Autodromo, le elezioni diventano il vero referendum - Corriere del Veneto