User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    sognatore
    Data Registrazione
    11 Nov 2004
    Località
    "Viviamo tutti sotto il medesimo cielo, ma non abbiano lo stesso orizzonte" K. Adenauer
    Messaggi
    735
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il Riformista - sempre Gabrio Casati - la sanita' campana

    da Il Riformista 27-03-2007)

    Il 14 marzo è stato firmato il piano di rientro del debito sanitario della Campania, altri 3,7 miliardi di euro prendono il largo per trasformare un disastro amministrativo e finanziario in una storia di successo da poter “dedicare alle donne e ai bambini di Napoli”. Esattamente come nel caso del Lazio, ai cospicui stanziamenti di risorse pubbliche statali fanno corrispondono una serie di pesanti quanto generici impegni regionali finalizzati a incrementare l’efficienza del sistema sanitario e la riduzione delle spese. Come nel caso laziale, non vi è alcuna chiarezza su quali siano gli strumenti a disposizione dello Stato per sanzionare comportamenti regionali non in linea con quelli previsti dall’accordo. Si ripropone dunque lo scandalo del nostro federalismo formato da regioni con molti poteri e nessun dovere e da uno Stato che utilizza le risorse che trae principalmente dal Nord per ripianare gigantesche perdite delle regioni principalmente centro-meridionali (non basta il caso Liguria a definire una questione“nazionale” sui deficit sanitari), senza pretendere da queste ultime né impegni né pagamenti.

    Poche settimane dopo che Moody’s riconferma il rating “Aa1” alla regione Lombardia (non potendo riconoscerle il più alto Aaa in quanto regione priva di autonomia impositiva), la Campania (rating “A3”) non solo riceve 3,7 miliardi di euro, ma annuncia contestualmente, per bocca del suo Presidente, la disponibilità a finanziare l’Alta Velocità Napoli-Bari con 2 miliardi di euro.

    Come è possibile assistere allo spettacolo di una Regione nelle condizioni della Campania con un debito regionale pro capite di 613 euro contro i 113 della Lombardia, un’intensità di evasione fiscale tra le più alte del Paese (a Napoli ogni 100 euro di imponibile Irap dichiarato 38,4 sono evasi, a Milano 6,2) e un sistema sanitario al collasso che spinge molti cittadini a lunghi viaggi per potersi curare (la Lombardia ha una delle migliori performance nel rapporto spesa sanitaria/PIL, una spesa pro capite tra le più basse d’Italia, spesa farmaceutica in diminuzione e un saldo ampiamente positivo in entrata nella mobilità sanitaria) che si permette il lusso di anticipare (!) 2 miliardi di euro per un’opera pubblica importante, ma certamente non urgente né remunerativa quanto la Milano-Verona o la Milano-Genova, sulle quali, al contrario, la ricca e virtuosa Regione Lombardia non può permettersi di anticipare un solo euro?

    Questa da Bologna in giù si chiama “solidarietà nazionale”. Il problema è: fino a quando reggerà?

    Nessuno contesta il fatto che territori più ricchi forniscano un supporto a quelli in difficoltà. Ma come può un territorio ricco e gestito in modo infinitamente più efficiente di molti altri, principale fonte di quelle risorse che servono a ripianare i debiti degli altri e attanagliato da una sottodotazione infrastrutturale gravissima, assistere inerme a uno stanziamento di 2 miliardi di una Regione appena soccorsa dallo Stato con 3,7 miliardi per dissesto dei conti sanitari?

    Sono davvero convinti, là nella caput mundi, che prima o poi qualche lontana provincia del suo piccolo impero non decida che a queste condizioni non valga più la pena di giocare? Il sottotitolo dell’ultimo libro di Luca Ricolfi – “E’ ancora possibile salvare l’unità d’Italia?” – a molti potrà non piacere, ma se questi sono i messaggi che “la società del rischio” – citando sempre l’autore di “Le tre società” – continua a ricevere, forse quella domanda ha una risposta molto più concreta e ravvicinata di quanto non si possa percepire nella Capitale.

    Se qualcuno nei vagoni in coda al convoglio continua a tirare il freno di emergenza e chiedere il solito intervento del capotreno, il gancio che li tiene alla locomotiva prima o poi si spezza. E se non si spezza, qualcun altro nei vagoni di testa potrebbe anche cominciare a rendersi conto che non vi è più nessun interesse a condividere lo stesso lo stesso convoglio, la stessa velocità, lo stesso tragitto.

    Con la Lega occupata a condurre battaglie sulle radici cristiane e disposta a mollare dalla sera al mattino un assessore regionale – Alessandro C’è – che forse qualche ragione poteva averla nella vicenda dei pronto soccorso, il centro sinistra a trazione romano-meridionale e del tutto sconnesso dalle dinamiche dei territori del Nord e Forza Italia del tutto evanescente (populisticamente attorcigliata intorno a un’emergenza criminalità che invece è stabile dagli anni ’70), chi sarà in grado di rispondere alla questione ben più sostanziale della generazione e redistribuzione delle risorse in ambito nazionale?


    La questione è di drammatica attualità perché il trasferimento di risorse dal Nord al centro ha assunto dimensioni insostenibili e perché i presupposti economici che, da Nord, hanno giustificato e reso profittevole l’unità del Paese sono scomparsi, sulla spinta dell’apertura dei mercati e dell’integrazione comunitaria. Quindi, è forse il caso di ammettere che, a queste condizioni, se qualcuno staccasse quel gancio, al Nord non molti se ne scandalizzerebbero.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,589
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da raggioverde Visualizza Messaggio

    da Il Riformista 27-03-2007)



    Quindi, è forse il caso di ammettere che, a queste condizioni, se qualcuno staccasse quel gancio, al Nord non molti se ne scandalizzerebbero.

    e chi lo dovrebbe staccare quel gancio?
    per qualche anno è sembrata possibile questa ipotesi,
    ma sappiamo com'è andata a finire.........

    se invece aspetti l'esasperazione della gente,
    stai fresco;

    la maturazione delle coscienze è affidata alla
    catechesi di stampa e tv indipendenti..........



  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Altro ottimo articolo dopo quello sulla sanità laziale, con dati e frasi che non lasciano spazio a commenti: che qualcuno apra finalmente gli occhi.

    In Europa chi ha pigiato il tasto dell'indipendentismo senza remore comincia a raccogliere pian piano successi in questi ultimi anni. Avremmo potuto farlo anche noi, visto il peggiorare continuo dello stato italiota, come si evince sempre maggiormente dalle varie inchieste di tv e giornali. Ma forse per taluni era meglio un crocifisso o una cena arcoriensis in più, rispetto alla libertà.

 

 

Discussioni Simili

  1. sempre tagli alla sanità,,,, mai che taglino
    Di anton nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-10-13, 21:18
  2. La sanità come è ora non sarà sempre sostenibile
    Di Iannis nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 04-12-12, 20:06
  3. Efficienza della sanità campana
    Di Scarpon nel forum Padania!
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 05-10-11, 21:21
  4. La Sanita' Sempre Peggio.
    Di Lillina nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-11-06, 18:09
  5. Tra partito riformista e sanità privata. Ecco cosa dice Fassino
    Di Barbera nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 28-10-04, 15:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226