User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    12 Apr 2009
    Messaggi
    15,823
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Afghanistan: una road map

    AFGHANISTAN, LA ROAD MAP POSSIBILE 7/3/07
    Un intervento per riflettere e uscire dalla palude

    Gianni Rufini*

    Mercoledi' 7 Marzo 2007

    Probabilmente, è troppo tardi per salvare l’intervento internazionale in Afghanistan. Diversi osservatori, incluso chi scrive, in autunno avevano parlato di “sei mesi” come tempo che restava per tentare una svolta decisiva. Lo aveva detto perfino il Comandante britannico di ISAF. Invece, nonostante gli appelli ad un cambiamento rapido e radicale, e gli sforzi di pochi protagonisti politici, non è successo assolutamente nulla. L’Afghanistan sta sprofondando in un nuovo Iraq, demolito nelle sue speranze ancor più che nelle sue infrastrutture, senza riuscire ad immaginarsi una via d’uscita, dopo trent’anni di guerra senza fine e senza tregua.

    Cosa servirebbe a questo disgraziatissimo paese, a questa culla di civiltà nei cui confronti abbiamo il dovere di fare “qualcosa”? Lo dobbiamo agli afgani, in quanto esseri umani, portatori di diritti e di bisogni, anche per fermare una violenza diffusa, capillare e quotidiana. Lo dobbiamo alla Comunità internazionale, perché la Carta delle Nazioni Unite, le Convenzioni di Ginevra e la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, ci impegnano a proteggere ed assistere coloro i cui diritti sono negati. Si tratta dunque di capire “cosa” si debba fare e “come” procedere. Non “se” bisogna agire.

    1.Un’azione sensata, e coerente con il diritto internazionale dovrebbe vedere innanzitutto una netta separazione tra “Enduring Freedom” e l’intervento internazionale di peacekeeping. In particolare, Stati Uniti e Gran Bretagna sono parte belligerante, hanno occupato il paese e colpito in vari modi la popolazione. A questo punto non possono indossare l’elmetto dei pacificatori. Confondere forza belligerante con forza di pace è un errore che fu già commesso in Somalia nel 1992-93, con i risultati che tutti conosciamo.
    2.E’ necessario rivedere il mandato del Consiglio di sicurezza alla forza di peacekeeping e stabilizzazione. Bisogna allargare i suoi confini oltre la NATO, includendo forze di paesi neutrali e, possibilmente, musulmani. La NATO viene troppo identificata col suo nucleo anglo-americano, che ormai è percepito con ostilità da una parte crescente della popolazione. Le forze militari dovrebbero concentrarsi sulla tutela e la protezione della popolazione civile, l’ordine pubblico, il disarmo.
    3.Bisogna fare un investimento massiccio in aiuti umanitari e ricostruzione. L’Afghanistan è uno dei paesi più poveri e disperati del mondo, detentore di vari record mondiali di mortalità, morbilità, denutrizione, analfabetismo, mancanza d’acqua potabile. L’investimento dovrebbe essere cospicuo e prolungato nel tempo per almeno dieci anni, ed essere diretto soprattutto alla società afgana. Si dovrebbe interrompere la pratica dei grandi appalti internazionali, che assorbono risorse per creare ricchezza all’estero, e finanziare direttamente le imprese e le ONG locali.
    4.Bisogna sostenere con grande forza la nascita di una nuova società civile nel paese, coraggiosa e competente, in grado di portare veramente ad un grande cambiamento, se sapremo fornirle le risorse e il sostegno per affrontare le forze che nel paese lottano per la conservazione di uno status quo violento e feudale.
    5.Bisogna riunire al tavolo di lavoro le potenze regionali ed i paesi confinanti, includendo anche Cina, Iran e India, perché l’Afghanistan è un fattore di destabilizzazione di tutta la regione, e gli interessi in gioco sono rilevanti e spesso contraddittori.
    6.Bisogna aprire un negoziato con i Taleban. Non si può accettare che l’unica opzione per quanto li riguarda sia quella militare. Li vogliamo forse sterminare tutti? Vogliamo continuare per decenni una guerra logorante? Vogliamo ignorare che essi comunque rappresentano una forza legittimata dal consenso popolare in diverse province del paese? Per porre fine alla guerra, l’unica opzione è un tavolo negoziale, e i negoziati si fanno con il nemico, per quanto sgradevole possa essere.
    7.Bisogna sviluppare una politica creativa ed intelligente per il problema dell’oppio. Finora, le politiche repressive e quelle di sostituzione della coltivazione non hanno portato a nulla. L’oppio è di gran lunga il più importante prodotto del paese, e rappresenta il 60% del reddito dei contadini, e non si può pensare di farlo scomparire e basta.

    Forse, mettendo assieme i principi del diritto, con lo spirito di solidarietà e il buon senso, smetteremo di guardare all’Afghanistan come ad una questione ideologica, e impareremo a vederlo come un problema che abbiamo il dovere di risolvere. Per gli afgani, e per la nostra coscienza.

    *docente all'università di York


    www.lettera22.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    39,362
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

 

 

Discussioni Simili

  1. Road Map
    Di Frankie D. nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 15-01-13, 09:13
  2. USA on the road
    Di Lollo87Lp nel forum Natura e viaggi
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 09-06-08, 10:04
  3. Road Map Istituzionale
    Di Metapapero nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 58
    Ultimo Messaggio: 03-12-07, 13:17
  4. Una Road Map per l'Afghanistan
    Di Danny nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-03-07, 23:19
  5. On the road
    Di Folgore nel forum Musica
    Risposte: 56
    Ultimo Messaggio: 02-09-05, 19:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226