User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    06 Nov 2006
    Località
    Difendi, Conserva, Prega!
    Messaggi
    15,330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito ACM. "Il Matrimonio, un bene per la società".

    Il matrimonio un bene per la società


    di Giacomo Samek-Lodovici, Il Timone maggio 2007
    I principali studi sull’argomento mostrano come il matrimonio sia l’unica istituzione che garantisce stabilità e coesione sociale
    È vero che il matrimonio è in crisi nella nostra epoca, ma è più stabile delle convivenze: per esempio, in Gran Bretagna l'82% delle convivenze termina entro 10 anni, contro il 25% delle coppie sposate (O'Neill 2002, p. 4). Il tasso di rottura delle unioni tra conviventi è solo leggermente più basso quando essi hanno generato dei figli: infatti il 74% dei bambini nati da coppie di fatto patisce la rottura dell'unione dei suoi genitori, contro il 30 % dei bambini nati da coppie sposate (ibidem).
    Pertanto, i bambini nati da coppie di fatto, patiscono, soprattutto (sebbene non solo) per la frequentissima rottura dell'unione dei loro genitori, più disordini psicologici (per es. asocialità, depressione, difficoltà di concentrazione) rispetto a quelli degli sposati (Brown 2004, p 364, cfr. anche Cavanagh - Huston 2006, p. 2) e il 34,3% dei figli di conviventi è stato sospeso da scuola, contro il 20,3% dei figli degli sposati (Fagan - Johnson - Butcher 1996, tabella 9). (…)

    Genitori separati: cosa succede ai bambini
    Su questo numero del Timone intendo riferire alcuni studi sociologici che riportano dati davvero significativi sulle conseguenze, per un bambino, della divisione dei suoi genitori (conviventi o sposati che siano). Un bambino soffre davvero molto quando i suoi genitori si dividono, il divorzio dei suoi genitori lo ferisce psicologicamente ed affettivamente (cfr. Wallerstein - Lewis - Blakeslee 2000). Per es., la ricercatrice A. O'Neill (2002) ha rilevato i seguenti dati. Se il 40% dei bambini inglesi vive in famiglie a basso reddito la percentuale sale al 75% tra quelli che vivono con un solo genitore. Tali bambini con un solo genitore hanno il triplo di probabilità di ottenere cattivi risultati a scuola, il doppio dei rischi di contrarre malattie psicosomatiche e di avere la depressione o di comportarsi in modo antisociale, il triplo di probabilità di avere problemi nelle relazioni amicali e il 22% assume droghe contro il 10% dei figli degli sposati (Cfanche Sweeting - West - Richards 1998: cfr. anche Mauldon 1990).
    Inoltre (Pesenti 2004) negli Usa 3 suicidi su 4 in età adolescenziale coinvolgono ragazzini che vivono con un solo genitore. Ancora, le bambine che vivono con un genitore ed il suo nuovo compagno/a hanno il 3,7% di possibilità di subire abusi sessuali domestici, contro lo 0,2% di quelle che vivono con entrambi i genitori biologici (Bartholomew 2004. p. 272).
    Ancora, negli Stati Uniti i figli degli sposati sono coinvolti in risse nel 28,8% dei casi, rispetto al 39,5% dei figli di divorziati che rimangono a vivere con un solo genitore e al 42% di quelli la cui madre vive con un nuovo uomo, che non è il padre del ragazzo/a (Fagan - Johnson - Butcher 1996). Il 13% dei figli degli sposati ha commesso un furto del valore di 50 $ o più, contro il 19% dei figli di divorziati che rimangono a vivere con un solo genitore e il 22,6% di quelli la cui madre vive con un nuovo uomo, che non è il padre del ragazzo/a (ibidem).
    Il 20,3% dei figli degli sposati è stato sospeso da scuola, rispetto al 37% dei figli di divorziati che rimangono a vivere con un solo genitore e al 40,8% di quelli la cui madre vive con un nuovo uomo, che non è il padre del ragazzo (ibidem).

    Conseguenza sulla criminalità della crisi delle famiglie
    In Gran Bretagna il 70% dei giovani criminali proviene da famiglie monoparentali (http://www.avvenireonline.itlFamigli.../20060112.htm). Circa la violenza, secondo P. Fagan (1995, p.2) «L'aumento della violenza è parallelo a quello della crescita in famiglie abbandonate dal padre» e «anche nei quartieri con un alto tasso di criminalità, meno dei 10% [precisamente i 6%, cfr. p. 27] dei bambini cresciuti in famiglie stabili diventa delinquente, mentre diventa delinquente il 90% dei bambini cresciuti in famiglie instabili».
    Sempre per Fagan (ibidem, p. 4) la causa principale della criminalità non è la povertà: «se questo fosse vero ce ne sarebbe stata di più in passato, quando la gente era povera [...]. Al contrario, la criminalità è aumentata in America durante il lungo periodo di crescita economica: dal 1905 al 1933. Quando subentrò la Grande depressione calarono i redditi e anche la criminalità. Che ricrebbe di nuovo dal 1965 al 1974 quando i redditi crebbero notevolmente». E la criminalità è più alta tra i neri «perché l'incidenza della dissoluzione delle famiglie è più alta tra di loro».
    Questi studi mostrano che soltanto nelle famiglie dove i conflitti sono gravissimi il bambino può trarre beneficio dalla eliminazione del conflitto che avviene mediante la divisione dei suoi genitori; ma (Cockett - Tripp 1994) tale tipo di conflittualità è rara, perciò nella stragrande maggioranza dei casi sarebbe meglio per i figli se i genitori, invece di dividersi, rimanessero insieme. I costi sociali, poi, sono molto elevati Per esempio nello Stato della Georgia le cause concernenti disgregazioni familiari costituiscono il 65% di tutti i processi a livello di Corte d'appello (Flynn 2007).

    Conseguenze negative anche per l’economia
    E il crollo della famiglia rappresenta un peso economico notevole per lo Stato. Per es., in Gran Bretagna supera ampiamente i 20 miliardi di sterline l'anno, la maggior parte dei quali vengono spesi per le sovvenzioni ai genitori single. Se ci fossero meno separazioni familiari e meno nuclei monoparentali, ci sarebbero meno bambini da prendere in carico, meno persone senza casa, meno dipendenza dalla droga, meno criminalità, meno domande per i servizi sanitari, meno bisogno di insegnanti di sostegno nelle scuole, migliori risultati medi nell'ambito educativo.
    Non sono un sociologo, perciò la mia conoscenza della letteratura specialistica è limitata. Ma mi pare che questi studi debbano fare riflettere molto sull'importanza di sostenere energicamente il matrimonio. Per il bene dei bambini e dell'intera società

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Merello Visualizza Messaggio



    I principali studi sull’argomento mostrano come il matrimonio sia l’unica istituzione che garantisce stabilità e coesione sociale
    Devo dire che questi dati dimostrano quello che ho sempre pensato,e ci incoraggiano tutti per il più ampio sforzo e impegno possibile nella difesa e valorizzazione della famiglia.
    Grazie Merello,questo thread mi conforta: quello che facciamo è giusto.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 May 2007
    Messaggi
    69
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Rilancio con un'argomentazione "cinica": in Italia, storicamente, la famiglia è stata un importante veicolo assistenziale per fasce disagiate come anziani, handicappati, o giovani senza lavoro (questa mi tocca).
    Mancando alcuni (chiamiamoli così) "ammortizzatori sociali" per queste categorie, il crollo della famiglia tradizionale comporterebbe una revisione di tutto quello che è lo stato sociale.
    Ma sappiamo già che, se verranno aumentati codesti "ammortizzatori", a pagare potrennero essere le sovvenzioni alla famiglia (dopotutto, siamo sempre in Italia).
    Ancora peggio, voler sfasciare la famiglia classica senza mettere mano a una revisione dello stato sociale che - seppure non rappresenti il MIO modello di società - possa compensare questo gap.
    A ruota, sarebbe da chiedersi se la pubblica assistenza non sia qualitativamente inferiore rispetto all'assistenza di una famiglia solida e armoniosa. Io un'idea ce l'ho, e penso anche voi...

 

 

Discussioni Simili

  1. ACM. "Il Matrimonio, un bene per la società".
    Di merello nel forum Cattolici
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 25-05-07, 16:31
  2. Il Matrimonio, un bene per la società.
    Di merello nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 25-05-07, 16:30
  3. Il Matrimonio, un bene per la società.
    Di merello nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 24-05-07, 21:56
  4. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 29-08-03, 02:24
  5. La "Concordia del Papa" non fa bene alla società.
    Di Sir Demos nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-05-02, 04:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226