User Tag List

Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 81
  1. #1
    omsksib
    Ospite

    Predefinito il liberismo della gran bretagna

    facciamo sapere al singor coso ronnie e a tutti i suoi amcii liberisti che prendono come esempio la gran bretagna un piccolo dato;

    l'anno scorso, lo stato inglese ha speso per l'edilizia popolare 24 miliardi di euro, perchè loro sonoliberisti e lo stato non deve intervenire minimamente nei vari mercati

    lo stato italiano, governato dai cosiddetti comunisti antiliberisti e statalisti , ha speso 180 milioni di euro per l'edilizia popolare;

    poi mi vengono a dire che io e altri facciamo confusione sul liberismo, lo statalismo, il socialismo , il comunismo, il liberomercato;

    allora, quali sono iliberisti e quali sono gli statalisti? mi pare che ci sia qualcosina che non torna

    con queste cifre, sono completamente a favore del liberismo all'inglese anch'io, e farei subito cambio con il cosiddetto statalismo italiano

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 May 2005
    Località
    Nkosi sikeleli Afrika
    Messaggi
    12,880
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da omsksib Visualizza Messaggio
    facciamo sapere al singor coso ronnie e a tutti i suoi amcii liberisti che prendono come esempio la gran bretagna un piccolo dato;

    l'anno scorso, lo stato inglese ha speso per l'edilizia popolare 24 miliardi di euro, perchè loro sonoliberisti e lo stato non deve intervenire minimamente nei vari mercati

    lo stato italiano, governato dai cosiddetti comunisti antiliberisti e statalisti , ha speso 180 milioni di euro per l'edilizia popolare;

    poi mi vengono a dire che io e altri facciamo confusione sul liberismo, lo statalismo, il socialismo , il comunismo, il liberomercato;

    allora, quali sono iliberisti e quali sono gli statalisti? mi pare che ci sia qualcosina che non torna

    con queste cifre, sono completamente a favore del liberismo all'inglese anch'io, e farei subito cambio con il cosiddetto statalismo italiano
    Infatti statalismo e liberismo non si misurano in termini di interventi pubblici a sostegno del welfare e dei bisogni fondamentali (nell'esempio del 3d la casa). Si misurano in termini di concorrenza del mercato. Il fatto è che i "liberali" di casa nostra credono che sia liberista aiutare gli imprenditori ad evitare il rischio della concorrenza e scaricare sui lavoratori il costo della loro scarsa attitudine all'innovazione. Il liberismo britannico è sin dall'800 l'esatto contrario: imprese esposte alla concorrenza senza rete e servizi pubblici che assistono i lavoratori, ma non gli imprenditori. E incidentalmente è per questo che i liberali veri non hanno cittadinanza in Italia al di fuori della sinistra italiana, come ricordava bene l'anno scorso Graham Watson, capogruppo liberale del Parlamento Europeo nella seguente lettera inviata a Vespa che nel suo programma aveva chiamato "liberale" Berlusconi:

    "Egregio Signor Vespa, ho appreso con stupore che durante la Sua trasmissione il Presidente Berlusconi e' stato pubblicamente e con grande enfasi definito "liberale". Devo protestare, personalmente e a nome del Gruppo Parlamentare di cui sono Presidente. Essere liberali non e' un qualcosa che si puo' affermare alla leggera; implica non solo l' adesione a principi filosofici e teorici, ma anche la pratica quotidiana di questi principi, nella propria vita pubblica e privata. Sinceramente, non mi sembra che l' On Berlusconi abbia mai dato segno di mettere in pratica alcuno di questi principi, particolarmente nell'esercizio delle sue funzioni di Presidente del Consiglio. Anche se il Partito Liberale in Italia non esiste piu', il liberalismo e' ancora vivo e vivace, e molte sono le sue voci all' interno della societa' civile e politica; sicuramente le sara'
    possibile trovare un "liberale praticante" da invitare alla sua trasmissione.
    Ringraziandola per l' attenzione, porgo distinti saluti
    Graham Watson MEP"
    16.1.2006

  3. #3
    omsksib
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Nelson Visualizza Messaggio
    Infatti statalismo e liberismo non si misurano in termini di interventi pubblici a sostegno del welfare e dei bisogni fondamentali (nell'esempio del 3d la casa). Si misurano in termini di concorrenza del mercato. Il fatto è che i "liberali" di casa nostra credono che sia liberista aiutare gli imprenditori ad evitare il rischio della concorrenza e scaricare sui lavoratori il costo della loro scarsa attitudine all'innovazione. Il liberismo britannico è sin dall'800 l'esatto contrario: imprese esposte alla concorrenza senza rete e servizi pubblici che assistono i lavoratori, ma non gli imprenditori. E incidentalmente è per questo che i liberali veri non hanno cittadinanza in Italia al di fuori della sinistra italiana, come ricordava bene l'anno scorso Graham Watson, capogruppo liberale del Parlamento Europeo nella seguente lettera inviata a Vespa che nel suo programma aveva chiamato "liberale" Berlusconi:

    16.1.2006
    mi fà molto piacere che ci sia questa altra versione del cosiddetto liberismo; temo però che molti dei cosiddetti liberisti italiani come ad esempio tale coso ronnie ,luminare di economia fantascientifica e astrologica ,non siano per niente d'accordo; a me , questa versione del liberismo direi che può andare anche abbastanza bene, visto il pesante intervento dello stato nell'edilizia popolare; comunque, direi che c'è una contraddizione in quello che lei riporta, lei parla di concorrenza nel mercato e quindi di libero mercato, ma se intervine lo stato nel mercato degli immobili residenziali spendendo ogni anno 24 MILIARDI DI EURO temo che la sua libera concorrenza e il suo libero mercato, in questo caso , non siano più tanto liberi, non siano più liberi come qualcuno gli vorrebbe;

  4. #4
    Forumista storico
    Data Registrazione
    09 Feb 2005
    Messaggi
    35,528
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    ronnie non è liberale

    ha posizioni molto simili a quelle dell'UDC.

    fa il liberale perchè vuole meno tasse e il nucleare, ma per il resto è anche lui un conservatore italiano

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    29 Apr 2007
    Messaggi
    2,317
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io mi domando chi possa considerare liberale Blair: uno che appunto sperpera denaro in quel modo (con il seguito di corruttela e immoralità) e invade paesi stranieri come se nulla fosse.
    E' proprio vero: il welfare è l'altra faccia del warfare. Un sistema politico che può decidere circa qualsiasi aspetto della vita di un cittadino presto o tardi userà questo immenso potere anche al di fuori dei suoi confini

    Citazione Originariamente Scritto da omsksib Visualizza Messaggio
    facciamo sapere al singor coso ronnie e a tutti i suoi amcii liberisti che prendono come esempio la gran bretagna un piccolo dato;

    l'anno scorso, lo stato inglese ha speso per l'edilizia popolare 24 miliardi di euro, perchè loro sonoliberisti e lo stato non deve intervenire minimamente nei vari mercati

    lo stato italiano, governato dai cosiddetti comunisti antiliberisti e statalisti , ha speso 180 milioni di euro per l'edilizia popolare;

    poi mi vengono a dire che io e altri facciamo confusione sul liberismo, lo statalismo, il socialismo , il comunismo, il liberomercato;

    allora, quali sono iliberisti e quali sono gli statalisti? mi pare che ci sia qualcosina che non torna

    con queste cifre, sono completamente a favore del liberismo all'inglese anch'io, e farei subito cambio con il cosiddetto statalismo italiano

  6. #6
    omsksib
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Murray Visualizza Messaggio
    Io mi domando chi possa considerare liberale Blair: uno che appunto sperpera denaro in quel modo (con il seguito di corruttela e immoralità) e invade paesi stranieri come se nulla fosse.
    E' proprio vero: il welfare è l'altra faccia del warfare. Un sistema politico che può decidere circa qualsiasi aspetto della vita di un cittadino presto o tardi userà questo immenso potere anche al di fuori dei suoi confini


    non sò se blair è un liberale o meno , se è da considerare un liberale o meno, mi pare però che la tatcher fosse considerata una liberista , quella che ha impostato l'attuale sistema liberista della gran bretagna; e mi pare che la gran bretagna sia considerata un modello di liberismo da tutti; che succede adesso, non è più un modello di liberismo adesso che siete venuti a conoscenza di questo dato che ho riportato?

  7. #7
    omsksib
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Murray Visualizza Messaggio
    Io mi domando chi possa considerare liberale Blair: uno che appunto sperpera denaro in quel modo (con il seguito di corruttela e immoralità) e invade paesi stranieri come se nulla fosse.
    E' proprio vero: il welfare è l'altra faccia del warfare. Un sistema politico che può decidere circa qualsiasi aspetto della vita di un cittadino presto o tardi userà questo immenso potere anche al di fuori dei suoi confini


    a proposito di corruttela e immoralità, non capisco cosa c'entri l'immoralità;
    è immorale che lo stato cerchi di garantire a tutti i cittadini il minimo indispensabile per avere una vita dignitosa e cioè , inparticolare, la casa? forse che sarebbe immorale il contrario;
    per quanto riguarda la corruzzione, se avessero tutto in mano i privatinon ci sarebbe corruzzione? nelleprivatizzazioni non c'è corruzzione, non ci sono incredibile offerte di favore svendite incredibili e porcate di tutti i generi? ma a lei chi glielo ha detto che i privati sono bravi e corretti e gli statali invece sono cattivi e corrotti? poi, quando c'hanno tutto in mano i privati lei dice che non c'è più ilproblema della corruzzione? può darsi, i privati non hanno più bisogno di corrompere nessuno per fare delleporcate, possono fare le porcate che vogliono senza dover corrompere nessuno; e a pagare saranno sempre tutti gli altri cittadini , allo stesso modo

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    15 Apr 2002
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,796
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da omsksib Visualizza Messaggio
    mi fà molto piacere che ci sia questa altra versione del cosiddetto liberismo; temo però che molti dei cosiddetti liberisti italiani come ad esempio tale coso ronnie ,luminare di economia fantascientifica e astrologica ,non siano per niente d'accordo; a me , questa versione del liberismo direi che può andare anche abbastanza bene, visto il pesante intervento dello stato nell'edilizia popolare; comunque, direi che c'è una contraddizione in quello che lei riporta, lei parla di concorrenza nel mercato e quindi di libero mercato, ma se intervine lo stato nel mercato degli immobili residenziali spendendo ogni anno 24 MILIARDI DI EURO temo che la sua libera concorrenza e il suo libero mercato, in questo caso , non siano più tanto liberi, non siano più liberi come qualcuno gli vorrebbe;
    Se " liberismo " vuol dire far schizzare i prezzi delle case a 10 milioni al metro quadro come avviene adesso a Roma, ABBASSO IL LIBERISMO ( e non parlo per me, che ne posseggo due + altra roba!). Sono sorpreso che un guerrafondaio come Blair si preoccupi dell'edilizia popolare! Il suo disegno, allora, è chiaro: rubiamo i soldi agli altri ( vedi Iraq ed ex colonie) e spartiamoceli tra noi inglesi!

  9. #9
    omsksib
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da vend. solitario Visualizza Messaggio
    Se " liberismo " vuol dire far schizzare i prezzi delle case a 10 milioni al metro quadro come avviene adesso a Roma, ABBASSO IL LIBERISMO ( e non parlo per me, che ne posseggo due + altra roba!). Sono sorpreso che un guerrafondaio come Blair si preoccupi dell'edilizia popolare! Il suo disegno, allora, è chiaro: rubiamo i soldi agli altri ( vedi Iraq ed ex colonie) e spartiamoceli tra noi inglesi!


    guardi, come dicevo , visto quello che c'è in inghilterra e qullo che c'è nella cosiddetta statalista italia, direi che non saprei più dire che cos'è liberista e cos'è statalista; vorrei solo che in italia lo stato spendesse quanto spende la cosiddetta libeirsta inghilterra per l'edilizia popolare e cioè 24 MILIARDI DI EURO ALL'ANNO, oppure , in alternativa, quanto spende la statalista francia e cioè 13 MILIARDI DI EURO ALL'ANNO; in questo modo, sono sicuro che ilprezzo medio delle abitazioni a roma sarebbe molto ma molto inferiore ai 10 milioni al metro quadro attuale; è d'accordo con me?

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    29 Apr 2007
    Messaggi
    2,317
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A me pare si parlasse di questo intervento pubblico non di quelli della Thatcher. In ogni caso se anche fosse stata la Thatcher non avrei problemi a ribadire quello che ho detto.

    Comunque non mi sembra sensato ragionare in termini: dato che qualcuno ha detto che quel tizio è liberale allora tutto ciò che fa è liberale...tanto più chge adesso si sta parlando di un altro politico, di un altro governo, di un altro partito

    Citazione Originariamente Scritto da omsksib Visualizza Messaggio
    non sò se blair è un liberale o meno , se è da considerare un liberale o meno, mi pare però che la tatcher fosse considerata una liberista , quella che ha impostato l'attuale sistema liberista della gran bretagna; e mi pare che la gran bretagna sia considerata un modello di liberismo da tutti; che succede adesso, non è più un modello di liberismo adesso che siete venuti a conoscenza di questo dato che ho riportato?

 

 
Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Heat or eat? Il rompicapo energetico della Gran Bretagna
    Di von Dekken nel forum Politica Europea
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-11-13, 07:18
  2. La crisi della Gran Bretagna
    Di Cattivo nel forum Politica Europea
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02-05-12, 17:34
  3. Gran Bretagna: il discorso della Regina
    Di FrancoAntonio nel forum Monarchia
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 20-01-12, 20:23
  4. Islamizzazione della Gran Bretagna
    Di Cuordy nel forum Politica Estera
    Risposte: 50
    Ultimo Messaggio: 07-09-09, 15:59
  5. Blocco della Esso in Gran Bretagna
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-02-03, 10:15

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226