User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 32
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry Interessantissimo articolo di Pagliarini su l'Opinione di oggi

    Please, Beli, se puoi, posta l'articolo di oggi di Pagliarini: "Le tre cose che servono all'italia". Vi trascrivo una piccolissima parte..argomento che mi fa impazzire perchè siamo vittime di un'enorme ingiustizia, per cui nessuno si batte:.....un esempio: diamo un'identica una tantum di 300 euro a due gemelli titolari di pensioni basse..identica età, aspettativa di vita e storia contributiva. Una sola differenza: uno abita a Milano e l'altro a Cirò (Crotone). QWuesto significa dare al signore di Cirò un potere d'acquisto maggiore, quasi il DOPPIO, di quello che riceve il signore di MilANo. Per il principio di uguaglianza, bisogna ragionare in termini di "potere d'acquisto" e di cionseguenza i valori nominali, in presenza di costi della vita diversi, devono essere diversi. Ma andatelo a raccontare ai signori delle pubbliche Amministrazioni, dei sindacati o alla maggior parte dei membri del Parlamento.."

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Please, Beli, se puoi, posta l'articolo di oggi di Pagliarini: "Le tre cose che servono all'italia". Vi trascrivo una piccolissima parte..argomento che mi fa impazzire perchè siamo vittime di un'enorme ingiustizia, per cui nessuno si batte:.....un esempio: diamo un'identica una tantum di 300 euro a due gemelli titolari di pensioni basse..identica età, aspettativa di vita e storia contributiva. Una sola differenza: uno abita a Milano e l'altro a Cirò (Crotone). QWuesto significa dare al signore di Cirò un potere d'acquisto maggiore, quasi il DOPPIO, di quello che riceve il signore di MilANo. Per il principio di uguaglianza, bisogna ragionare in termini di "potere d'acquisto" e di cionseguenza i valori nominali, in presenza di costi della vita diversi, devono essere diversi. Ma andatelo a raccontare ai signori delle pubbliche Amministrazioni, dei sindacati o alla maggior parte dei membri del Parlamento.."
    www.opinione.it

    Alberto Alesina ha concluso uno dei suoi magistrali articoli (“La pazienza e il rigore”, sul Sole 24Ore del 29 Giugno) con queste parole:
    “Più in generale l'Italia avrebbe bisogno di tre cose.
    1.Una riforma della legge elettorale che rendesse partiti piccoli e corporativi meno cruciali per la sopravvivenza di un governo.
    2.Un assestamento delle forze politiche in campo per cui i veri liberisti e riformisti che oggi sono divisi nelle due coalizioni in qualche modo si riuniscano sotto un solo tetto.
    3.Un leader capace di dire "no" parlando con chiarezza all'opinione pubblica e affrontando se necessario qualche sciopero: se non una Margaret Thatcher almeno un Nicolas Sarkozy o un Tony Blair.
    Romano Prodi non pare avere la stoffa necessaria per essere quel leader e sembra lasciare la battaglia nelle mani del ministro Padoa Schioppa.”

    Credo anch’io che dovremmo essere in molti a ringraziare la santa pazienza di Padoa Schioppa. Non so quanta gliene rimane ma credo che tra un po’ li manderà tutti a quel paese. Per restare fedele al “gioco di squadra” adesso gli tocca anche la querela del generale Speciale.

    Ma a tutto c’è un limite: il cosiddetto “tesoretto” doveva assolutamente essere utilizzato per diminuire il debito pubblico che continuiamo a scaricare sulle spalle dei nostri figli. Non doveva essere speso. Giustamente Alesina questa decisione la definisce un atto di “straordinaria illogicità”, e ricorda che “Politiche fiscali di questo tipo, miopi… hanno caratterizzato molti Paesi latino- americani, con i risultati che tutti conosciamo”. A mio giudizio questa non è per niente una esagerazione. Il giorno prima sul Corriere della Sera potevamo leggere: “L’altolà dell’Europa all’Italia: Non mettete a rischio l’Euro”. L’autore di questa “tenera” dichiarazione era il presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Junker. Ma ai “signori della spesa” (che sono di destra e di sinistra, sia ben chiaro) queste considerazioni interessano poco. Loro tirano avanti senza vergogna, e nel DPEF ora spuntano 21 miliardi di nuove spese (Corriere della Sera del 2 Luglio).

    Intendiamoci, con una gestione oculata del “tesoretto” il debito pubblico sarebbe diminuito di una minuscola frazione, anzi, non sarebbe diminuito per niente, però il suo aumento nel 2007 sarebbe stato leggermente inferiore dei soliti 35-40 miliardi di Euro che vengono contabilizzati ogni anno. Sarebbe stato comunque un segnale di minore egoismo verso i nostri figli, di responsabilità, di un barlume di equità economica tra generazioni! Credo proprio che tra un po’ TPS uscirà da Palazzo Chigi sbattendo la porta. Ai ministri e ai parlamentari “della spesa e delle tasse” voglio ricordare che la pressione fiscale oggi, col suo 42,3%, è al massimo storico, superata solo dal 43,7% del 1997, l’anno dei salti mortali per l’adesione all’Euro. Ma al 31 Dicembre 1980 era 31,4%. Dieci anni dopo, alla fine del 1990, era 38,3% e alla fine del 2000 raggiungeva quota 41,6. Ma invece di diminuire continua ad aumentare, e TPD sa perfettamente che questo è un suicidio per l’economia. Per la cronaca la Germania è a quota 40,5%. Regno Unito e Spagna sono 38,2% e 37,5% rispettivamente.

    Per non parlare dell’Irlanda: 33,5%. Beati loro. E in questi paesi, con minori tasse, ci sono servizi, come la sanità, i trasporti pubblici eccetera, incomparabilmente migliori dei nostri. E questi paesi generano maggiore ricchezza, occupazione e migliore qualità della vita. Ma vediamo i tre punti di Alesina. “Riforma della legge elettorale”. I rappresentanti dei cittadini al Parlamento dovrebbero essere scelti dai cittadini e non dai leaders dei partiti, dalle loro segreterie o dalle loro segretarie. Dunque alla legge elettorale servirebbe una riforma che preveda le preferenze. Ma le segreterie dei partiti (tutti, nessuno escluso) non mollano. Anzi, ho visto delle proposte per applicare il “porcellum” anche alle Regioni. Con il referendum per il quale si stanno raccogliendo firme i cittadini continuerebbero a non poter scegliere i loro rappresentanti, ma si realizzerebbe la prima delle tre raccomandazioni di Alesina, quella di “rendere i partiti piccoli e corporativi meno cruciali per la sopravvivenza di un governo”. “Riunione sotto un solo tetto dei veri liberisti e riformisti”.

    Questa mi sembra un’ottima raccomandazione. Perché il problema non è Prodi: il problema è che se domani mattina Prodi lasciasse Palazzo Chigi al suo posto ci andrebbe un altro. E vi chiedo: che l’altro sia di questa destra o di questa sinistra, che si chiami Berlusconi o che si chiami come volete voi, mi dite che differenza ci sarebbe? La mia risposta, sulla base di quello che ho visto e toccato con mano in questi ultimi anni, è, a parte qualche formalità, “nessuna differenza sostanziale”. Quindi, viva il tetto comune di veri liberisti e riformisti. E infine “un leader capace di dire "no" parlando con chiarezza all'opinione pubblica e affrontando se necessario qualche sciopero”. Ne vedo pochi all’orizzonte, perché il problema è “dentro” alla cultura per molti versi ancora medioevale del sistema paese. Qui da noi quelli che parlano con chiarezza di solito vengono crocefissi. Se gli va bene: a qualcuno purtroppo è andata peggio. Speriamo di sentire presto qualcuno, possibilmente che abbia meno di 50 anni, che dica cose coraggiose e politicamente scorrette.

    Un esempio tra i tanti? Eccolo: diamo l’identica “una tantum” di 300 Euro a due gemelli titolari di due “pensioni basse” che abbiano identica età, identiche aspettative di vita ed identica storia contributiva con una sola differenza: uno abita a Milano e l’altro a Cirò, vicino a Crotone. Questo significa dare al signore di Cirò un potere d’acquisto molto più grande, quasi il doppio, di quello che riceve il signore di Milano. Per applicare il “principio di uguaglianza” bisogna ragionare in termini di potere d’acquisto, e di conseguenza i valori nominali, in presenza di costi della vita diversi, devono essere diversi. Ma andatelo a raccontare ai sindacati, ai signori delle Pubbliche Amministrazioni o alla maggior parte dei membri del Parlamento.

  3. #3
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mah...
    io so solo che senza il proporzionale la Lega nel '92 non sarebbe esistita.
    Oggi non vedo nessuna casa comune liberista all' orizzonte.
    Vedo solo due partiti come Juve e Milan che si comperano gli scudetti e tanti beoti che continuano a votarli senza nessun giudizio critico.
    Io sono sicuro che il referendum sarà la mazzata per i piccoli movimenti che se non si organizzano bene rischiano di sparire anche dalle competizioni elettorali comunali. Bisogna partire da quelle e andare in su. Non c'è alternativa

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry

    Grazie Berghem. Quest'articolo lo spantego. Oggi c'era anche un articolo di Bracalini e un' intervist a Matteo Salvini. Ho letto tutto poiché sono stata tre ore sul Metro..in cui sono saliti - all'andata - due suonatori con bimbi piccoli..e al ritorno i suonatori, più una ..ragazza..rom.."sono povera, senza casa, ecc. ecc." Negli anni passati, io, sul Metro ho sempre studiato, ripassato le lezioni,letto, ecc ecc. ecc. Adesso non si può più. Perchè "quelli del mezzanino" che li vedono, non li fermano, oppure chiamano i controllori? L'ho scritto già troppe volte. Basta. Da queste piccole cose si evitano le grandi tragedie.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 May 2011
    Località
    Milano
    Messaggi
    70
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Furlan: "oggi non vedo nessuna casa comune liberista all' orizzonte." Vediamo cosa riesce a combinare Capezzone con la rete che parte domani pomeriggio. Ciao. Paglia

  6. #6
    La mia autorità morale SONO IO
    Data Registrazione
    30 Oct 2004
    Località
    Martesana, Insubria, Europa.
    Messaggi
    1,355
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Speriamo che questa novità sia per lo meno anche federalista (si chiede troppo?)

    (Paglia, quale onore! )

  7. #7
    l'occasione fa l'uomo italiano
    Data Registrazione
    19 Sep 2006
    Messaggi
    2,814
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'Opinione non è niente male

  8. #8
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ciao Paglia. Io in capezzone nn ho nessuna fiducia e per aspettare lui non si può lasciare alla deriva il movimentismo nelle regioni.
    Bisogna riuscire a conciliare regionalismo e liberismo, vecchie carte vincenti della fu lega.

  9. #9
    l'occasione fa l'uomo italiano
    Data Registrazione
    19 Sep 2006
    Messaggi
    2,814
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    e sovranità dei cittadini sui loro rappresentanti. Questo, oltre che un fine, è il più potente strumento di consenso che si possa immaginare: governare secondo la volontà espressa dai cittadini, a maggioranza semplice, senza quorum.

    Referendum legislativi in tutti i comuni.
    elezione diretta del difensore civico in tutti i comuni.

    Costruiamo delle isole di Helvetia in padania. Pensaci, caro vecchio Paglia.

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    19 Oct 2009
    Messaggi
    2,857
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da vecchio Paglia Visualizza Messaggio
    Furlan: "oggi non vedo nessuna casa comune liberista all' orizzonte." Vediamo cosa riesce a combinare Capezzone con la rete che parte domani pomeriggio. Ciao. Paglia

    Ma sei il vero buon vecchio Paglia?

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Articolo interessantissimo su icke
    Di davidege nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-04-08, 22:08
  2. Gandhi, Popper e la Chiesa, un articolo interessantissimo
    Di UgoDePayens nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 04-01-08, 21:34
  3. Interessantissimo articolo su Bagdad
    Di lorenzo V nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 20-12-06, 14:27
  4. interessantissimo articolo.......
    Di Syntax error System nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-04-04, 11:42
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-03-04, 11:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226