User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    02 May 2004
    Località
    Jura svizzero
    Messaggi
    264
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Diritto di eleggibilita' agli stranieri ?

    Mi capita di usare i forum per riflettere su alcuni temi.

    Ora devo riflettere sul tema: se e' giusto o no dare il diritto di eleggibilita' agli stranieri.
    Il fatto e' che vivo in Svizzera (cantone: NE), il 17 Giugno prossimo questo sara' un quesito referendario a cui saremo chiamati a dare risposta (anche noi stranieri, dato che il diritto di voto attivo, gia' lo abbiamo. Cio'e abbiamo diritto do votare, voto "attivo", ma non di essere eletti: voto "passivo").

    Dato che questo forum e' fatto da gente attenta ai problemi etnici e delle identita' locali, mi pare opportuno condurre qui questa mia riflessione.

    La riflessione non e' "accademica": mi serve per scoprire cosa dire il 26-5, quando dovro' in un dibattito pubblico introdurre l'oratore principale: il sindaco della cittadina dove abito (e che so parlera' a favore).

    = = =

    Premessa personale.
    Il tema mi mette un po' in imbarazzo e mi sento animato da sentimenti contrastanti.

    Intanto sono qui da 10 anni. Ho ancora un forte accento italiano (che conservero' sempre), conosco poco il complesso meccanismo politico svizzero.
    Mi pare quasi una "indelicatezza" il fatto di chiedere di (in ipotesi) essere votato e "rappresentare" . . . gli svizzeri, qui da loro.

    Detto questo, riconosco che se il diritto di votare 'e di fondamentale importanza per noi stranieri, anche il diritto di essere eletti, e' difficile negarne la logicita'.
    Tanto e' vero che ho partecipato a suo tempo alla raccolta delle firme per la presentazione del referendum, scoprendo che moltissimi svizzeri trovavano ragionevolissimo firmare per consentire questa estensione del sistema democratico.

    Nel seguito raccogliero' diverse posizioni, che riflettono questo duplice punto di vista.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    02 May 2004
    Località
    Jura svizzero
    Messaggi
    264
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Leggo sul giornale locale di oggi che il partito liberale (destra) ha dibattutto il tema.

    Alla fine si sono espressi contro, ma con uno scarto di voti minimo: 27 a 22.
    Vediamo i pareri contro e a favore (riferiti dal giornale).

    Contro:
    "La acquisizione della nazionalita' e' una operazione facile da ottenere.
    Basta naturalizzarsi dopo 10 anni di residenza e si ottiene automaticamenet il diritto alla eleggibilita'".

    (mio commento: l'argomento non tocca il cuore del problema. Dopo 10 anni uno RESTA straniero anche se ha il passaporto svizzero. MI pare una ergomentazione solo burocratica).

    A favore:

    "Lo statuto di cittadini, non 'e lagato alla nazionalita'"
    Il rappresentante dei liberali ha aggiunto:

    ""Si diventa cittadini e ci si integra attraverso degli atti partecipativi e l'essere eletti e' uno di questi".

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    02 May 2004
    Località
    Jura svizzero
    Messaggi
    264
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nel sito dell' UDC (UNione DEmocratica del Centro, il partito di Blocher) trovo un altro argomento:

    "Gli stranieri potrebbero al tempo stesso essere eletti qui e votare nei loro paesi".

    Vero. Infatti accade.
    Jhon Dupraz e Catherine Savary, cosiglieri federali svizzeri, votano alle elezioni francesi.

    Mio commento:
    Io gia' adesso voto qui e voto in Italia.
    La cosa per altro non mi pare affatto contraddittoria: pago le tasse sia qui che in Italia.

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    02 May 2004
    Località
    Jura svizzero
    Messaggi
    264
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "Désolé", per l'uso della lingua straniera, ma trovo che questo panorama e' interessante:

    "
    Appenzell Rhodes-Extérieures
    Depuis son entrée en vigueur le 1er avril 1996, la Constitution cantonale du 30 avril 1995 laisse aux communes la liberté d'accorder ou non des droits politiques aux étrangers, à condition toutefois que les intéressés résident depuis au moins dix ans en Suisse et qu'ils en aient passé cinq dans le canton. Trois des vingt communes ont accordé ce droit.


    Berne
    Les étrangers n'auront pas le droit de vote en matière communal dans le canton de Berne. Le Grand Conseil a refusé le 25.01.07 un projet qui laissait la liberté aux communes d'accorder ou non ce droit. Le score est serré : 77 voix contre 73. Le projet était pourtant soutenu par le gouvernement bernois. Les oppositions sont principalement venues du bloc bourgeois, UDC et radicaux. En 2005, une première tentative avait déjà échouée devant le Grand Conseil. Le groupe socialiste et les autonomistes avaient ensuite remis l'ouvrage sur le métier mais en vain. Ils dénoncent l'attitude du parti radical qui avait tout d'abord soutenu le premier projet il y a deux ans avant de se raviser.


    Fribourg
    La nouvelle Constitution, adoptée le 16 mai 2004, énonce dans son article 48 : « Ont le droit de voter et d'élire en matière communale, s'ils sont majeurs [...] les étrangères et étrangers domiciliés dans la commune qui sont domiciliés dans le canton depuis au moins cinq ans et au bénéfice d'une autorisation d'établissement ».

    La loi du 16 mars 2005 introduisant les droits politiques des étrangers et des Suisses de l'étranger a modifié la loi sur l'exercice des droits politiques pour la mettre en conformité avec la nouvelle Constitution. Elle précise également que « toute personne jouissant des droits politiques en matière communale est éligible ».


    Genève
    Le 24 avril 2005, 52,3% des électeurs du canton de Genève approuvent une initiative octroyant le droit de vote communal aux étrangers résidant dans le canton depuis plus de 8 ans. Une autre initiative incluant le droit d'éligibilité ne recueille que 47,2% des voix. Genève est le 6e canton du pays à accorder des droits politiques à ses ressortissants étrangers.

    La votation vient après quatre tentatives infructueuses : Le 17 juin 1979, 56,3% des électeurs refusent d'accorder aux étrangers les droits de vote et d'éligibilité aux élections prud'homales. Le 6 juin 1993, 71,3% des votants refusent une initiative en faveur du droit de vote et d'éligibilité communal. Le 28 novembre 1993, le même pourcentage de votants refuse une 2e initiative en faveur du seul droit de vote. Enfin, le 4 mars 2001, 52% des électeurs écartent une loi constitutionnelle en faveur du droit de vote et d'éligibilité communal.

    Concrètement, l'article 42 de la Constitution cantonale a été modifié pour donner le droit de vote aux élections municipales aux ressortissants étrangers ayant leur domicile légal en Suisse depuis huit ans au moins. En revanche, l'éligibilité des étrangers a été refusée.

    La disposition constitutionnelle sur le vote des étrangers est exécutoire et d'application directe. Cependant, un projet de loi modifiant la loi sur l'exercice des droits politiques pour la rendre conforme à la Constitution a été déposé le 14 septembre 2005.


    Grisons
    L'article 9 de la Constitution cantonale du 14 septembre 2003 donne le droit de vote aux Suisses, mais n'exclut pas que le droit de vote puisse être octroyé aux étrangers en matière cantonale, puisqu'il laisse au législateur le soin d'en déterminer, le cas échéant, les modalités. Aucune loi n'a été adoptée en ce sens.

    La même disposition constitutionnelle énonce que les communes peuvent décider d'accorder aux étrangers non seulement le droit de vote, mais aussi l'éligibilité. À ce jour, six communes (sur les quelque 200 que compte le canton) ont usé de cette faculté.


    Jura
    Lors de sa création, en 1978, le canton du Jura a donné le droit de vote aux étrangers.

    La Constitution cantonale donne le droit de vote aux citoyens « possédant la nationalité suisse » et précise, dans son article 73, que « la loi définit et règle le droit de vote et les autres droits politiques des étrangers ».

    La loi sur les droits politiques du 26 octobre 1978 prévoit, dans son article 3, que les étrangers peuvent voter aux élections municipales à condition d'être domiciliés dans le canton depuis dix ans et dans la commune depuis trente jours. Elle précise que les étrangers titulaires du droit de vote sont éligibles aux élections municipales.

    La même loi donne aux étrangers le droit de vote aux élections cantonales sous la seule condition de la domiciliation dans le canton depuis dix ans.

    Le 21.02.2007, le Parlement a voté une loi (51 voix contre 4) permettant aux étrangers d'être élus au poste de Maire. Le candidat devra avoir séjourné de façon régulière pendant 10 ans en Suisse dont minimum un an dans la République du Jura.


    Neuchâtel
    Ce canton a accordé le droit de vote aux étrangers aux élections municipales dès 1849. Il a ensuite supprimé cette disposition, puis l'a réintroduite en 1875.

    La loi sur les droits politiques du 17 octobre 1984 donne le droit de vote aux élections municipales aux étrangers en situation régulière, à condition qu'ils soient domiciliés dans le canton depuis au moins un ans. Toutefois, d'après la loi sur les communes, seuls les Suisses sont éligibles.

    La révision constitutionnelle de l'année 2000 a accordé le droit de vote aux élections cantonales aux étrangers domiciliés dans le canton depuis au moins cinq ans.


    Vaud
    La nouvelle Constitution vaudoise, du 14 avril 2003, énonce, dans son article 142, que « font partie du corps électoral communal [...] les étrangers et les étrangères domiciliés dans la commune qui résident en Suisse au bénéfice d'une autorisation depuis dix ans au moins et sont domiciliés dans le canton depuis trois ans au moins ». En application de cette disposition constitutionnelle, la loi sur l'exercice des droits politiques a été modifiée en 2003 pour accorder le droit de vote aux étrangers. Comme le droit de vote et l'éligibilité sont indivisibles en droit vaudois, les étrangers sont également éligibles aux élections municipales.

    En revanche, seuls les Suisses ont le droit de vote et sont éligibles aux élections cantonales.

    "

    Cantone che vai, eleggibilita' che trovi . . .

  5. #5
    Lo Zelota
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da LeoZaquini Visualizza Messaggio
    Leggo sul giornale locale di oggi che il partito liberale (destra) ha dibattutto il tema.

    Alla fine si sono espressi contro, ma con uno scarto di voti minimo: 27 a 22.
    Vediamo i pareri contro e a favore (riferiti dal giornale).

    Contro:
    "La acquisizione della nazionalita' e' una operazione facile da ottenere.
    Basta naturalizzarsi dopo 10 anni di residenza e si ottiene automaticamenet il diritto alla eleggibilita'".

    (mio commento: l'argomento non tocca il cuore del problema. Dopo 10 anni uno RESTA straniero anche se ha il passaporto svizzero. MI pare una ergomentazione solo burocratica).

    A favore:

    "Lo statuto di cittadini, non 'e lagato alla nazionalita'"
    Il rappresentante dei liberali ha aggiunto:

    ""Si diventa cittadini e ci si integra attraverso degli atti partecipativi e l'essere eletti e' uno di questi".
    La motivazione di chi è contro sembrerà burocratica, ma è l'unica ragionevole. Il diritto di elettorato attivo e passivo ha un legame inscindibile con il requisito della cittadinanza. Io, per dire, sono contrario a mantenere certe regole, per cui l'ultimo arrivato può essere naturalizzato (anche in Italia) dopo dieci anni di permanenza: li porterei a 30 o a 40. L'ospite deve rimanere tale, non farla da padrone solo perché paga le tasse da anni. Paga le tasse perché vive lì, ma questo non gli conferisce diritti di cittadinanza né di elettorato.

    Argomentazioni a favore: inconsistenti e pericolose. Non c'entra la nazionalità, concetto alquanto fumoso. E' la cittadinanza, spettante automaticamente a chi nasce in un Paese da cittadini di quel Paese, a fare la differenza: ad essa sono intimamente connessi diritti tesi a sancire un legame necessario fra uno Stato sovrano ed un popolo sovrano. Smembrare il diritto di voto - come Amato e Ferrero vogliono imporre in Italia - o estenderlo a non cittadini significa fare mercimonio di diritti (facendoli diventare per taluni dei privilegi) e rinunciare alla sovranità dello Stato. Uno Stato che si affida in un modo simile allo straniero rinuncia alla propria indipendenza, perché è costretto a vivere sul consenso di chi non vi è nato ed ha legami profondi con un altro Stato. L'Italia non può diventare una succursale dell'Albania o del Marocco.

    Idem per la Svizzera, ma sono cavoli degli svizzeri. Liberi di decidere cosa è meglio per loro.

  6. #6
    Lo Zelota
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da LeoZaquini Visualizza Messaggio
    Nel sito dell' UDC (UNione DEmocratica del Centro, il partito di Blocher) trovo un altro argomento:

    "Gli stranieri potrebbero al tempo stesso essere eletti qui e votare nei loro paesi".

    Vero. Infatti accade.
    Jhon Dupraz e Catherine Savary, cosiglieri federali svizzeri, votano alle elezioni francesi.

    Mio commento:
    Io gia' adesso voto qui e voto in Italia.
    La cosa per altro non mi pare affatto contraddittoria: pago le tasse sia qui che in Italia.
    Trovo la cosa inconcepibile. Il voto è connesso alla cittadinanza (in Italia è un principio costituzionale) e non è esercitabile in base al censo: tu paghi le tasse in Svizzera perché, essendo ivi residente, sei tenuto a farlo come chiunque altro nella tua stessa situazione. Se poi gli svizzeri ti hanno concesso diritto di voto, meglio per te. Un ospite non deve diventare padrone a casa d'altri: paga le tasse nel Paese in cui vive e lavora, solo perché non può permettersi di fare altrimenti. Il voto è una pretesa illegittima.

    Chi dà luogo a certi sdoppiamenti di diritto di voto non capisce - o forse è proprio ciò a cui mira... - che apre la strada ad un futuro del genere: una miriade di Stati senza più identità, una volta recisi i legami sacri con i propri cittadini, in mezzo ad una nebulosa demografica intimamente conflittuale e perciò meglio governabile dai titolari del potere economico e finanziario.

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    03 Apr 2002
    Località
    TAUR-IM-DUINATH
    Messaggi
    1,425
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' sicuramente ciò a cui mirano, senza dubbio e la cosa funziona basti pensare al conflitto che si sta aprendo fra padani
    G

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    02 May 2004
    Località
    Jura svizzero
    Messaggi
    264
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lo Zelota Visualizza Messaggio
    . . . apre la strada ad un futuro del genere: una miriade di Stati senza più identità, una volta recisi i legami sacri con i propri cittadini, in mezzo ad una nebulosa demografica intimamente conflittuale e perciò meglio governabile dai titolari del potere economico e finanziario.
    Quello che dici mi pare abbia un fondamento: la natura degli stati sara' probabilmente diversa da quando si viveva tutti, per generazioni e generazioni (millenni . . .), nello stesso posto e gli scambi di popoli e di merci erano scarsi o nulli.

    Le valli alpine (svizzere o italiane) erano diverse, allora.

    E mi pare anche sensato il cercare in questo trambusto di popoli, la volonta' di dominio di qualcuno (qualcuno che, magari, "popolo" non e').

    Questo trambusto non 'e la prima volta che accade, prima del medioevo c'era gia' stato l'impero romano.
    Una visita in un cimitero romano in germania chiarisce: la gente sepolta erano nati nei posti piu' impensati: africa, spagna, italia, turchia . . . .
    Eppure le loro lapidi sono ancora oggi visibili accanto al duomo di Colonia.

    Sant Agostino ha vissuto quasi tutta la sua vita tra Milano e la Brianza. Pur essendo nato a Tunisi (allora: Cartagine). Ma le raffigurazioni che abbiamo di lui mostrano chiaramente che le origini famigliari erano un po' piu' meridionali ancora: di fatto era un negro.

    Allora il trambisto era creato dalle legioni romane.

    Oggi e' creato dal fatto che i capitali si spostano liberamente. Per e mail.
    Senza passaporto. Senza tasse di soggiorno. Senza certificati di residenza.

    Chiaro che questo capitali, (che circolano cosi' liberamente) si portano appresso la gente per farli fruttare.

    IO so perfettamente di essere qui in Svizzera, grazie al fatto che gli svizzeri attirano molti di questi capitali.
    Per cui per le attivita' mie professionali mi sono trovato a dover venire qui.

    Per la stessa ragione in svizzera (che assorbe capitali, da tutto il mondo) assorbe anche parecchia gente: vivo in una cittadina dove noi stranieri siamo il 25% della popolazione, senza contare quelli gia' naturalizzati.

    E' ben vero che i nostri politici italiani, hanno cercato di venirici in contro e si sono impossessati di branche importanti della industria (chimica, elettronca, teelcom) facendole fallire.
    E per il nostro bene!
    Meno capitali arrivano in Italia meno immigrati ci saranno.

    Noi qui siamo al 25%, voi mi pare non arrivate al 9%.

    Ma per tornare a noi: se i capitali circolano giocoforza circoleranno anche le persone necessarie a farli rendere.
    Ecco l'origine del trambusto.

    Ma questo non c'entra col tema.
    Io sto riflettendo a questo: "cosa definisce l'essere cittadino"?

    La razza?
    Allora gli ebrei italiani non dovrebbero votare?

    (e di certo nemmeno i sud tirolesi).

    La cultura e l'etica?
    Allora i protestanti della Valpelice non dovrebbero votare?

    Ma soprattutto mi interrogo su questo: agli svizzeri che hanno piu' del 20% di immigrati, e che evidententemente desiderano restare svizzeri. Come mai il Gran Consiglio del cantone ha gia' approvato questa modifica costituzionale per farci essere eleggibili? (il Referendum dovfebbe ratificare questa decisione).

    Cosa gliene frega a loro?
    Come mai sono interessati alla nostra INTEGRAZIONE?
    (e cioe': svizzerizzazione?).

    Ci sto riflettendo.

  9. #9
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,696
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    decidano gli Svizzeri

  10. #10
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,591
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lo Zelota Visualizza Messaggio


    ...........una miriade di Stati senza più identità, una volta recisi i legami sacri con i propri cittadini, in mezzo ad una nebulosa demografica intimamente conflittuale e perciò meglio governabile dai titolari del potere economico e finanziario.

    il progetto è stato ben definito qualche secolo fa
    e sta per essere pienamente realizzato.

    non mi preoccuperei troppo
    sul diritto di voto agli stranieri e delle conseguenze
    che ne avranno i popoli e le comunità;

    è bene ricordare che le illuminate menti che hanno
    concepito e imposto la cancellazione di ogni sovranità
    dei popoli e delle nazioni, saranno gli stessi che
    a fronte del fallimento dei loro piani, (questo è certo)
    imporranno di nuovo il ponte levatoio,
    insieme al divieto assoluto di migrare per
    qualsivoglia motivo...........

    è chiaro che i sodali, che da ogni pulpito li hanno
    sostenuti, saranno adeguatamente istruiti per
    diffondere le nuove e illuminate idee........



 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-01-14, 17:25
  2. diritto di voto agli stranieri, a Milano
    Di Leviathan nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 22-04-12, 17:14
  3. Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 22-04-12, 17:14
  4. Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 04-02-12, 04:58
  5. Il paradosso della previdenza: tagli agli italiani, vitalizi agli stranieri
    Di 100% Antikomunista nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 13-08-11, 13:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226