User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
  1. #1
    panza e sostanza
    Data Registrazione
    25 Sep 2006
    Località
    Britney National Party
    Messaggi
    50
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    L' Autodifesa di Herich Honecker




    “Difendendomi dall’accusa manifestamente infondata di omicidio non intendo certo attribuire a questo Tribunale e a questo procedimento penale l’apparenza della legalità. La difesa del resto non servirebbe a niente, anche perché non vivrò abbastanza per ascoltare la vostra sentenza. La condanna che evidentemente mi volete infliggere non mi potrà mai raggiungere. Ora tutti lo sanno. Basterebbe questo a dimostrare che il processo è una farsa. È una messa in scena politica.
    Nessuno nelle regioni occidentali della Germania, compresa la città di prima linea di Berlino Ovest, ha il diritto di portare sul banco degli accusati o addirittura condannare i miei compagni coimputati, me o qualsiasi altro cittadino della Repubblica Democratica Tedesca (RDT), per azioni compiute nell’adempimento dei doveri emanati dallo Stato.
    Se parlo in questa sede, lo faccio solo per rendere testimonianza alle idee del socialismo e per un giudizio moralmente e politicamente corretto di quella Repubblica Democratica Tedesca che più di cento stati avevano riconosciuto in termini di diritto internazionale. Questa Repubblica, che ora la Germania Ovest (RFT) chiama Stato illegale, è stata membro del Consiglio di Sicurezza dell’O.N.U., che per qualche tempo ha presieduto e ha presieduto per un periodo la stessa Assemblea Generale. Non mi aspetto certo da questo processo e da questo Tribunale un giudizio politicamente e moralmente corretto della RDT, ma colgo l’occasione di questa messa in scena politica per far conoscere ai miei concittadini la mia posizione.
    […] I giuristi più eminenti di questo paese, tanto dei partiti di maggioranza che della SPD, giurano che il nostro processo altro non è che un normale processo penale, non un processo politico, non una messa in scena. Vengono arrestati membri di uno dei più alti organismi statali del paese confinante e si dice che però la politica non c’entra niente. Si contestano ai generali della contrapposta alleanza militare le decisioni prese, ma si sostiene che la politica non c’entra niente. Quelle stesse personalità che ieri venivano ricevute con tutti gli onori come ospiti di stato e interlocutori degli sforzi congiunti per impedire che potesse mai più scaturire una guerra dal suolo tedesco, vengono oggi etichettate come criminali. Ma anche questo non avrebbe niente a che fare con la politica.
    […] Per me e, credo, per chiunque non sia prevenuto, è evidente che questo processo è politico come solo può esserlo un processo contro la dirigenza politica e militare della RDT. Chi lo nega non sbaglia, chi lo nega mente. Mente per ingannare ancora una volta il popolo. Con questo processo si fa proprio ciò di cui noi veniamo accusati: ci si sbarazza degli avversari politici con i mezzi del diritto penale. Ma naturalmente tutto avviene secondo la legge.
    […] Una cosa comunque è chiara, ed è che tutti quegli uomini politici che un tempo mi chiedevano udienza ed erano felici di potermi a loro volta ricevere, non usciranno indenni da questo processo. Anche i bambini in Germania sapevano che degli uomini erano stati uccisi al muro e che tra i politici viventi il massimo responsabile del muro ero io, Presidente del Consiglio Nazionale della Difesa, Segretario Generale, Presidente del Consiglio di Stato della RDT. Non ci sono perciò che due sole possibilità: la prima è che i signori politici della RFT abbiano scientemente, liberamente e persino avidamente cercato di avere rapporti con un assassino. La seconda è che essi coscientemente e con soddisfazione lasciano adesso che un innocente venga incolpato di omicidio. Di queste due possibilità nessuna torna a loro onore. Una terza possibilità non c’è. Ma chi accetta un dilemma di questo genere e risulta perciò comunque, tanto in un caso come nell’altro, una persona priva di carattere, o è cieco oppure persegue altri fini che gli premono più del proprio onore.
    […] Il capitalismo ha vinto economicamente scavandosi la fossa, così come aveva fatto Hitler vincendo militarmente. In tutto il mondo il capitalismo è entrato in una crisi priva di sbocchi. Non gli è rimasta altra scelta che sprofondare in un caos ecologico e sociale oppure accettare la rinuncia alla proprietà privata dei mezzi di produzione e quindi il socialismo. Ambedue le alternative significano la sua fine. Ma per i potenti della RFT il pericolo più grave è chiaramente il socialismo. E questo processo deve servire a prevenirlo, così come deve servire a prevenirlo tutta la campagna contro la ormai scomparsa RDT, che deve essere marchiata come stato ingiusto e illegale.
    Tutti i casi di morte per ragioni non naturali nel nostro paese ci hanno sempre colpito. Le uccisioni al muro non solo ci hanno colpito umanamente, ma ci hanno anche danneggiati politicamente. Più di ogni altro io porto dal maggio 1971 il peso della responsabilità politica del fatto che si è sparato, in base alle disposizioni sull’uso delle armi da fuoco, contro chi cercava di attraversare senza autorizzazione il confine tra la RDT e la RFT, tra il Patto di Varsavia e la NATO. È una pesante responsabilità, certo. Dirò più avanti perché me la sono assunta. Ma ora, in sede di definizione di quella che è la finalità politica di questo processo, non posso fare a meno di sottolineare anche il tipo di mezzi che vengono utilizzati per cercare di raggiungere il fine di diffamare la RDT. I mezzi utilizzati sono i morti al muro. Questi morti devono servire e servono a rendere appetibile ai media questo processo, come altri in precedenza. Tra i morti però mancano le guardie di confine della RDT assassinate. Abbiamo già visto, e soprattutto voi avete già visto, come le immagini dei morti siano state oggetto di mercato, senza rispetto per la pietà e la decenza. Questi sono i mezzi con cui si fa politica e si crea il giusto clima. Così si usano, anzi così si abusa dei morti nella lotta che i padroni conducono per mantenere la proprietà capitalistica. Perché di questo e di niente altro si tratta nella lotta contro il socialismo. I morti servono a mostrare quanto la RDT e il socialismo fossero inumani e anche a sviare l’attenzione dalla miseria del presente e dalle vittime dell’economia di mercato. Tutto ciò viene fatto democraticamente, legalmente, cristianamente, umanamente e per il bene del popolo tedesco.
    Povera Germania!
    […] Le accuse contro di me, o contro di noi, si riferiscono dunque a decreti del Consiglio Nazionale della Difesa, decreti di un organo costituzionale della RDT. Oggetto del procedimento è dunque la politica della RDT, sono le decisioni del CND per difendere e preservare la RDT come Stato. Questo procedimento serve a criminalizzare questa politica. La RDT deve essere marchiata come Stato illegale e ingiusto e tutti coloro che l’hanno servita devono essere bollati come criminali. La persecuzione contro decine di migliaia ed eventualmente centinaia di migliaia di cittadini della RDT, di cui già parla la procura: questo è il vero scopo di questo procedimento, preparato da processi-pilota contro guardie di confine e accompagnato da innumerevoli altri procedimenti giudiziari discriminatori dei cittadini della RDT, condotti di fronte a tribunali civili, sociali, del lavoro, nonché da moltissimi atti amministrativi. Non è in gioco dunque solamente la mia persona o quella degli altri imputati di questo processo. È in gioco molto di più. È in gioco il futuro della Germania e dell’Europa, anzi del mondo che, con la fine della guerra fredda e con la nuova mentalità, sembrava dovesse entrare in una fase tanto positiva. Qui non solo si prosegue la guerra fredda, ma si vogliono gettare le fondamenta di un’Europa dei ricchi. L’idea della giustizia sociale deve essere soffocata una volta per tutte. Bollarci come assassini serve a questo.
    Io sono l’ultimo a oppormi a norme morali e legali che servano a giudicare e anche condannare gli uomini politici. Ma tre condizioni devono essere soddisfatte: Mi sembra che si tratti di condizioni ovvie, eppure nel mondo attuale non mi sembra che possano ancora essere soddisfatte. Se voi oggi sedete in giudizio contro di noi, lo fate come tribunale dei vincitori contro i vinti. Questo fatto è espressione dei rapporti di forza reali, ma non può pretendere validità giuridica né costituire un atto di giustizia.
    Basterebbero questi argomenti a dimostrare l’illegalità dell’accusa.
    […] Voi ritenete che quella decisione politica fosse sbagliata e considerate me e i miei compagni responsabili penalmente per i morti ammazzati al muro. Ebbene io vi dico che la decisione che voi ritenete giusta avrebbe causato migliaia o milioni di morti. Di questo ero e sono tuttora convinto e credo ne siano convinti anche i miei compagni. È per questa convinzione politica noi ci troviamo qui davanti a voi. E voi ci condannerete perché avete un’opinione politica diversa dalla nostra.
    […] Io ho speso la mia esistenza per la RDT. Dal maggio 1971 soprattutto ho avuto una responsabilità rilevante per la sua storia. Io sono perciò parte in causa e oltre a ciò indebolito per l’età e la malattia. E tuttavia, giunto alla fine della mia vita, ho la certezza che la RDT non è stata costituita invano. Essa ha rappresentato un segno che il socialismo è possibile e che è migliore del capitalismo. Si è trattato di un esperimento che è fallito. Ma per un esperimento fallito l’umanità non ha mai abbandonato la ricerca di nuove conoscenze e nuove vie. Bisognerà ora analizzare le ragioni per cui l’esperimento è fallito. Sicuramente ciò è accaduto anche perché noi – voglio dire i responsabili di tutti i paesi socialisti europei – abbiamo commesso errori che potevano essere evitati.
    […] Chi si è impegnato con il proprio lavoro e con la propria vita per la RDT non ha vissuto invano. Un numero sempre maggiore di persone dell’est si renderà conto che le condizioni di vita nella RDT lo aveva deformato assai meno di quanto la gente dell’ovest non sia deformata del capitalismo e che nei nidi, negli asili e nelle scuole i bambini della RDT crescevano più spensierati, più felici, più istruiti,più liberi dei bambini delle strade e delle piazze dominate dalla violenza della RFT. I malati si renderanno conto che nel sistema sanitario della RDT, nonostante le arretratezze tecniche, erano dei pazienti e non oggetti commerciali del marketing dei medici. Gli artisti comprenderanno che la censura, vera o presunta, della RDT non poteva recare all’arte i danni prodotti dalla censura del mercato. I cittadini constateranno che anche sommando la burocrazia della RDT e la caccia alle merci scarse non c’era bisogno che sacrificassero tutto il tempo libero che devono sacrificare ora alla burocrazia della RFT. Gli operai e i contadini si renderanno conto che la RFT è lo Stato degli imprenditori e che non a caso la RDT si chiamava Stato degli operai e dei contadini. Le donne daranno maggior valore, nella nuova situazione, alla parità e al diritto di decidere sul proprio corpo di cui godevano della RDT.
    […] Molti capiranno che anche la libertà di scegliere tra CDU, SPD, FDP è solo una libertà apparente. Si renderanno conto che nella vita di tutti i giorni, specialmente sul posto di lavoro, avevano assai più libertà nella RDT di quante ne abbiano ora.
    […] Il bilancio della storia quarantennale della RDT è diverso da quello che ci viene presentato dai politici e dai mass media. Col passar del tempo questo sarà sempre più evidente.
    […] Le mie considerazioni terminano qui. Fate dunque quello che non potete fare a meno di fare.


    (Neunkirchen 25/08/1912 – Santiago del Cile 29/05/1994)

    Fonte: Fronte Patriottico
    http://xoomer.alice.it/controvoce

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Peggio di un nazista.

    Shalom

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    2,940
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Come andò a finire quel processo ? Mi sembra di ricordare che in sostanza
    non ci fu una sentenza o sbaglio ?

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Apr 2005
    Messaggi
    3,002
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Già, mi pare che fu messo in libertà e buonanotte. Il povero malato terminale se ne volò ai tropici, con buona pace delle sue vittime e di chi si aspettava giustizia.
    D'altronde, che i due complici di Norimberga si potessero veramente fare del male l'uno all'altro, non lo crede nessuno. Si coprirono a Norimberga, e hanno continuato a coprirsi anche dopo.

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Apr 2005
    Messaggi
    3,002
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Idem dicasi per altri gerarchi o spioni.
    Basti solo pensare a Gysi, tutt'ora uomo prominente, e alla super-spia Markus Wolf, morto poco fa tra tutti gli onori.
    (Dettaglio interessante è la razza dei due).

  6. #6
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In effetti nessun tedesco ricorda i criminali genocidi processati a Norimberga (e la loro mancanza di onore e dignità) meglio di questo tirannello comunista della Repubblica Democratica della Germania orientale.

    Shalom

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    2,940
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La DDR era quello che era ed Honecker un servo dei sovietici.Con tutto questo il processo a quest'ultimo non aveva nessun fondamento di legalita' e del resto il modo come finì prova che se ne accorsero.

    Meglio un Honecker fuori che gli abusi che simili processi possono ingenerare a danno dei perdenti in generale.

    La giustizia di Brenno ?

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Apr 2005
    Messaggi
    3,002
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Pieffebi Visualizza Messaggio
    In effetti nessun tedesco ricorda i criminali genocidi processati a Norimberga (e la loro mancanza di onore e dignità) meglio di questo tirannello comunista della Repubblica Democratica della Germania orientale.

    Shalom
    A maggior ragione confermi quello che si diceva:
    perché ai tiranni comunisti poche ore di processo e via, liberi come il vento,
    mentre ai gerarchi nazionalsocialisti la massima esecrazione universale?
    Sarà che i tuoi beniamini sono sempre stati di fatto complici dei comunisti?

  9. #9
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nel combattere la minaccia dell'espansione destabilizzante della potenza nazista nel cuore dell'Europa è noto che vi fu un'innaturale alleanza (succeduta a quella un po' meno innaturale fra Hitler e Stalin.....di qualche tempo prima) fra le democrazie liberali e il comunismo. E questo non è stato senza influssi (contraddittori, certo) nella storia successiva d'Europa, come è noto. In secondo luogo, se non fosse stato per un giudice spagnuolo che ha innescato un insieme di atti anche nel suo paese, anche il generale Pinochet avrebbe passato indisturbato, come senatore a vita del Cile, il resto dei suoi giorni.

    Hasta la pasta

  10. #10
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ferruccio Visualizza Messaggio
    La DDR era quello che era ed Honecker un servo dei sovietici.Con tutto questo il processo a quest'ultimo non aveva nessun fondamento di legalita' e del resto il modo come finì prova che se ne accorsero.

    Meglio un Honecker fuori che gli abusi che simili processi possono ingenerare a danno dei perdenti in generale.

    La giustizia di Brenno ?

    Questa posizione ha una sua logica. Chi ha considerato.... non solo giuridicamente illegittimo .....ma anche eticamente e politicamente sbagliato il "processo di Norimberga", oltretutto perchè celebrato dai "vincitori" contro i "vinti", non dovrebbe invocare mezzi sostanzialmente simili nei confronti di altri responsabili [di opposta ideologia] di crimini contro l'umanità o comunque di delitti politici ripugnanti.


    Shalom

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-11-09, 16:32
  2. Autodifesa di Herich Honecker
    Di militanza nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 10-05-07, 22:50
  3. Autodifesa di Herich Honecker
    Di militanza nel forum Destra Radicale
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 10-05-07, 11:54
  4. Brandeburgo: Honecker vive e lotta insieme a noi!
    Di veterokom nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 21-09-04, 09:08
  5. vi ricordate di Honecker il leader della DDR?
    Di diego10 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 49
    Ultimo Messaggio: 26-12-03, 01:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226