User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 21
  1. #1
    semprevivabbozzi!!!
    Data Registrazione
    19 May 2006
    Località
    patagna
    Messaggi
    936
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito chi e il piu ricco del senato?? dario fruscio della lega nord

    dai quotidiani::
    il deputato piu ricco e silvio berlusconi
    il senatore piu ricco e,,,guarda-guarda,,,dario fruscio della lega nord
    professore calabrese,,,consigliere di eni,,di sviluppo itallia ((cassa del mezzogiorno) eccettera,,,
    cosi la lega ha segnato un altro punto:: un suo senatore calabrese ((ma eletto in lombardia nel proporzionale senza preferenze) fa il consigliere alla nuova cassa del mezzogiorno ed e anche il piu ricco fra i 400 paperoni del senato
    uno cosi e certo che ha a cuore il nord
    grazie grazie grazie

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La carriera di Fruscio. Sole 24 ore, 6 magio 2005.

    ROMA • Dario Fruscio, leghista neanche tanto per caso (è nato in un paese della Sila che si chiama Longobardi), professore « in quiescenza » di Economia aziendale e studio di commercialista a Milano, comincia la sua carriera politica imbarcandosi su un aereo che collega Milano Linate a Roma Fiumicino. Lui vince la lotteria del posto e siede affianco al senatùr Umberto Bossi che vola a occupare il suo scranno in Parlamento.

    Nessuno sa cosa i due si siano detti, raccontano solo di un parlare fitto fitto per tutto il volo. E atterrati a Roma ladrona si stringono padanamente la mano. È un colpo di fulmine. In fondo, tra le montagne della Sila e le Prealpi del Varesotto che differenza c'è? Non è neppure un caso che, grazie ai longobardi, i cosentini si siano meritati l'appellativo di svizzeri della Calabria. Il senatùr vuole che la neorecluta padana Fruscio Dario faccia da cane da guardia al cane che di zampe ne ha sei, l'Ente nazionale idrocarburi. Le politiche del 2001 sono andate male: Fruscio non passa nel collegio Lombardia 2. Ma, c'è la poltrona di consigliere di amministrazione dell'Eni e quella di Sviluppo Italia.
    Il giorno e la notte. A San Donato, quartiere generale della società petrolifera di Stato, Fruscio a un certo punto pensa che l'amministratore delegato, che pure vanta risultati inoppugnabili, ha fatto il suo tempo.
    Sbraita contro la gestione « accentratrice » di Mincato ma poco dopo annusa il vento e si ritira autoassegnandosi il titolo «di salvatore della petrolchimica italiana».

    Quello dell'Eni è un incarico di prestigio, ma senza ciccia. A Roma, invece, in via Calabria ( a Fruscio sembrerà una profezia), quartier generale di Sviluppo Italia, di ciccia ce n'è tanta. A difenderla c'è però un mastino abruzzese di tre taglie più grande che a forza di girarci attorno ha scavato i solchi sul suo territorio. Il cane da guardia calabro padano guaisce. E per un anno finge di indietreggiare. Il 12 giugno impartisce la prima lezione. E scrive una lunga lettera a Massimo Caputi, che tenta di rabbonirlo, destinandolo alla presidenza di una società di factoring.

    Fruscio non accetta. E blandisce l'amministratore delegato con parole morbide: « Lasciami dire che sono impegni affascinanti quelli che mi proponi. Però mi tocca dirti che il mio impegno ha già un suo preciso campo operativo su cui può essere esplicato: quello del turismo » . Un atteggiamento conciliante, prima di una strigliata sulla gestione di Sviluppo Italia. « Basta con questo stop and go, buono per alimentare una condizione di stallo e d'inconcludenza ormai soverchiante i limiti della più volenterosa remissività e sopportabilità. Passato un anno cosa pensi? Di propinarci ancora la stessa musica? » . Poi di nuovo una richiesta: « Per quanto riguarda possibili movimenti al vertice di Sviluppo Italia Calabria, ti chiedo formalmente che a interessarsene sia, con te, il Cda di Sviluppo Italia. Ti chiedo di fornirmi assicurazioni sul punto, affinché io possa, in caso contrario, esercitare mie adeguate attività in via autonoma » . La chiusa delle lettera è da manuale della provocazione: « Credimi, con cordialità, serenità, con ansia di concordia. Ma anche con reciproca fiducia, che da parte mia implica il convincerti che tu di Sviluppo Italia non sei né il padrone né il giocattoliere » .

    Passano diciannove giorni e Fruscio torna ad accanirsi con una lettera velenosissima sulla campagna pubblicitaria di Sviluppo Italia che in quei giorni inonda tv, giornali, radio e cartelloni stradali ( costo a bilancio nel 2003 4,6 milioni di euro, contro i 900mila dell'anno prima). « Quando si è sotto critica per inconcludenza operativa e/ o gestionale, è da sempre in uso far passare per campagne pubblicitarie costosissime l'azienda o il gruppo caduto nell'occhio del ciclone. Rimpinguando le casse dei mass media si capta benevolenza per un certo periodo di tempo e fino a un nuovo giro di valzer. Tu su queste cose hai insistito molto, anche ai fini della costruzione e/ o ricostruzione di un'immagine manageriale ben nota. Ben nota anche per insuccessi accumulati ». Il cane ha azzannato il mastino. La replica di Caputi è furiosa: «La tua lettera è di una violenza inaudita, totalmente fuori luogo e volgare. Essa contiene illazioni che forse appartengono al mondo che tu frequenti. Se fossero rivolte a me, ti invito a esplicitarle, in modo che possa avere un confronto nelle sedi opportune e tutelare la mia corretezza e professionalità » . Il 13 aprile del 2005 Dario Fruscio è stato nominato presidente di Sviluppo Italia Turismo, la joint venture con gruppo Marcegaglia, Banca Intesa e Ifil, i soci privati che nei prossimi anni assumeranno la guida della società.
    Un giocattolino da 70 milioni. Finalmente il professor Fruscio potrà dedicarsi alla sua amata terra, la Calabria. Perché cane non mangia cane.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    26 Sep 2010
    Messaggi
    1,542
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E pensare che qualcuno ancora crede nella Lega...

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da YSBYSB Visualizza Messaggio
    E pensare che qualcuno ancora crede nella Lega...
    O meglio, che al partito unionista interessi qualcosa dell'indipendentismo delle nazioni alpino-padane
    salucc

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Messaggi
    6,770
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' nato a LONGOBARDI , paesino tirrenico in Provincia di Cosenza

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Che l'è en terù l'ìem capìt
    salucc

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Messaggi
    6,770
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da FENRIR Visualizza Messaggio
    Che l'è en terù l'ìem capìt
    salucc
    E che è senatur della LEGA lo hai capito pure ?

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ho capito che è un tuo conTerrone
    salucc

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,743
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio
    La carriera di Fruscio. Sole 24 ore, 6 magio 2005.

    ROMA • Dario Fruscio, leghista neanche tanto per caso (è nato in un paese della Sila che si chiama Longobardi), professore « in quiescenza » di Economia aziendale e studio di commercialista a Milano, comincia la sua carriera politica imbarcandosi su un aereo che collega Milano Linate a Roma Fiumicino. Lui vince la lotteria del posto e siede affianco al senatùr Umberto Bossi che vola a occupare il suo scranno in Parlamento.

    Nessuno sa cosa i due si siano detti, raccontano solo di un parlare fitto fitto per tutto il volo. E atterrati a Roma ladrona si stringono padanamente la mano. È un colpo di fulmine. In fondo, tra le montagne della Sila e le Prealpi del Varesotto che differenza c'è? Non è neppure un caso che, grazie ai longobardi, i cosentini si siano meritati l'appellativo di svizzeri della Calabria. Il senatùr vuole che la neorecluta padana Fruscio Dario faccia da cane da guardia al cane che di zampe ne ha sei, l'Ente nazionale idrocarburi. Le politiche del 2001 sono andate male: Fruscio non passa nel collegio Lombardia 2. Ma, c'è la poltrona di consigliere di amministrazione dell'Eni e quella di Sviluppo Italia.
    Il giorno e la notte. A San Donato, quartiere generale della società petrolifera di Stato, Fruscio a un certo punto pensa che l'amministratore delegato, che pure vanta risultati inoppugnabili, ha fatto il suo tempo.
    Sbraita contro la gestione « accentratrice » di Mincato ma poco dopo annusa il vento e si ritira autoassegnandosi il titolo «di salvatore della petrolchimica italiana».

    Quello dell'Eni è un incarico di prestigio, ma senza ciccia. A Roma, invece, in via Calabria ( a Fruscio sembrerà una profezia), quartier generale di Sviluppo Italia, di ciccia ce n'è tanta. A difenderla c'è però un mastino abruzzese di tre taglie più grande che a forza di girarci attorno ha scavato i solchi sul suo territorio. Il cane da guardia calabro padano guaisce. E per un anno finge di indietreggiare. Il 12 giugno impartisce la prima lezione. E scrive una lunga lettera a Massimo Caputi, che tenta di rabbonirlo, destinandolo alla presidenza di una società di factoring.

    Fruscio non accetta. E blandisce l'amministratore delegato con parole morbide: « Lasciami dire che sono impegni affascinanti quelli che mi proponi. Però mi tocca dirti che il mio impegno ha già un suo preciso campo operativo su cui può essere esplicato: quello del turismo » . Un atteggiamento conciliante, prima di una strigliata sulla gestione di Sviluppo Italia. « Basta con questo stop and go, buono per alimentare una condizione di stallo e d'inconcludenza ormai soverchiante i limiti della più volenterosa remissività e sopportabilità. Passato un anno cosa pensi? Di propinarci ancora la stessa musica? » . Poi di nuovo una richiesta: « Per quanto riguarda possibili movimenti al vertice di Sviluppo Italia Calabria, ti chiedo formalmente che a interessarsene sia, con te, il Cda di Sviluppo Italia. Ti chiedo di fornirmi assicurazioni sul punto, affinché io possa, in caso contrario, esercitare mie adeguate attività in via autonoma » . La chiusa delle lettera è da manuale della provocazione: « Credimi, con cordialità, serenità, con ansia di concordia. Ma anche con reciproca fiducia, che da parte mia implica il convincerti che tu di Sviluppo Italia non sei né il padrone né il giocattoliere » .

    Passano diciannove giorni e Fruscio torna ad accanirsi con una lettera velenosissima sulla campagna pubblicitaria di Sviluppo Italia che in quei giorni inonda tv, giornali, radio e cartelloni stradali ( costo a bilancio nel 2003 4,6 milioni di euro, contro i 900mila dell'anno prima). « Quando si è sotto critica per inconcludenza operativa e/ o gestionale, è da sempre in uso far passare per campagne pubblicitarie costosissime l'azienda o il gruppo caduto nell'occhio del ciclone. Rimpinguando le casse dei mass media si capta benevolenza per un certo periodo di tempo e fino a un nuovo giro di valzer. Tu su queste cose hai insistito molto, anche ai fini della costruzione e/ o ricostruzione di un'immagine manageriale ben nota. Ben nota anche per insuccessi accumulati ». Il cane ha azzannato il mastino. La replica di Caputi è furiosa: «La tua lettera è di una violenza inaudita, totalmente fuori luogo e volgare. Essa contiene illazioni che forse appartengono al mondo che tu frequenti. Se fossero rivolte a me, ti invito a esplicitarle, in modo che possa avere un confronto nelle sedi opportune e tutelare la mia corretezza e professionalità » . Il 13 aprile del 2005 Dario Fruscio è stato nominato presidente di Sviluppo Italia Turismo, la joint venture con gruppo Marcegaglia, Banca Intesa e Ifil, i soci privati che nei prossimi anni assumeranno la guida della società.
    Un giocattolino da 70 milioni. Finalmente il professor Fruscio potrà dedicarsi alla sua amata terra, la Calabria. Perché cane non mangia cane.
    Che schifo.
    Sapete qual è il grosso problema?
    Che la maggior parte degli elettori della Lega non si rende conto di aver eletto senatori che "si dedicano alla loro amata terra, la Calabria"...fan bene a pensare alla loro terra...MA ALLA PADANIA CHI CI PENSA???
    La tipica "siùra Maria", ma anche gli elettori più giovani che non seguono troppo da vicino gli eventi politici, non si rendono conto di aver eletto certi personaggi...
    QUESTO è ANCHE COLPA DELLA SCANDALOSA LEGGE ELETTORALE IN VIGORE...CON LE PREFERENZE CHI AVREBBE VOTATO QUESTO QUI?

  10. #10
    Il Senza Dio
    Data Registrazione
    06 Oct 2006
    Località
    Socialista Illuminista Ateo
    Messaggi
    1,761
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da incastigo Visualizza Messaggio
    dai quotidiani::
    il deputato piu ricco e silvio berlusconi
    il senatore piu ricco e,,,guarda-guarda,,,dario fruscio della lega nord
    professore calabrese,,,consigliere di eni,,di sviluppo itallia ((cassa del mezzogiorno) eccettera,,,
    cosi la lega ha segnato un altro punto:: un suo senatore calabrese ((ma eletto in lombardia nel proporzionale senza preferenze) fa il consigliere alla nuova cassa del mezzogiorno ed e anche il piu ricco fra i 400 paperoni del senato
    uno cosi e certo che ha a cuore il nord
    grazie grazie grazie
    se mettessi l'accento sulle e non sarebbe male...
    cmq beh,era scontato che i più ricchi fossero di destra...

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Al Senato le spese folli della Lega Nord: la procura indaga
    Di ConteMax nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 114
    Ultimo Messaggio: 07-01-13, 23:02
  2. Risposte: 69
    Ultimo Messaggio: 26-04-08, 18:29
  3. è ufficiale: Sanna al Senato con la Lega Nord
    Di Nicheja nel forum Sardismo
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 07-03-06, 14:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226