User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    12 Jul 2006
    Messaggi
    127
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation Pensioni/quella Dei Padri Ricade Su Futuro Dei Figli.

    Golini: con scalone abolito, sulle spalle dei figli per 33 anni
    Roma, 4 luglio 2007. Quelli che avranno 57 anni alla fine di quest`anno e che sono coinvolti nella così controversa questione dello scalone, hanno mediamente figli di età compresa fra i 25 e i 30 anni, che in larga parte, magari precariamente, sono impegnati in una qualche attività lavorativa. Se loro, i padri, vedranno lo scalone abolito e andranno in pensione a 57 anni dal 1° gennaio 2008, allora da quella stessa data i contributi previdenziali che i figli verseranno ogni mese, contribuiranno a pagare da subito la pensione dei padri e continueranno a pagarla per decenni a venire. Lo segnala in un editoriale di prima pagina sul Messaggero il demografo Antonio Golini che lascia parlare le cifre. "Un maschio di 57 anni può ancora aspettarsi di vivere ancora per circa 23 anni e se quando muore nel 2030 lascia una vedova, quest`ultima potrà aspettarsi che la sua pensione di reversibilità continui ancora ad essere versata per ulteriori circa 10 anni. Così che questi ragazzi contribuiranno a pagare la pensione dei loro genitori per un totale di circa 33 anni, per quasi tutta la loro vita lavorativa. E questo sempre che la longevità non continui ad aumentare, come è successo negli ultimi decenni, di 3-4 mesi per ogni anno di calendario; il che vuole dire che lungo i 33 anni di versamenti, la vita dei genitori potrebbe allungarsi ancora di vari ulteriori anni. Dopo poco che quei figli prima giovani adulti, poi adulti e poi giovani anziani avranno terminato di pagare una quota di pensione dei propri genitori (e di quella di tutti gli anziani che come i loro genitori saranno andati in pensione precocemente) sarà il loro turno di andare in pensione. Allora si troveranno a convivere con così ridotte schiere di adulti, che li seguono nel ciclo delle generazioni e che non potranno assicurare loro una pensione pari a quella che loro hanno assicurato ai loro genitori". "Una pensione, quest`ultima - spiega Golini - che è dell`ordine di circa il 70-80 per cento dell`ultimo salario; a loro verrà infatti riservata una pensione dell`ordine del 30-40 per cento dell`ultimo salario. Il fatto è che qualche volta si perde di vista il fatto che il primo, fondamentale pilastro della pensione è sì calcolato, per le generazioni che verranno, con il sistema contributivo, ma continuerà a essere pagato con il sistema a ripartizione, quello in vigore oggi (il sistema per il quale, in ogni anno, le rendite di chi sta in pensione vengono pagate con i contributi di chi sta al lavoro). Ecco perché andare in pensione a 60, e poi progressivamente sempre più tardi, riduce il periodo durante il quale i figli pagano una più ricca pensione ai padri". "Nell`età al pensionamento dei padri c`è quindi in primo luogo una fondamentale questione di equità intergenerazionale - dei rapporti fra figli e anziani in pensione, non soltanto i loro padri ma anche gli anziani che non hanno potuto aver figli o, per una scelta di vita, non hanno voluto aver figli -, ma non meno importante c`è anche una questione di sopravvivenza del sistema economico. Attualmente i lavoratori di età 55-60 anni superano di numero quelli di età 25-30 anni e se, malauguratamente, i primi andassero tutti in pensione in quella fascia di età, allora il sistema economico potrebbe risentirne sensibilmente nella sua struttura produttiva e perciò indebolirsi, senza che questo vada a favorire tangibilmente l`occupazione dei giovani che, assai più istruiti degli anziani, tendono a rifiutare i loro posti, in generale considerati poco graditi e poco pagati e perciò largamente occupati dagli immigrati stranieri". Golini segnala poi "in secondo luogo una preoccupazione forte della Unione europea, che infatti, specie tramite Almunia, continua a lanciare messaggi di convinta preoccupazione per la possibile insostenibilità economica e finanziaria del sistema Italia, sia per l`onerosissimo nostro debito pubblico, anch` esso scaricato sulle generazioni a venire, sia per l`oneroso nostro sistema pensionistico. La preoccupazione europea, quella di Bruxelles, si somma a quella di singoli partner dell`Unione, per esempio la Gran Bretagna che in riunione bilaterali già qualche anno fa esprimeva con vigore questo tipo di preoccupazione. La inquietudine dei partner più forti e dell`intera Unione risiede nella circostanza che un`eventuale rovinosa caduta dei conti pubblici e dell`economia italiana avrebbe ripercussioni pesantissime sui conti e sull`economia dell`intera Unione, e quindi dei suoi partner più forti". (Apcom)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,602
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    il problema pensionistico esiste in quanto
    le pensioni vere (fatte di lavoro effettivamente svolto e
    contributi realmente versati), sono mischiate con
    quelle di puro assistenzialismo.

    infatti nessun disavanzo INPS si registra nelle
    regioni padane, dove si sfiora il 100% tra attivo e passivo.

    il giochetto di lanciare messaggi fuorvianti
    e disinformativi sulla reale situazione
    pensionistica, serve solo alla solita di banda
    di politicanti che deve continuare a pagare il consenso
    elettorale con i soldi di chi lavora e versa fior di contributi.

    quanto all'età minima di accesso alla pensione,
    va ricordato che in un regime di 40 anni di versamenti,
    con aliquote di gran lunga superiori a ogni altro paese UE,
    è più che giustificata anche l'età di 54-56 anni,
    per un giovane che entra nel mondo del
    lavoro all'età di 14-16 anni;
    non sono pochi i padani in questa situazione.........


 

 

Discussioni Simili

  1. Pensioni: Padri vs. Figli
    Di nicolaj198vi nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-09-11, 10:06
  2. padri figli e le sottrazioni ingiustificate
    Di rossj nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-12-09, 16:56
  3. padri e figli: aggiornamenti dal mondo
    Di kenaup nel forum Politica Estera
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 09-01-08, 08:19
  4. I figli dei padri(ni)
    Di King Z. nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 16-12-06, 13:59
  5. I figli dei padri
    Di Montebardosu nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-05-03, 00:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226