User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking Per il Masaniello di Gemonio la politica è corrotta

    Dall'edizione odierna del corriere on-line
    salucc



    Bossi e la crisi della politica «Oggi corruzione come nel ’92» Il Senatur: allora e ora sono i ladroni dei partiti a rubare i soldi al Nord «D’Alema ha paura del collasso del sistema. La gente spera nella Lega»

    VERONA—Umberto Bossi, versione ’92: «Il sistema politico è corrotto, centralista e fascistoide. È una cosca». Bossi, versione 2007: «D’Alema parla del collasso del sistema? Mache autocritica, ha solo paura. I politici sono tutti ladroni, non è cambiato granché. Craxi sono loro». Sulle pareti, nascosta tra cartelli di «Non mollare» e «Tosi sindaco», c’è un timido «vietato fumare», ma qui nella pizzeria L’Aurora, covo veronese di un centinaio di leghisti in festa, nessuno si sogna di fermare Umberto Bossi. Il Senatùr, tra un padanissimo risotto agli asparagi e una Coca-Cola, si accende il solito toscano e affumica la fedelissima RosiMauro. Sono passati 15 anni dalla stagione di Mani Pulite e si sentono tutti. Ma mai come ora, anche dopo l’intervista di Massimo D’Alema al Corriere della Sera, si torna a respirare l’aria di quel periodo. Si riparla di questione morale, di crisi dei partiti, di collasso del sistema. E si rievoca lo straordinario balzo in avanti della Lega, che, cavalcando Mani Pulite, passò in un giorno da 2 a 80 parlamentari. Allora Bossi si muoveva spavaldo: alludeva minacciosamente «ai kalashnikov oliati del Nord incazzato» e sparava contro il Sud che «ha scelto la clientela e il manganello di Fini». Berlusconi sarebbe arrivato dopo, siglando il «patto delle sardine », per poi diventare «il mafioso di Arcore» e poi ancora alleato e perfino amico. In quel ’92, i leghisti erano in prima fila a lanciare monetine e a contestare i potenti caduti della Prima Repubblica. Bossi scopriva di avere «una certa sintonia intellettuale» con il giovane Di Pietro, prima di cambiare idea: «Se si candida al Nord, gli mando una valigia di cartone che fa rima con terrone». Il 16 marzo del ’93, il leghista Luca Leoni Orsenigo si presentava in Aula sventolando un cappio da forca. Il capogruppo Marco Formentini, ora moderatissimo nella Margherita, urlava contro «i ladri di Roma»: «Mafia, mafia». La Lega — anche lei inciampata in Tangentopoli, sia pure marginalmente—diventava appetibile e da «movimento razzista» si trasformava in «una costola della sinistra» (D’Alema, febbraio ’95). Bossi lasciava fare, spiazzando tutti: un po’ di lotta e un po’ di governo, a seconda dei giorni e delle convenienze, sempre pronto a sintonizzarsi con gli umori del popolo e ad approfittare del «collasso del sistema». Proprio come ora. Allora Senatùr, si torna all’antipolitica, come ai tempi del del vostro boom? «Chiariamo subito che la Lega non è l’antipolitica. Noi siamo un movimento che vuole la liberazione del Nord e il federalismo».
    Nel ’92 avete approfittato del crollo del sistema e vi siete presentati contro i partiti.
    «Allora saltò per aria tutto perché i politici rubavano. Erano dei ladroni che portavano via troppi soldi al Nord. Per questo arrivò la crisi».
    Le cose sono cambiate, da allora?
    «In parte è ancora così. Tenendo conto che il federalismo non è arrivato e che i soldi vengono ancora tutti dal Nord, non è cambiato granché».
    Quindi si rischia davvero il collasso?
    «Con una differenza enorme: che questa volta se esplode tutto, il Nord andrà a conquistarsi la sua libertà. Se capita l’occasione, ce la prendiamo. E al voto domenica andremo con i bastoni: per bastonare Roma».
    D’Alema parla di una crisi di credibilità del sistema politico, come nel ’92.
    «Sì, c’è disamore da parte della gente, che vuole la libertà e aspetta che la Lega si metta a correre.Manon credo che D’Alema dica queste cose per fare un’autocritica».
    E allora perché?
    «Forse perché ha solo paura».
    Paura di finire travolto, come i politici e i partiti della prima Repubblica, a cominciare da Craxi?
    «Certo. I politici portano via i soldi al Nord. Craxi sono loro».
    In molti stanno rivedendo il giudizio su Craxi.
    «Lui finì per pagare per tutti. Ma fece un grande errore: cercò di comprare gente della Lega nella Regione Lombardia. Io non gliel’ho mai perdonato. Da allora non mi fidai più».
    Craxi non era l’unico colpevole.
    «È l’unico che ha pagato fino in fondo: ma tutto il sistema era marcio».
    Anche la Lega?
    «La Lega era marginale, era fuori».
    E non aveva soldi. Qualcuno dice che fu Berlusconi a darveli.
    «Magari. Berlusconi non ci ha mai dato niente, lui i soldi se li tiene. È il classico ricco che i soldi non li dà a nessuno». Più tardi Aldo Brancher, trait d’union tra Forza Italia e Lega, aggiunge:
    «È ridicolo pensare che Berlusconi abbia pagato: ed è offensivo anche per l’intelligenza di un uomo onesto e appassionato come Bossi».
    Come fate a sostenervi economicamente?
    «Con i soldi della campagna elettorale, che devono bastare per due o tre anni. E poi tiriamo su denaro con le feste della Lega: la gente viene, mangia nei capannoni e compra le tessere».
    Da più parti si dice che è ora di tagliare i costi dello Stato e che i partiti costano sempre di più. Qualcuno ripropone l’abolizione reale del finanziamento pubblico.
    «Non mi sono accorto di questa crescita dei costi. I partiti costano come sempre. La gente sa che la politica ha un prezzo, ma non è questo il problema: si incazza perché nessuno fa nulla. Vuole i risultati, le riforme. E invece non arriva nulla, nessuno fa nulla».
    È un problema anche del centrodestra?
    «Sì, ma meno».
    A proposito della Casa delle libertà, Berlusconi vorrebbe lasciare il posto di comando a Michela Vittoria Brambilla.
    «Quale Michela?».
    L’imprenditrice.
    «Ma no, Berlusconi non ha nessun sostituto ora. Questa Brambilla io non la conosco bene, però mi sembra una ragazzina. Serve più esperienza per riuscire a tenere insieme una coalizione».
    Cosa accadrà dopo le elezioni?
    «La gente ne ha piene le scatole. E si aspetta la libertà del Nord: se non viene, ci sarà un casino».
    Alessandro Trocino
    24 maggio 2007

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    semprevivabbozzi!!!
    Data Registrazione
    19 May 2006
    Località
    patagna
    Messaggi
    936
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ,,,bella questa::

    Da più parti si dice che è ora di tagliare i costi dello Stato e che i partiti costano sempre di più. Qualcuno ripropone l’abolizione reale del finanziamento pubblico.
    «Non mi sono accorto di questa crescita dei costi. I partiti costano come sempre. La gente sa che la politica ha un prezzo, ma non è questo il problema


    vuoi che bozzi ,,,a capo di un bel gruppo di stipendiati d''oro e pensionati d''oro,, si preoccupi di quei miliardi di euro che ci costa roma ladrona??
    no,,lui fa solo slogan per acchiappare l''applauso dei militonti,,,poveretti

  3. #3
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non mi va neanche di leggere.

  4. #4
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bossi intervistato a Verona

    Bossi e la crisi della politica
    «Oggi corruzione come nel ’92»
    Il Senatur: allora e ora sono i ladroni dei partiti a rubare i soldi al Nord «D’Alema ha paura del collasso del sistema. La gente spera nella Lega»

    VERONA—Umberto Bossi, versione ’92: «Il sistema politico è corrotto, centralista e fascistoide. È una cosca». Bossi, versione 2007: «D’Alema parla del collasso del sistema? Mache autocritica, ha solo paura. I politici sono tutti ladroni, non è cambiato granché. Craxi sono loro». Sulle pareti, nascosta tra cartelli di «Non mollare» e «Tosi sindaco», c’è un timido «vietato fumare», ma qui nella pizzeria L’Aurora, covo veronese di un centinaio di leghisti in festa, nessuno si sogna di fermare Umberto Bossi. Il Senatùr, tra un padanissimo risotto agli asparagi e una Coca-Cola, si accende il solito toscano e affumica la fedelissima RosiMauro. Sono passati 15 anni dalla stagione di Mani Pulite e si sentono tutti. Ma mai come ora, anche dopo l’intervista di Massimo D’Alema al Corriere della Sera, si torna a respirare l’aria di quel periodo. Si riparla di questione morale, di crisi dei partiti, di collasso del sistema. E si rievoca lo straordinario balzo in avanti della Lega, che, cavalcando Mani Pulite, passò in un giorno da 2 a 80 parlamentari. Allora Bossi si muoveva spavaldo: alludeva minacciosamente «ai kalashnikov oliati del Nord incazzato» e sparava contro il Sud che «ha scelto la clientela e il manganello di Fini». Berlusconi sarebbe arrivato dopo, siglando il «patto delle sardine », per poi diventare «il mafioso di Arcore» e poi ancora alleato e perfino amico. In quel ’92, i leghisti erano in prima fila a lanciare monetine e a contestare i potenti caduti della Prima Repubblica. Bossi scopriva di avere «una certa sintonia intellettuale» con il giovane Di Pietro, prima di cambiare idea: «Se si candida al Nord, gli mando una valigia di cartone che fa rima con terrone». Il 16 marzo del ’93, il leghista Luca Leoni Orsenigo si presentava in Aula sventolando un cappio da forca. Il capogruppo Marco Formentini, ora moderatissimo nella Margherita, urlava contro «i ladri di Roma»: «Mafia, mafia». La Lega — anche lei inciampata in Tangentopoli, sia pure marginalmente—diventava appetibile e da «movimento razzista» si trasformava in «una costola della sinistra» (D’Alema, febbraio ’95). Bossi lasciava fare, spiazzando tutti: un po’ di lotta e un po’ di governo, a seconda dei giorni e delle convenienze, sempre pronto a sintonizzarsi con gli umori del popolo e ad approfittare del «collasso del sistema». Proprio come ora. Allora Senatùr, si torna all’antipolitica, come ai tempi del del vostro boom? «Chiariamo subito che la Lega non è l’antipolitica. Noi siamo un movimento che vuole la liberazione del Nord e il federalismo».
    Nel ’92 avete approfittato del crollo del sistema e vi siete presentati contro i partiti.
    «Allora saltò per aria tutto perché i politici rubavano. Erano dei ladroni che portavano via troppi soldi al Nord. Per questo arrivò la crisi».
    Le cose sono cambiate, da allora?
    «In parte è ancora così. Tenendo conto che il federalismo non è arrivato e che i soldi vengono ancora tutti dal Nord, non è cambiato granché».
    Quindi si rischia davvero il collasso?
    «Con una differenza enorme: che questa volta se esplode tutto, il Nord andrà a conquistarsi la sua libertà. Se capita l’occasione, ce la prendiamo. E al voto domenica andremo con i bastoni: per bastonare Roma».
    D’Alema parla di una crisi di credibilità del sistema politico, come nel ’92.
    «Sì, c’è disamore da parte della gente, che vuole la libertà e aspetta che la Lega si metta a correre.Manon credo che D’Alema dica queste cose per fare un’autocritica».
    E allora perché?
    «Forse perché ha solo paura».
    Paura di finire travolto, come i politici e i partiti della prima Repubblica, a cominciare da Craxi?
    «Certo. I politici portano via i soldi al Nord. Craxi sono loro».
    In molti stanno rivedendo il giudizio su Craxi.
    «Lui finì per pagare per tutti. Ma fece un grande errore: cercò di comprare gente della Lega nella Regione Lombardia. Io non gliel’ho mai perdonato. Da allora non mi fidai più».
    Craxi non era l’unico colpevole.
    «È l’unico che ha pagato fino in fondo: ma tutto il sistema era marcio».
    Anche la Lega?
    «La Lega era marginale, era fuori».
    E non aveva soldi. Qualcuno dice che fu Berlusconi a darveli.
    «Magari. Berlusconi non ci ha mai dato niente, lui i soldi se li tiene. È il classico ricco che i soldi non li dà a nessuno». Più tardi Aldo Brancher, trait d’union tra Forza Italia e Lega, aggiunge:
    «È ridicolo pensare che Berlusconi abbia pagato: ed è offensivo anche per l’intelligenza di un uomo onesto e appassionato come Bossi».
    Come fate a sostenervi economicamente?
    «Con i soldi della campagna elettorale, che devono bastare per due o tre anni. E poi tiriamo su denaro con le feste della Lega: la gente viene, mangia nei capannoni e compra le tessere».
    Da più parti si dice che è ora di tagliare i costi dello Stato e che i partiti costano sempre di più. Qualcuno ripropone l’abolizione reale del finanziamento pubblico.
    «Non mi sono accorto di questa crescita dei costi. I partiti costano come sempre. La gente sa che la politica ha un prezzo, ma non è questo il problema: si incazza perché nessuno fa nulla. Vuole i risultati, le riforme. E invece non arriva nulla, nessuno fa nulla».
    È un problema anche del centrodestra?
    «Sì, ma meno».
    A proposito della Casa delle libertà, Berlusconi vorrebbe lasciare il posto di comando a Michela Vittoria Brambilla.
    «Quale Michela?».
    L’imprenditrice.
    «Ma no, Berlusconi non ha nessun sostituto ora. Questa Brambilla io non la conosco bene, però mi sembra una ragazzina. Serve più esperienza per riuscire a tenere insieme una coalizione».
    Cosa accadrà dopo le elezioni?
    «La gente ne ha piene le scatole. E si aspetta la libertà del Nord: se non viene, ci sarà un casino».
    Alessandro Trocino
    24 maggio 2007
    Copyright 2007 © Rcs Quotidiani Spa

    Bah.
    Mi sembrano le solite sparacchiate senza capo nè coda.

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Detto da uno che ha rubato migliaia di euro ad ingenui vecchietti è tutto dire
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  6. #6
    Vittoria indiscutibile
    Data Registrazione
    30 Oct 2006
    Località
    Insubria
    Messaggi
    337
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bossi= bla, bla, bla

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,189
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Avete visto i giornali di regime quante marchette fanno alla lega? la vera opposizione (di corte)...

    Luca
    Comunità Antagonista Padana

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,743
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Luca Visualizza Messaggio
    Avete visto i giornali di regime quante marchette fanno alla lega? la vera opposizione (di corte)...

    Luca
    Comunità Antagonista Padana
    ...hai ragione l'ho notato negli ultimi giorni...interviste, televideo...

    Chi lo sa, magari sono usciti sondaggi favorevoli a voi...
    Colgo l'occasione per farvi un IN BOCCA AL LUPO per domenica!

  9. #9
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,216
    Mentioned
    43 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da antonio Visualizza Messaggio
    e avete letto che Previti e' stato condannato in via definitiva per corruzione ma sta ancora in parlamento?
    Non me ne stupisco, dal momento che ivi si trovano o si sono trovati terroristi rossi, feccia dei cessi sociali e quaNT'ALTRO.

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Nov 2012
    Messaggi
    4,746
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tutti quelli che non hanno diviso il bottino con lui sono corrotti

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 29-10-13, 18:12
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-07-13, 09:25
  3. Ritorna Masaniello?
    Di Nando Biondini nel forum Repubblicani
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-11-06, 17:57
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-09-05, 21:58
  5. il masaniello a Venezia
    Di eleichem (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 11-06-04, 14:42

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226