User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    itaglia=paese miserabile
    Data Registrazione
    23 Aug 2006
    Località
    Tra le nebbie del Grande Fiume
    Messaggi
    939
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation Movimento Autonomista Romagnolo

    Movimento per l’Autonomia della Romagna
    Forlì, 2 aprile 2007
    I romagnoli sono, forse, “figli di un Dio minore”?
    E’ tempo di Congressi partitici. In queste ultime settimane, cortesemente invitati, abbiamo partecipato con piacere a diversi Congressi locali di forze componenti la “Casa delle Libertà”, constatando, con interesse, che la questione autonomistica romagnola continua a far parte del loro primario impegno ad ogni dimensione. Cosa della quale li ringraziamo vivamente. E testimoniando, per quanto ci concerne, che tale rivendicazione non è assolutamente in disarmo. E viene quotidianamente alimentata dalle discriminazioni che il governo regionale emiliano—romagnolo consuma nei nostri confronti, nonché dal continuo procedere in tutta Europa del processo autodeterminativo ed autogestionario. Fortemente sollecitato, anche come antidoto, rispetto all’avanzata della “globalizzazione”. Ciò che stimola la salvaguardia e la valorizzazione delle varie identità locali.
    Non è, forse, questo il vero significato della nascita, in questi anni, senza contestazioni di sorta da parte dei precedenti “partners”, della Repubblica Slovacca e di quella Montenegrina? E, su di un piano più interno, ma egualmente significativo, dei territori autonomi ella Scozia e del Galles nella tradizionalista Inghilterra, della forte autonomia Basca e di altri territori spagnoli? E che dire della Confederazione Svizzera, la più antica del mondo, dove, in questi ultimi decenni, i tradizionali 22 Cantoni sono saliti a 26 ?
    E, in realtà tanto diverse, queste storiche modifiche si sono verificate secondo le regole della democrazia e del popolo sovrano. Ai cittadini interessati è stata data una scheda referendaria, ed il parere della maggioranza è di venuto legge per tutti. Del resto, ad una dimensione ovviamente diversa, quanto avvenuto recentemente nell’Alta Valmarecchia in funzione del ritorno in Romagna (dalle Marche) di quelle popolazioni.
    In questo quadro estremamente generalizzato, e con quanto disposto dagli articoli 5 e 132 della nostra Costituzione, sembra persino impossibile che esista ormai da vent’anni un Movimento, il nostro, il quale, forte di 90 mila adesioni, chiede non il dono dall’alto della Regione Romagna, come è accaduto di ogni altra Regione italiana, Molise compreso, ma il coinvolgimento degli elettori locali perché decidano, col loro voto, se restare legati all’Emilia, oppure divenire la ventunesima Regione del Paese. Avendone tutti i titoli storico— culturali, economici, demografici, ecc.
    Per essere più chiari, ai fini dell’espletamento del referendum romagnolo, fino all’anno 1993 si erano detti d’accordo, alla nostra dimensione, la DC, il PSI, il PRI ed altre formazioni minori. Lasciando di tale orientamento anche testimonianze parlamentari. In diversi Consigli comunali, pur dichiarandosi contrario alla Regione Romagna, non si era manifestato sfavorevole neppure il PCI. Ed anche di questo restano tracce nei vari archivi comunali.
    Con la nascita della cosiddetta seconda Repubblica, non è mancato da subito il favore dei quattro partiti della Casa delle Libertà, ma, l’accresciuto “potere di coalizione” del PDS—DS, ha irrigidito i suoi atteggiamenti negativi anche sulla questione referendaria, ed ha portato dalla sua parte, anche per gli aspetti referendari, le restanti forze. Il discorso è, ovviamente, riferito ai vertici delle formazioni partitiche locali. Non alla loro base ed alla generica pubblica opinione, le quali seguono il nostro impegno con crescente interesse.
    Siamo, comunque, al punto nel quale il quadro partitico nazionale e locale sembra volersi profondamente modificare, coinvolgendo in prima persona parte de gli eredi del PCI e della DC. Parlo dell’obiettivo “nascita Partito Democratico” non come somma di due realtà politiche già in campo (i DS e la Margherita), ma come realizzazione, anche sul piano della discontinuità e di un aggiornamento dei valori e degli obiettivi, di una forza riformista, europea, sollecita a quanto di nuove si esprime nelle realtà di riferimento. Democratica, dunque, a pieno titolo.
    In data 18 febbraio scorso il Comitato regionale del Movimento per l’Autonomia della Romagna ha inviato alla Federazioni romagnole dei citati due parti. ti un proprio documento, col quale si permette chiedere una risposta di coerenza rispetto agli obiettivi ed ai valori conclamati ed al quadro europeo di riferimento, in relazione non al problema “autonomia romagnola”, bensì al referendum indicato dall’art.132 della Costituzione e largamente praticato, per casi analoghi, nell’intero nostro continente, ed altrove.
    Non ci sarebbe dispiaciuto che, della questione, si fosse parlato nelle recenti occasioni congressuali, trattandosi indubbiamente di problema localmente prioritario ed attuale. In grado di evidenziare, nell’approccio comportamentale, reali novità.
    Non è, forse, “democratico” chiamare in causa il popolo che la Costituzione definisce “sovrano”? E non è, parimenti, “europeo” e “riformista” trattare l’oltre milione di romagnoli alla stessa stregua, e riconoscendo le stesse prerogative, di ogni altra realtà, sia essa inglese o spagnola, iugoslava o cecoslovacca o svizzera?
    E che cosa hanno i romagnoli di diverso, sul piano del trattamento istituzionale, dal Molise, che nel 1963 DC e PCI promossero al ruolo di Regione autonoma, staccandolo dagli Abruzzi, pur senza il milione di abitanti ed il referendum popolare previsti dalla Costituzione? Sono, forse, figli di un Dio minore?
    Ecco, dunque, una occasione significativa per indicare, oltre le parole, la direzione di marcia di una forza politica veramente impegnata ad aggiornarsi guardando al mondo ed al futuro senza più gli schemi del “centralismo democratico” e del “potere per il potere”, bensì come autorevole interprete di ciò che sale dal Paese sul piano del nuovo e del partecipativo. Contrariamente, siamo soltanto alla propaganda ed alla dissociazione fra le parole ed i comportamenti.

    Stefano Servadei - Fondatore del M.A.R.
    if (navigator.appName.indexOf("MSIE") != -1) document.write("</div>");

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    AUTONOMISTA
    Data Registrazione
    21 Jun 2007
    Località
    CAZZOLA+MANES = DREAM TEAM
    Messaggi
    1,031
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ARTISTA Visualizza Messaggio
    Movimento per l’Autonomia della Romagna

    Forlì, 2 aprile 2007
    I romagnoli sono, forse, “figli di un Dio minore”?

    E’ tempo di Congressi partitici. In queste ultime settimane, cortesemente invitati, abbiamo partecipato con piacere a diversi Congressi locali di forze componenti la “Casa delle Libertà”, constatando, con interesse, che la questione autonomistica romagnola continua a far parte del loro primario impegno ad ogni dimensione. Cosa della quale li ringraziamo vivamente.

    (bla bla bla)

    Stefano Servadei - Fondatore del M.A.R.

    if (navigator.appName.indexOf("MSIE") != -1) document.write("</div>");


    ecco dov'è l'errore! un movimento autonomista che storicamente si è sempre aggrappato alle forze più centraliste dello scacchiere itagliano. cosa si pretende?

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    04 Jan 2013
    Messaggi
    3,944
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'Emilia e la Romagna hanno backgrounds storici diversi.
    La Romagna (Forlì , Ravenna , ma anche Ferrara per quanto un pò diversa , Bologna facevano parte del regno Pontificio).
    Modena e Reggio , Parma , Piacenza e Guastalla erano invece dei regni legati alla corona d'Austria , per quanto autonomi.
    Vi era comunue una comunanza di natura economico sociale , data dalla presenza di grandi proprietà terriere , prima latifondi nobiliari o della Chiesa , poi di tipo "borghese capitalista" , con un vasto proletariato bracciantile che originò quell'esteso movimento operaio e sociale che trasformo l'area nella "regione rossa d'Italia " , e tale fenomeno appunto interessò sia l'Emilia che la Romagna.
    Aree diverse come origine storica , "unificate" quindi nell'epoca dei grandi conflitti capitale lavoro dei primi anni del secolo scorso.
    Tali conflitti sono come noto stati superati....per cui ricomapare la diversa storia di quelle province.....
    Io penso che in una futura Europa dei Popoli , ci sia spazio sia per la Romagna , che per l'Emilia degli ex Ducati.....

  4. #4
    "CATTOCOMUNISTA"
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    10,088
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sì facciamo un bello spezzatino... ogni città per se'

  5. #5
    razzista verso gli imbecilli
    Data Registrazione
    29 Dec 2007
    Località
    San Mauro Pascoli - Romagna
    Messaggi
    2,894
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    il MAR è più di 30 anni che promuove sta cosa dell'autonomia regionale. Stefano Servadei è una brava persona, ex deputato socialista non dell'area Craxi, che da una vita si batte per questa sua idea.

    Che la Romagna sia stata meno sviluppata dell'Emilia è un fatto dovuto a tutta una serie di fattori storici ed economici. Oggi non è più così anzi credo che su alcuni elementi la Romagna abbia un livello di qualità della vita assolutamente di livello eccellenza.

    Una Regione Romagna darebbe dei vantaggi? Non sono così convinto così come lo sono in tanti in Romagna. Sicuramente và reso merito che la polemica sull'autonomia ha generato una maggior attenzione del Consiglio Regionale e dei miglioramenti ci sono stati.

    Io vivo in Romagna dalla nascita, anche se ho lavorato in Emilia per lunghi periodi e per lavoro sono sempre in giro per l'Italia. Ho avuto offerte di lavoro sia al nord sia al centro ma non riesco a rinunciare alla qualità della vita che la Romagna offre che reputo uno dei più bei posti del mondo dove vivere.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    12 Jan 2008
    Località
    Bananaland
    Messaggi
    3,084
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Bladerunner60 Visualizza Messaggio
    il MAR è più di 30 anni che promuove sta cosa dell'autonomia regionale. Stefano Servadei è una brava persona, ex deputato socialista non dell'area Craxi, che da una vita si batte per questa sua idea.

    Che la Romagna sia stata meno sviluppata dell'Emilia è un fatto dovuto a tutta una serie di fattori storici ed economici. Oggi non è più così anzi credo che su alcuni elementi la Romagna abbia un livello di qualità della vita assolutamente di livello eccellenza.

    Una Regione Romagna darebbe dei vantaggi? Non sono così convinto così come lo sono in tanti in Romagna. Sicuramente và reso merito che la polemica sull'autonomia ha generato una maggior attenzione del Consiglio Regionale e dei miglioramenti ci sono stati.

    Io vivo in Romagna dalla nascita, anche se ho lavorato in Emilia per lunghi periodi e per lavoro sono sempre in giro per l'Italia. Ho avuto offerte di lavoro sia al nord sia al centro ma non riesco a rinunciare alla qualità della vita che la Romagna offre che reputo uno dei più bei posti del mondo dove vivere.

    Pienamente d'accordo.

    Io sono di Rimini

 

 

Discussioni Simili

  1. Movimento Autonomista Padano, cercasi leader
    Di asterx nel forum Padania!
    Risposte: 95
    Ultimo Messaggio: 08-11-07, 14:12
  2. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 01-10-07, 18:10
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-05-07, 22:59

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226