User Tag List

Pagina 1 di 25 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 243
  1. #1
    Becero Reazionario
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Königreich beider Sizilien
    Messaggi
    18,031
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rinascita nazionale, contro rivoluzione e rivoluzione conservatrice

    Bari - Parma (9 luglio 2007)

    è fondato oggi su politicaonline.net il movimento

    RINASCITA NAZIONALE / CONTRO RIVOLUZIONE + RIVOLUZIONE CONSERVATRICE

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Becero Reazionario
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Königreich beider Sizilien
    Messaggi
    18,031
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post

    Manifesto politico del Movimento
    CR + RC
    Contro Rivoluzione + Rivoluzione Conservatrice


    La Controrivoluzione
    non è una rivoluzione al contrario
    ma il contrario di una rivoluzione.

    La Rivoluzione Conservatrice
    è una rivoluzione in grande stile:
    ma nel senso di un re-volvere,
    di un ritornare alla Tradizione,
    all’ordine dei valori naturali,
    all’eroismo dei Padri,
    alla comunità di popolo,
    all’idea che la vita è una tragica
    ma anche magnifica lotta.

    Sia il socialismo reale
    che il liberismo economico
    conducono ad una ingiusta disuguaglianza
    e quindi alla schiavitù
    alla violenza ed infine
    alla rivoluzione.

    *** *** ***
    Questo è il “Manifesto della Contro Rivoluzione e della Rivoluzione Conservatrice”.
    Ciò che si intende col termine Contro Rivoluzione non è una “rivoluzione al contrario”, cioè un ennesimo moto violento e disordinato che aggiunga caos alla già problematica e confusa realtà dei giorni nostri. Si tratta piuttosto del “contrario di una rivoluzione”, un processo pacificatorio, che sappia restituire serenità ed organicità alla nostra società, che sappia finalmente attribuire a ciascuno il suo, in base al merito ed alla vocazione, non in base a privilegi di nascita, classe o ricchezza.
    Nel mondo in cui viviamo c’è davvero poco da conservare; per questo non parliamo di Conservatorismo ma di Rivoluzione Conservatrice. Nel termine “Conservatorismo” è insito un germe rassegnato e passivo; è il motto della borghesia ricca o del popolino bassamente moralista; è il motto di chi è rassegnato a perdere – sul piano materiale o morale – e non cerca che di ritardare l’ora della sua inevitabile sconfitta.
    Conservatorismo è un sinonimo di passività.
    La Rivoluzione Conservatrice non vuole conservare, vuole recuperare.
    La Rivoluzione Conservatrice è un vento vigoroso e travolgente, che vuole spazzare via quelli che respirano ansimando e quelli che hanno lo stomaco guasto, quelli che non hanno cuore e quelli che non hanno cervello, gli annunziatori di sventure ed i profeti delle magnifiche sorti e progressive, i nostalgici ed i letargici, gli attivisti della dea progresso e i poltronai conservatori, quelli che vedono nero, che soffrono di ulcera ed ogni tetra e malriuscita genìa.
    La nostra parola d’ordine potrebbe essere – se non fosse troppo ardita – “Reazione!”. Sarebbe troppo facile per i nostri avversari tacciarci di “reazionari”. Ma non ci resterebbe che da chieder loro: «e cosa vorreste che facessimo? Mentre voi portate alla rovina la società, mentre ammassate assurdità su assurdità, mentre avvelenate i pozzi profondi dello spirito ed estirpate le radici secolari della nostra Tradizione, noi non dovremmo forse reagire? Dovremmo invece dirvi “bravi, più avanti, più in fretta”? “compite la rivoluzione”? “espropriate i corpi e le dignità”? “dissolvete la ragione ed il diritto naturale”?»
    Se è vero – come qualcuno ha malauguratamente ipotizzato – che la Storia è un fiume in piena, i progressisti sono coloro che si lanciano e nuotano a favore di corrente, insensatamente orgogliosi della loro “velocità”: credono di andare ma sono trascinati, credono di vivere ma sono vissuti. I conservatori sono lì, stupidamente aggrappati ad una roccia, e attendono.
    Noi vogliamo sfidare la corrente; noi vogliamo risalire quel fiume, noi vogliamo vincere oppure perire. E se le nostre braccia, i nostri polmoni e i nostri cuori non saranno abbastanza forti per questo, ebbene noi saremo comunque orgogliosi di ciò che abbiamo fatto, di ciò che facciamo e di ciò che avremo fatto. Saremo orgogliosi di essere caduti per rendere testimonianza alla Verità.

    RICONCILIAZONE E RINASCITA NAZIONALE.
    A sessant’anni dalla fine della Guerra e a venti anni dalla caduta del Muro di Berlino, in Italia si continua ancora a parlare di fascismo e di antifascismo, di comunismo e di anticomunismo. Allo stesso tempo la nostra nazione è ridotta ad uno “Stato a sovranità limitata”: persa la guerra mondiale, venuto meno l’equilibrio fra le due superpotenze che si sono confrontate nella guerra fredda, oggi non rimane che un unico gendarme globale che – in funzione dei propri interessi – detta la linea politica al nostro governo, sia esso di centro destra o di centro sinistra. A prescindere dall’opinione (positiva o negativa) che ciascuno può avere sugli Stati Uniti d’America, un fatto è certo: l’Italia ha il diritto di recuperare integralmente la propria sovranità.
    Per questo riteniamo aberrante continuare a dividersi e porre pregiudiziali su base ideologica alla collaborazione fra movimenti e persone di diverso orientamento politico.
    Fascismo e Comunismo e – soprattutto – antifascismo e anticomunismo sono concetti che devono essere superati da tutti coloro che hanno a cuore il futuro d’Italia. Per non incorrere nella ridicola sorte dei capponi del Manzoni, che, mentre stavano per finire in padella, continuavano a beccarsi fra loro.

    UGUAGLIANZA E SENSO DEL LIMITE.
    Tramontato il sogno – rectius “l’incubo” – della giacobina egalitée non possiamo che constatare che nel mondo in cui viviamo regna la più grande disuguaglianza della storia dell’umanità. Il potere di un faraone o di un monarca medievale sono ben poca cosa rispetto alle possibilità dei potenti di oggi di sterminare intere popolazioni semplicemente premendo un pulsante (e ci riferiamo non solo alle armi nucleari, ma anche alla possibilità di causare carestie, epidemie, crisi finanziarie, innescare guerre civili etc.).
    L’uguaglianza di fatto non esiste.
    Ma vogliamo chiederci: esiste un diritto all’uguaglianza? Sarebbe un bene che gli uomini fossero tutti uguali? Sarebbe auspicabile l’uguaglianza? Rispondiamo con un secco “no!”.
    Intendiamoci: esistono delle disuguaglianze ingiuste, ed esse vanno sanate. Ingiusta è la disuguaglianza basata sulla ricchezza accumulata e lucrata sui deboli, ingiusta è la posizione di privilegio acquistata coi soldi. Ma esistono disuguaglianze giuste; quelle dovute alla diversità di talenti, vocazioni, abilità, spiritualità che sono proprie a ciascuno di noi. E a queste diversità conseguono – in una società rettamente orientata – diversità di mezzi anche sul piano materiale. La ricchezza può e deve essere semplicemente un mezzo per compiere fini più alti, e non già – come oggi avviene – fine a sé stessa.
    In breve: ingiusta è la disuguaglianza che deriva dalla ricchezza; giusta è la ricchezza che deriva dalla disuguaglianza.
    Queste considerazioni ci portano a riscoprire il senso profondo del termine “gerarchia”; non sinonimo di bruta prevaricazione o di tirannia organizzata, ma – come da etimologia (che è la “scienza del vero”, dal greco étymos = vero) – “governo del sacro” (dal greco hieròs = santo, sacro).
    La nostra società necessita dunque di superare il concetto livellatore ed astratto di “uguaglianza” (che nei fatti ha condotto ad una mostruosa – perché ingiusta – disuguaglianza) e di riscoprire il “senso del limite”, quella disposizione interiore dell’animo (che è il contrario della “invidia sociale”) che porta ciascuno di noi a vivere con soddisfazione e fierezza il differente e giusto ruolo all’interno della società, senza voler inventare filosofie, morali o diritti per giustificare le proprie mancanze o disordinate aspirazioni.

    LAICITÀ, NICHILISMO, LAICISMO; ETICA E MORALE.
    «La laicità dello Stato è un valore fondamentale» è quanto sentiamo ripetere ad ogni piè sospinto dai nostri politicastri, intellettualastri e giornalastri.
    Anche su questo bisogna rettamente capirsi, e chiarire, una volta per tutte, cosa si intenda per “laicità dello Stato”. Che Chiesa e Stato siano indipendenti nessuno lo mette in dubbio; che Chiesa e Stato abbiano fini ultimi diversi nessuno lo mette in dubbio; che Chiesa e Stato non debbano essere subordinati l’una all’altro nessuno lo mette in dubbio. Ciò che bisogna far rilevare è però che non è affatto vero che i fini ultimi diversi (che Chiesa e Stato perseguono) siano indipendenti e non subordinati fra loro. Il lato materiale dell’esistenza è (dovrebbe essere) subordinato a quello spirituale.
    Nel XX secolo abbiamo assistito al triste nascere dello “Stato etico”. Lo Stato etico è lo Stato che si fa fonte primaria dell’etica e che vuole imporre ai propri cittadini la nuova “etica” dello Stato, le proprie nuove “tavole della legge” nicianamente riscritte dopo che le antiche erano state infrante dalla volontà di potenza.
    Noi siamo – e non possiamo che essere – contro un simile Stato, un simile moderno Leviathano.
    Siamo contro lo Stato etico e siamo a favore di uno Stato che abbia un’etica, che segua e persegua valori etici che lo trascendono, che hanno scaturigine al di sopra dello Stato stesso. E per far questo, per cercare l’etica e per adeguarsi nei comportamenti ad essa, non c’è che una strada, la strada segnata dalla morale – dal mos maiorum – un ripercorrere, riscoprire ed inseguire la morale e la Tradizione alla ricerca – attraverso i “valori trasmessici” – di quei “principi” che non possono essere – come detto – nicianamente riscritti, ma solo, umilmente vissuti attraverso i valori e la morale dei Padri.
    La grande ipocrisia che chi parla di “Stato laico” nasconde è, lo sappia o no, la seguente: non può esistere uno Stato “laico”, cioè che non prenda posizione rispetto alle questioni più importanti e fondamentali dello spirito e dell’esistenza umana; non può esistere uno Stato “nichilista”, perché ogni atto ed ogni decisione dello Stato provocherà conseguenze materiali ed anche spirituali sui cittadini. Non si tratta qui di disquisire se ogni cittadino debba essere lasciato libero o meno di professare la propria religione, ma di affermare chiaramente che lo Stato è chiamato a perseguire – con la sua organizzazione e le sue leggi – il Bene; non perché il Bene sia lo Stato stesso (Stato etico), ma perché l’organizzazione statuale ha senso e trova la sua giustificazione solo in quest’ottica.
    Non è dunque uno Stato etico quello che vogliamo, ma uno Stato morale.

    ECONOMICISMO E DEMONÌA DELL’ECONOMIA.
    Oggigiorno, quando si discute di politica non si pensa che ha una cosa: conti pubblici, crescita economica, sviluppo, PIL, attrarre investimenti, rilanciare l’industria.
    Quando si propone un sistema politico non si pensa che a questo: quale sistema faccia funzionare meglio l’economia.
    Anche quando si paventano lo scioglimento dei ghiacciai alpini o i maremoti conseguenti all’innalzamento della temperatura globale, non si è preoccupati che di questo: la crisi dell’industria turistica e i danni da portare a bilancio nella successiva finanziaria.
    Tutto ciò nasconde un perverso sillogismo marxista: “l’economia è il nostro destino; il tale sistema politico fa andare meglio l’economia; ergo il tale sistema politico è il migliore”. L’umanità, che per millenni ha vissuto con “poco”, in armonia con la natura, cercando di elevare il proprio spirito e servendosi delle cose materiali e dell’economia come mezzo, proprio oggi – quando sul piano materiale ha accumulato tutto il possibile – non si preoccupa di altro se non di ciò di cui dispone già in abbondanza.
    Noi neghiamo che l’economia sia “il nostro destino”, neghiamo che il sistema politico migliore sia da stabilirsi considerando la sola economia, neghiamo che l’umanità abbia bisogno di ulteriore crescita o sviluppo economico.
    A questo perniciosissimo virus, che sembra aver contagiato tutti, diamo il nome di economicismo o demonìa (o “ossessione”, che fa lo stesso) dell’economia.
    La Contro Rivoluzione e la Rivoluzione Conservatrice avranno un senso se porteranno – sul piano culturale ed operativo – ad un superamento dell’economicismo ed ad una riscoperta degli elementi fondanti della dignità umana: spiritualità, senso dell’onore, senso del limite, lealtà, rispetto della parola data, Famiglia, comunità, amore filiale e amore genitoriale, eroismo, dedizione, altruismo, capacità di sacrificarsi, riscoperta della Tradizione, lentezza.
    Per questo – pur essendo favorevoli alla libertà di iniziativa economica – siamo contrari al liberalismo elevato al rango di ideologia politica. Le conseguenza nefaste del liberalismo e del capitalismo (incontestati ed incontrastati vincitori sul piano puramente economico) sono sotto gli occhi di tutti: il Pianeta, abbandonato alle “voglie” egoistiche scatenate del capitalismo, è stato saccheggiato e profanato sin nelle sue viscere; la vita e la serenità degli uomini sono state sconvolte; la vita in armonia con la natura è solo un ricordo lontano; tutte le specie animali e vegetali sono degne di esistere solo se economicamente remunerative, altrimenti sono destinate all’estinzione; la Famiglia è stata smembrata per farne una libera unione di soggetti economici; i nostri figli devono, al più presto, smettere di essere bambini e divenire consumatori.
    Questo sistema, basato sul più famelico egoismo, ha in effetti distrutto ogni umano consorzio ed ogni idea di “bene comune”, per esaltare il più becero individualismo.
    Per questi motivi, all’economia – gigante impazzito, come ebbe a scrivere il Sombart – noi vogliamo restituire il suo giusto e secondario ruolo nella gerarchia degli interessi umani. Questo gigante va nuovamente incatenato ed il ruolo primario va restituito alla politica. La libera iniziativa economica va rispettata ma essa deve avere un ruolo sociale e produrre un’utilità sociale per tutta la comunità; essa deve essere ambientalmente sostenibile, deve essere sottratta alla sfrenata competizione su larga scala che porta all’affermazione di pochi grandi colossi che – per vincere la battaglia del libero mercato – inquinano l’ambiente e le menti (con pubblicità che fanno leva sugli istinti più bassi dell’uomo) e corrompono intere classi politiche (non solo nei Paesi poveri).
    L’imprenditore deve essere pienamente responsabile delle proprie azioni e delle conseguenze delle proprie azioni, sia sul piano penale che su quello patrimoniale. In una società ben ordinata ai diritti corrispondono precisi doveri, e non è possibile assegnare alla “persona giuridica” (mera astrazione economica) gli stessi diritti spettanti alla “persona fisica” (la persona “vera”) se ad essi non corrispondono i medesimi doveri.

    CONCLUSIONE.
    In conclusione, questo che oggi pubblichiamo è il “Manifesto della Contro Rivoluzione e della Rivoluzione Conservatrice”. In esso non abbiamo voluto esprimere idee personali o opinioni di sorta. Abbiamo imparato a non essere così superbi (Deo gratias), da ritenere l’uomo capace di “invenzioni politiche” che non siano mostruosità, o abomini, o desolanti banalità. Tutto ciò che abbiamo scritto lo abbiamo ricercato nella Tradizione, poiché confidiamo in ciò che fu creduto ab omnibus, ubicumque et semper.
    Per ciò che di buono abbiamo scritto sia dunque lode a Dio, a nostro carico rimangano solo gli errori.


    f.to: i fondatori
    codino (Pierfrancesco Palmisano)
    on. roberto m


    Bari – Parma 7/7/’07


    (* chi voglia riprodurre in tutto o in parte il presente manifesto può farlo citando la fonte)

  3. #3
    roberto m
    Ospite

    Predefinito

    Progetto per un nuovo soggetto politico di POL

    Come già ribadito, sono contrarissimo alla proliferazione di partiti di POL e ritengo che nemmeno la semplificazione del gioco più drastica possa bastare a rendere il gioco comprensibile ai tanti frequentatori di POL, MA dopo oltre 18 mesi di frequentazione quotidiana di questo forum, dopo avere letto i programmi di tutti i partiti del centrodestra e i loro comportamenti nel gioco ritengo che manchi su POL un gruppo con idee che rappresentino una destra cristiana, antimondialista, tradizionalista, per un liberismo temperato da una giusta dose di sociale, un gruppo che potrebbe considerasi Conservatore o di Destra Moderata e Sociale, che sia alla ricerca costante di un’alleanza e un dialogo tra tutte le forze della destra e del centrodestra, un punto di incontro ma per evitare di perdere tempo in lunghi ed inutili battibecchi per un nome potremmo provvisoriamente battezzare:

    RINASCITA NAZIONALE


    noi non crediamo allo stereotipo che vuole che chi è oggi moderato e conservatore debba essere per forza filoamericano nonchè un entusiasta mondialista ultraliberista e laico, favorevole all’attuale UE. Questi gli altri punti principali ai quali crediamo

    Obbiettivi su POL:

    1) voler essere il tramite di un’alleanza stabile e duratura tra il centrodestra e la destra di POL
    2) contribuire a pacificare e a cercare sempre più e sempre migliori punti di incontro tra gli attori del centrodestra e la destra
    3) ricercare i valori comuni che hanno fatto la tradizione della destra italiana, senza tornare al passato ma nemeno demonizzandolo

    Bozza di valori



    - rispetto per il nostro passato nazionale, compreso il ventennio fascista, contro la divisione bene-male che ancora oggi imperversa nella nostra sinistra e non solo, per la pacificazione di tutti gli italiani, il giusto riconoscimento per tutti coloro che hanno combattuto per il nostro paese sotto tutte le bandiere

    - condanna della derive ultraliberiste e filoatlantiche di AN che dal congresso di Fiuggi in poi ha gettato all’aria la possibilità di costruire un vero partito della destra moderna e si è appiattita su posizioni filoamericane e verso derive sempre più in contrasto con i valori della famiglia rinunciando a giocare un ruolo di partito della destra italiana e speranza che presto questo partito possa nascere

    - presa di coscienza che il passato è una cosa ma è morto e sepolto e costituzione di un partito che tenga ben presente che i tempi sono cambiati, da cui la necessità di lavorare su un progetto nazionale, moderno, cristiano, conservatore, moderatamente antimondialista

    - pur rispettando la vita privata di ognuno, il nostro gruppo crede alla famiglia e non alle unioni di fatto tra membri dello stesso sesso, tantomeno all’adozione da parte di coppie omosessuali e condanna ogni attacco alla vita dell’embrione e ogni manipolazione genetica

    - governo federale e premierato con premier eletto per 5 anni e sistema federale alla tedesca accompagnato da un senato federale e con un numero di parlamentari ristretto a circa 300-350, capo delo stato coordinatore dei governatori di regione e capo della diplomazia, eletto dal parlamento

    - ritorno urgente al nucleare a scopo di ridurre al nostra dipendenza energetica

    - Liberalismo temperato dal sociale, ben vengano il mutuo sociale per favorire l’acquisto della prima casa e un salario minimo garantito per gli italiani disoccupati con aiuti e incentivi sotto forma di formazioni e stages retribuiti

    - in politica estera: Europa delle Nazioni, Unione Europea associata a un Unione di tutti i paesi che si affacciano sul Mediterraneo, amicizia con la Russia sia per motivi storici che economici, dazi verso paesi terzi rispetto a quest’area geografica (Europa e Mediterraneo) soprattutto verso la concorrenza sleale cinese

    - politica di amicizia e buon vicinato con i paesi musulmani moderati e ruolo di mediazione sia in Europa che nel Medio Oriente

    - condanna della politica preventiva e delle guerre unilaterali di Stati Uniti e Israele (facendo ben attenzione a non confondere il governo di Olmert con gli ebrei perchè il razzismo è da condannare sempre e comunque)

  4. #4
    Becero Reazionario
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Königreich beider Sizilien
    Messaggi
    18,031
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    REGOLAMENTO INTERNO PROVVISORIO

    Art. 1
    Questo è il Regolamento Interno Provvisorio del movimento “Rinascita Nazionale – Contro Rivoluzione + Rivoluzione Conservatrice” in breve “RN/CR+RC”.

    Art. 2
    Possono fare richiesta di iscrizione al Movimento tutti coloro che si riconoscono nel “Manifesto della Contro Rivoluzione e della Rivoluzione Conservatrice” e nel “Programma di Rinascita Nazionale” e che amano il Bene ed odiano il Male.

    Art. 3
    Se la richiesta di iscrizione viene accettata da entrambi i fondatori (codino e Roberto m) l’iscrizione è validamente accettata.

    Art. 3 bis
    Fanno eccezione all’art. 3 i forumisti che, fino al momento della pubblicazione del presente regolamento, hanno già aderito informalmente al movimento in pvt. La loro richiesta di iscrizione sarà accettata automaticamente.

    Art. 4
    Per gravi motivi si può essere espulsi dal partito su iniziativa di uno dei due fondatori. Le espulsioni non sono sindacabili.

    Art. 5
    Organo del movimento è un Comitato Centrale di cinque membri. Per il momento del C. C. fanno parte i due fondatori e tre membri del movimento da loro selezionati; successivamente il C. C. stabilirà i modi di designazione dei propri componenti ed il regolamento interno (definitivo).

    Art. 6
    Il C. C. nomina un “reggente” di RN/CR+RC che rappresenta il movimento e ne determina la linea politica in conformità col Manifesto della CR+RC e col Programma di RN in collaborazione col C. C. stesso. Il “reggente” può nominare un “vicereggente”.

    Art. 7
    Tutti gli iscritti prendono visione ed accettano il presente regolamento all’atto dell’iscrizione.

    f.to: i fondatori
    codino
    on. Roberto m

  5. #5
    Vita super terram militia est
    Data Registrazione
    17 Oct 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    287
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sono dei vostri!

  6. #6
    roberto m
    Ospite

    Predefinito

    benvenuti, conosco poco Militiano mentre conosco da lunga data Nicki, adesso dobbiamo lavorare su un simbolo, che ne dite di un'aquila?

  7. #7
    Radicalista Aristocratico
    Data Registrazione
    02 Feb 2006
    Località
    Italia,Europa.
    Messaggi
    3,157
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da roberto m Visualizza Messaggio
    benvenuti, conosco poco Militiano mentre conosco da lunga data Nicki, adesso dobbiamo lavorare su un simbolo, che ne dite di un'aquila?
    no no,scusa rob,errore mio,avevo frainteso il progetto.

  8. #8
    Radicalista Aristocratico
    Data Registrazione
    02 Feb 2006
    Località
    Italia,Europa.
    Messaggi
    3,157
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Pensavo si trattasse di un gruppo culturale,non di un movimento politico.
    Ritiro quindi la mia a desione essendo già impegnato in IPSN.

  9. #9
    roberto m
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Nicki Visualizza Messaggio
    Pensavo si trattasse di un gruppo culturale,non di un movimento politico.
    Ritiro quindi la mia a desione essendo già impegnato in IPSN.
    puoi sempre simpatizzare Nicki

  10. #10
    Radicalista Aristocratico
    Data Registrazione
    02 Feb 2006
    Località
    Italia,Europa.
    Messaggi
    3,157
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da roberto m Visualizza Messaggio
    puoi sempre simpatizzare Nicki
    Beh certo,spero vivamente che si instauri un buon rapporto tra IPSN e questo movimento,che si dichiara apertamente Reazionario.

 

 
Pagina 1 di 25 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. La Rivoluzione conservatrice
    Di Malaparte nel forum Destra Radicale
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 11-01-10, 14:13
  2. Rivoluzione Conservatrice
    Di Imperium nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-11-08, 23:29
  3. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 03-06-08, 19:10
  4. Risposte: 119
    Ultimo Messaggio: 05-12-07, 12:32
  5. La rivoluzione conservatrice
    Di herrenklub (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 22-10-07, 16:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226