User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Mar 2010
    Messaggi
    2,448
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La via Liberaldemocratica

    "La via Liberal-democratica"

    di G.Postorino e A. Papini

    Mettendo da parte la questione generazionale, che da anni vede battersi tenacemente i giovani repubblicani e sulla quale continuiamo comunque ad insistere, riteniamo che debba farsi un’analisi di prospettive politiche in merito a quello che può essere il futuro del partito ed il suo ruolo politico.
    Partiamo allora con una domanda ovvia: quale futuro può avere il PRI nello scenario italiano?

    Ebbene, per poter rispondere occorre fare una premessa. Come abbiamo già affermato in diversi interventi apparsi nel corso di questi anni sul quotidiano del partito, la politica italiana sta tendendo, e a nostro avviso deve, verso una semplificazione di tipo europeo.

    Ma l’approdo a tale semplificazione, che vede come principali protagonisti tre partiti (uno di stampo socialista, uno popolare ed uno liberaldemocratico), per la specificità della politica italiana è difficile da raggiungere. E lo è soprattutto per un’area che mai nella storia politica del nostro Paese è riuscita a compattarsi: l’area liberal-democratica.

    Riflettendo sul nostro ruolo, la via liberal-democratica è una prospettiva politica, che ovviamente noi dobbiamo battere. Magari provando, proprio noi, a farci promotori e protagonisti di un processo di aggregazione intorno ad idee e programmi concreti rappresentativi di quell’idem sentire liberale che può essere il denominatore comune delle forze liberali in Italia.

    Va però compreso appieno cosa voglia dire battere questa via. Vuol dire spingersi fino alla creazione di un’ipotesi terzista rispetto a due poli di cui non possiamo prevedere le evoluzioni future? Quale vantaggio avremmo a prospettare una via terzista che oggi la legge elettorale frustrerebbe e che siamo convinti anche la futura legge, qualsiasi modello verrà adottato, nell’ipotesi di accordo tra i partiti maggiori, andrà a frustrare?

    Siamo convinti che il bipolarismo attuale sia quanto di più irrazionale possa aver prodotto la politica italiana. Di fatto, però, occorre fare i conti con la realtà per la quale il bipolarismo è entrato nella logica della politica e difficilmente un ritorno al passato potrà verificarsi.

    L’ipotesi poi di un sistema in grado produrre il “taglio delle estreme” comporterebbe oggi un aggregarsi al centro che di fatto ci farebbe scomparire dallo scenario politico.

    Paradossalmente il nostro partito può sperare di continuare a vivere solo se, in sistema bipolare, può contribuire con la manciata di consensi di cui gode, alla vittoria di una coalizione piuttosto che dell’altra. Ecco allora la prospettiva politica che dobbiamo assolutamente perseguire. Quella della creazione di una componente liberaldemocratica in grado di portare non necessariamente, e soprattutto non in tempi brevi, ad una soluzione terzista. Insomma, un’ipotesi di area liberaldemocratica agganciata ad uno dei due poli ed in grado, dall’interno, di aggregare le forze che si riconoscono in un progetto ed in un insieme di valori comuni, e quindi provare a far sentire la propria voce, ad acquisire visibilità, a costituire un soggetto dall’identità ben marcata.

    Quello che si dovrebbe realizzare allora è proprio ciò che è riuscito a fare l’UDC di Casini: partendo dall’inserimento del proprio simbolo dentro quello di partiti maggiori, costruendo nuova classe dirigente nelle istituzioni locali e nazionali, poi legandosi fedelmente ad una coalizione ed infine (dopo anni di “gavetta”) avviando processi di autonomia prima identitaria, poi politica e in futuro probabilmente elettorale.

    Al contrario, a nostro avviso, battere oggi un’opzione terzista non comporterebbe di per sé la nascita di una componente liberaldemocratica nel nostro Paese.

    Qui sta, a nostro parere, l’errore di quanti ritengono che rappresentare il riferimento italiano dei liberal-democratici europei debba inevitabilmente ripercuotersi su di uno sganciamento dai due poli. Perché non si può rappresentare la cultura LibDem in una delle due coalizioni, se questo impone l’architettura elettorale? Non abbiamo sempre svolto questo ruolo negli ultimi 10 anni? O almeno, non ci abbiamo provato? Se qualcuno ritiene che il PRI negli ultimi anni abbia snaturato la propria identità causa alleanza nella coalizione sbagliata, allora la questione è diversa e più complessa. Ma se assumiamo che ciò non sia avvenuto, allora non si comprende questa relazione causa effetto tra l’essere LibDem e l’essere terzisti.

    Un’opzione terzista ha bisogno di peso e significato politico. Ed oggi questi due elementi mancano del tutto. E comunque, siamo proprio sicuri che un PRI terzista, slegato dalla logica bipolare e debolissimo elettoralmente venga percepito come soggetto in grado di svolgere il ruolo di centro gravitazionale di tale processo?

    L’idea della scorciatoia, secondo cui basta liberarsi dalle coalizioni e mettersi la maglietta LibDem insieme a qualche altro sopravvissuto, appare francamente poco convincente. Al contrario giusta e coerente è l’idea della prospettiva LibDem, se ciò significa:

    in chiave interna, l’avvio di una fase di ripensamento intorno alla questione identitaria e alle forme di rappresentanza del PRI (come chiede da anni la FGR);

    in ottica esterna, un rafforzamento dei legami con i nostri riferimenti europei (convinti che il piano della politica tenderà nei prossimi anni a migrare inevitabilmente sul livello comunitario) e del dialogo con i partiti più avanzati e innovativi del panorama liberale italiano.

    In questo significato, allora tutte le opzioni appaiono possibili, a patto però di avere sempre ben presente l’attuale scarsa capacità del PRI di poter incidere sulle dinamiche politiche italiane.

    Bisogna tener presente che non possiamo più accettare, come in passato, accordi prettamente elettorali, improvvisati, slegati dalla nostra tradizione e senza prospettiva politica. Occorre andare oltre, senza fughe in avanti che il nostro “fiato corto” non potrebbe mai sostenere.

    Partiamo allora da una ricerca di tutti coloro che si rivedono nei valori liberal-democratici che il repubblicanesimo incarna. Aggreghiamo personalità, forze politiche e il mondo accademico e culturale di stampo liberale intorno a questo progetto, senza mai svendere la nostra tradizione o addirittura l’intero partito ad interessi o ambizioni di personaggi ambigui.

    E allora, occorre partecipare al dibattito sul partito moderato? Forse ne vale la pena, proprio spinti dalla ricerca di strategiche sinergie con le componenti liberali lì presenti. Provando a far sentire una voce, presente nel centro-destra e che è uscita delusa dalla passata legislatura. Provando a costruire dall’interno un vero argine alla deriva filoclericale che umilia la laicità dello Stato ed in questo il pensiero liberaldemocratico.

    Se l’identità del PRI-LibDem sarà solida e rinvigorita, allora la preoccupazione della contaminazione è del tutto irrilevante. Al contrario se l’operazione LibDem si dovesse risolvere in una scorciatoia elettorale, fagocitata dalla speranza ad un ritorno al proporzionalismo prima repubblica e dalla retorica vetero-repubblicana, allora il rischio di rimanere completamente e debolissimamente isolati sarà immenso.

    tratto da http://www.fgr-italia.it/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Socialista
    Data Registrazione
    22 Mar 2005
    Località
    Pistoia
    Messaggi
    5,267
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Smile

    Il socialismo liberale è l'idea del futuro.
    Davide Zerillo

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Mar 2010
    Messaggi
    2,448
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    45° Congresso Pri
    No al vecchio blocco sociale sì alla nuova unione dei laici

    Congresso di Roma, 31 marzo 2007.

    di Widmer Valbonesi

    Care amiche e cari amici, vorrei dare un contributo unitario a questo congresso, a me la coreografia di questo congresso non dispiace, anzi c'è una mostra dell'amico Michele Spera che è un programma politico e credo che di questo dobbiamo ringraziarlo tutti. Visitatela e vi accorgerete che lì c'è tutta la nostra tradizione, c'è un programma di quello che noi dovremmo fare per il futuro. Le bandiere, diversamente da quelle della conferenza programmatica sono nuove ma non sono bianche, quelle bandiere bianche che davano il senso di una resa e che spinsero me ad attaccarmi un cartello sul petto e scriverci "io non mi arrendo".

    Io non mi arrendo nemmeno stavolta ma voglio capire che cosa vuol dire "condividere per cambiare" se è un appello all'unità dobbiamo capire: cambiare cosa?

    Allora io do una mia interpretazione di questo "condividere per cambiare". Cambiare la politica di questo partito e del nostro paese, perché il bipolarismo delle estreme non aiuta a risolvere i problemi strutturali del paese che è avviato al declino non da oggi, e non per responsabilità dell'uno o dell'altro, ma almeno da vent'anni è avviato al declino.

    Economia globale

    Siamo nell'economia globale e solo il dieci - quindici per certo delle nostre industrie si è attrezzato per affrontare il mercato globale, in questo c'è la crisi del capitalismo italiano. Un debito pubblico che è il 106% del PIL, un reddito che si sviluppa molto di meno dei grandi paesi asiatici, e questo è abbastanza normale, ma si sviluppa anche molto meno dei nostri paesi alleati europei. Quando sento dire che siamo in ripresa perché siamo passati dallo 0,7 all'1,8/9% dello sviluppo è vero invece che noi abbiamo perso lo 0,7/8% rispetto alla media europea, e questo ci deve preoccupare perché questo ci fa perdere mercato, ci fa perdere competitività perché siamo un paese che è al di sotto della normalità a livello della modernità infrastrutturale, perché è un paese che non fa scelte verso il sistema della scienza, verso il sistema della ricerca e verso il sistema dell'istruzione. Abbiamo una organizzazione dello stato, che è a dir poco elefantiaca, organizzata su centinaia di livelli, abbiamo un blocco parassitario nel nostro paese che esiste ad alimentare il clientelismo della sinistra e della destra che si articola, vi do un dato degli ultimi dieci anni, in oltre novecento società per azioni pubbliche per un giro di affari di circa 87 miliardi di euro.

    Quando sento dire qui che bisogna privatizzare Hera, sono d'accordo, ma voi lo sapete che nel nostro paese in dieci anni, si è passati da 30 a 900 società per azioni pubbliche che gestiscono servizi per i cittadini e le imprese? E' lì che si annida il clientelismo, è lì che si annida il piombo sulle ali del possibile sviluppo del paese, è lì che si annida una politica che è contraria a quelle politiche di investimento, a quella concorrenzialità che può dare una prospettiva moderna al nostro paese.

    Lo sapete che su 100 lavoratori 72 o sono pensionati o hanno tra i 40 e i 64 anni ? Il che sottrae risorse alle possibilità di sviluppo strutturale per le giovani generazioni.

    Lotta per il potere

    Le nostre istituzioni sono governate da leader che non sono statisti per cui il nostro paese anziché sfidarsi su come affrontare e risolvere i problemi del paese secondo l'interesse generale, si sfida su una lotta per la conquista del potere. Si produce un federalismo che non produce ammodernamento ma burocrazia che non riduce i tempi decisionali della politica, non affronta la qualità della spesa pubblica, aumenta solo la conflittualità tra lo stato e le altre organizzazioni periferiche del nostro paese. Allora ecco una forza politica come la nostra, che è una forza riformatrice, che è da sempre collocata sul fronte della cultura dell'interesse generale di governo. Ugo La Malfa diceva sempre che noi rappresentiamo la cultura dell'interesse generale e in virtù di questo noi siamo sempre al governo anche quando siamo all'opposizione perché, quando critichiamo, lo facciamo nell'ottica dell'interesse generale del paese. Ma allora che cos'è che rende riformatori? Che cos'è che rende statisti? Che cos'è che rende possibile una trasformazione graduale della società? E' uno schema politico che anziché disputarsi il blocco parassitario del paese deve sfidarsi sulle grandi scelte di innovazione del paese stesso. Guardate che noi rischiamo veramente il declino. Qualcuno in questi giorni presentando libri, citando Ugo La Malfa, diceva che noi dobbiamo rivedere tutta la nostra impostazione, che siamo stati keynesiani in economia e che Keynes è superato. Certo se abbiamo una visione localistica dell'economia e della politica, allora Keynes è superato. Cioè se lasciamo che sia il mercato a decidere le scelte di libertà oltre che economiche nel nostro paese e in Europa, allora può darsi che sia superato. Io credo invece nell'Europa politica e credo che lì si debbano produrre a livello di reti infrastrutturali le condizioni, le scelte e le risorse perché i paesi europei affrontino la sfida mondiale. Allora lì ci sono delle scelte infrastrutturali che coinvolgono anche il nostro paese, il corridoio cinque, il corridoio otto, il corridoio adriatico, che possono fare del nostro paese o la porta d'ingresso dell'Europa verso i nuovi mercati, oppure essere bypassati al di là delle Alpi e diventare il sud dell'Europa. Questo è quello che si discute e lì c'è l'attualità dell'Europa politica e delle scelte di politica keynesiana a livello sovranazionale.

    Servono schemi diversi

    Allora occorre uno schema politico diverso da questo tarato sulle estreme, che si blocca, e dove la politica di governo insegue ideologismi, insegue clientelismi e modelli riformatori che sono piccoli, come dimostrano le proposte di privatizzazioni, e dove l'opposizione non incalza il governo, non su grandi progetti di riforma ma per inseguire le categorie, perché lo schema bipolare è questo ed è inadeguato. La fase nuova deve significare una fase politica nuova ma per una politica di governo nuova. A questo paese servono larghe intese, amici repubblicani, serve una politica nuova, ho l'impressione che si trascini una fase politica di mediocrità per le diffidenze reciproche. Quando io sento Prodi alla televisione scimmiottare la sinistra massimalista del paese, quella che Ugo La Malfa non amava, che però non gli impediva di credere, e lì era la sua grandezza, che bisognasse allargare e rendere più forte il disegno riformatore e democratico, non gli impediva di confrontarsi col PCI. Quando sento Prodi, di fronte ad una domanda di un giornalista che gli chiede: "ma voi avete trattato coi talebani per la liberazione di Mastrogiacomo?" – e lui risponde: "sono contento di poter dire che sono stato io , sono contento di poter dire al mondo che oggi abbiamo liberato un uomo". Io non credo che questa sia la politica che serve al nostro paese e ai paesi occidentali per affrontare una minaccia come quella rappresentata dal terrorismo, che va affrontata globalmente e con la determinazione necessaria. Ma qual è stata la risposta dell'opposizione amici repubblicani? C'era un modo per trovare un ruolo diverso più responsabile per il nostro paese, unitario; si andava alla Camera e si diceva: "qui avete i numeri noi ci asteniamo - l'opposizione - però siamo pronti a votare tutti al Senato qualora si possano contrattare regole d'ingaggio diverse, più garantiste, di intervento". Invece alla Camera si è votato in un modo e 15 giorni dopo al Senato si è giocata la carta della politica interna per affrontare un problema di politica estera. Ma voi credete che i democratici americani, cui da sempre va la mia simpatia politica e il mio rispetto, abbiano reso più forte la battaglia contro il terrorismo negando il finanziamento per il mantenimento delle truppe in Iraq oltre il 2008, o non credete che quella decisione sia stata una battaglia di politica interna che ha indebolito la possibilità della lotta al terrorismo nel mondo? E se questo vale per i democratici americani vale anche per l'opposizione nel nostro paese che poteva dire: certo che questa politica doppia di D'Alema e Prodi è sbagliata, ma ho l'impressione che sia stato fatto perché la debolezza di Prodi che dialoga con la sinistra estrema è funzionale ad un Berlusconi che ha bisogno di essere quello che a sinistra mette insieme tutti gli odi di quelli che non la pensano come lui, e a destra tutti quelli che possono essere spaventati da questo pericolo. E' uno schema sbagliato, perché voglio capire come mai il giorno dopo le elezioni Berlusconi dice "larghe intese", dimostrando un senso di responsabilità verso le prospettive riformatrici di questo paese, come ha fatto Schoeder, a parti invertite, il quale ha detto: piuttosto che dover dialogare con la parte massimalista di La Fontaine preferisco allearmi con la Merkel, perché abbiamo problemi strutturali in Germania da affrontare, come sta facendo l'Austria, come farà la Danimarca. Quelli si stanno attrezzando per affrontare i nodi strutturali con una politica keynesiana che si potrebbe fare in Europa se noi avessimo la capacità di rilanciare l'Europa politica, cosa che possiamo fare solo se le forze riformatrici di destra e di sinistra non tirano una riga divisoria nel mezzo ma collaborano al rilancio di una politica europea e ad una politica di rilancio di modernità di tutto il continente europeo per renderlo più forte, unito, dialogante, amico, alleato degli USA ma anche capace di promuovere politiche serie e innovative a livello del mondo.

    Massimalismo

    Allora voglio capire come può aiutare la politica di Prodi che occhieggia al massimalismo della sinistra estrema, come può aiutare ciò un processo come quello del Partito democratico, che spero non si faccia, anche perché quando sento parlare di Partito democratico - a prescindere da Giuseppe Mazzini che nel 1846 scrisse il manifesto dei democratici europei, da Ugo la Malfa, da Giovanni Amendola e Giovanni Spadolini - io dico che quello è un pasticcio democratico, altro che partito democratico. Ma in tutti i casi questa fase riformatrice non viene aiutata da queste posizioni filo massimaliste di Prodi, allora io credo ci sia una diffidenza che va superata, c'è un'aspirazione che si coglie in D'Alema quando dice basta con questa sinistra estrema, c'è un'aspirazione che si coglie in Rutelli quando dice "comincio ad avere nostalgia dei primi governi di centro sinistra quando c'erano i democristiani, i socialisti, i repubblicani, i socialdemocratici", si capisce in Casini, il quale va aiutato quando si pone il problema del superamento del bipolarismo. Noi dobbiamo sapere che questo è un nostro alleato nella lotta vitale per noi, e per il nostro paese di rottura di questo bipolarismo delle estreme. Ma dobbiamo sapere che in questa lotta i compiti sono diversi, noi abbiamo il compito strategico di organizzare, e mi fa piacere che finalmente anche la maggioranza, il segretario, l'ha detto nella sua relazione: l'area laica, liberal-democratica europea anche nel nostro paese. I socialisti devono organizzare l'area socialista, il mondo cattolico si deve organizzare, ma non su di un' ipotesi di interdizione di tutto. Noi non possiamo essere relegati ad una sorta di doroteismo di potere che fa il pendolo verso politiche ancora assistenziali; se Casini vuol fare una politica seria e innovativa noi lo dobbiamo aiutare, lo dobbiamo aiutare. Dobbiamo far superare le diffidenze che hanno Rutelli e D'Alema verso Berlusconi, e di Berlusconi verso Rutelli e D'Alema. Ho l'impressione, io lo posso dire, in fondo non ho la responsabilità di nulla, ho la sensazione che D'Alema e Rutelli siano pronti a far cadere il governo Prodi perché capiscono che non si può continuare a reggere a lungo un paese con un voto al Senato o sui voti dei senatori a vita, ma hanno bisogno di un interlocutore che non dica di andare subito al voto, altrimenti è chiaro che non si fa nulla.

    Il nostro ruolo

    E d'altronde Berlusconi non può dire di andare alle larghe intese se è una politica che dura due mesi; ecco allora il nostro ruolo di garanzia, amici repubblicani, e cioè quello di dire al paese e alle forze politiche che si giustifica una politica delle larghe intese più lunga di due, tre mesi, ma per il tempo necessario ad affrontare i nodi strutturali del nostro paese, la riforma elettorale ma anche quelle riforme strutturali, quelle riforme della pubblica amministrazione, della spesa pubblica, innovative, che diano una prospettiva di sviluppo al nostro paese. E i riformisti di centro-sinistra e i riformisti di centro-destra ci devono essere e noi ci dobbiamo arrivare organizzati, amici repubblicani, avendo organizzato un area politica che è quella laica. Io non credo che noi possiamo continuare ad accettare che questa ambiguità del sistema bipolare che prevede la partecipazione di tutto il mondo cattolico, ci faccia sfuggire quella che è una vera emergenza democratica rappresentata da uno stato che è sempre più confessionale, e dall'ingerenza della CEI, di Ruini e del Papa nei confronti dello stato italiano. C'è una concezione nella posizioni della chiesa che non è solo un problema di libertà ma è una concezione che impedisce di fatto anche la realizzazione di alcune riforme strutturali, attraverso una serie di rivendicazioni o di politiche assistenziali si creano le povertà, si creano i bisogni, le emarginazioni, favorendo le corporazioni più forti ed amiche, poi con politiche assistenziali di frammentazione della spesa sociale si svolge la funzione di elargitore di carità. In questa logica si favorisce il volontariato che nasconde il lavoro nero, si rendono strutturali i lavori socialmente utili, si impedisce l'emancipazione verso il controllo delle nascite nei paesi più poveri per poi accoglierli come clandestini, come prostitute da redimere o come manovali della delinquenza organizzata. La scienza viene quotidianamente sottoposta ai ricatti moralistici delle gerarchie ecclesiastiche e, nonostante il Concordato lo vieti, assistiamo a pesantissimi interventi della chiesa cattolica sulle questioni politiche ed amministrative dello stato italiano.

    Diritti civili

    Esiste una questione prioritaria per il nostro paese in materia di diritti civili che si chiama affermazione della laicità dello stato. La conferenza episcopale, il Papa, e il cardinale Ruini devono rivolgere le loro omelie alle coscienze dei cattolici, non possono lanciare continui appelli a bloccare leggi di emancipazione e di affermazione dei diritti civili a parlamentari che hanno giurato fedeltà alla Costituzione Repubblicana - non alla chiesa cattolica. Se un cattolico non vuole usare il preservativo, se non vuole abortire, se non vuole usare la pillola, se non vuole farsi curare con le cellule staminali, se non vuole divorziare, lo faccia. Ma la laicità dello stato consiste nel dare la possibilità a chi invece lo vuol fare, come in tutte le democrazie, di poterlo fare.

    L'essere cattolico consiste nell'essere coerente con la propria religione e coscienza, non impedire agli altri di essere liberi di professare il loro credo secondo il dettato costituzionale.

    Il tutto avviene senza che si levi nel paese alta la protesta delle coscienze laiche nel rivendicare la libertà e la laicità dello stato facendo intendere che questa è una battaglia di civiltà. Mi sono chiesto: va accettato l'invito unitario del segretario? Che cosa ha detto che consenta a noi di provare di fare qualcosa di unitario? Io credo che i repubblicani devono sempre confrontarsi, in questo sta la loro capacità di essere coerenti e di essere repubblicani, confrontarsi politicamente, mai fare questioni personali di amicizie o cose di questo genere. Nucara poteva dire di più, io ho provato a dirlo, forse quello che io ho detto è un passo più avanti di quello che lui dice, ma insomma, stanotte, siccome non dormivo, di solito quando non dormo scrivo, ma stanotte invece ho provato a pensare a cosa poteva dire di più di quello che ha detto.

    Allora ho capito che nella relazione del Segretario non si fa riferimento alla esperienza del Governo Berlusconi nel quale peraltro erano presenti un ministro e un vice ministro Repubblicani, esperienza giudicata negativa per il paese da parte della minoranza nazionale. Se non è stata consumata una riga per commentarla, ho dedotto che questa non doveva essere stata un'esperienza esaltante.

    Il segretario ha detto più volte in questo periodo che è finita la nostra esperienza con la Casa delle libertà, a dire il vero lui ha più volte detto che noi non avevamo un rapporto con la Casa della libertà ma con F.I.; mi pare che incamminandoci verso questo nuovo percorso non arrivi a dire questo, ma insomma è un segnale che bisogna cogliere. Prendo atto che il Segretario ha detto più volte che fu un grave errore farsi eleggere alla Camera nelle liste di Forza Italia in presenza di liste con l'Edera al Senato.

    Ho preso atto che nelle consultazioni per la soluzione della crisi del Primo Governo Prodi la delegazione del PRI ha proposto una ipotesi di larghe intese, ipotesi non sostenuta né da Forza Italia né da An né dalla Lega. Ho preso atto che nella intervista del Segretario Nazionale al Corriere della Sera del 25.02.2007 si annunciano posizioni di marcata autonomia di giudizio rispetto al centro destra e possibili voti favorevoli dei Repubblicani a provvedimenti del governo in tema di economia e politica estera; prendo atto dopo sei anni che finalmente il segretario nazionale dice nella relazione che l'autonomia alle federazioni locali va data, non concessa.

    Riconoscimento

    Questo rappresenta il riconoscimento di una battaglia che come minoranza abbiamo combattuto e vinto in nome della tradizione autonomistica che il partito romagnolo scrisse nel primo statuto del partito repubblicano nazionale. Per noi che l'abbiamo fatta questa battaglia da sei anni non è poco, non è affatto poco. Il che non vuole dire disconoscere il valore di una politica nazionale, ma vuol dire che come la politica nazionale dà valore prioritario alla politica della cultura dell'interesse generale, questo deve essere l'elemento prevalente anche a livello locale. Perché noi siamo un partito di frontiera che guarda prima all'interesse del paese e anche delle comunità locali. Io pensavo che da questo clima unitario si dovesse partire per dare un segnale forte al nostro congresso, che si poteva procedere uniti verso questo obbiettivo.

    Appello

    Stamattina ho colto delle critiche più o meno giuste, io mi sento di fare un appello a tutti coloro che si sentono classe dirigente, un appello all'unità, alla tolleranza, al rispetto delle altrui opinioni secondo i principi repubblicani che ci sono stati consegnati perché li trasmettiamo come in una staffetta simbolica ai giovani che vedo qui, che ho invitato a non essere subito conformisti. Il loro ruolo può essere grande se sviluppano politiche per i giovani mai in modo settoriale, sempre inquadrati in quella visione di metodo delle scelte prioritarie che noi abbiamo appreso da maestri come Ugo La Malfa. Ma la loro presenza è maggiormente giustificata se essi costituiscono uno stimolo per il partito, e non appiattirsi su questo o su quello. I giovani ci sono ed è bene che ci siano. Allora bisogna andare a dei momenti di rinnovamento che si coniughino con la tradizione, ci deve essere la volontà sostanziale di superare la diaspora di tutti i repubblicani. Questo è un appello che voglio fare a tutti i repubblicani, quelli che sono qui, quelli che ci hanno abbandonato a destra come a sinistra; io credo che in queste loro esperienze, ovunque siano collocati, che essere divisi rende tutti più deboli, se non sono uniti non solo sui valori ma anche da un disegno strategico comune allora contano pochissimo. Allora dobbiamo aprire le porte, essere tolleranti, non abbiamo bisogno che si inchinino per rientrare nel partito. Bisogna aprire le porte anche agli intellettuali, Ugo La Malfa non li voleva organici, ma aveva un grande rispetto per gli intellettuali, prendo atto della precisazione che ha fatto il segretario nazionale, mi è sufficiente a farmi capire che non ha un problema con la cultura e con gli intellettuali, credo però che noi dobbiamo aprire le porte a coloro che vogliono venire a dare un contributo di idee al nostro partito, sapendo che quello che è in gioco è un grande disegno politico dove c'è la sorte del nostro partito e le sorti del nostro paese. Per questo possono essere messe da parte anche piccole questioni personali e ritrovare il senso di un rispetto reciproco, di un impegno comune. Se sapremo essere uniti e poterci proiettare all'esterno uniti, il nostro ruolo e quello dei liberal-democratici italiani ed europei è ancora possibile, anche se fossimo inizialmente pochi. Qualcuno dice che saremmo un rigagnolo ma, come diceva Ugo La Malfa, "si può essere in pochi perché si è un residuo del passato o si può essere in pochi perché si guarda avanti, lontano nell'avvenire". Noi crediamo che siano residui del passato le forze che ripropongono il vecchio blocco sociale e che nell'avvenire ci sia lo spazio di una cultura laica, liberal-democratica e repubblicana.

 

 

Discussioni Simili

  1. Cantiere Alleanza Liberaldemocratica
    Di McFly nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 09-04-10, 16:24
  2. Risposte: 79
    Ultimo Messaggio: 14-05-09, 14:45
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 19-10-08, 01:12
  4. L’Unione LiberalDemocratica LASCIA L’ULIVO DI POL.
    Di Camelot nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 04-03-04, 20:12
  5. Unione Liberaldemocratica
    Di Camelot nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-01-04, 00:59

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225