Maggioritario o Proporzionale ?


Mettersi davanti a questo bivio come se una strada sia quella giusta e l'altra sbagliata è un errore di impostazione che non risolve nessun problema perché:

1°-Il maggioritario con il premio di maggioranza, gli sbarramenti o altro sono espedienti e non soluzioni.
Espedienti che come tali portano sempre pro e contro con il risultato che alla fine risolvono poco o nulla.

2°-Il proporzionale è l’unica soluzione corretta ma anche questa non può produrre effetti positivi se applicata ad una Legge elettorale, come quella attuale, con la quale chi più chi meno vincono tutti.
Difatti con l’attuale Legge elettorale il risultato è che la maggioranza va a governare, la minoranza va anch’essa a governare stando all’ opposizione e dunque in concreto il risultato è che in una maniera o in un’ altra chi più chi meno tutti governano e nessuno escluso.
E’ come se nessuno perda le elezioni, un’ assurdità che produrrà sempre conseguenze prima di tutto l’ingovernabilità e continuerà a persistere fino a che il concetto di fondo non sarà sostituito da quello più naturale.

D’altra parte, mi sia concessa un’espressione del tutto personale:
In tutte le competizioni o esami che siano sono sempre gli ultimi che devono ritirarsi come avviene per esempio anche a chi va a scuola. I bocciati sono gli ultimi della classe e quindi per quale motivo solo gli appartenenti alla categoria dei politici, anche quando ultimi e cioè perdenti, dovrebbero essere promossi e addirittura andare a governare complicando la vita a chi deve lavorare nell’interesse del paese aumentando i costi che gli Italiani si trovano costretti a sostenere e producendo governi deboli e poco efficenti ?

Il problema quindi è a monte !

Per concludere quindi la scelta del proporzionale sarebbe quella giusta ma a condizione che chi ha perso le elezioni si ritiri in buon ordine e si ripresenti alle elezioni successive.

Altrimenti anche questa scelta

non serve a nulla !


Un doveroso commento

Molti Italiani sono convinti che per essere democratici sia giusto che tutti vadano a governare ma non hanno ancora capito che far governare tutti significa incoraggiare e produrre Anarchia mentre quella che funziona, invece, è la Democrazia non l’Anarchia.
Questo fenomeno di psicologia collettiva è stato sicuramente prodotto dal fatto che gli Italiani sono stati governati per secoli da regimi totalitari e quindi è comprensibile che il grande bisogno di sentirsi liberi abbia prodotto questo modo di ragionare. Questa però è un’ attenuante che fino ad un certo punto si può capire ma come dicevo solo fino ad un certo punto perché dalla seconda guerra mondiale ad oggi sono passati oltre 60 anni e quindi sarebbe ora di cambiare !
Democrazia significa che tutti hanno il diritto di votare ma poi deve governare chi ne ha acquisto il diritto, non tutti.

E’ questa la Democrazia.
Io cittadino italiano non voglio essere governato da tutti !

Cordiali saluti
Osvaldo Poli