User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    sognatore
    Data Registrazione
    11 Nov 2004
    Località
    "Viviamo tutti sotto il medesimo cielo, ma non abbiano lo stesso orizzonte" K. Adenauer
    Messaggi
    735
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Oneto, i romani e le piante

    E' tutta un’altra storia

    Chi ha paura degli alberi?
    di Gilberto Oneto

    Per celebrare l’abbattimento dei boschi e, con esso, la vittoria della civiltà sulla barbarie della natura, i Romani antichi si erano inventati una festività, i Lucaria, che si svolgevano all’inizio della seconda quindicina di luglio. Inizialmente erano celebrati in un grande bosco tra la Salaria e il Tevere da dove erano sbucati i Celti nella disastrosa battaglia sull’Allia, il 18 luglio del 397 a.C. . Dumezil sostiene che si trattasse di cerimonie propiziatorie preliminari alle operazioni di disboscamento finalizzate a rendere possibile la coltivazione dei campi. Il fatto che i Lucaria si svolgessero in due giorni non consecutivi (il 19 e il 21 luglio) si spiegherebbe con la necessità di sviluppare il lavoro di abbattimento su due fasi: il taglio raso terra degli alberi e arbusti, e l’estirpazione delle radici. È però estremamente significativo sottolineare come ci fosse anche una evidente associazione fra il taglio degli alberi e il terrore provocato dalla sconfitta subita da parte dei Celti: la connessione è resa ancora più evidente dalla sovrapposizione dei giorni del calendario, ricordando che per secoli il 18 luglio, il Dies Alliensis, è stato “celebrato” dai Romani come il giorno più infausto dell’anno.

    Il rito metteva assieme due delle più terribili paure romane: la natura selvaggia e i popoli barbari, in particolare i Celti. Le due cose erano strettamente associate anche in termini fisici. I Celti (ma anche i Germani) erano infatti i popoli dei boschi e delle montagne. La paura per l’associazione alberi-barbari ha, in particolare, trovato origine e conferma in tre episodi. Il primo, già citato, è quello della disastrosa sconfitta sull’Allia, in seguito alla quale i Galli sono entrati a Roma e l’hanno saccheggiata.
    Il secondo è la battaglia della Selva Litana. Nel 215 a.C. i Romani sono appena stati disastrosamente battuti a Canne e cercano una rivalsa attaccando la Cisalpina, vera retrovia logistica di Annibale. Il console Lucio Postumio Albino si spinge con due legioni lungo la strada che costeggia l’Appennino tosco-emiliano e si addentra in una foresta che i Galli chiamavano Litana. Ha circa 25.000 uomini compresi i socii: un esercito contro cui le locali tribù di Boi non possono schierare grandi forze perchè i loro guerrieri più abili hanno seguito Annibale a sud.

    Così preparano una gigantesca imboscata tagliando parzialmente i tronchi degli alberi che costeggiano la strada: al passaggio dei Romani li precipitano loro addosso in un terrificante effetto domino che scompiglia le legioni su cui si buttano con il solito vigore. Secondo Livio i legionari superstiti sono solo dieci; la testa di Postumio diventa un macabro trofeo conservato in un tempio. La catastrofe è enorme e i Romani cercano di correre ai ripari. Fra le altre cose, organizzano un sacrificio rituale, seppellendo vive una coppia di Galli e una di Greci nel Foro Boario, riprendendo una cerimonia già effettuata anni prima in occasione della guerra contro gli Insubri. L’ignobile trovata testimonia il terrore che i due popoli - pur per motivi diversi - esercitano sulla città.
    La terza significativa vicenda è molto posteriore: nel 9 d.C. tre legioni al comando di Publio Quintilio Varo vengono sterminate nella Selva Hercina (oggi di Teutoburgo) dai Germani comandati da Arminio, re dei Cheruschi. La tecnica dell’agguato è molto simile a quella della Litana.

    Ce n’è per alimentare il terrore romano per i boschi. Dopo la Litana i Romani si sono inventati la storia degli alberi che combattono a fianco dei loro nemici: una leggenda che si è protratta fino a Tolkien con le stesse connotazioni morali.
    La vicenda ha avuto pesanti risvolti sulla gestione del territorio: ovunque possibile i Romani abbattevano i boschi. In pianura padana il risultato di tale politica (gabbata come bonifica) è stato il disboscamento di oltre il 60% del territorio, in pratica di quasi tutte le aree asciutte. L’armonica compenetrazione degli insediamenti dei popoli locali con la natura è sostituita da una concezione diversa, importata dal mondo mediterraneo e orientale: secondo i Romani il solo “buon paesaggio” è quello regolamentato, centuriato e militarizzato, del tutto umanizzato, che perde ogni connotazione naturalistica. Questo principio si è affermato fisicamente nel radicale cambiamento di tanti paesaggi e si perpetua in distinzioni lessicali che la forza culturale del latino ha tramandato alle lingue che ne sono derivate. “Silvano” diventa “silvatico”, “selvatico”, sinonimo di “incivile”.

    “Civile”, per contro, deriva da civitas, che darà origine a “città”. “Foresto” (e poi “forestiero”) passa a indicare tutto ciò che è diverso, straniero e in qualche modo poco affidabile. Urbs, “città”, dà origine a “urbano”, inteso come civile, ben educato, in contrapposizione con gli “altri”, che sono “pagani” (vivono in pagus, borghi agricoli, fuori città) e “villani”. Quest’ultimo termine inizialmente indica chi abita le “ville” agricole (i baile celtici) e poi prende a significare “maleducato” in italiano, “brutto” (vilain) in francese, “meschino, taccagno” in spagnolo (villano) e addirittura “malvagio” e “scellerato” (villain) in inglese. Gli abitanti delle “brighe”, le montagne, diventano “briganti” e malfattori. Gli stessi Bagaudi che tanto filo da torcere hanno dato agli occupanti romani nelle regioni alpine derivano il loro nome da bacaudae, una parola celtica che vuole dire legno, erano cioè “coloro che si rifugiavano nelle foreste”. Che certi odierni atteggiamenti poco rispettosi della natura abbiano origini imperiali?

    18-07-2007 L'opinione delle liberta'.
    --

    vista la forte urbanizzazione, la selva di cementificatori e l'assenza di "atteggiamenti rispettosi della natura", non e' che l'attuale Padania sia popolata in gran parte da discendenti del popolo romano?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,389
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da raggioverde Visualizza Messaggio



    vista la forte urbanizzazione, la selva di cementificatori e l'assenza di "atteggiamenti rispettosi della natura", non e' che l'attuale Padania sia popolata in gran parte da discendenti del popolo romano?

    la bella tradizione romana, continua ad
    opera dei discendenti, che rappresentano
    la maggioranza assoluta in padania...........

    abbiamo la certezza che la nobile
    consuetudine, non cadrà nell'oblio..........


  3. #3
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non solo i romani ma anche i cristiani. Quelli che oggi si lamentano (giustamente) degli islamici che vogliono imporre la loro religione su tutte le altre, dovrebbero ricordare che i cristiani hanno in precedenza fatto la stessa cosa, demolendo i templi pagani, costruendoci chiese sulle loro fondamenta, e (nelle aree celtiche) abbattendo alberi venerati dai druidi locali. San Martino di Tour e' celebrato dalla chiesa per aver fatto abbattere un famoso albero plurisecolare considerato sacro dalla popolazione locale, per imporre la superiorita' della religione cristiana.

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,389
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio

    Non solo i romani ma anche i cristiani.
    Quelli che oggi si lamentano (giustamente) degli islamici che vogliono imporre la loro religione su tutte le altre, dovrebbero ricordare che i cristiani hanno in precedenza fatto la stessa cosa, demolendo i templi pagani, costruendoci chiese sulle loro fondamenta, e (nelle aree celtiche) abbattendo alberi venerati dai druidi locali.
    San Martino di Tour e' celebrato dalla chiesa per aver fatto abbattere un famoso albero plurisecolare considerato sacro dalla popolazione locale, per imporre la superiorita' della religione cristiana.
    se permetti, i cristiani e in particolare
    le comunità monastiche, hanno realizzato opere
    di bonifica che sanavano e abbellivano il territorio.

    basta ricordare cosa fecero i benedettini con
    la loro instancabile attività;
    poi abbiamo chiese e cattedrali che,
    insieme alle città medievali e rinascimentali,
    sono e rimangono autentiche opere d'arte,
    che rallegrano la vista e lo spirito per la loro bellezza.

    la deturpazione sistematica della natura e degli
    ecosistemi, sono da ascrivere in toto alle
    ideologie masso-materialiste che negli
    ultimi due secoli, in nome del dio denaro
    e del profitto, hanno anteposto questi diabolici
    dogmi a ogni altro valore etico, spirirtuale e artistico.

    chiese, città, castelli e ogni altra opera, erano
    altrettanti atti creativi che esigevano un senso
    estetico del tutto estraneo alla logica dei tempi
    e dei costi per la loro realizzazione.

    ruspe, betoniere, cemento e asfalto,
    orribili palazzi costruiti da ignobili palazzinari,
    tempi e metodi, razionalità, etc. arrivarono
    con "l'uomo nuovo", frutto velenoso
    dei perversi laboratori ideologici..............


  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Maxadhego Visualizza Messaggio
    se permetti, i cristiani e in particolare
    le comunità monastiche, hanno realizzato opere
    di bonifica che sanavano e abbellivano il territorio.

    basta ricordare cosa fecero i benedettini con
    la loro instancabile attività;
    poi abbiamo chiese e cattedrali che,
    insieme alle città medievali e rinascimentali,
    sono e rimangono autentiche opere d'arte,
    che rallegrano la vista e lo spirito per la loro bellezza.

    la deturpazione sistematica della natura e degli
    ecosistemi, sono da ascrivere in toto alle
    ideologie masso-materialiste che negli
    ultimi due secoli, in nome del dio denaro
    e del profitto, hanno anteposto questi diabolici
    dogmi a ogni altro valore etico, spirirtuale e artistico.

    chiese, città, castelli e ogni altra opera, erano
    altrettanti atti creativi che esigevano un senso
    estetico del tutto estraneo alla logica dei tempi
    e dei costi per la loro realizzazione.

    ruspe, betoniere, cemento e asfalto,
    orribili palazzi costruiti da ignobili palazzinari,
    tempi e metodi, razionalità, etc. arrivarono
    con "l'uomo nuovo", frutto velenoso
    dei perversi laboratori ideologici..............

    Mbè, Aussie parla di cristiani di IV-VI sec.,
    tutt'altra cosa sono le attività monastiche
    di VIII-XIII sec.
    Nel primo caso sono cretini,
    nel secondo brava gente longobarda.

  6. #6
    l'occasione fa l'uomo italiano
    Data Registrazione
    19 Sep 2006
    Messaggi
    2,814
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    qualche anno fa fu promulgata una legge la quale prevedeva che per ogni nuovo nato si piantasse un albero. Di lì a pochi anni molti degli alberi piantati dalle amministrazioni comunali sono stati abbattuti. E la legge è finita nel dimenticatoio, assieme ad altre 50000 leggi vigenti in questa nostra culla del diritto.

    Mia moglie americana ha trovato un sito gestito da naturalisti che dietro pagamento di una somma modestissima pianta interi boschetti di alberi. Mio figlio ne ha uno intitolato a lui. In America.

  7. #7
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,372
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio
    Non solo i romani ma anche i cristiani. Quelli che oggi si lamentano (giustamente) degli islamici che vogliono imporre la loro religione su tutte le altre, dovrebbero ricordare che i cristiani hanno in precedenza fatto la stessa cosa, demolendo i templi pagani, costruendoci chiese sulle loro fondamenta, e (nelle aree celtiche) abbattendo alberi venerati dai druidi locali. San Martino di Tour e' celebrato dalla chiesa per aver fatto abbattere un famoso albero plurisecolare considerato sacro dalla popolazione locale, per imporre la superiorita' della religione cristiana.
    Cristiani, sì, ma nel senso di cattolici romani.

 

 

Discussioni Simili

  1. Povere piante!
    Di Heidi nel forum Energia, Ecologia e Ambiente
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 19-12-17, 17:11
  2. Animaletti e piante:)
    Di Sgiar nel forum Fondoscala
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 14-05-12, 22:52
  3. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 19-12-08, 10:05
  4. Ancora Oneto...Sempre Oneto...Basta Oneto...!!!
    Di montecristo2006 (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 59
    Ultimo Messaggio: 19-07-07, 20:32
  5. Le piante d'appartamento
    Di Liquid Sky nel forum Natura e viaggi
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 21-11-05, 14:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226