User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,877
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Connivenze e ambiguità

    Connivenze e ambiguità Scritto da Massimo Teodori martedì 10 aprile 2007
    Romano Prodi
    Lo abbiamo scritto a più riprese: è Gino Strada il grumo torbido che fa bassa demagogia, inquina la lotta al terrorismo e degrada l'immagine italiana nel mondo. Ma ora c'è qualcosa di ben più grave: è l'evidente legame intessuto di connivenze e ricatti sotterranei tra il sedicente operatore umanitario e il governo della Repubblica. Basta leggere le arroganti parole rivolte a Prodi e Karzai, accusati di essere i veri responsabili degli assassinii dei due collaboratori di Mastrogiacomo, per capire qual è il gioco del medico bifronte. Ma il ricatto che Strada tenta di mettere in atto nei confronti del governo italiano può avere corso solo perché i nostri massimi responsabili politici sono in condizione di essere ricattati. Non ci può essere ricatto se non c'è qualche vicenda oscura che accomuna ricattatore e ricattato.

    Sia ben chiaro: anche noi riteniamo che occorra fare il possibile per salvare qualsiasi vita umana per cui siamo stati soddisfatti della liberazione del giornalista di Repubblica. La responsabilità del governo non è di avere trattato attraverso i canali disponibili, ma di avere abdicato alle sue prerogative di rappresentante di uno Stato di diritto a favore di un personaggio le cui ambiguità non si finisce mai di scoprire.
    La verità è che, dando carta bianca a Strada - così come sembra sia accaduto anche con Torsello -, il governo italiano si è consegnato agli interessi terroristici dei talebani e ai loro istinti sanguinari. Ancora peggio, è caduto o è sembrato cadere nelle manovre di persone di Emergency ritenute dai servizi segreti afghani (che dovrebbero intendersene) conniventi con i tagliagole.

    Del resto Strada non ha mai nascosto da che parte politica sta, qual è il suo giudizio sulla nostra presenza militare in Afghanistan e sui nostri rapporti con l'alleato americano, pubblicamente definito un terrorista alla stregua di Osama Bin Laden.
    Oggi quel che va messo sotto accusa è la responsabilità del governo per un'abdicazione non degna di uno Stato di diritto. È probabile che gli inglesi, gli israeliani ed altre autorità occidentali si adoperino per salvare le vite dei loro cittadini, soprattutto se in divisa. Ma nessun governo si mette nelle mani di un demagogo non indifferente al fascino rivoluzionario di chi combatte i nostri militari per ammazzarli.

    Prodi e i suoi portavoce vorrebbero accusare l'opposizione di strumentalizzazione. Si tratta di una meschina operazione volta a ribaltare i termini della questione: i responsabili di un pasticciaccio brutto impastato di menzogne e finito nel sangue che accusano coloro che esigono chiarezza. Ed è proprio questo il compito del Parlamento in un Paese democratico: la verità, tutta la verità nella sede delegata al controllo istituzionale. E se le cose stanno come ormai appaiono, sarà l'opinione pubblica a giudicarle.
    \n

    da: ilgiornale.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Oct 2010
    Messaggi
    1,489
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La verità sui sequestri (tutti) penso sarebbe meglio non saperla.
    Speculazione schifosa.

    La cosa che mi preoccupa è che poi la sinistra impara da questi esseri e la prossima volta che sarà all'opposizione ho paura che si comporterà nello stesso modo

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Oct 2006
    Località
    GRAZIE PROF.MARIO RICCIO
    Messaggi
    3,485
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da apoliticos Visualizza Messaggio
    Connivenze e ambiguità Scritto da Massimo Teodori martedì 10 aprile 2007
    Romano Prodi

    Lo abbiamo scritto a più riprese: è Gino Strada il grumo torbido che fa bassa demagogia, inquina la lotta al terrorismo e degrada l'immagine italiana nel mondo. Ma ora c'è qualcosa di ben più grave: è l'evidente legame intessuto di connivenze e ricatti sotterranei tra il sedicente operatore umanitario e il governo della Repubblica. Basta leggere le arroganti parole rivolte a Prodi e Karzai, accusati di essere i veri responsabili degli assassinii dei due collaboratori di Mastrogiacomo, per capire qual è il gioco del medico bifronte. Ma il ricatto che Strada tenta di mettere in atto nei confronti del governo italiano può avere corso solo perché i nostri massimi responsabili politici sono in condizione di essere ricattati. Non ci può essere ricatto se non c'è qualche vicenda oscura che accomuna ricattatore e ricattato.

    Sia ben chiaro: anche noi riteniamo che occorra fare il possibile per salvare qualsiasi vita umana per cui siamo stati soddisfatti della liberazione del giornalista di Repubblica. La responsabilità del governo non è di avere trattato attraverso i canali disponibili, ma di avere abdicato alle sue prerogative di rappresentante di uno Stato di diritto a favore di un personaggio le cui ambiguità non si finisce mai di scoprire.
    La verità è che, dando carta bianca a Strada - così come sembra sia accaduto anche con Torsello -, il governo italiano si è consegnato agli interessi terroristici dei talebani e ai loro istinti sanguinari. Ancora peggio, è caduto o è sembrato cadere nelle manovre di persone di Emergency ritenute dai servizi segreti afghani (che dovrebbero intendersene) conniventi con i tagliagole.

    Del resto Strada non ha mai nascosto da che parte politica sta, qual è il suo giudizio sulla nostra presenza militare in Afghanistan e sui nostri rapporti con l'alleato americano, pubblicamente definito un terrorista alla stregua di Osama Bin Laden.
    Oggi quel che va messo sotto accusa è la responsabilità del governo per un'abdicazione non degna di uno Stato di diritto. È probabile che gli inglesi, gli israeliani ed altre autorità occidentali si adoperino per salvare le vite dei loro cittadini, soprattutto se in divisa. Ma nessun governo si mette nelle mani di un demagogo non indifferente al fascino rivoluzionario di chi combatte i nostri militari per ammazzarli.

    Prodi e i suoi portavoce vorrebbero accusare l'opposizione di strumentalizzazione. Si tratta di una meschina operazione volta a ribaltare i termini della questione: i responsabili di un pasticciaccio brutto impastato di menzogne e finito nel sangue che accusano coloro che esigono chiarezza. Ed è proprio questo il compito del Parlamento in un Paese democratico: la verità, tutta la verità nella sede delegata al controllo istituzionale. E se le cose stanno come ormai appaiono, sarà l'opinione pubblica a giudicarle.
    \n

    da: ilgiornale.it
    la massa di stronzate scritte in questo articolo si sposa bene col personaggio che lo ha scritto.
    intanto,la parola pseuddo,vicino ad umanitario nei confronti di gino strada,la dovrebbe,il teodori,se ne avesse le palle,andare a dirla a quegli afghani curati da emergency laddove nonb esiste alternativa di cura.
    la fesseria che strada abbia accusato il governo di essere l'assassino di quei due è stata già abbondantemente smentita.l'accusa che lo strada rivolge a karzai e prodi,invece,è quella che un suo cpllaboratore langue nelle carceri afghane con la grave accusa di essere complice dei terroristi.accusa di cui peraltro ancora non si conoscono le motivazioni.a ragione lo strada è incazzato:l'asccusato è un suo collaboratore e questo creerebbe delle ombre sulla sua persona e su emergency.
    come il diritto vorrebbe,si dovrebbero rendere note le basi dell'accusa e dare la possibilità di difendersi.ma questo finora non è stato fatto.
    quanto al fatto che il governo italiano ha incaricato strada invece di servirsi magari dei servizi segreti.è mpalese.
    tutti i servizi segreti occidentali che hanno uomini in afghanistan,impegnati da anni a cercare bin laden non riescono a cavare un ragno dal buco.è inimmaginabile che i nostri servizi sarebbero riusciti a liberare nastrogiacomo.solo chi in quei luoghi è stimato da tutti ed ha fattivamente aiutato quelle popolazioni aveva una possibilità di riusccirci.ed infatti questo è avvenuto.

 

 

Discussioni Simili

  1. Ingroia, connivenze impediscono verita' : ansa ,vasto 22 sett
    Di yure22 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-09-12, 10:34
  2. Ingroia, connivenze impediscono verita'
    Di yure22 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-09-12, 10:30
  3. Mafia e connivenze a Milano
    Di MacBraveHeart nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-12-07, 11:53
  4. La Padania denuncia connivenze estrema destra - islamisti
    Di Ormriauga nel forum Destra Radicale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 11-06-05, 14:20
  5. A proposito di connivenze...
    Di MrBojangles nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 20-10-03, 11:56

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226