User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 49
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 May 2007
    Messaggi
    7
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Garibladi era un eroe o un balordo?

    Scrivo questo post x chiarire idee su Garibaldi, citato spesso come eroe nazionale... io credo invece che sia solo un imbecille. La sua azione di conquista d'Italia fu dettata più dalla gloria personale che dal resto.
    Possiamo notare ancora oggi le conseguenze della sua azione.
    Grazie alla sua conquista molti meridionali che erano appena riusciti a venire in possesso di una modesta ricchezza si ritrovarono sul lastrico, a causa della svalutazione della moneta locale... e ancora oggi si possono sentire questi effetti. il sud ormai è diventato la palla al piede dell'Italia, che non riesce a "ingranare" come dovrebbe. Soprattutto i gioverni non si decidono ad attuare una politica di sviluppo nel meridione. scusate questa divagazione, adesso vorrei sapere cosa ne pensate voi

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    VELTRONI DIMETTITI!
    Data Registrazione
    12 May 2006
    Messaggi
    5,273
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    geniale. sud palla al piede perchè la moneta si è svalutata causa unità di italia causata da garibaldi.
    Vedo che sei nuovo e parti subito bene...che ridere che fai..se sei venuto per allietare i nostri pomeriggi...GRAZIE

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Cividât
    Messaggi
    1,554
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    garibaldi era uno de sinistra e cio' basta a qualificarlo

  4. #4
    prescritto
    Data Registrazione
    27 Jun 2006
    Messaggi
    2,804
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Garibaldi è un personaggio della Storia d'Italia come tanti altri. Io non lo vedo come un eroe...

    E comunque il sud è povero perchè è il sud... Non ci sono scusanti (cioè, ce ne sarebbero migliaia...ma nessuna giustifica la situazione in cui si trova il sud oggi: forse è per l'insieme si questi fattori).

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 May 2007
    Messaggi
    7
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Libdx Visualizza Messaggio
    geniale. sud palla al piede perchè la moneta si è svalutata causa unità di italia causata da garibaldi.
    Vedo che sei nuovo e parti subito bene...che ridere che fai..se sei venuto per allietare i nostri pomeriggi...GRAZIE
    allora geniaccio riusciresti a spiegare xkè il sud è cs povero? l'unica altra opinione è che sia pieno di teste d minkia cm te

  6. #6
    VELTRONI DIMETTITI!
    Data Registrazione
    12 May 2006
    Messaggi
    5,273
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da !paolo! Visualizza Messaggio
    allora geniaccio riusciresti a spiegare xkè il sud è cs povero? l'unica altra opinione è che sia pieno di teste d minkia cm te

    SEGNALATO

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    26 Nov 2009
    Messaggi
    4,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    come ha fatto un troglodita ad arrivare fin qui?

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    2,940
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Garibaldi era un uomo della massoneria nel bene e nel male. In sostanza
    era strumento della politica inglese che voleva l'Italia Nazione funzionale agli interessi inglesi. Già aveva fatto lo stesso in America del Sud dove ancora oggi e' reputato un avventuriero al servizio degli inglesi.

  9. #9
    Omia Patria si bella e perduta
    Data Registrazione
    14 Apr 2006
    Località
    Contro l'Unione Europea prigione dei Popoli Per un'Europa di Nazioni libere, eguali e sovrane!
    Messaggi
    4,649
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da !paolo! Visualizza Messaggio
    Scrivo questo post x chiarire idee su Garibaldi, citato spesso come eroe nazionale... io credo invece che sia solo un imbecille. La sua azione di conquista d'Italia fu dettata più dalla gloria personale che dal resto.
    Possiamo notare ancora oggi le conseguenze della sua azione.
    Grazie alla sua conquista molti meridionali che erano appena riusciti a venire in possesso di una modesta ricchezza si ritrovarono sul lastrico, a causa della svalutazione della moneta locale... e ancora oggi si possono sentire questi effetti. il sud ormai è diventato la palla al piede dell'Italia, che non riesce a "ingranare" come dovrebbe. Soprattutto i gioverni non si decidono ad attuare una politica di sviluppo nel meridione. scusate questa divagazione, adesso vorrei sapere cosa ne pensate voi
    Caro !paolo!,
    Se sei curioso di conoscere la figura di Garibaldi, il modo migliore è leggere due o tre sue biografie. In questo modo potrai confrontare più interpretazioni storiografiche e, se la biografia è fatta bene, anche imparare qualche cosa su come nacque e si sviluppò il mito di Garibaldi.

    Questa credo che sia la via migliore, anche perché la vita del Nizzardo merita veramente di essere conosciuta bene perché fu una vita spesa nella lotta per la libertà di tutti i popoli e giudata da un alto senso della Patria e da una morale impeccabile. Pensa che Garibaldi non accettò mai alcuna ricompensa monetaria né onore per le sue imprese e lavorò sempre per mantersi.

    Soprattutto la conoscenza della sua biografia ti permetterà di farti una tua opinione informata e di non cadere in preda ai soliti luoghi comuni su Garibaldi che lo vogliono agente inglese oppure causa di tutti i mali del Sud.

    Buona lettura.

  10. #10
    Fac et spera
    Data Registrazione
    11 Nov 2006
    Località
    Lummardìa
    Messaggi
    152
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ti consiglio questo libro:



    Gennaro De Crescenzo


    Contro Garibaldi
    Appunti per demolire il mito di un nemico del Sud
    Collana Saggi, 2006
    prima edizione 2006
    pp. 104, € 8,00



    Un Paese senza identità nazionale, privo di simboli comuni ed accettati ha bisogno di miti.
    Quello dell’ “eroe dei due mondi” è stato fabbricato dalla storiografia risorgimentale, espressione della piccola minoranza ideologica che unificò l’Italia. Usurato dal tempo, incapace di suscitare entusiasmi, il mito di Garibaldi, in tempi più recenti, è stato riproposto in chiave politica da chi era alla ricerca di una legittimazione del proprio potere.
    Ecco perché “parlare male di Garibaldi” è politicamente scorretto: perché è in contrasto con la pretesa di un significato identitario ed unitario del risorgimento che dovrebbe fondare una “memoria storica condivisa”.
    Ma le vicende del Paese, a partire dal sottosviluppo economico e dalla subalternità culturale dell’attuale Mezzogiorno, l’antico Regno delle Due Sicilie, continuano a riproporre quotidianamente ed impietosamente i nodi non sciolti dell’unificazione.
    Di Garibaldi, che fu lo strumento di quella unificazione, bisogna dunque parlare per forza.
    La nostra scelta, nel 2007 anno del bicentenario della nascita, è quella di parlarne fuori dal mito e dall’agiografia, fuori dalla retorica vecchia e nuova. Sulla base, cioè, di documenti e fonti storiche misconosciute ed occultate e non di pregiudizi ideologici.
    Per il Sud discutere seriamente di Garibaldi e della sua “impresa” è un passaggio obbligato: significa fare i conti con il proprio passato e, insieme, porre le premesse del proprio riscatto.


    Sulla figura di Garibaldi e del suo ruolo nella vicenda risorgimentale sono state date interpretazioni non sempre omogenee che, pur riconoscendolo sempre come eroe dell’unificazione italiana, hanno proposto sfumature diverse del personaggio, illuminandone alcuni tratti piuttosto che altri. Chi fu, dunque Garibaldi? L’eroe che dedicò la vita a combattere per ideali di libertà e di giustizia? Oppure lo strumento inconsapevole di una trama di potere ordita da massoni e liberali per impossessarsi dell’intera Penisola? O ancora, il rivoluzionario che collaborò attivamente alla conquista del Regno delle Due Sicilie, condividendo pienamente gli scopi e i mezzi delle forze unitariste? La risposta a queste domande sarà la chiave per rileggere l’impresa risorgimentale e le sue conseguenze che giungono fino ai nostri giorni.








    «Chiarita, comunque, la farsa del plebiscito, tutta la retorica del consenso intorno a Garibaldi e al “risorgimento” nel nostro Sud potrebbe essere smantellata dai dati relativi ai napoletani e ai meridionali chiusi in prigione durante il “regime” borbonico e durante la “liberazione” unitaria. Illuminanti, in tal senso, le inedite cifre riportate tra le carte sempre dell’Archivio di Stato di Napoli. “Tutte le carceri rigurgitano di detenuti nelle grandi città come nelle piccole borgate: nuovi edifici sono stati dappertutto destinati ad uso di carceri. E’ pubblica fama che nella sole città si noverino 16.000 carcerati. Nell’ultimo settennio [tra il 1852 e il 1859] in tutte le carceri di Napoli il numero di detenuti di tutte le categorie non oltrepassò mai i 1560”. Vengono citati, per una maggiore precisione, le medie dei dati relativi agli ultimi sette anni del governo borbonico nelle singole prigioni: “Vicaria 900-600, San Francesco 400-350, Santa Maria Apparente 100-60, Concordia 50-40, Santa Maria Agnone 110-90, totale 1560-1140!”. Un’altra fonte riporta dati ancora più precisi: 7115 i detenuti a Napoli, nelle province e nelle isole al 31 agosto 1860; 18.472 al 30 settembre del 1860, appena 23 giorni dopo l’arrivo dei liberatori garibaldini a Napoli. A queste cifre, per rendersi conto della loro enormità, bisogna aggiungere un altro dato importante: la scarcerazione di quasi tutti i detenuti del periodo borbonico (non solo politici) durante la dittatura garibaldina. Sulle condizioni dei carcerati è utile riportare le parole di un cronista del tempo che, reduce da una visita delle carceri siciliane, riferisce di “prigionieri ignudi, ricoperti di piaghe e insetti” e che dormivano “sul selciato”.
    Era la conseguenza ovvia (nonostante l’apertura di nuove strutture carcerarie) di un “accalcamento” che non aveva precedenti nella storia del Regno. Sempre in merito alle loro condizioni, da sottolineare anche che i Borbone consentivano ai parenti anche due visite al giorno, “sotto il regime della libertà”, invece, le visite si riducevano a tre per settimana. Eppure nessuno arrivò a parlare di “governi-negazioni di Dio”, come avevano fatto gli inglesi qualche anno prima iniziando l’interessata demonizzazione dei Borbone. Nessuno trovò la forza e il coraggio di denunciare una situazione davvero insostenibile che preannunciava le violenze e i massacri ancora più devastanti subiti dagli antichi popoli duosiciliani quando, definiti con disprezzo “briganti”, continuarono la loro lotta per la liberazione della loro antica patria con una motivazione (visti i tempi così rapidi di reazione e immediatamente successivi all’arrivo di Garibaldi nei nostri confini) inequivocabilmente politica e anche religiosa, in difesa dei valori e delle tradizioni cristiane che nessuno prima di allora, nella plurisecolare storia della nostra terra, aveva minacciato, colpito e offeso come i nuovi invasori.
    Bastava davvero poco per essere arrestati e tenuti in galera per mesi interi senza nessun tipo di garanzia o di processo. Una lettura superficiale delle carte del Ministero dell’Alta Polizia del tempo ci chiarisce la misura del dissenso dei napoletani e dei meridionali di fronte all’arrivo dei “liberatori”. Sono centinaia in pochi mesi i casi di rivolte, manifestazioni, retate o inchieste dal giorno stesso dell’arrivo di Garibaldi a Napoli. Si alternano “voci sediziose al grido di Viva Francesco II” e “bandiere bianche sventolate alla Vicaria” (si trattava di “proletari e persone dell’ultima classe del popolo”, secondo le relazioni della pubblica sicurezza), “occulti agitatori” e autori di “atti [o semplicemente “propositi”] sediziosi”, “garibaldini derubati e percossi” e arresti di giovani che “avevano osato profferire parole ingiuriose contro la Sacra Persona di Sua Maestà il Re”, scontri con “facinorosi” o numerosissimi casi di “richieste di notizie sulla morale politica” di impiegati, militari o funzionari pubblici. Non mancavano casi di veri e propri attentati, di arresti di massa o di perquisizioni di interi quartieri solo per l’affissione di qualche manifesto contro il nuovo regime










    Gli inglesi avevano interesse a distruggere l'economia del sud,ex regno delle due sicilie, poichè era l'unico regno(oltre all'inghilterra)ad avere una grande flotta mercantile(2' al mondo) e un'economia che aveva bisogno di importare poco e poteva vendere prodotti in tutto il mondo,non a caso finanziarono con una quantità di oro spropositata la conquista del sud e scortarono le due navi dei mille fino allo sbarco in sicilia.


 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Eroe
    Di Frankie D. nel forum Fondoscala
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 07-01-13, 20:48
  2. Eroe
    Di Aurelio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 09-06-11, 12:03
  3. Povero Garibladi!
    Di Stobla87 nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-01-11, 23:10
  4. Eroe
    Di Sabotaggio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-12-08, 15:06
  5. arrestato il balordo
    Di andreas (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 07-02-06, 17:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226