User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Hej på dig, Evert
    Data Registrazione
    14 Dec 2005
    Località
    TOSCANA ÜBER ALLES
    Messaggi
    408
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Fanno girare anche questo!

    Se volete organizzare un pestaggio ci sto.. Ma leggete attentamente questo articolo perché è veramente sbalorditivo di come si possa stravolgere la storia usando aneddoti storici.

    IL DIBATTITO STORICO
    Macché liguri, siamo tutti italiani
    L'identità dei liguri tra siculi e negroidi
    Rino Di Stefano
    Esiste o non esiste un’identità ligure? Ho seguito la polemica tra il Movimento indipendentista ligure e Giacomo Petrella, editorialista del periodico La Destra, e mi sento di dire che entrambi hanno ragione e entrambi hanno torto. Infatti mentre il Mil sostiene che esiste una precisa identità ligure, Petrella afferma che si tratta di una «baloccata politica».
    Vorrei dire subito che non sono mai stati fatti molti studi sulle origini dei liguri, ma quanto esiste è più che sufficiente per tracciare un quadro abbastanza definito circa la provenienza delle popolazioni che fin dall’antichità erano chiamate «liguri». Una sintesi di questi studi si trova nel volume «I liguri, etnogenesi di un popolo» del professor Renato Del Ponte, pubblicato nel 1999 dalla casa editrice genovese Ecig.
    Se risaliamo alla Preistoria, e per essere più esatti al Paleolitico Superiore, scopriamo che nel territorio che oggi chiamiamo Liguria, una razza cro-magnon composta da individui molto alti (intorno a un metro e novanta d’altezza) conviveva con una razza decisamente più bassa che alcuni scienziati hanno definito «negroide». Nel Neolitico, invece, avvenne un’invasione da parte di popoli neolitici mediterranei che, mischiandosi con i locali, diede origine a quella che scientificamente viene definita «razza litoranea » o «atlanto-mediterranea» della quale fecero parte coloro che da quel momento in poi vennero definiti «liguri», dalla parola indo-europea «liga», che significa luogo paludoso o acquitrino. Ed ecco come lo scienziato francese Poisson descrive nel suo libro «Le peuplement de l’Europe» (Parigi, 1939) il ligure tipo: «Ha una taglia elevata, una dolicocefalia tendente alla mesocefalia, in seguito allo sviluppo di bozze parietali, faccia disarmonica, prominente, mandibola bassa, mento assai accentuato, avambracci lunghi, mani e piedi molto grandi, torso largo, lo scheletro dai caratteri robusti, colorito bruno vivo, capelli di un nero brillante e piuttosto ispidi, gli occhi di un bruno rossiccio».
    Chi parla di celti e altri popoli nordici, dunque, è meglio che si ricreda: di nordico i liguri avevano soltanto la posizione geografica. E il motivo è presto spiegato: le popolazioni neolitiche che hanno di fatto creato la razza, provenivano dalla costa africana o medio orientale. Ma non fu l’unica invasione. Secondo un’ipotesi dei professori di geofisica William Ryan e Walter Pitman, in un altro periodo l’Europa venne invasa da popolazioni profughe del Mar Nero fuggite dai loro paesi a causa di un enorme diluvio che fece crescere di 170 metri il livello di quello che prima era solo un lago. Avanzando lungo il territorio slavo e scendendo poi dalla pianura padana, per le popolazioni autoctone gli invasori provenivano dal nord. Ma non era da quell’area che in effetti provenivano.
    Venendo a tempi relativamente più recenti, le popolazioni liguri erano divise in quattro grandi tribù: salii, taurini, siculi e ambroni. Tribù che si distinsero sempre dai celti e dagli italioti che già allora occupavano altre zone italiane. Ad un certo punto della storia, queste tribù si divisero e occuparono diversi territori. I salii e i taurini, per esempio, si sistemarono nell’attuale Piemonte e sulla costa francese; gli ambroni nell’area lombarda; i siculi prima si trasferirono nella zona umbro-laziale, poi scesero più a sud e occuparono l’isola che da loro prese il nome. Altri siculi, invece, presero la via del nord e si collocarono in quello che oggi è il Trentino-Alto Adige. «Infatti - spiega il professor Del Ponte - ancora oggi si può riscontrare una metafonia, cioè una similitudine di suoni, simile in Liguria, nell’area ladina e in Sicilia. Tanto per fare alcuni esempi, basti pensare alla ligure Lerici e alla siciliana Erice, a Sestri e a Segesta».

    Col passare dei secoli, però, ci furono le invasioni barbariche dei popoli celtici, quelli sì, provenienti dal nord. Tuttavia i barbari non riuscirono mai a integrarsi completamente con gli orgogliosi liguri.
    Un’altra miscellanea di popoli avvenne nel 180 a.C., al tempo delle guerre puniche. Mentre Genova (che tra l’altro è stata fondata dagli etruschi e non dai romani) si era schierata decisamente dalla parte di Roma, altre città del ponente ligure parteggiavano per Cartagine, città con la quale avevano frequenti scambi commerciali. Ad un certo punto, i generali romani Publio Cornelio Cetego e Marco Bebio Tanfilo, vennero in Liguria, fecero terra bruciata di tutti i centri nemici e trasferirono la bellezza di 40 mila famiglie liguri nel Sannio, non lontano da Benevento, dove la nuova comunità crebbe nei secoli.
    Da tutto questo se ne deduce che un’identità ligure, nel senso di una popolazione con caratteristiche e tradizioni comuni, esisteva. D’altra parte, però, il tempo e la storia hanno fatto in modo e maniera che questi popoli abbiano di fatto generato culture locali differenti. Chi lo sapeva, infatti, che la mappa genetica del 90 per cento delle popolazioni siciliane è identica a quella ligure e a quella di certi gruppi alto-atesini? La verità, dunque, è che quella che oggi è genericamente conosciuta come «razza italiana» altro non è che un miscuglio di razze che alla base hanno una comune e antichissima origine. Solo certe differenze di costumi, maturate con eventi spesso cruenti e devastanti, hanno creato diversità. Ma se solo si scava nel passato, gratta gratta alla fine ci scopriamo tutti italiani.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,176
    Mentioned
    43 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Ti stupisci? Dicono che all'ottantapercento siamo uguali a un macaco; al novantapercento siculi=liguri; che cosa ci trovi di strano?
    Belin...
    Ormai credo solo a ciò che mi sembra credibile. Stop.

 

 

Discussioni Simili

  1. Fate girare questo sms
    Di Malik nel forum Fondoscala
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 17-08-15, 10:42
  2. Potreste Far Girare Questo Messaggio
    Di SOLINAIR nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 08-04-06, 14:56
  3. cose che ti fanno girare...
    Di VRN-2004 nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-01-05, 17:08
  4. E con questo fanno 500
    Di epixx nel forum Fondoscala
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 28-09-04, 01:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226