User Tag List

Pagina 1 di 10 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 98
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    28 Nov 2011
    Messaggi
    704
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    La Città di Milano e gli Austriaci...L'inizio di una civiltà moderna

    MILANO Ringrazia gli austriaci....e rimpiange, la qualità della Vita....
    Vienna è al primo posto in europa....Milano in che posizione viene posta???
    Si avvicina l'anniversario 16.04.1707..6.04.2007....

    L'ingresso trionfale di Eugenio di Savoia Nei tre secoli che vanno dalla fine del Medioevo alla Rivoluzione francese - Cinquecento, Seicento e Settecento - funzionava in Italia uno strano "Bipolarismo": si doveva scegliere tra Francia e Spagna, poi, soprattutto nel Settecento, tra Francia ed Austria. Anche Milano si trovava in mezzo a questi contendenti, ma più che scegliere tra i due, la sua sorte era quella di essere scelta, o meglio conquistata, dal più forte tra i due avversari in lizza. Nel Cinquecento, dopo una guerra estenuante, era finita nelle mani della Spagna, che aveva poi governato il Ducato di Milano fino alla fine del Seicento. All'inizio del Settecento la partita si era riaperta, ma veniva giocata in modo curioso e complicato, assai difficile da decifrare per i frastornati cittadini di Milano. Il primo round dell'incontro si concluse quando "... il 16 aprile 1707, alle ore 10, incomincia la funzione del possesso che il serenissimo Eugenio [di Savoia] prende della città entratovi per Porta Romana e indi in Corte [Palazzo Reale], col ricevere tutti i tribunali ed Ambasciatori della città il giuramento di fedeltà e già tutti li restanti presìdi francesi della Lombardia se ne sono andati in santa pace coll'aiuto di Dio."
    Questa data per gli storici segnò il passaggio di Milano dal dominio spagnolo a quello austriaco, e questo passaggio fu celebrato con l'ingresso in città di un governatore piemontese - Eugenio di Savoia - che combatteva per l'Austria e la concomitante partenza dell'esercito francese, che combatteva per un re di Spagna, che era stato messo su quel trono da Luigi XIV, re di Francia. Da questo momento i milanesi abbandonarono la declinante potenza spagnola e si voltarono verso Oriente, dove gli Asburgo di Vienna stavano per vivere la loro ultima grande stagione politica che iniziò con la materna Maria Teresa e si concluse, nel Novecento, con il burbero e paterno Francesco Giuseppe.
    Da principio la città quasi non si accorse del cambiamento. Alcuni rimpiangevano la Spagna, una potenza lontana che lasciava fare i propri comodi al patriziato milanese. Altri nobili, compreso l'arcivescovo Archinto, sognavano una Milano francese e restavano in attesa degli eventi, pronti a schierarsi nuovamente con i nemici di Vienna. Il popolo, stanco degli Spagnoli e disgustato delle ruberie dei Francesi, guardava con qualche speranza il principe Eugenio, che, a dire il vero, oltre al essere un genio militare, stranamente era anche un uomo onesto ed un buon amministratore. L'inizio della dominazione austriaca a Milano fu, tutto sommato, abbastanza soddisfacente e bisogna dire che le attese non andarono in seguito deluse. Anzi, il periodo di Maria Teresa è ancora oggi ricordato con grande nostalgia dai milanesi come l'epoca che ha dato il via al successivo sviluppo economico della città. Pochi invece si ricordano del principe Eugenio di Savoia, il grande condottiero che consegnò Milano all'Austria e che fu governatore della città per i sette anni che segnarono il graduale passaggio dai metodi di governo spagnoli a quelli austriaci. Oggi pensa a lui forse soltanto qualcuno che abita nella via Principe Eugenio, una traversa di via Mac Mahon un po' fuori mano. Per chi ha voglia di incontrarlo, diciamo che al Museo di Milano in via Sant'Andrea, c'è un grande quadro fatto in occasione del suo primo ingresso a Milano che ci mostra il principe in Piazza del Duomo sul suo cavallo bianco, preceduto e seguito dalle truppe, tra due ali di folla plaudenti sui marciapiedi mentre le signore si sporgono curiose dalle finestre del Coperto dei Figini e dall'isolato del Rebecchino che contornavano l'antica piazza. Sullo sfondo, una fantastica facciata del Duomo, con due grandi torri-campanili ai lati, corrispondente ad un progetto un po' gotico e un po' barocco concepito nel Seicento e mai realizzato.

    Per informazioni: Dott.ssa MariaGrazia Tolfo e Dott. Paolo Colussi - Coordinamento Centro Educazione Permanente - Via Decorati Al Valor Civile 10 - tel. 02.73.06.87


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Apr 2005
    Messaggi
    293
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Gloria ai martiri delle cinque giornate di Milano del 1848! Morte a Franz, viva Oberdan! Viva la municipalità autonoma dei milanesi!

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,018
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da demokrat Visualizza Messaggio
    Gloria ai martiri delle cinque giornate di Milano del 1848! Morte a Franz, viva Oberdan! Viva la municipalità autonoma dei milanesi!
    Morte all'italia e agli italiani.

  4. #4
    itaglia stato canaglia
    Data Registrazione
    26 Aug 2006
    Località
    Busnago (Brianza Est)
    Messaggi
    1,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    Morte all'italia e agli italiani.
    Pacato e moderato

    Concordo comunque

    Se vedùm

  5. #5
    l'occasione fa l'uomo italiano
    Data Registrazione
    19 Sep 2006
    Messaggi
    2,814
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da demokrat Visualizza Messaggio
    Gloria ai martiri delle cinque giornate di Milano del 1848! Morte a Franz, viva Oberdan! Viva la municipalità autonoma dei milanesi!
    io rispetto i patrioti di allora. MA se vedessero lo scempio che lo stato itaglione ha fatto del loro patriottismo, si rivolterebbero nella tomba.
    AD REM AI LATI

  6. #6
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da semipadano Visualizza Messaggio
    io rispetto i patrioti di allora. MA se vedessero lo scempio che lo stato itaglione ha fatto del loro patriottismo, si rivolterebbero nella tomba.
    AD REM AI LATI
    Questo senza dubbio. Sempre e comunque ad rem ai lati.

  7. #7
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,018
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito I patrioti di allora

    Citazione Originariamente Scritto da semipadano Visualizza Messaggio
    io rispetto i patrioti di allora. MA se vedessero lo scempio che lo stato itaglione ha fatto del loro patriottismo, si rivolterebbero nella tomba.
    AD REM AI LATI
    "Generle, semm stàa minga numm, hinn stàa i sciori".
    Sono stati i berlusconi dell'epoca.

  8. #8
    Padania libera dai padioti
    Data Registrazione
    14 Jun 2002
    Messaggi
    2,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Grazie alla classe dirigente padiota , Milano cominciò lentamente a sprofondare nella brodaglia italiota.

    Troppo impegnativo per la nobiltà e grande borghesia milanese sottostare alle regole imposta da Vienna.Impossibile per i Berlusconi dell' epoca già abituati ai duetti con gli antenati di apicella e di Gigi d'Alessio

    Da lì un susseguirsi di eventi gloriosi , dalle guerre malamente perse o vinte senza onore, alla distruzione sistematica della città nel suo aspetto originale ed autentico per far posto a mostri urbanistici e alla cacca sui marciapiedi.

    E poi via via sempre verso nuovi traguardi di civiltà italiota.L' immigrazione selvaggia di centinaia di miglia di terroni , perchè Milano deve produrre e ha il cuore in mano.

    Segue il corollario di milanesi idioti che cantano l' accoglienza di questa plebaglia violenta e strafottente che viene si accomoda, sozza, insudicia e insulta.

    Il risultato finale è una città irriconoscibile, sozza, disorganizzata come le città cloaca del mediterraneo ma che offre a tutti un opportunità e fa sentire estranei gli unici che avrebbero diritto di sentirsi a casa propria.

  9. #9
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da terry-volpe Visualizza Messaggio
    MILANO Ringrazia gli austriaci....e rimpiange, la qualità della Vita....
    Vienna è al primo posto in europa....Milano in che posizione viene posta???
    Si avvicina l'anniversario 16.04.1707..6.04.2007....

    L'ingresso trionfale di Eugenio di Savoia Nei tre secoli che vanno dalla fine del Medioevo alla Rivoluzione francese - Cinquecento, Seicento e Settecento - funzionava in Italia uno strano "Bipolarismo": si doveva scegliere tra Francia e Spagna, poi, soprattutto nel Settecento, tra Francia ed Austria. Anche Milano si trovava in mezzo a questi contendenti, ma più che scegliere tra i due, la sua sorte era quella di essere scelta, o meglio conquistata, dal più forte tra i due avversari in lizza. Nel Cinquecento, dopo una guerra estenuante, era finita nelle mani della Spagna, che aveva poi governato il Ducato di Milano fino alla fine del Seicento. All'inizio del Settecento la partita si era riaperta, ma veniva giocata in modo curioso e complicato, assai difficile da decifrare per i frastornati cittadini di Milano. Il primo round dell'incontro si concluse quando "... il 16 aprile 1707, alle ore 10, incomincia la funzione del possesso che il serenissimo Eugenio [di Savoia] prende della città entratovi per Porta Romana e indi in Corte [Palazzo Reale], col ricevere tutti i tribunali ed Ambasciatori della città il giuramento di fedeltà e già tutti li restanti presìdi francesi della Lombardia se ne sono andati in santa pace coll'aiuto di Dio."
    Questa data per gli storici segnò il passaggio di Milano dal dominio spagnolo a quello austriaco, e questo passaggio fu celebrato con l'ingresso in città di un governatore piemontese - Eugenio di Savoia - che combatteva per l'Austria e la concomitante partenza dell'esercito francese, che combatteva per un re di Spagna, che era stato messo su quel trono da Luigi XIV, re di Francia. Da questo momento i milanesi abbandonarono la declinante potenza spagnola e si voltarono verso Oriente, dove gli Asburgo di Vienna stavano per vivere la loro ultima grande stagione politica che iniziò con la materna Maria Teresa e si concluse, nel Novecento, con il burbero e paterno Francesco Giuseppe.
    Da principio la città quasi non si accorse del cambiamento. Alcuni rimpiangevano la Spagna, una potenza lontana che lasciava fare i propri comodi al patriziato milanese. Altri nobili, compreso l'arcivescovo Archinto, sognavano una Milano francese e restavano in attesa degli eventi, pronti a schierarsi nuovamente con i nemici di Vienna. Il popolo, stanco degli Spagnoli e disgustato delle ruberie dei Francesi, guardava con qualche speranza il principe Eugenio, che, a dire il vero, oltre al essere un genio militare, stranamente era anche un uomo onesto ed un buon amministratore. L'inizio della dominazione austriaca a Milano fu, tutto sommato, abbastanza soddisfacente e bisogna dire che le attese non andarono in seguito deluse. Anzi, il periodo di Maria Teresa è ancora oggi ricordato con grande nostalgia dai milanesi come l'epoca che ha dato il via al successivo sviluppo economico della città. Pochi invece si ricordano del principe Eugenio di Savoia, il grande condottiero che consegnò Milano all'Austria e che fu governatore della città per i sette anni che segnarono il graduale passaggio dai metodi di governo spagnoli a quelli austriaci. Oggi pensa a lui forse soltanto qualcuno che abita nella via Principe Eugenio, una traversa di via Mac Mahon un po' fuori mano. Per chi ha voglia di incontrarlo, diciamo che al Museo di Milano in via Sant'Andrea, c'è un grande quadro fatto in occasione del suo primo ingresso a Milano che ci mostra il principe in Piazza del Duomo sul suo cavallo bianco, preceduto e seguito dalle truppe, tra due ali di folla plaudenti sui marciapiedi mentre le signore si sporgono curiose dalle finestre del Coperto dei Figini e dall'isolato del Rebecchino che contornavano l'antica piazza. Sullo sfondo, una fantastica facciata del Duomo, con due grandi torri-campanili ai lati, corrispondente ad un progetto un po' gotico e un po' barocco concepito nel Seicento e mai realizzato.

    Per informazioni: Dott.ssa MariaGrazia Tolfo e Dott. Paolo Colussi - Coordinamento Centro Educazione Permanente - Via Decorati Al Valor Civile 10 - tel. 02.73.06.87

    Così mi sembra che si trascuri un po' il tempo in cui Milano era la capitale del regno capeggiato prima dai Visconti e poi dagli Sforza... e non mi risulta che in quel periodo Milano ed il ducato stessero male, anzi.
    A volte trovo tutto questo amore verso l'Austria un po' forzato...

  10. #10
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da LosVonRom Visualizza Messaggio
    Grazie alla classe dirigente padiota , Milano cominciò lentamente a sprofondare nella brodaglia italiota.

    Troppo impegnativo per la nobiltà e grande borghesia milanese sottostare alle regole imposta da Vienna.Impossibile per i Berlusconi dell' epoca già abituati ai duetti con gli antenati di apicella e di Gigi d'Alessio

    Da lì un susseguirsi di eventi gloriosi , dalle guerre malamente perse o vinte senza onore, alla distruzione sistematica della città nel suo aspetto originale ed autentico per far posto a mostri urbanistici e alla cacca sui marciapiedi.

    E poi via via sempre verso nuovi traguardi di civiltà italiota.L' immigrazione selvaggia di centinaia di miglia di terroni , perchè Milano deve produrre e ha il cuore in mano.

    Segue il corollario di milanesi idioti che cantano l' accoglienza di questa plebaglia violenta e strafottente che viene si accomoda, sozza, insudicia e insulta.

    Il risultato finale è una città irriconoscibile, sozza, disorganizzata come le città cloaca del mediterraneo ma che offre a tutti un opportunità e fa sentire estranei gli unici che avrebbero diritto di sentirsi a casa propria.
    Quoto in pieno.
    Un post da incorniciare.

 

 
Pagina 1 di 10 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 30-10-10, 11:13
  2. Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 29-12-08, 17:53
  3. Città di virtuale di Milano
    Di Centro-Laico nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 01-07-07, 19:54
  4. Milano, la destra radicale ha dato una lezione di civiltà
    Di italoconservatore nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 512
    Ultimo Messaggio: 14-05-06, 17:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226