User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: Fareste il volo dell'angelo?

Partecipanti
10. Non puoi votare in questo sondaggio
  • 4 40.00%
  • No

    5 50.00%
  • Non lo so

    1 10.00%
Pagina 1 di 12 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 118
  1. #1
    Breiner252
    Ospite

    Predefinito Elezioni post-fasciste 1963.

    Nasce tutto come un gioco: un nuovo ipotetico futuro per l’Italia…se quel 10 giugno fosse andata in modo diverso…

    1922: L’Italia entra nell’era fascista. Con alti e bassi, finalmente l’Italia inizia una sua politica di indipendenza e riappropriazione delle naturali sfere d’influenza
    1924: Istria e Dalmazia tornano italiane.
    1925: In Libia, già italiana, si dà inizio ai lavori per lo sfruttamento dei giacimenti petroliferi. Il Re si mangia le mani.
    1929: I petroldollari libici sostengono l’economia italiana, fortemente basata sull’agricoltura: nonostante la grave crisi, si riesce comunque a continuare il processo di industrializzazione del paese.
    1936: Finisce la Campagna d’Africa. Etiopia, Eritrea e Somalia sono italiane.
    1938: Hitler preme per la stipula del Patto d’Acciaio, Mussolini tergiversa e il giorno stabilito per la firma si rende irreperibile fingendo un attacco di diarrea. Hitler si infervora così tanto da stracciare immediatamente il testo dell’accordo. L’Italia riesce così a sottrarsi al tentativo germanico di ridurla a stato satellite. Quanto alla guerra in Spagna, da Roma si fa capire che non interessa a nessuno sul come e quanto intendano ammazzarsi gli iberici.
    1939: Scoppia la guerra tra Germania e Francia/Gran Bretagna. L’Italia resta neutrale, ma protesta vivamente contro le sanzioni economiche e il blocco navale voluti dalla Gran Bretagna, minacciando ritorsioni.
    1940: Il 10 giugno Mussolini ha un vero mastodontico attacco di diarrea, che lo costringe a correre in fretta e furia da Palazzo Venezia a Villa Torlonia, in barba alle migliaia di cittadini assiepati di fronte all’Altare della Patria. L’Italia, che doveva entrare in guerra, continua a restarne fuori. Nel timore di colpi di mano altrui, si dà inizio ad un poderoso riarmo, che investe soprattutto marina, aviazione e reparti corazzati.
    1941: In piena Battaglia d’Inghilterra, nel momento più cruciale della storia britannica, l’Italia rompe gli indugi e dichiara guerra alla perfida Albione (e solo ad essa), in risposta al blocco navale che ancora persiste: attacchi massicci su Malta e Cipro che cadono immediatamente; le truppe di Balbo attaccano dalla Libia verso l’Egitto mentre il Duca D’Aosta conduce trionfalmente le truppe italiane e ascare dapprima ad occupare il Gibuti, nodo cruciale del Corno d’Africa, e poi ad attaccare il Sudan da Sud-Est. Il crollo dell’Impero Britannico travolge la vecchiaccia che si ritira in Australia lasciando il suo regno in balia delle lotte intestine tra inglesi, scozzesi, gallesi e irlandesi.
    1942: Praticamente liquidato il fronte occidentale, resta in piedi quello orientale, in cui Germania e Urss se le danno di santa ragione. All’Italia interessa che i due si scannino da soli mentre noi siamo impegnati ad arraffare a man bassa nel Mediterraneo. La garanzia di non essere attaccati viene da accordi di sottobanco: noi diamo aiuto alla Germania a bastonare gli inglesi in Africa assieme a cospicui rifornimenti di combustibile e altri materiali, senza interferire in alcun modo nei Balcani, in cambio otteniamo che loro si facciano i cazzi loro (dopotutto Hitler non ha mai avuto interessi per il Mediterraneo). Dal Marocco all’Egitto si estendono i nostri protettorati o colonie, che ormai comprendono pure Sudan, l’intero corno d’Africa e parte del Kenya.
    1943: Mentre i due baffetti si pestano di brutto, l’Italia porta avanti la sua strategia in medio oriente. Nascono gli stati di Israele e Palestina. Le truppe italiane impediscono il riarmo dei primi e l’incazzatura dei secondi. Le terre fertili vengono date ad entrambi in modo che nessuno scassi i coglioni. I tedeschi finalmente hanno un posto per liberarsi degli ebrei stipati nel Governatorato. Nasce l’Iraq, preventivamente diviso in 3 stati federali.
    1944: La penetrazione italiana prende di mira la Penisola Arabica: con la ben nota tecnica della provocazione, si porta l’Arabia (nata ufficialmente nel 1932, e nella quale si era scoperto il petrolio nel 1938) ad attaccare Israele e la Palestina (colpevole di appoggiare l’esistenza israeliana). Fregandosi le mani, Giovanni Messe – Capo di Stato Maggiore – dà il via alla Campagna Araba, che porterà in soli 10 mesi alla conquista integrale della penisola: immediatamente si dà inizio alla ben nota e plurisecolare tecnica del divide et impera.
    1945: L’inutile Re Sciaboletta si leva di torno, viene dato il trono ad Aimone di Savoia. Non so perché, ma ai monarchici piace così. L’impero italiano comprende questi domini: Sardegna, Sicilia, Corsica, Dalmazia, Malta, Cipro (stati federali con forti autonomie); Albania, Tunisia, Libia, Egitto, Sudan, Etiopia, Eritrea, Gibuti, Somalia (stati coloniali); Marocco, Algeria, Israele, Palestina, Libano, Iraq, Arabia, Oman, Yemen (protettorati). Nizza e Istria appartengono all’Italia, sotto forma di Regioni Autonome a Statuto speciale.
    Nel frattempo la guerra volge al termine. Gli Usa non sono riusciti a penetrare in Europa (avendo perso il trampolino di lancio britannico), mentre i Russi con immensa fatica sono riusciti a strappare un pareggio coi tedeschi: Paesi Baltici, Bielorussia, Ucraina e tutto il Caucaso passano sotto mano tedesca, l’armistizio viene firmato il 9 maggio a Yalta. L’armistizio prevede la totale cessazione delle ostilità da parte dell’Urss, anche contro il Giappone, che ottiene in cambio la Mongolia e alcune isolette apparentemente insignificanti. Ciò consente ai nipponici di spostare 600mila uomini dalla Manciuria alle isole del Pacifico. Insomma, tra Giappone e Usa continua imperturbabile il casino.
    1946: Anche nel pacifico c’è un sostanziale pareggio: il Giappone baratta le sue conquiste nell’Asia Continentale e in Indonesia con la concessione dell’India (che all’epoca comprendeva anche Pakistan e Bangladesh) agli Usa. Dopotutto, ci insegna la Gran Bretagna, a giocare con le terre degli altri non si sbaglia mai. Finisce che la Germania vince la sua guerra, l’Italia vince la sua guerra, il Giappone vince la sua guerra, l’Urss le prende di brutto ma salva la faccia, gli Usa si sfasciano i corni ma tornano a casa con qualcosa di ghiotto. La Gran Bretagna scompare dalla faccia della terra e tutti tirano un sospiro di sollievo, la Francia viene polverizzata e la smette di darsi tante arie.
    1947: L’Italia, capita l’aria che tirava, comincia i preparativi per la futura guerra: il baffo austriaco, avido come non mai, mira a scendere dal Caucaso verso l’Iraq e l’Arabia, per fregarci il NOSTRO petrolio. Noi, che siamo più furbi di lui, invece di tartassare gli occupati investiamo enormi risorse nella colonizzazione delle nuove terre: l’esperimento del Corno d’Africa viene ripetuto in grande stile coi paesi arabi, con poderosi sviluppi infrastrutturali, scolastici e sanitari. La tutela dell’immagine italiana è affidata a due giovani, Renato Mannheimer e Klaus Davi, che contribuiscono a rinsaldare il nostro prestigio nelle Colonie e nei Protettorati. Parallelamente a tutto ciò, vengono creati eserciti coloniali in tutti i possedimenti, con ottimo addestramento e tecnologie all’avanguardia. Enrico Fermi e il gruppo di via Panisperna completano i lavori del Progetto Isola Tiburtina (…Manhattan…Isola Tiburtina…) con fantastiche scoperte in campo nucleare, civile e militare.
    1958: E’ l’inizio di una nuova epoca. L’industrializzazione italiana subisce una impressionante spinta in avanti grazie alla messa in funzione di 15 centrali atomiche. Il Sud-Italia diventa finalmente “una portaerei protesa nel Mediterraneo”, fondamentale anello di collegamento tra le migliaia di industrie del Nord e gli enormi mercati africani e mediorientali. Grazie ad attente politiche non repressive l’Impero Italiano è assolutamente pacificato e impegnato a proseguire nella sua opera di progresso.
    1963: Mussolini, a 80 anni, decide che la fase dittatoriale (che doveva essere transitoria nei piani iniziali!) è giunta al suo termine. Il grado di sviluppo raggiunto dall’Italia, abbinato ad una notevole alfabetizzazione, consente al popolo di esprimersi in libere elezioni. Il paese gode dell’invidiabile condizione di pace che dura da ben 45 anni.

    [Non scrivete niente, devo inserire i partiti, aspettate!]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Breiner252
    Ospite

    Predefinito

    I partiti che si presentano alle elezioni sono:

    Destra Italiana (DI): E’ l’erede della Destra Storica, moderatamente liberista ma senza disdegnare il protezionismo. Particolarmente attenta ai temi sociali quali l’istruzione, la sanità e la previdenza pubblica. Data la presenza al suo interno di Latifondisti e Agrari, è fortemente contraria alla socializzazione delle imprese (1944) e molto critica con il corporativismo (1927). In politica estera è filo-americana.
    Unione Monarchica Italiana (UMI): Si oppone a tutte quelle forze politiche che chiedono il passaggio alla forma repubblicana. Fortemente conservatrice e cattolica, si oppone al mutamento dei costumi e delle abitudini in atto dall’avvento della comunicazione di massa tramite il sistema televisivo. Filo-americana in politica estera.
    Democrazia Cristiana (DC): Di chiara ispirazione cattolica, chiede fortemente una riforma agricola contro il latifondismo, specialmente al sud. Sostiene il corporativismo, scettica sulla socializzazione. La sua politica è incentrata sul concetto di famiglia (tradizionale!) e per essa chiede incentivi soprattutto a quelle più numerose. Contro aborto e divorzio. In politica estera guarda timidamente all’Europa ma contemporaneamente si muove su posizioni filo-americane.
    Movimento Socialista Nazionale (MSU): Principale erede del Partito Nazionale Fascista, è difensore dello Stato Corporativo e della Socializzazione delle Imprese, dà grande importanza agli interessi nazionali e alla loro salvaguardia. Propugna un fiscalismo progressivo e supporta gli interventi statali a sostegno dell’economia. E’ europeista, auspica la riunificazione del continente in una federazione o confederazione di stati. Fortemente anti-americano e anti-comunista.
    Partito Socialista Unitario (PSU): Repubblicano, chiede la sostituzione del corporativismo col sistema cooperativo (Le differenze sono tuttavia ancora oscure ai più). Segue una politica liberale che mescola industrialismo e politiche rurali, è anticlericale e antimonarchico. Spinge per un maggior centralismo, è moderatamente europeista ma strizza l’occhio all’Urss.
    Partito dei Comunisti Italiani (PdCI): Tornato legale dopo molti anni, vuole una sovietizzazione dell’Italia. Non disdegna la socializzazione (vista come primo passo per la sovietizzazione), è contrario al corporativismo. Si batte per la lotta di classe e l’abolizione della proprietà privata, sostiene le campagne pro-aborto e pro-divorzio. Contrario al Concordato, in politica estera è filo-sovietico.

  3. #3
    Breiner252
    Ospite

    Predefinito

    Insomma, è venuto lungo ma ho voluto dilettarmi a pensare un eventuale futuro glorioso per la nostra povera Italia.
    Dai, almeno nei sogni, a tutti è lecita un po di gloria!

  4. #4
    Nichilismo Cristiano
    Data Registrazione
    02 Apr 2004
    Località
    Parma
    Messaggi
    34,670
    Mentioned
    348 Post(s)
    Tagged
    29 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    In pratica è l'italia dei romanzi di Farneti..

  5. #5
    Breiner252
    Ospite

    Predefinito

    Non so chi sia Farneti...ma già mi piace
    Mi pare di averne sentito parlare una volta in verità...

  6. #6
    Nichilismo Cristiano
    Data Registrazione
    02 Apr 2004
    Località
    Parma
    Messaggi
    34,670
    Mentioned
    348 Post(s)
    Tagged
    29 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    Da come hai scritto pensavo avessi letto i suoi romanzi, ti piaceranno sicuramente più che a me. Ora sta facendo anche i fumetti.

  7. #7
    SubZero
    Ospite

    Predefinito

    Movimento Socialista Nazionale

    c'era da chiederlo?

  8. #8
    Breiner252
    Ospite

    Predefinito

    Va beh ma ti è piaciuto il discorso? Ho praticamente riformato l'impero ROmano!

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Jun 2003
    Località
    Umbria. Dove regna "Il Capitale" oggi più spietatamente. Votano la guerra, parlano di pace... sinistra "radikale", sei peggio dell'antrace ! Breaking news: (ri)nasce il partito dell'insurrezione !
    Messaggi
    8,772
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Partito Socialista Unitario

  10. #10
    Nichilismo Cristiano
    Data Registrazione
    02 Apr 2004
    Località
    Parma
    Messaggi
    34,670
    Mentioned
    348 Post(s)
    Tagged
    29 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    a Gran Bretagna spazzata dalla faccia della terra è sempre stato il mio sogno

 

 
Pagina 1 di 12 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Congresso BNP post-elezioni
    Di Massimo Piacere nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 07-02-10, 21:09
  2. I rapporti con l'Italia dei Valori post-elezioni
    Di CompagnoStefano (POL) nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 52
    Ultimo Messaggio: 21-10-08, 23:52
  3. Ipotesi post-elezioni
    Di francoquarto nel forum Destra Radicale
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 05-03-08, 16:27
  4. elezioni fasciste del 1924 leggete leggete:::
    Di ulfenor nel forum Destra Radicale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 31-05-07, 19:11
  5. Esortazione post elezioni U$A
    Di El Criticon nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-11-04, 21:04

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226