User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15
  1. #1
    Dios, Patria, Fueros, Rey
    Data Registrazione
    29 May 2004
    Messaggi
    909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation Afghanistan, Iraq? Ritirarsi. Siamo Conservatori

    (dal 3d sul sondaggio: meritava un posto a parte per non sovrapporre i temi)

    Vorrei allargare il discorso, soffermandomi su una questione centrale riguardante la nostra Identità. Vogliamo chiederci una volta per tutte CHI SONO (e cosa sono diventati) I CONSERVATORI?

    I nodi sul tappeto sono due:

    - La maggior parte degli odierni conservatori, traviati dalle teorie dei marxisti neocon, non è più quella delle "Radici profonde non gelano" ma quella di "Un altro mondo è possibile". I più autentici depositari del Realismo sono diventati in definitiva i peggiori sostenitori dell'Utopia ideologica. Ora basta, mi sono stufato: non ce la faccio più a difendere teorie e boutade verbali che giustificano guerre assurde e ignorano emergenze ben più pressanti (e ho citato solo il Darfur...). Perdonami Ugo, non è un'accusa diretta, ma per quanto sia uno slogan non condivido neanche il senso profondo del "restare fino a quando non verrà eliminato l'ultimo talebano" o (altro forumista) "combattere con ogni mezzo Al Qaeda": è realistico? E' fattibile? E' praticabile? Andiamo oltre gli spot e diciamo a questo punto come si fa. Intendiamo chiedere anche le mutande agli italici contribuenti per restare in Afghanistan qualche altro decennio o ci organizziamo per comprare altre casse di mogano per chi morirà in difesa dei prossimi pozzi? (non è il caso dell’Afghanistan, è evidente. E’ la logica complessiva che contesto). Ripeto, se andiamo in Corea del Nord o in Darfur dove non c’è mezzo oleodotto, i soldi ce li metto anch’io a nome dei vecchi conservatori realisti, ma siccome non succederà mai, non intendo partecipare alla prossima spedizione “umanitaria” già decisa dal signor Cheney per far quadrare i conti di famiglia.

    - Per semplificare (fin troppo) ci diciamo filoamericani, d’accordo, ma non siamo un’associazione di amicizia Italia-Stati Uniti che accetta TUTTI gli aspetti degli Usa (dai fast-food al liberismo, dal sistema sanitario ai neocon). I conservatori si identificano in UN PEZZO BEN CIRCOSCRITTO della tradizione politica americana e questo non significa certo dover starnutire in contemporanea con la Casa Bianca. Sono un Conservatore anzitutto, non un facilone che si ingrifa per qualsiasi gingillo (concreto o ideale) che sa di Nuovo mondo. Già essere conservatori non significa identificarsi automaticamente con tutto il partito repubblicano, figurariamoci se si arriva a stabilire l’equazione conservatore=burattino nelle mani degli Usa. Il pilastro è il tradizionalismo di Russell Kirk, non la General Motors o i grattacieli a punta. Sono al limite dell’antiamericanismo? Un amante vero, che non perde la dignità causa spiccata tendenza a inzerbinirsi, è quello che ama con giudizio per difendere la propria autorevolezza e credibilità.

    Viva l’America profonda, splendidamente generosa e ancorata ai Valori cristiani. Abbasso l’America delle guerre luride e del profitto senza scrupoli che uccide gli uomini e le bellezze di questo pianeta agonizzante.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Qualche tempo fa ho risposto ad una domanda posta da Defender,sui rapporti fra Conservatori ed America:

    http://www.politicaonline.net/forum/...d.php?t=323095

    Tornando però al tema in esame,con tutta sincerità,nonostante le storture,gli errori,le strategie sbagliate,non me la sento di dire: "ritiriamoci da Afghanistan e Iraq".
    O meglio,questo ritiro prima o poi dovrà essere pur fatto,ma a lavoro compiuto,se si può dire così.
    Cosa accadrebbe con un ritiro immediato? Fatto oggi?
    La risposta è semplice: un macello.
    Iraq diviso in tre,guerra civile,centinaia e centinaia di morti al giorno,e non solo per via di attentati: si rasenterebbe il genocidio.
    Afghanistan fuori controllo,ritorno dei Talebani in tutto il paese. Possibilità per Al Quaeda di organizzare vasti campi di addestramento;protezione assoluta per i vertici(=Bin Laden).
    No,la situazione è molto,ma molto difficile,ma non disperata,a tal punto da abbandonare governi legittimi e provocare stermini quotidiani.
    Lo so,il "lavoro compiuto" è ben lungi dal realizzarsi.
    Non è detto poi che debbe per forza prevedere una pace e una tranquillità assolute!
    Ma al presente un ritiro equivarrebbe al disastro definitivo,a mio modesto parere.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    18,319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Che posso dire, l'America profonda che piace a me, non é certo quella del cinema progressista, quella dei gay, della droga libera, delle convivenze, della coca cola e zero cultura per intenderci.

    L'America che piace a me, non é quella delle guerre in giro per il mondo per il dominio del mondo, quella delle guerre motivate da menzogne, come la Rivoluzione Americana.

    L'America che piace a me é penso la medesima di Italianhawk83, è quella dei valori cristiani, quella ancorata a radici plurisecolari, quella di fratellanza cristiana, quella dei confederati, quella dei conservatori di un tempo, quella dei canadesi che senza spargimenti di sangue.

    E' indispensabile secondo me, per chiamarsi conservatori, essere almeno consapevoli di ciò, che esistono due americhe, una progressista, laicista, radicale e liberal, ed una antica, conservatrice, cristiana, che si ribella per dirne una, alla fecondazione assistita e all'aborto, che punisce i criminali e non lascia loro in libertà.

    No al ritiro, per non lasciarla vinta ai terroristi, per non lasciarla vinta ai comunisti nostrani, per non lasciare popoli indifesi sotto terribili criminali....no alle menzogne per fare la guerra, no alle stupide regolamentazioni Onu, si a più giustizia nei rapporti internazionali.
    NOI SIAMO LA VERA ITALIA !
    RICOSTRUIAMO LA NOSTRA PATRIA !

  4. #4
    Dios, Patria, Fueros, Rey
    Data Registrazione
    29 May 2004
    Messaggi
    909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da zaffo Visualizza Messaggio
    Qualche tempo fa ho risposto ad una domanda posta da Defender,sui rapporti fra Conservatori ed America:

    http://www.politicaonline.net/forum/...d.php?t=323095

    Tornando però al tema in esame,con tutta sincerità,nonostante le storture,gli errori,le strategie sbagliate,non me la sento di dire: "ritiriamoci da Afghanistan e Iraq".
    O meglio,questo ritiro prima o poi dovrà essere pur fatto,ma a lavoro compiuto,se si può dire così.
    Cosa accadrebbe con un ritiro immediato? Fatto oggi?
    La risposta è semplice: un macello.
    Iraq diviso in tre,guerra civile,centinaia e centinaia di morti al giorno,e non solo per via di attentati: si rasenterebbe il genocidio.
    Afghanistan fuori controllo,ritorno dei Talebani in tutto il paese. Possibilità per Al Quaeda di organizzare vasti campi di addestramento;protezione assoluta per i vertici(=Bin Laden).
    No,la situazione è molto,ma molto difficile,ma non disperata,a tal punto da abbandonare governi legittimi e provocare stermini quotidiani.
    Lo so,il "lavoro compiuto" è ben lungi dal realizzarsi.
    Non è detto poi che debbe per forza prevedere una pace e una tranquillità assolute!
    Ma al presente un ritiro equivarrebbe al disastro definitivo,a mio modesto parere.

    Quante altre vittime dovrà costare il "compimento di questo lavoro"? E per quanti ANNI (a meno che non si pensi che siano sufficienti POCHI mesi...) siamo disponibili a rimanere? Questo "macello" è stato provocato da un intervento sconsiderato per disinvoltura e carico di menzogne (Iraq) e da una gestione della situazione "post-bellica" quantomeno sconcertante (Afghanistan) da parte degli americani.
    Non sono disponibile a far uccidere altri italiani, statunitensi, britannici... da questi bastardi fanatici. Andandocene ci arrenderemmo mentre restando li SCONFIGGEREMMO e PACIFICHEREMMO l'area?
    Appunto: "Un altro mondo è possibile", "Gli uomini sono tutti uguali" e "Il nero è più scuro del bianco"...

    Missioni a parte, come la pensate a proposito della mia critica sull'attuale modello "conservatore"?

  5. #5
    Dios, Patria, Fueros, Rey
    Data Registrazione
    29 May 2004
    Messaggi
    909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Gilbert I Visualizza Messaggio
    Che posso dire, l'America profonda che piace a me, non é certo quella del cinema progressista, quella dei gay, della droga libera, delle convivenze, della coca cola e zero cultura per intenderci.

    L'America che piace a me, non é quella delle guerre in giro per il mondo per il dominio del mondo, quella delle guerre motivate da menzogne, come la Rivoluzione Americana.

    L'America che piace a me é penso la medesima di Italianhawk83, è quella dei valori cristiani, quella ancorata a radici plurisecolari, quella di fratellanza cristiana, quella dei confederati, quella dei conservatori di un tempo, quella dei canadesi che senza spargimenti di sangue.

    E' indispensabile secondo me, per chiamarsi conservatori, essere almeno consapevoli di ciò, che esistono due americhe, una progressista, laicista, radicale e liberal, ed una antica, conservatrice, cristiana, che si ribella per dirne una, alla fecondazione assistita e all'aborto, che punisce i criminali e non lascia loro in libertà.

    No al ritiro, per non lasciarla vinta ai terroristi, per non lasciarla vinta ai comunisti nostrani, per non lasciare popoli indifesi sotto terribili criminali....no alle menzogne per fare la guerra, no alle stupide regolamentazioni Onu, si a più giustizia nei rapporti internazionali.
    Siamo d'accordo Gilbert: ci piace lo stesso modello.
    Il punto è che non esiste un'America liberal e progressista e un'altra tradizionalista e cristiana, ma una liberal, una che si finge conservatrice e propone di esportare le mirabili sorti democratiche bombardando mezzo mondo (ma solo i pezzi che convengono per guadagnarci una cariolata di piccioli a qualsiasi prezzo) e una effettivamente antica (splendido aggettivo) e legata ai Valori cristiani. Purtroppo quest'ultima, quella in cui tanto mi riconosco, patisce l'egemonia che neocon e finto repubblicani alla Giuliani esercitano sulla destra americana.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    18,319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Missioni a parte, come la pensate a proposito della mia critica sull'attuale modello "conservatore"?
    Concordo su tutto ma fino al punto di dire che tra terroristi islamici e americani occorre lo stesso fare una scelta e per quanto terribile sia, occorre scegliere gli americani, di gran lunga il male minore.

    Personalmente, ritengo vergognoso che il nostro esercito non possa fare l'esercito, ma essendo dominati da 60 anni di classe politica che ci tratta da pecore, non possiamo aspettarci diverso trattamento...anche se indossiamo l'uniforme...

    In Afghanistan e in Iraq ci sono stati errori politici ENORMI, PALESI e GROSSOLANI.

    In Afghanistan, gli americani hanno vanificato 30 anni di resistenza ai talebani ed ai comunisti di Massud, il Leone, capo della resistenza monarchica e dell'Alleanza del Nord....purtroppo assassinato dai talebani il 9/9/2001..
    In Afghanistan ricordo, ai tempi della Monarchia le donne potevano andare in discoteca a ballare, potevano andare a studiare a scuola, potevano lavorare.
    Avevano più libertà di quelle attuali post liberazione americana.

    Perfino Blair era d'accordo a ripristinare la Monarchia, con Re Zahir, di fatto mai abolita, che avrebbe unito gli afghani e tolto tantissimo spessore alla rivoltà talebana.
    Lo stesso Karzai é monarchico.....

    Vabbeh...purtroppo a comandare sono gli americani, e nonostante trovi che facciano bene a combattere il terrorismo, restano americani...
    NOI SIAMO LA VERA ITALIA !
    RICOSTRUIAMO LA NOSTRA PATRIA !

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    18,319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Italianhawk83 Visualizza Messaggio
    Siamo d'accordo Gilbert: ci piace lo stesso modello.
    Il punto è che non esiste un'America liberal e progressista e un'altra tradizionalista e cristiana, ma una liberal, una che si finge conservatrice e propone di esportare le mirabili sorti democratiche bombardando mezzo mondo (ma solo i pezzi che convengono per guadagnarci una cariolata di piccioli a qualsiasi prezzo) e una effettivamente antica (splendido aggettivo) e legata ai Valori cristiani. Purtroppo quest'ultima, quella in cui tanto mi riconosco, patisce l'egemonia che neocon e finto repubblicani alla Giuliani esercitano sulla destra americana.

    purtroppo tra l'America Liberal Progressista e quelal Conservatrice, o Antica come piace a noi, esistono varie sfumature, da Giuliani a Arnold, da Bush a persone decisamente migliori di lui.

    Purtroppo la forza delle derive alla "fini", che si verificano in tutto il mondo, non solo in Italia, sono legate alla mancata capacità politica e culturale che abbiamo come conservatori di fare fronte comune....per lo meno riguardo i grandi temi.
    NOI SIAMO LA VERA ITALIA !
    RICOSTRUIAMO LA NOSTRA PATRIA !

  8. #8
    Dios, Patria, Fueros, Rey
    Data Registrazione
    29 May 2004
    Messaggi
    909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Gilbert I Visualizza Messaggio
    Concordo su tutto ma fino al punto di dire che tra terroristi islamici e americani occorre lo stesso fare una scelta e per quanto terribile sia, occorre scegliere gli americani, di gran lunga il male minore.
    E figuriamoci Gilbert: non si discute la scelta.
    E' solo che quel "male minore" a cui ci hanno abituato potrebbe tornare a essere il migliore degli attori internazionali. Con una nuova politca estera e un calcio in culo a Kristol, Pipes & C.

  9. #9
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Comunque io ci andrei piano a giudicare in modo così tagliente il fenomeno "neo-con".
    A maggior ragione visto che, a parere di molti (Flavio Felice, ad esempio) l'"appendice" teo-con è da ascrivere totalmente alla corrente dei neoconservatori.

    E liquidare Weigel come "marxista" è una specie di eresia :P

    Ci sono aspetti del neoconservatorismo che, secondo me, vanno assolutamente salvati. La "moralizzazione", ad esempio.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    18,319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Italianhawk83 Visualizza Messaggio
    E figuriamoci Gilbert: non si discute la scelta.
    E' solo che quel "male minore" a cui ci hanno abituato potrebbe tornare a essere il migliore degli attori internazionali. Con una nuova politca estera e un calcio in culo a Kristol, Pipes & C.
    magari...magari...magari...magari.....
    NOI SIAMO LA VERA ITALIA !
    RICOSTRUIAMO LA NOSTRA PATRIA !

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Gli USA iniziano a ritirarsi dall'iraq: è festa a baghdad
    Di MaRcO88 nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 06-07-09, 11:21
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 16-07-07, 13:53
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-02-05, 05:22
  4. Berlusconi:Ritirarsi dall'Iraq sarebbe un oltraggio ai caduti
    Di peppe (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-05-04, 00:58
  5. Più del 60% degli italiani vogliono ritirarsi subito dall'Iraq
    Di brunik nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 23-04-04, 18:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226