per anni a tenere ai margini idee talmente innovative e pericolose (per loro), da essere temute ed ostracizzate da tutti gli ambienti dominanti, ancora oggi impegnati a fomentare vecchi, inutili ed infami scontri fra presunti nemici irriducibili, rovinando la vita a troppe persone, rendendo futile l’impegno di ottimi rivoluzionari.
    Ma oggi qualcosa sta cambiando. E non solo grazie al successo dei più coraggiosi e illuminati ribelli, bensì a causa dello stesso sistema politico dominante liberal-democratico; infatti soprattutto nelle competizioni elettorali che si stanno svolgendo in questo periodo, troviamo fenomeni nuovi, che riflettono proprio il cambiamento dei tempi. Parliamo di tutti quei partiti o coalizioni governative fondati specificamente sull’affievolimento dei confini destra-sinistra. Un esempio lampante è la coalizione del governo in Germania, governo retto da una cosiddetta “grande coalizione” comprendente elementi di “destra” ed elementi di “sinistra”. Ma ancora più interessante è ciò che sta succedendo in Francia. Per le prossime elezioni presidenziali oltre al solito Le Pen che chiacchiera da anni di superamento destra-sinistra (definendosi di sinistra), c’è anche un altro partito, l’UDF, che sta facendo la campagna elettorale, con ottimi risultati (è qui il punto!), proprio sul superamento dell’opposizione già citata. Qui va subito inserita la fondamentale precisazione: quando si parla di superamento dell’opposizione destra-sinistra per creare un alternativa all’attuale sistema politico, economico e sociale di matrice nord americana, non si vuole certo indicare la costituzione di partiti o coalizioni come quelli citati per affrontare la lotta politica da un ottica rivoluzionaria, però queste esperienze sono utili per vari motivi. Infatti, anche se tali nuovi raggruppamenti sono apertamente filo-sistemici, filo-americani, filo- liberali ecc.. , anche se creano il loro superamento delle dicotomie in un ottica di inclusione dei democratici liberali in opposizione agli “altri”, la loro nascita è utilissima in quanto fanno entrare nell’arena politica, e proprio dalla porta principale controllata dalle guardie del capitale, le tematiche che da un ottica antagonista avevano problemi ad imporsi al grande pubblico. Ora, da qui a pochi anni, si parlerà tranquillamente di coalizioni o partiti oltre la destra e la sinistra, finalmente partiti che si definiranno non attraverso queste categorie ideologiche oggi false ed inutili, bensì avvicinandosi alla realtà, attraverso i più esattamente descrittivi termini “liberali” e “democratici”. Ciò sarà senza dubbio una spallata all’odierno sistema politico, fondato proprio sulla falsa alternanza destra-sinistra, utile solo per tenere distanti affini sentimenti rivoluzionari e sociali, che con la costituzione di entità formate dagli “amici del sistema” si troveranno anch’essi a dover riformulare le proprie parole d’ordine, le proprie fedi e convinzioni, dovranno confrontarsi con la dura realtà e non più con il mondo dei sogni che li teneva ai margini del mondo politico. Per affrontare i nuovi partiti “oltre la destra e la sinistra” capitalisti, dovranno porsi e si porranno, idee e realtà “oltre la destra e la sinistra” socialiste!
    Ancora una volta nella storia, sarà lo stesso sistema dominante a creare le basi per il cambiamento, cambiamento che deve però essere prontamente sfruttato, sin da oggi, da chi ha a cuore i destini della Comunità. Sicuramente la lotta non sarà agevole, il sistema si è sempre dimostrato forte e cercherà di evitare cambiamenti, conservando attraverso la reazione democratica (liberale) l’odierno ordine mondiale. Noi dobbiamo invece cogliere la palla al balzo, capire le nuove esperienze politiche e studiare strategie e tattiche all’altezza, senza avere paura di lasciarsi alle spalle convinzioni ormai totalmente inutili per agire efficacemente nella realtà.

    Su!

  3. #3
    Iscritto
    Data Registrazione
    20 Feb 2006
    Località
    "O Siamo Un Popolo Rivoluzionario O Cessiamo Di Essere Definitivamente Un Popolo Libero" ERNST NIEKISCH
    Messaggi
    2,083
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 35
    Ultimo Messaggio: 28-09-13, 15:17
  2. Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 14-10-09, 15:48
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-07-08, 14:52
  4. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 09-03-08, 14:14
  5. "Novità politiche e nuove tattiche"
    Di Combat nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-02-07, 12:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225