User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Inganni e Tradimenti di I.Magli

    Pur essendo spesso in disaccordo con la Sig.ra Magli per la sua ovvia impostazione "itagliana", trovo che quest'articolo contenga interessanti spunti di discussione:

    Inganni e tradimenti
    di Ida Magli ItalianiLiberi | 27 Maggio 2007

    Si compie ancora una volta il rito delle elezioni. Vorrei spiegare, nel modo più chiaro e più conciso possibile, quali siano i motivi per i quali noi, gli Italiani, non ci salveremo comunque, né con queste elezioni né con altre se non porremo duramente ai nostri politici la domanda su che cosa intendano fare riguardo all’Unione Europea. Purtroppo il sistema delle elezioni affidate al popolo tranquillizza, anzi addormenta lo spirito critico nei confronti dei politici, sia verso quelli che governano che verso quelli che stanno all’opposizione.Al tempo stesso fa credere che, viceversa, lo spirito critico sia fortissimo in quanto si svolge una specie di pseudo battaglia fra i due fronti, pseudo battaglia cui partecipano, fingendo di informare, anche i giornalisti.
    Cerco di spiegare il motivo principale. Nessuno dei Partiti esistenti oggi in Italia, piccoli o grandi che siano, ha come scopo la difesa dall’unione europea, la limitazione del suo potere, nemmeno nei campi per i quali alcuni dei Partiti affermano di combattere.
    Prendiamo per esempio l’immigrazione. E’ soprattutto la Lega che si è fatta della battaglia contro l’immigrazione la propria bandiera, ma sa benissimo che si tratta di una battaglia utile soltanto per gettare la polvere negli occhi dei poveri Italiani e averne i voti. Le normative europee impediscono qualsiasi limitazione in quanto, con il trattato di Schengen, tutti i cittadini dei 27 paesi entrati nell’Unione possono circolare liberamente, stabilirsi dove vogliono, lavorare dove vogliono, dare il proprio voto a chi vogliono e dove vogliono. Avete sentito la Lega parlare di questo? No, sicuramente no.
    Ma non basta. Gli Italiani non ne possono più di sopportare gli Zingari e sperano nelle focose parole dei leghisti per esserne liberati. Ma nessuno ha loro spiegato che sono le normative europee che garantiscono agli Zingari il diritto a conservare i propri costumi e a fingere di vivere da nomadi stabilendosi nei paesi dell’Unione. Naturalmente i veri “nomadi“ erano quelli che nei secoli passati si spostavano nelle vastissime steppe ungheresi, ucraine, russe allevando e vendendo cavalli e razziando i villaggi degli agricoltori. Che importa? Invece delle razzie si svuotano le tasche dei romani nella metropolitana e invece dei cavalli si fa commercio di lussuose automobili rubate.
    Se passiamo all’ immigrazione sia regolare che clandestina dall’Africa e dal Vicino e Medio Oriente troviamo ancora una volta che è il progetto (mai spiegato a chiare lettere ai poveri Italiani) di estendere l’Unione Europea a tutti i paesi “ mediterranei “ a far affluire in Italia gente da ogni luogo vicino e lontano. Inutile dire che si possono trasformare in “europei” i paesi dell’Africa e dell’Oriente fino ad Israele soltanto con la solita prassi dell’inganno e della falsificazione verbale e mentale che sta alla base della costruzione europea. Che senso ha il fatto che l’Africa del Nord è bagnata dal Mediterraneo? La cultura dei Marocchini è forse simile a quella italiana? Qualche marocchino ha forse mai composto “Casta Diva“ o “Un bel dì vedremo”? E la lingua italiana? E’ forse nato qualche Petrarca o qualche Leopardi in Libia o in Tunisia?
    Ma questa è la situazione. Si vuole la distruzione delle nazioni, delle culture, delle lingue per poter unificare i territori. Siccome però nessun Partito, lo ripeto, nessuno, né di destra né di sinistra affronta questo argomento, noi sappiamo che non ci possiamo fidare, che veniamo ingannati di proposito in tutto.
    Naturalmente il progetto di unificazione europea era sbagliato fin dall’inizio e la situazione di oggi ne è soltanto la conferma. (Nessuno tiri fuori la forza dell’euro. Ci tornerò in un altro articolo, ma sia sufficiente a capire che si tratta di una moneta immaginaria il fatto che il suo valore non corrisponde allo sviluppo dell’economia e che è servita soltanto a nasconderci il pagamento dell’inflazione riducendo di colpo della metà il valore della lira.) Ma i nostri politici non ne parlano agli Italiani, i giornalisti meno che meno come se la questione non ci riguardasse.
    Prodi (come del resto tutti i governanti prima di lui, compreso Berlusconi) è il più zelante nello spronare alla firma della costituzione europea, ossia alla rinuncia di quello che resta della sovranità e della indipendenza delle Nazioni. Non un dibattito si svolge in proposito, neanche sulle enormi difficoltà che la gestione delle istituzioni europee necessariamente comporterà. Qualcuno ha mai spiegato agli Italiani come si farà a farsi governare a turno da un Polacco, da un Rumeno, da un Tedesco? E la Polizia? Chi sopporterà di farsi arrestare da un Austriaco o da un Francese? E’ vero che gli impassibili Commissari europei hanno già provveduto a metterci il più forte dei bavagli: il mandato di arresto europeo se ti azzardi a dire una sola parola di critica su chiunque, ma anche di questo agli Italiani non è stato permesso discutere.
    Lo stesso tipo di discorso vale per gli altri temi, in apparenza “caldi“, sui quali fingono di accapigliarsi oggi i Partiti. I Dico? In Europa sono stati già approvati, sia per le coppie etero che per quelle omosessuali, come pure le adozioni e l’eutanasia. Dunque, è tutto inutile. O si esce dall’unione europea, oppure ci si adegua. I cattolici? La prima a tradire è stata la Chiesa cattolica, la quale sa bene che in Europa i cattolici sono in minoranza. Ma non per nulla è stato eletto un Papa tedesco. La leadership dell’Europa è stata fin dall’inizio affidata alla Germania e, di conseguenza, come è avvenuto nella storia passata quando è stato eletto il primo Papa tedesco in concomitanza con il potere degli Ottoni (Bruno di Carinzia con il nome di Gregorio V) così, dopo il prudente passo di “avvicinamento”, indispensabile dopo tanti secoli di Papi italiani, con l’elezione di un polacco, è arrivata l’ora di Ratzinger. Lo scopo dei politici è sempre e soltanto il proprio potere, compreso quello dei Papi, non l’interesse dei sudditi, un interesse che viene o non viene perseguito a seconda se serva all’aumento del potere. Il vero “conflitto di interessi” è questo: quello fra i politici e i sudditi.
    Dunque, è l’Unione Europea il vero scopo dei politici e dei Partiti, in Italia così come in Francia, in Germania, in Olanda, in Libia, in Grecia, in Turchia, in Israele, mentre in altri paesi, come l’Inghilterra, i governanti non vogliono perdere la propria sovranità perché sanno di poter essere più potenti rimanendone fuori (la forza della sterlina sta lì a dimostrarlo).
    Infine, un accenno a quei paesi che, viceversa, sperano con l’unione europea di poter raggiungere una più forte autonomia e indipendenza, staccandosi dal cordone ombelicale cui sono legati: l’Irlanda, la Scozia, le Province Basche; e, sotto sotto, la Padania di Bossi. Sì, proprio così: anche la Lega spera di raggiungere il suo originario scopo autonomistico senza dover più pronunciare la parola poco gradevole di “secessione”. Si farà l’Europa delle Regioni, e a questo lavorano i sempre più forti “Governatori”. Addio Unità d’Italia, addio Risorgimento, addio lingua italiana, addio Patria…
    Sono talmente ottusi, questi politici, talmente incolti, da credere che comunque l’Europa si farà e sarà forte, ricca, faro di civiltà e di pace per tutto il mondo. Non si avvedono dell’involuzione psicologica, sociale e culturale cui l’hanno già tragicamente spinta. Con il solito disprezzo per i sudditi, non si rendono conto che sono i popoli la ricchezza di una Nazione, quello che creano gli individui appartenenti ad una determinata nazione. Ma soprattutto questo è vero per le Nazioni dell’Europa d’Occidente: sono loro che hanno prodotto Shakespeare e Molière, Dante e Leonardo, Bach e Mozart, Leopardi e Goethe, Vivaldi e Bellini, Beethoven e Verdi, Kant e Machiavelli, Michelangelo e Giotto, Newman e Galileo… insomma gli innumerevoli geni che illuminano la storia di tuttal’ Umanità. Era forse “padano” Giuseppe Verdi quando rivendicava l’italianità della sua musica, era forse “padano” Alessandro Manzoni quando si ostinava a trovare il focus della lingua italiana “risciacquandola in Arno”? Ah! Come aveva ragione Verdi!
    “Dio ci guardi dall’aver fiducia nei nostri governanti e nelle nazioni straniere”.
    Ida Magli

    Roma, 27 Maggio 2007

    Tratto dal sito ItalianiLiberi

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,585
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lancelot Visualizza Messaggio

    Pur essendo spesso in disaccordo con la Sig.ra Magli per la sua ovvia impostazione "itagliana", trovo che quest'articolo contenga interessanti spunti di discussione:

    Infine, un accenno a quei paesi che, viceversa, sperano con l’unione europea di poter raggiungere una più forte autonomia e indipendenza, staccandosi dal cordone ombelicale cui sono legati: l’Irlanda, la Scozia, le Province Basche; e, sotto sotto, la Padania di Bossi.

    Sì, proprio così: anche la Lega spera di raggiungere il suo originario scopo autonomistico senza dover più pronunciare la parola poco gradevole di “secessione”.

    Si farà l’Europa delle Regioni, e a questo lavorano i sempre più forti “Governatori”.

    Addio Unità d’Italia, addio Risorgimento, addio lingua italiana, addio Patria…
    Sono talmente ottusi, questi politici, talmente incolti, da credere che comunque l’Europa si farà e sarà forte, ricca, faro di civiltà e di pace per tutto il mondo. Non si avvedono dell’involuzione psicologica, sociale e culturale cui l’hanno già tragicamente spinta.

    Con il solito disprezzo per i sudditi, non si rendono conto che sono i popoli la ricchezza di una Nazione, quello che creano gli individui appartenenti ad una determinata nazione.

    Ma soprattutto questo è vero per le Nazioni dell’Europa d’Occidente: sono loro che hanno prodotto Shakespeare e Molière, Dante e Leonardo, Bach e Mozart, Leopardi e Goethe, Vivaldi e Bellini, Beethoven e Verdi, Kant e Machiavelli, Michelangelo e Giotto, Newman e Galileo… insomma gli innumerevoli geni che illuminano la storia di tuttal’ Umanità.

    Era forse “padano” Giuseppe Verdi quando rivendicava l’italianità della sua musica, era forse “padano” Alessandro Manzoni quando si ostinava a trovare il focus della lingua italiana “risciacquandola in Arno”? Ah! Come aveva ragione Verdi!
    “Dio ci guardi dall’aver fiducia nei nostri governanti e nelle nazioni straniere”.
    Ida Magli

    Roma, 27 Maggio 2007

    Tratto dal sito ItalianiLiberi

    mi pare che la retorica patriottarda sia completamente
    fuori luogo, perché il "risorgimento" e la nascita degli stati
    nazionali europei, erano già le premesse di quello che
    sarebbe accaduto oggi.

    la distruzione dei popoli con tutti i loro retaggi in nome
    del leviatano giacobino, è arrivato alla sua ultima fase;
    si potrà pure fare l'europa delle regioni, ma senza una
    REALE sovranità all'interno delle proprie frontiere,
    e una libera adesione a ogni tipo di organismo sovranazionale,
    (senza il pericolo di essere oggetto di improprie lezioni
    di democrazia),
    non si va da nessuna parte.........

    credo che la fine etnica, culturale, linguistica, religiosa
    della vecchia europa, sia ormai segnata...........

    l'europa delle regioni in salsa saudita e terzomondista,
    è la cancellazione definitiva di quel lembo di terra e
    crogiolo di popoli che hanno illuminato per secoli
    l'intero ecumene...........


  3. #3
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,695
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ida magli VA A CIAPA' I RATT

 

 

Discussioni Simili

  1. Gli inganni che divorano il “mondo cattolico”
    Di Guelfo Nero nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 23-06-14, 11:03
  2. inganni e tradimenti
    Di Felix (POL) nel forum Politica Europea
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 07-06-07, 01:22
  3. Guerra e terrorismo. Tra menzogne e inganni
    Di Gian_Maria nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-11-05, 11:49
  4. Trucchi e inganni....
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 19-03-02, 09:40

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226