User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14

Discussione: Israele sotto attacco

  1. #1
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Israele sotto attacco

    (ASCA) - Roma, 21 mag - Il conflitto che in questi giorni e' tornato a infiammare l'area israelo-palestinese e' stato il tema al centro della visita dell'ambasciatore israeliano a Roma Gideon Mair al presidente della Camera, Fausto Bertinotti. ''Nell'incontro con il presidente della Camera ho ascoltato le sue impressioni dopo la visita in Israele e nella regione e abbiamo avuto uno scambio di vedute su come dare una soluzione al conflitto attraverso la costituzione di due Stati - spiega Mair -, quello che sta succedendo oggi nella regione e' l'effetto degli ultimi nove mesi, durante i quali Israele non ha risposto a massicci e continui lanci di missili Kassam. Abbiamo bisogno che la comunita' internazionale comprenda pienamente la reale situazione in cui cittadini israeliani si trovano quotidianamente sottoposti dagli attacchi che vengono da fuori e dentro il governo palestinese''.

    E io aggiungo anche questa notizia preoccupante:

    L'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica, l'Aiea di Vienna, ha confermato oggi che l'Iran sta continuando ad arricchire uranio in loco nonostante le richieste della comunità internazionale, pronta a varare nuove sanzioni. Il rapporto parla di 1.312 centrifughe in funzione, mentre altre - probabilmente qualche centinaia - sono in corso di allestimento. Le attività sono state in particolare ampliate alla centrale di Natanz, nel centro del paese, rileva il documento elaborato dal direttore generale Mohammed El Baradei e dai suoi collaboratori mentre, visti gli ostacoli imposti agli ispettori dell'Aiea dal regime di Teheran, diventa sempre più difficile sorvegliare l'evoluzione del programma iraniano.
    Il documento dell'Aiea, 4 scarne paginette pubblicate in coincidenza con la scadenza imposta all'Iran dall'Onu per porre un termine all'arricchimento dell'uranio, conferma implicitamente che le informazioni sono diventate praticamente impossibili da raccogliere in Iran. Il rapporto dell'agenzia dell'Onu ha provocato una dura reazione degli Stati Uniti che avvertono: "Teheran deve smetterla di sfidare la comunità internazionale. Sentiremo i nostri alleati per vedere che iniziative prendere dopo le nuove violazioni annunciate dall'Aiea".
    http://www.repubblica.it/2007/04/sez...iolazioni.html


    Per quanto ancora Israele dovrà subire?
    La comunità internazionale non si rende conto che una risposta massiccia da parte di Israele è ormai più che naturale.
    Nessuno Stato lascerebbe crescere,ai propri immediati confini,organizzazioni terroristiche,altri stati che foraggiano gli attacchi con kamikaze e razzi. E soprattutto,nessuno Stato potrebbe permettere ad una potenza che minaccia ogni giorno la sua distruzione totale,la cancellazione dalle cartine geografiche,di potersi dotare di armi nucleari.
    La situazione si fa sempre più esplosiva,e non certo per colpa di Israele,l'unica "isola" democratica in mezzo ad un mare di barbarie.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il fatto è che questi qui sono strapieni di soldi. Chi li finanzia, lo fa grazie al petrolio. E' questo il nodo.

    Accanto all'aumento delle spese per la difesa, è necessario che l'Occidente si affranchi quanto prima e quanto più in modo radicale dalla schiavitù del greggio.

    Il petrolio non si mangia, e quando nessuno troverà più conveniente trivellare pozzi in medioriente per avere energia elettrica e carburante, allora gli Arabi dovranno decidere se darsi una mossa per il benessere delle loro popolazioni, o continuare ad essere il cancro planetario.

  3. #3
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da UgoDePayens Visualizza Messaggio

    Accanto all'aumento delle spese per la difesa, è necessario che l'Occidente si affranchi quanto prima e quanto più in modo radicale dalla schiavitù del greggio.
    Esatto,finchè questa schiavitù permane l'Occidente non può essere forte come potrebbe.
    Temo però che ci vorranno ancora parecchi anni...e intanto Israele soffoca,vede un pericolo sempre più grande all'orizzonte.

  4. #4
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Soffia il vento della guerra in Medio Oriente. In Libano si spara sempre più spesso, la Palestina si sta sfaldando, gli iracheni continuano a morire come mosche, Al Qaeda tesse la sua ragnatela e l'Iran è in pieno viaggio verso un luminoso e islamico destino atomico. La diplomazia dell'ONU ha fallito per l'ennesima volta come confermato dall'ultima relazione di El Baradei, quella europea non sa che pesci pigliare, quella saudita si è accorta che le parole non bastano e neppure le sanzioni. Gli americani che già lo sapevano hanno mandato le portaerei nello stretto di Hormuz a ricordare ad Ahmadinejad che la loro fama di avere il grilletto facile è del tutto meritata. E che perciò stia attento: perché si possono prendere in giro tutti nel mondo, ma non si può così smaccatamente farsi beffa degli americani e delle loro minacce. E' una questione di principio e di credibilità. Soprattutto se mancano solo 200 centrifughe sulle 1500 necessarie per cominciare il processo di arricchimento dell'uranio in grado di produrre la bomba atomica. Questione di mesi, al massimo un anno. Il countdown è cominciato in tutte le capitali del medio oriente. Non si tratta più di se, ma di dove e quando scoppierà l'incendio più grosso, quello più incontrollabile. Perché che debbano scoppiare degli incendi in Medio Oriente è ormai dato per scontato. Non ha alternative che di alimentarli il regime di Teheran, perché ha bisogno di allargare il fronte di scontro e creare consenso alla sua causa tra le masse arabe anche non sciite. L'ha fatto con la guerra del Libano la scorsa estate usando gli hezbollah come braccio armato sul mediterraneo contro Israele, a dimostrare che le minacce di Ahamdinejad non erano parole al vento. L'ha fatto a Bagdad alimentando la guerra civile di Al Sadr, il suo fiero e sanguinario alfiere dell'Islam sciita in terra irachena. Lo sta facendo in Afganistan fornendo armi e denaro agli ex nemici talebani di fede sunnita affinché siano una spina sempre più profonda nel fianco degli americani. Lo sta facendo in Palestina sostenendo la causa di Hamas e delle sue frange più estremiste, tutte affiliate ai Fratelli Mussulmani egiziani e sunniti, in una guerra civile che assomiglia sempre più a un regolamento di conti tra bande .E adesso, stando ai rapporti dell'intelligence americano, vuole fare il salto di qualità. La grande coalizione inter-etnica e inter-religiosa tra Iran, Sudan, Hamas e la Jihad islamica in terra egiziana promossa da Teheran starebbe per realizzarsi con i finanziamenti iraniani. Il primo nucleo di un'armata clandestina e multiforme pronta a destabilizzare tutto il Medio Oriente è ormai pronto. Anche perché che il fuoco si diffonda conviene a tutti i movimenti radicali: è solo con la violenza e il clamore delle loro azioni che possono acquistare peso politico e credibilità. Ben lo sanno gli estremisti di Hamas che sparano ad Al Fatah perché non li lascia governare, ma anche ad Israele perché nessuno dimentichi, soprattutto il popolo frustrato, quale è la loro vera vocazione. E ben lo sanno i vertici di Al Qaeda che cercano spazio politico, ovunque ci siano morti ammazzati in Medio Oriente, in nome del loro sogno nazionalista e divino di califfato. A dimostrarlo tutta la strategia seguita in Libano dall'organizzazione, le infiltrazioni a Gaza denunciate perfino dall'autorità palestinese, e i recenti scontri tra l'esercito libanese e il gruppo di Fatah al Islam, affiliato ad Al Qaeda, che ha tentato di impossessarsi del campo profughi palestinese di Nahr al Bared a nord di Beirut in nome di Osama. Alla logica del tanto peggio tanto meglio ci crede pure la Siria, perennemente in bilico come il suo alleato iraniano tra la mano tesa per la pace e il fucile spianato. L'ambigua Damasco da una parte propone ad Israele di stringersi la mano vicendevolmente, dall'altra dà rifugio ai leader di Hamas più estremisti, consente l'allestimento di campi di addestramento per i guerriglieri che devono andare a immolarsi in Iraq, e favorisce il rifornimento costante degli hezbollah di armi iraniane. E non ci pensa neanche di rinunciare alla sua influenza sul Libano accettando di essere messa sotto processo dall'ONU per l'omicidio di Hariri. Ma potrebbero avere fatto tutti male i loro conti. Perché tanto più il Medio Oriente piomba nel caos e nella violenza tanto più i ricchi paesi arabi capitanati dall'Arabia Saudita, la Giordania e L'Egitto accetteranno, se non addirittura pretenderanno, l'intervento americano e eventuali reazioni israeliane. Tanto più il mondo sentirà in pericolo le forniture di petrolio, tanto più avallerà una guerra americana contro Siria e Iran e i movimenti integralisti alleati. Che alla fine a furia di seminare vento rischiano di essere spazzati via da un'enorme tempesta.

    Alessandro Luigi Perna


    http://canali.libero.it/affaritalian...uerra2505.html

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 May 2007
    Messaggi
    69
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Israele rientra nella categoria degli "indifendibili".

    A livello mediatico, sono sottozero; sono visti come un paese di ricchi (cosa non vera, semmai quello è l'arabia saudita) che attacca attacca attacca con motivazioni razziste.

    A destra l'appoggio verso di loro, almeno in Italia, credo sia poco sentito dalla base: a prescindere da questo forum, credo che il popolino di provincia ne sappia poco o niente di questo stato (venire nelle Marche per credere).

    A sinistra danno fuoco alle bandiere, il che spiega - quasi - tutto.

    Durante il conflitto contro Hezbollah, non si è avuta notizia delle sofferenze patite dai civili di Haifa, Kiryat Schmona e delle altre zone nel nord di Eretz Israel. Sofferenze che c'erano, storie che sarebbero state da raccontare.

    Per carità, qui non voglio fare una classifica dei morti, nè si vuol negare che il Libano abbia subito ingenti danni: ma i pregiudizi e la scarsa conoscenza dei fatti di tanta gente tolgono il sonno.

  6. #6
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    25,542
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    gli è che Israele è il miglior alleato degli USA e questo basta a spiegare il clima di odio alimentato dai simpatici sinistri e il silenzio mediatico sulle ragioni e le sofferenze della gente di Haifa e tel aviv. Aggiungiamoci l'antisemitismo di destra ed il minestrone è servito. Confutare sempre e anche a muso duro le bugie politicamente corrette su Israele,la sua politica e le sue ragioni, spiegare chi sono coloro che vogliono la sua distruzione, sostenere solo quei politici che abbiano il coraggio di prendere chiaramente posizione pro-Israele (e quindi farla pagare col non-voto a chi fa il doppio gioco). Soprattutto ricordare alla gente che quel che vogliono fare ad Israele,poi vorranno farlo anche qui

  7. #7
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Hamastan

    Ormai la Striscia di Gaza è sotto controllo dei miliziani di Hamas,che hanno attaccato e occupato tutte le postazioni fedeli a Fatah.
    A parte le considerazioni circa un popolo palestinese ormai diviso in due e in perenne lotta fratricida,a preoccupare è questo genere di notizie:

    Un esponente di Hamas ha annunciato che il partito radicale palestinese ha deciso di trasformare in un centro religioso la sede della Sicurezza Preventiva, conquistata oggi a Gaza dopo un bombardamento. (Agr)

    Siamo ormai giunti alla creazione di uno Stato islamico ultra-radicale proprio alle porte di Israele. Iran e Siria ne sono i fautori?
    Come si comporterà Israele di fronte a questa minaccia?

  8. #8
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    25,542
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    non è tanto come si comporterà Israele,ma come reagirà la comunità internazionale: è di ieri la notizia,riportata da vari quotidiani che l'UE si sta apprestando a "regalare" 4 dico 4 milioni di euro all'ANP per riformare il sistema fiscale palestinese.......possibile che nessuno si renda conto che con la tanto predicata ritirata israeliana da Gaza s'è avuta solo una guerra di mafia (perchè Fatah e Hamas questo sono)? finalmente qualcuno si toglierà il salame dagli occhi o ad una eventuale reazione armata di difesa avremo ministri che strilleranno alla reazione spopositata e quaquaraqua pacifinti che vorranno mandare i caschi blu come forza di interposizione,cioè a far nulla? pare appena il caso di ricordare come le informazioni di intelligence stanno certificando come hezbollah stia riempiendo gli arsenali,sotto il naso della sedicente missione di pace,per ripartire all'attacco di Israele.....

  9. #9
    Gaeta resiste ancora!
    Data Registrazione
    05 Dec 2005
    Località
    Nvceria Constantia
    Messaggi
    7,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    vado in galera se vi rivordo che Israele ha il record delle risoluzioni ONU ignorate e che occupa il Golan, la Cisgordania, Gerusalemme araba dal 1967?

    e il muro da poco costruito, rispetto al quale il Muro di Berlino era una siepe?

    In realtà Craxi aveva le idee molto chiare su qst argomento, Bettino NON era un servo degli Usa o almeno non era ai livelli del mortadellaro, del nano e di tutta l'allegra brigata e sappiamo la fine che ha fatto.

  10. #10
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    25,542
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    no,non vai in galera,ma almeno chiediti come possa una democrazia come Israele aver più richiami da amnesty e dall'ONU di paesi come il Sudan che stanno deportando e massacrando milioni di persone nell'assordante silenzio dei pacifinti......e se Craxi è finito in esilio NON è certo per sigonella....

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. PDL sotto attacco!
    Di Edmond Dantès nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 292
    Ultimo Messaggio: 25-07-10, 22:54
  2. i nostri fratelli greci sotto attacco e sotto ricatto
    Di uqbar nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25-04-10, 12:57
  3. Boe Way Hta sotto attacco.
    Di TyrMask (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-09-08, 23:21
  4. Israele sotto attacco si difende
    Di alexeievic nel forum Politica Estera
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 22-02-08, 00:05
  5. Israele sotto Attacco! Nuovo Video!!!
    Di odysseus nel forum Politica Estera
    Risposte: 59
    Ultimo Messaggio: 25-05-07, 00:05

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226