User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    10 Oct 2005
    Messaggi
    152
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Cos'è il paleolibertarismo

    Capitalismo, il meglio di noi stessi

    La nitida analisi di Hoppe spiega che a inquinarci invece è il troppo welfare. Una società puramente capitalistica deve fondarsi su valori tradizionali e su una società borghese


    Piero Vernaglione, studioso di filosofia politica, aveva dimostrato nel 2003 di essere uno dei migliori esperti del pensiero libertario pubblicando un trattato ricco e completo sull’argomento (Il libertarismo. La teoria, gli autori, le politiche, Rubbettino, Soveria Mannelli, pp. 613, € 30,00). Ora ha pubblicato con lo stesso editore un altro studio, più agile e snello, che aggiorna e completa il suo precedente lavoro: Paleolibertarismo. Il pensiero di Hans-Hermann Hoppe (pp. 119, € 12,00).

    Il paleolibertarianism (letteralmente, “libertarismo all’antica”) analizzato da Vernaglione è una corrente "di destra" del pensiero libertario americano che coniuga la difesa senza compromessi della proprietà privata e del libero mercato con un forte sostegno ai valori morali tradizionali. Il movimento paleolibertario nasce negli anni Novanta, su iniziativa di alcuni importanti esponenti del libertarianism come Murray N. Rothbard, Hans-Hermann Hoppe e Lew Rockwell, in polemica con la deriva troppo hippy e controculturale che aveva assunto il mondo libertario americano, soprattutto all’interno del Libertarian Party. La spiccata sensibilità conservatrice dei paleolibertari si contrappose così alla cultura progressista e relativista dei left-libertarian, i libertari “di sinistra” attenti soprattutto alle cosiddette libertà civili (analoghi per certi versi, ai nostri radicali).

    Vernaglione si concentra in particolare sul pensiero filosofico e politico del più rilevante esponente attuale del paleolibertarismo, Hans-Hermann Hoppe, economista di scuola austriaca succeduto nella cattedra del suo maestro Murray N. Rothbard, scomparso nel 1995. Per Hoppe una società puramente capitalista, dove la proprietà privata e il libero mercato sono rigorosamente tutelati, si fonda necessariamente su un sostrato culturale in cui prevalgono i valori tradizionali e la moralità borghese. Per i paleolibertarians - spiega Vernaglione - l’ideale del governo limitato e del liberalismo economico può essere realizzato solo se a livello sociale predomina una cultura conservatrice che stigmatizza la mentalità parassitaria; che ripristina la centralità dello sforzo individuale; che rivaluta l’etica del lavoro, l’impegno, l’affidabilità, la previdenza, la disciplina, la prudenza; che respinge l’egualitarismo e accetta le differenze naturali fra le persone e i ruoli sociali che ne derivano, comprese le gerarchie; che preserva l’autonomia della famiglia e delle altre comunità intermedie; che recupera il patrimonio culturale dell’Occidente e gli standard morali scaturiti dalla tradizione giudaico-cristiana

    La storia sembra confermare questa visione, perché le società più liberiste dell’Ottocento, come l’Inghilterra o l’America, non erano affatto licenziose o libertine. Il vecchio ordine capitalistico “vittoriano” non era gaudente o materialistico; non produceva permissivismo, ma un rigido ambiente di lavoro e risparmio. Chi non si atteneva agli standard richiesti veniva punito dal mercato o da severe sanzioni sociali. Per Hoppe gli aspetti culturali negativi che, a torto, vengono spesso addebitati al capitalismo, come l’edonismo o il consumismo, sono in realtà i prodotti dell’espansione dello Stato assistenziale.

    Non è un caso che in Occidente la contestazione dei valori tradizionali sia cominciata con la rivoluzione culturale degli anni Sessanta, proprio mentre veniva ampliato a dismisura il sistema pubblico di welfare. Solo con l’espansione della redistribuzione statale si sono potuti diffondere a livello di massa gli stili di vita decadenti, dissoluti e consumistici. Lo Stato sociale infatti fornisce agli eterni adolescenti e ai contestatori delle norme tradizionali le basi materiali indispensabili per vivere una vita “liberata dalla repressione” (capitalistica, religiosa, sociale, famigliare, scolastica) scaricando i costi sui membri produttivi della società.

    Sbagliano dunque quei conservatori populisti, come la nostra cosiddetta “destra sociale”, che difendono a spada tratta lo Stato sociale.

    Mantenere le istituzioni centrali dell’attuale Stato assistenziale e pretendere il ritorno alle norme e condotte tradizionali, spiega Hoppe, sono obiettivi incompatibili. Si può avere l’uno (il socialismo del welfare) o l’altro (i valori tradizionali), ma non entrambi, perché i pilastri del corrente Stato sociale sono la causa delle anomalie sociali e culturali presenti nelle democrazie occidentali.

    Per Hoppe il socialismo e la democrazia sono “gli dei che hanno fallito”, perché hanno favorito una crescita inarrestabile dello statalismo a danno della società civile e della libertà individuale. Contro questi idoli politici contemporanei Hoppe fa l’elogio delle monarchie tradizionali e dell’ordine pluricentrico del Medioevo: un’epoca storica, ancora indenne dai veleni dello Stato moderno, che egli sente molto vicina al suo ideale anarco-capitalista basato su molteplici agenzie di protezione in concorrenza tra loro.

    Guglielmo Piombini

    (Il Domenicale, 7 luglio 2007)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Articolo veramente interessante.
    Offre spunti fondamentali per i Conservatori.

    Questa definizione di paleo-libertarismo mi ispira:

    Citazione Originariamente Scritto da rothbardino
    Il paleolibertarianism (letteralmente, “libertarismo all’antica”) analizzato da Vernaglione è una corrente "di destra" del pensiero libertario americano che coniuga la difesa senza compromessi della proprietà privata e del libero mercato con un forte sostegno ai valori morali tradizionali.

 

 

Discussioni Simili

  1. Il paleolibertarismo
    Di Marco d'Antiochia nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 13-09-11, 08:22
  2. Paleolibertarismo, cos'è
    Di Cristo nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09-03-10, 00:22
  3. Il Paleolibertarismo
    Di Florian nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 05-08-09, 05:28
  4. Paleolibertarismo
    Di Ungern Khan nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 01-08-08, 01:12
  5. Il Paleolibertarismo
    Di Thomas Aquinas nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 29-07-04, 02:33

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226