User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Più mercato (del pesce)
    Data Registrazione
    20 Jun 2006
    Messaggi
    13,655
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Italietta: Produci? E io ti licenzio...

    Lamezia, giudice manager all'aeroporto
    Grandi profitti, ma lo vogliono cacciare


    Adesso è stato reintegrato: "Resisto. E molti cominciano a capire..."


    LA DISPERAZIONE, quando è certa e nera, obbliga ad essere creativi. Far divenire un giudice amministratore delegato dell'aeroporto era un azzardo di sicuro. Ma vi era altra scelta? Al sindaco di Lamezia Terme, la città calabrese dove le cosche della 'ndrangheta sono più cattive e più padrone, dove la classe politica troppe volte è tenuta a bada dai ricatti e qualche altra dalle bombe, bombe vere non petardi, e il primo cittadino - se vuol continuare a campare - deve vivere sotto scorta, parve necessario anche se un po' disperante interpellare il dottor Giuseppe Vitale, presidente vicario della Corte d'Appello di Catanzaro. Fu poco più di un anno fa che gli chiese: "Se la sentirebbe?". Vitale, alle soglie della pensione, capì che era venuto il momento di divorziare dalla prudenza e dalla ragione. "Accetto", rispose.

    Settant'anni, abituato per una vita unicamente a tenere il conto delle estorsioni e delle truffe, dei morti ammazzati e delle rapine, Vitale si insediò nel consiglio di amministrazione della Sacal, società aeroportuale calabrese. Una SpA che gestisce l'aeroporto di Lamezia Terme. Un'unica pista al centro della piana che segna in due la Calabria. La SpA, come quasi tutte le imprese in Calabria, è a prevalente capitale pubblico. Il comune di Lamezia Terme è l'azionista di maggioranza, alcuni privati (Aeroporti di Roma e Banca Carime) hanno però quote significative.

    Nel novembre del 2005 il giudice è nominato presidente e amministratore delegato della società. 2800 euro netti mensili, un affare per le casse pubbliche: "Sa com'è, godo già della pensione. Non bisogna mai strafare". Vitale inizia la sua nuova vita. Legge e legge. "Mi misi a studiare come un pazzo, volevo capire ogni cosa del sistema gestorio degli aeroporti, impossessarmi delle conoscenze sulla rete, e poi le altre esperienze, i successi d'impresa... Ero preoccupato, capirà".

    Già dai primissimi momenti liberi della lettura fa capire, per esempio, che non è necessario nè prudente premere per aggirare i vincoli e i criteri delle gare d'appalto. "Quando ho avuto sentore di qualche irregolarità, ho annullato la gara. Ecco tutto. Abbiamo rifatto e riscritto e alla fine l'offerta migliore ha vinto. Qui non si fa l'appaltuccio, l'aeroporto è un ente di diritto pubblico, abbiamo regole che impongono la trasparenza. Chi perde e si sente danneggiato ha il diritto di ricorrere".

    E' una rivoluzione per la Calabria. "Invece no, l'aereoporto non era gestito male, sarebbe una bugia dire il contrario. Però qualche correzione ci voleva, e soprattutto far capire alla gente che bussare all'amico sarebbe divenuta una perdita di tempo". Il giudice infatti non fa passare invano il tempo. "Anzitutto è stato ultimato l'ammodernamento della pista". Qualche milione di euro è costata: i soldi sono stati spesi e, incredibile per la Calabria, i lavori sono stati anche realizzati. I voli intanto aumentano: "Abbiamo aperto ai low cost, con Rayan Air abbiamo un volo per Londra, il primo collegamento internazionale. Eurofly invece ci permetterà di andare a New York. E sarà il primo intercontinentale". Dodici vettori in più, maggiori tratte, più servizi. E dunque più passeggeri, più soldi, più profitti. I movimenti di traffico, durante l'anno in cui a guidare l'aeroporto è stato chiamato il giudice, sono aumentati del 16,75 per cento rispetto a un meno 11,3 fissato nel consuntivo redatto dal manager dell'anno precedente. Diciotto milioni di euro di fatturato, sei, forse otto volte in più l'utile di esercizio (i conti ancora provvisori saranno ultimati in questo mese) rispetto al precedente. Da Lamezia si va a Roma (cinque volte al giorno), a Milano, Torino, Bologna, Venezia, Verona. A Zurigo, oltre che a Londra e prossimamente a New York. "Dobbiamo fare di più, ci sono i margini per aumentare rotte e volumi industriali. Intanto, se ce la facciamo, diamo il via ai lavori per ammodernare l'aerreostazione e ampliarla". Più passeggeri (un milione 357mila) più metri quadrati per le sale e l'imbarco (da 15 a 21mila).

    Contenti? Certo che sì. Anzi no. In Calabria se le ciambelle riescono col buco è certo che qualcuno ha taroccato lievito e farina.

    A metà novembre dello scorso anno infatti si presenta dal giudice un consigliere di amministrazione e a nome di una nutrita compagnia di colleghi (la maggioranza del consiglio) gli chiede di fare le valigie. "Viene da me e mi dice: "guarda che non puoi gestire la società come un'aula di tribunale. Ti devi dimettere". Gli rispondo che non solo non ci penso proprio. Aggiungo: e poi chi l'ha detto che il tribunale è un luogo di perdizione?".

    Gli oppositori, una cordata in cui si salda la Confindustria regionale e i rappresentanti della provincia e del comune di Catanzaro, anch'essi soci dello scalo, revocano con un blitz il mandato al giudice. Lo dimettono il 5 dicembre scorso notificando l'intendimento durante un consiglio di amministrazione. Vitale ricorre al tribunale. "Quella revoca era palesemente illegittima. Lo scrivo e lo documento. E infatti ho soddisfazione. Il giudice mi reintegra e l'11 dicembre l'ufficiale giudiziario mi riaccompagna al mio posto".

    Il giudice si risiede sulla poltrona e, ad oggi, è ancora là. "Resisto. Non so per quanto, questo non dipende da me. Ma farò il possibile per lasciare un buon ricordo". E la malavità? E le cosche? "Non mettono becco, non c'è odore di infiltrazione qui da noi. Sarà strano ma è vero. E' vero anche che, piano piano, si sta capendo che la legalità porta anche convenienze economiche. Non è orribile essere onesti. Se la gente lo capisce poi, pian piano, ci crede. Basta farci l'abitudine".

    Repubblica, 7.8.07

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Aug 2006
    Messaggi
    415
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tienici informati sui progressi.....le armi improprie agiscono non solo in Calabria ma in tutta Italia

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 Mar 2010
    Messaggi
    29,208
    Mentioned
    83 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gigionaz Visualizza Messaggio
    Lamezia, giudice manager all'aeroporto
    Grandi profitti, ma lo vogliono cacciare


    Adesso è stato reintegrato: "Resisto. E molti cominciano a capire..."




    A metà novembre dello scorso anno infatti si presenta dal giudice un Gli oppositori, una cordata in cui si salda la Confindustria regionale e i rappresentanti della provincia e del comune di Catanzaro, anch'essi soci dello scalo, revocano con un blitz il mandato al giudice. Lo dimettono il 5 dicembre scorso
    Repubblica, 7.8.07
    Perchè la Confindustria lo vuole dimettere? Vergogna!

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 Jun 2009
    Messaggi
    5,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    a quando un servizio su striscia la notizia con tapiro a montezemolo?
    e un portaaporta, ce lo negheranno?

  5. #5
    Ian è di guardia qui
    Data Registrazione
    17 Feb 2007
    Località
    East Sheen SW148NX Surrey UK
    Messaggi
    1,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tutti lo sanno che in Italia funziona cosi', nessuno penso si possa sorprendere

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 May 2005
    Località
    Nkosi sikeleli Afrika
    Messaggi
    12,880
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dav. c. G. Visualizza Messaggio
    Perchè la Confindustria lo vuole dimettere? Vergogna!
    Perché esistono non pochi imprenditori che sono in realtà dei redditieri. Incapaci di innovare, investire e rischiare, quando si accorgono di perdere un confronto sul terreno, quello dell'imprenditoria, dove pensavano di non dover competere, si spaventano e invece di correre a loro volta cercano di impedire agli altri di farlo. Insomma non cercano competizione, ma protezione. L'aumento di traffici dell'aeroporto implica aumento generale delle attività economiche nell'area e quindi più competizione. Quando l'incarico era stato dato ad un anziano ex-magistrato pensavano forse ad una gestione burocratica e raffazzonata, come quella che loro stessi conducono. Si sono trovati davanti a quello che loro non hanno mai visto o quando l'hanno visto hanno fuggito: un vero manager. Se quello continua così presto nella zona ci saranno imprese più dinamiche, attirate anche dalla facilità di comunicazione (l'aeroporto è una vera infrastruttura, non una magiatoia come il ponte sullo stretto), e questo significa concorrenti: questo è il pericolo che li terrorizza.

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 Mar 2010
    Messaggi
    29,208
    Mentioned
    83 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Nelson Visualizza Messaggio
    Perché esistono non pochi imprenditori che sono in realtà dei redditieri. Incapaci di innovare, investire e rischiare, quando si accorgono di perdere un confronto sul terreno, quello dell'imprenditoria, dove pensavano di non dover competere, si spaventano e invece di correre a loro volta cercano di impedire agli altri di farlo. Insomma non cercano competizione, ma protezione. L'aumento di traffici dell'aeroporto implica aumento generale delle attività economiche nell'area e quindi più competizione. Quando l'incarico era stato dato ad un anziano ex-magistrato pensavano forse ad una gestione burocratica e raffazzonata, come quella che loro stessi conducono. Si sono trovati davanti a quello che loro non hanno mai visto o quando l'hanno visto hanno fuggito: un vero manager. Se quello continua così presto nella zona ci saranno imprese più dinamiche, attirate anche dalla facilità di comunicazione (l'aeroporto è una vera infrastruttura, non una magiatoia come il ponte sullo stretto), e questo significa concorrenti: questo è il pericolo che li terrorizza.

    Bravo, come sempre.

 

 

Discussioni Simili

  1. O li licenzio o li armo
    Di Neva nel forum Sicilia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-12-08, 18:01
  2. Piu' produci petrolio, piu' sei terrorista.
    Di Daltanius nel forum Destra Radicale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 04-12-07, 23:12
  3. Produci consuma crepa (ma prima risarcisci)
    Di Folgore nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-12-06, 11:29
  4. E tu quanto antifascismo produci?
    Di Gianmario nel forum Fondoscala
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 28-07-05, 23:10
  5. PRODUCI, MANGIA, CREPA (produrre cosa?)
    Di iproscritti nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-11-04, 12:59

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226