User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14
  1. #1
    www.noterdechedelada.net
    Data Registrazione
    16 Mar 2005
    Località
    al di qua dell'adda
    Messaggi
    2,196
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Da bresciaoggi sulla Lega e su NDCDA.

    Domenica 5 Agosto 2007

    «Eravamo rivoluzionari Ora è una monarchia»


    Nella geografia costituzionale degli ex militanti leghisti c’è una nuova entità: la «terra ferma» di ascendenza veneziana. Dopo le macro-regioni, la secessione e la Padania, c’è chi sogna di riportare in vita un’entità politica e amministrativa che vada da Monfalcone all’Adda. A cullare il nuovo sogno è un drappello di (ex) lumbàrd vecchi e giovani come Gian Carlo Orini, Daniele Roscia, Diego Alberti Alberti. Il sogno ha contagiato i giovani del gruppo "Identità padana". Ne è nato un nuovo circolo culturale, "Noter de ché de l’Adda". Il discorso è, per ora, rigorosamente culturale. Ma siccome all’orizzonte ci sono le elezioni di Brescia, la vecchia passione politica riaffiora. «Potremmo fare qualcosa, senza ambizione, giusto per dare un segnale». Come? «Presentando un "procuratore" della città, magari Flavio Contin. Toccasse a me, mi candiderei come "esecutore": io sono un esecutore per indole, farei quello che mi chiede il popolo bresciano».
    Orini ha lasciato la Lega nel ’97 dopo che Bossi scaricò i «serenissimi». «Pensavo di aver militato in un partito rivoluzionario - dice - ho scoperto che è una monarchia, con il capo che designa il figlio come erede e successore».
    E poi ci sono le domande che Orini vorrebbe fare a Bossi: «Perchè l’obiezione fiscale non è mai stata praticata? Che fine hanno fatto i parlamenti di Mantova, di Chignolo Po e di Vicenza? Come mai al Po siamo andati una sola volta? Perchè ci fu il ribaltone del ’94? Di chi è la colpa se la Lega è passata da 4 a 2 milioni di voti?». Domande che agitano tanti vecchi cuori lumbàrd, che non hanno perso il «vizio» della politica.M.TE.

    Risposta che speriamo venga pubblicata

    Egregio direttore,
    innanzi tutto tengo a ringraziare sentitamente l’amico GIANCARLO ORINI per la citazione dedicataci nella sua intervista.
    Al fine però di non ingenerare fraintendimenti fra noi ed il suo rispettabile pubblico di lettori tengo, in qualità di presidente dell’ associazione culturale NOTER DE CHE DEL ADA, a portare due, seppur brevi ed insignificanti, precisazioni al già encomiabile pezzo apparso sul quotidiano in data 05/08/2007.
    Nonostante gli ottimi rapporti che intercorrono con alcuni membri dell’associazione IDENTITÀ PADANA , io ed altri abbiamo partecipato tempo addietro ad alcune assemblee in veste di “uditori” ed è quindi errato dire che ci siamo staccati o siamo nati dalla stessa (che tra l’altro pare una cosa brutta quasi accompagnata da tratti polemici) ma bensì che in quel ambito ci siamo incontrati ed abbiamo deciso di condividere un’esperienza nuova incentrata su un recupero culturale e sociale della brescianità e quindi diversa dall’idea movimentista in salsa padana (peraltro apprezzabile ed alla quale auguriamo ogni bene) della summenzionata associazione.
    Per quanto concerne poi l’onorevole ROSCIA, per il quale nutro virtualmente la massima stima, ma del quale non riconoscerei una fotografia essendo estranei alla mia conoscenza gli essenziali tratti somatici dello stesso, spero si faccia presto sentire così da ingrossare le fila di chi mette la sua gente ed il suo territorio al centro dei suoi pensieri.
    Una sola preghiera per il futuro, nel caso il suo giornale si trovasse in condizioni così grame da doverci dedicare ulteriore inchiostro la pregherei di non far coincidere nel medesimo spazio notizie inerenti la nostra associazione culturale con le simpatiche dichiarazioni dell’Onorevole CALDEROLI, persona a noi cara per il notevole afflusso di associati che ci procura, ma delle cui uscite, particolarmente per quelle sul tono di quest’ultima, faremmo volentieri a meno.

    IL PRESIDENTE.

    Altri articoli interessanti :

    Domenica 5 Agosto 2007





    LA TESTIMONIANZA. Corrado Della Torre, vicepresidente dell’Aler, è l’unico superstite (politico) degli otto fondatori del Carroccio a Brescia
    «Noi, i pionieri della rivolta»
    «La prima sede aprì in contrada del Mangano: eravamo in 8» Dopo l’89 vennero a galla gli umori profondi della provincia
    «Militanza significava attacchinaggio abusivo di notte e scritte sui muri con lo spray»
    «Alle prime assemblee incontravi popolo vero: operai, professionisti e casalinghe»





    Massimo Tedeschi
    L’anniversario è passato senza che nessuno lo celebrasse. Eppure la Lega lombarda a Brescia ha tagliato un traguardo storico: ha compiuto vent’anni. Un’età che fa del partito di Bossi la forza politica con la «ragione sociale» più longeva. L’unica traghettata, più o meno indenne, dalla prima alla seconda repubblica.
    L’amnesia che ha colpito i vertici di via Mejo Voltolina è però, almeno in parte, giustificata. Nessuno di loro c’era, vent’anni fa, a staccare le prime tessere da «socio sostenitore» su cui campeggiava Alberto da Giussano con il motto «us de popol/us de töcc» e, all’interno, il volitivo slogan «quand sa öl sa pöl».
    IL PARTITO fondato da un matto visionario di Gemonio e da quattro ragazzini scalmanati di provincia è oggi un partito gonfio di assessori e parlamentari, auto blu e sindaci, «pochette» di seta verde e posti nei consigli d’amministrazione, ma è una macchina orfana delle passioni furibonde e dei tumulti ormonali di gioventù.
    I «fondatori» si sono persi per strada, espulsi dal partito, rifluiti nel privato, oppure semplicemente stufi di una militanza che - allora - non dava gettoni di presenza ma esigeva scorribande notturne a colpi di vernice spray. E così la memoria storica ufficiale e «interna» è affidata all’unico degli otto pionieri bresciani che ancora ha la tessera leghista: Corrado Della Torre, capogruppo in Regione per un decennio, oggi vicepresidente dell’Aler.
    VENT’ANNI FA Della Torre era un ragazzino. «Bossi - ricorda - venne per la prima volta a Brescia il 6 aprile del 1986, in una sala comunale in via Battaglie. Ci saranno state quindici persone. Il tentativo di organizzare qualcosa sfumò». Sul palco, oltre a Bossi, c’erano il bergamasco Arizzi e il bresciano Enrico Zecca, pioniere dell’autonomismo. In platea i tesserati della primissima ora: Giulio Arrighini, Corrado Manessi, Roberto Abeni, Renato Manfredi e Francesco Cavalli.
    Ci riprovarono un anno dopo alle politiche del 14 giugno. Riunione in pizzeria da don Rodriguez e Bossi che dà la benedizione: «Fondate pure la sezione, ma per l’organizzazione appoggiatevi a Bergamo. Giornali e manifesti andate là a prenderli». Subito dopo, giusto vent’anni fa, apre la prima sede, in contrada del Mangano 7/A: «C’erano Roberto Abeni e Corrado Manessi, che poi diventarono consiglieri provinciali. C’era Francesco Cavalli, che poi divenne capogruppo in Loggia. C’era Giulio Arrighini e c’ero io che avevo appena finito il servizio militare, passato a scrivere "Lombardia libera" nelle altane di guardia». Quando si trattò di mettersi in lista nell’87 l’unico bresciano che se la sentì fu però Giuseppe Cagno. Non eletto, naturalmente.
    «La militanza allora consisteva nel fare scritte di notte sui muri, attacchinaggio abusivo e volantinaggi al venerdì e al sabato davanti alle scuole. Puntammo subito sui giovani. Sono stati anni divertenti, appassionati. Intorno sentivi la curiosità della gente, l’interesse per le tue idee».
    Di pari passo arriva la politica «seria»: il primo incontro pubblico a Palazzolo (oratori Cavalli, Della Torre e Arrighini) in secondo a Gardone Valtrompia. Un trionfo. «Agli incontri partecipava popolo vero: incontravi l’operaio, il professionista, la casalinga. Adesso se fai un’assemblea vengono solo addetti ai lavori».
    AI CINQUE moschettieri dell’inizio (ripetiamo: Abeni, Manessi, Cavalli, Arrighini e Della Torre) si uniscono Marco Bosio, Mauro Moretti di Lumezzane e Enrico Pighetti di Gardone Valtrompia: «Noi 8 andammo a Milano nel novembre dell’88 e fummo indicati come soci fondatori di Brescia della Lega lombarda. Tenemmo la prima assemblea provinciale, nacque la sezione Leonessa, fu eletto il primo direttivo. Eravamo sempre noi otto». Il superstite (politicamente) è solo Della Torre. «Alla fine degli anni Ottanta si avvicinarono al gruppo anche Giovan Maria Flocchini e Gian Carlo Rovetta».
    LA SVOLTA però arriva con le europee del 1989: il partitino degli otto ragazzini e degli slogan anti-tasse e anti-meridionali rastrella in provincia 56mila voti (l’8%). I partiti storici sono annichiliti, contrada del Mangano diventa un crocevia trafficato. Ricorda Della Torre: «Arrivarono Tabladini, i fratelli Roscia di Vobarno, Massimo Wilde, Gian Carlo Orini, Giorgio Becchetti di Lumezzane. Nacquero i primi gruppi in provincia: a Quinzano c’erano i Boldrini padre e figlio, a Orzinuovi Scalvi, a Vobarno i Roscia, Ferrari, Beltrami e Flocchini, in Valtrompia io, Moretti e Pighetti, sul Garda Wilde, in Valcamonica si stentava».
    I successi elettorali fanno uscire allo scoperto umori che se ne stavano annidati nel ventre della provincia bianca. E l’onda di piena si allarga: «Dal 1990 in poi l’afflusso nelle fila leghiste è incontenibile. Quell’anno eleggiamo i primi consiglieri a Brescia, Gardone, Sarezzo, Vobarno, Salò, Orzinuovi, Chiari». Le due stanze di contrada del Mangano non bastano più: apre la sede di via X giornate, sopra una callista. L’anno dopo stanze e insegna della «Leonessa» vengono cedute al «cittadino» e il provinciale emigra in via Porcellaga.
    Arrivano i trionfi del ’94 e del ’96, ma anche segni di appannamento. Oggi l’elettorato leghista conta ancora almeno centomila affezionati, dal 15 al 18% del totale. La decapitazione di interi gruppi dirigenti, la malattia del leader, l’affievolirsi delle spinte contestatrici nelle secche del sottogoverno: nulla sembra oscurare la stella leghista. «Il fatto è che la Lega è un umore: quanto ti incazzi voti Lega. E motivi per incazzarsi ce n’è sempre». Parola di Corrado Della Torre, fondatore superstite della Lega nostrana. Uno che può dire: «1987, contrada del Mangano: io c’ero».


    Domenica 5 Agosto 2007





    APRILE 1992
    DEPUTATI E SENATORI DEBUTTANO IN 4 A ROMA
    APRILE 1994
    IL TRIONFO IN TUTTI I 9 COLLEGI BRESCIANI
    MAGGIO 1996
    DOPO IL «RIBALTONE» IL RECORD DEI CONSENSI
    MAGGIO 2001
    SCHIERATA NELLA CDL SCENDE AL 16,5%
    MAGGIO 2006
    CON IL «PORCELLUM» UN SOLO PARLAMENTARE


    Primo, exploit elettorale della Lega a Brescia. Nell’aprile del 1992 vengono eletti due deputati (Giulio Arrighini e Vito Gnutti) e 2 senatori (Luigi Roscia e Francesco Tabladini)

    9 deputati (Arrighini, Guido Baldi, Salvatore Bellomi, Flavio Bonafini, Francesco Ghiroldi, Vito Gnutti, Daniele Molgora, Roberta Pizzicara, Daniele Roscia) e 2 senatori (Tabladini e Massimo Wilde)

    La Lega corre da sola: il 34% dei consensi porta 5 deputati (Davide Caparini, Alessandro Cè, Roberto Faustinelli, Daniele Molgora, Daniele Roscia) e 3 senatori (Tabladini, Francesco Tirelli, Vito Gnutti).

    L’alleanza organica con la Cdl non è premiante: la Lega ottiene il 16,5% e, nei collegi, 3 deputati (Davide Caparini, Alessandro Cè, Daniele Molgora) e 2 senatori (Sergio Agoni e Francesco Tirelli)

    Nella legislatura iniziata nel maggio del 2006, in cui s’è votato per la prima volta con il «porcellum», la Lega bresciana è scesa a 1 solo deputato: Davide Caparini. Nessun senatore
    Valtrumplino sicuramente

    Lombardo forse

    Padano..per quel che resta

    Italiano MAI!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    «Il fatto è che la Lega è un umore: quanto ti incazzi voti Lega. E motivi per incazzarsi ce n’è sempre».
    Amen.

    Questo riassume il profondo contenuto culturale e politico e la visionaria strategia della lega oggi.

    Ma e' una frase assolutamente vera. Da anni la lega in pratica non ha piu' un obiettivo politico (fallite macroregioni, secessione e devolution) da vendere ai suoi, quindi si vende come partito che ti da' modo di sfogarti contro qualcuno quando sei incazzato per i fatti tuoi. Chiude la fabbrica di piastrelle di papa'? Colpa dei cinesi, incazziamoci contro di loro! I figli non vanno bene a scuola? Colpa dei musulmani! Ha piovuto tutto il weekend? Colpa dei gay che vorrebbero pure sposarsi! Non hanno ancora aperto un ipermercato nel tuo quartiere? Colpa dei comuniiisti! Hanno aperto un ipermercato nel tuo quartiere e adesso non si parcheggia piu'? Colpa dei comuniiisti! Tua moglie ti ha lasciato? Colpa delle femministe, del concilio-vaticano-ii, delle lesbiche, dei musulmani e dei comuniiisti...

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    29 Jul 2007
    Messaggi
    174
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma che cazzo dici...

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    02 Jun 2006
    Messaggi
    1,557
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio
    Amen.

    Questo riassume il profondo contenuto culturale e politico e la visionaria strategia della lega oggi.

    Ma e' una frase assolutamente vera. Da anni la lega in pratica non ha piu' un obiettivo politico (fallite macroregioni, secessione e devolution) da vendere ai suoi, quindi si vende come partito che ti da' modo di sfogarti contro qualcuno quando sei incazzato per i fatti tuoi. Chiude la fabbrica di piastrelle di papa'? Colpa dei cinesi, incazziamoci contro di loro! I figli non vanno bene a scuola? Colpa dei musulmani! Ha piovuto tutto il weekend? Colpa dei gay che vorrebbero pure sposarsi! Non hanno ancora aperto un ipermercato nel tuo quartiere? Colpa dei comuniiisti! Hanno aperto un ipermercato nel tuo quartiere e adesso non si parcheggia piu'? Colpa dei comuniiisti! Tua moglie ti ha lasciato? Colpa delle femministe, del concilio-vaticano-ii, delle lesbiche, dei musulmani e dei comuniiisti...
    condivido al 100%

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio
    Amen.

    Questo riassume il profondo contenuto culturale e politico e la visionaria strategia della lega oggi.

    ...
    A mio avviso la Lega odierna naviga a vista e ben scortata,
    " qualcuno " l'ha salvata da un mare di debiti
    e in cambio vuole ubbidienza.
    Quel qualcuno non vuole una Padania ma una forte Italia.
    Se hai debiti non sei un uomo libero,
    puoi solo fingere di esserlo.

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,743
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio
    Amen.

    Questo riassume il profondo contenuto culturale e politico e la visionaria strategia della lega oggi.

    Ma e' una frase assolutamente vera. Da anni la lega in pratica non ha piu' un obiettivo politico (fallite macroregioni, secessione e devolution) da vendere ai suoi, quindi si vende come partito che ti da' modo di sfogarti contro qualcuno quando sei incazzato per i fatti tuoi. Chiude la fabbrica di piastrelle di papa'? Colpa dei cinesi, incazziamoci contro di loro! I figli non vanno bene a scuola? Colpa dei musulmani! Ha piovuto tutto il weekend? Colpa dei gay che vorrebbero pure sposarsi! Non hanno ancora aperto un ipermercato nel tuo quartiere? Colpa dei comuniiisti! Hanno aperto un ipermercato nel tuo quartiere e adesso non si parcheggia piu'? Colpa dei comuniiisti! Tua moglie ti ha lasciato? Colpa delle femministe, del concilio-vaticano-ii, delle lesbiche, dei musulmani e dei comuniiisti...
    aussiebloke sempre il piu preciso...
    si può dire che hai riassunto l'attuale dottrina della Lega...finita l'era dell'obiettivo federalismo\secessione...ora senza una bussola basta inseguire "la pancia" della gente senza andare a vedere le cause profonde delle problematiche...
    1) Attenti ai comuniiiisti e ai gay!
    2) W la chiesa cattolica Romana e la famigghia!
    3) Federalismo prima o poi se capita col passaggio alle regioni delle competenze sugli spazzacamini e sulla raccolta delle castagne...

  7. #7
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tanto per completare il discorso precedente, c'e' un altro cambiamento fra Lega pre-99 e post-99. (Su questo magari non tutti saranno d'accordo).

    Pre-99 era un partito che guardava al futuro, metteva l'accento sulla creazione di nuove strutture, nuove idee. Nuove idee magari un po' balzane, ma che permettessero di valorizzare meglio la tradizione, naturalmente. Pero' l'attenzione (magari anche solo psicologicamente) era sull'atto di creazione, la nascita della nuova italia confederale, della nuova europa delle regioni, e poi della Padania, con il fiocco rosa. La struttura attuale era disastrosa e andava cambiata, rivoluzionata, per migliorare la vita.

    Post-99, la lega si e' voltata. Il fuoco si e' impercettibilmente spostato dal futuro al passato. Non c'e' piu' un progetto di creazione di una nuova societa'. Al contrario, l'accento e' tutto sulla "difesa" della societa' ideale di un certo passato "minacciato" da ....(il nemico cambia di volta in volta fra quelle 4 o 5 categorie solite). Difendere la famiglia tradizionale minacciata da pedofili/gay/musulmani/comunisti. Difendere la messa in latino minacciata da liberali/conciliovaticano/protestanti. Difendere il popolo itagliano minacciato dall'immigrazione. Difendere la sovranita' degli stati nazziunali minacciati da Bruxelles, ecc.

    Tutto questo naturalmente e' coinciso con la svendita del partito a berlusconi, passando cioe' da una posizione libera, radicale (nel senso di riforme radicali), indipendente, a una posizione supina nel polo conservatore di destra. Ed e' anche coincisa con l'incetta di cadreghe di sottogoverno di tutti i vertici leghisti. Chissa' perche', appena hanno avuto le cadreghe, si sono improvvisamente accorti che tutto sommato la societa' attuale non e' cosi' brutta, e va difesa anziche' rivoluzionata

  8. #8
    giovanni.fgf
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio
    Amen.

    Questo riassume il profondo contenuto culturale e politico e la visionaria strategia della lega oggi.

    Ma e' una frase assolutamente vera. Da anni la lega in pratica non ha piu' un obiettivo politico (fallite macroregioni, secessione e devolution) da vendere ai suoi, quindi si vende come partito che ti da' modo di sfogarti contro qualcuno quando sei incazzato per i fatti tuoi. Chiude la fabbrica di piastrelle di papa'? Colpa dei cinesi, incazziamoci contro di loro! I figli non vanno bene a scuola? Colpa dei musulmani! Ha piovuto tutto il weekend? Colpa dei gay che vorrebbero pure sposarsi! Non hanno ancora aperto un ipermercato nel tuo quartiere? Colpa dei comuniiisti! Hanno aperto un ipermercato nel tuo quartiere e adesso non si parcheggia piu'? Colpa dei comuniiisti! Tua moglie ti ha lasciato? Colpa delle femministe, del concilio-vaticano-ii, delle lesbiche, dei musulmani e dei comuniiisti...
    UPPP!!

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,436
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio

    Tanto per completare il discorso precedente,
    c'e' un altro cambiamento fra Lega pre-99 e post-99.

    (Su questo magari non tutti saranno d'accordo).

    hai ragione; non sono d'accordo.

    la lega quale è oggi, si trova a condividere
    idealmente e praticamente, quanto di peggio
    esprimono tutti i partiti e la politica itagliana.

    è chiaro che essa non può più rappresentare
    le istanze indipendentiste e autonomiste
    dei popoli padani.

    detto questo però, ritorna con prepotenza
    il discrimine tra coloro che concepiscono
    l'indipendenza dei popoli ancorata alla loro
    sovranità e tradizione millenaria,
    e coloro che si allineano al pensiero unico,
    globalizzante e devastatore di ogni valore
    ed etica condivisa.

    della padania meticciata, senza sovranità,
    asservita alle direttive di bruxelles,
    senza tradizione,
    con la famiglia gay istituzionalizzata,
    con il primato dell'economia rispetto
    a ogni altro valore etico e religioso,
    dico no.


  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Mar 2006
    Messaggi
    270
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Birrafondaio Visualizza Messaggio
    Domenica 5 Agosto 2007

    «Eravamo rivoluzionari Ora è una monarchia»


    Nella geografia costituzionale degli ex militanti leghisti c’è una nuova entità: la «terra ferma» di ascendenza veneziana. Dopo le macro-regioni, la secessione e la Padania, c’è chi sogna di riportare in vita un’entità politica e amministrativa che vada da Monfalcone all’Adda. A cullare il nuovo sogno è un drappello di (ex) lumbàrd vecchi e giovani come Gian Carlo Orini, Daniele Roscia, Diego Alberti Alberti. Il sogno ha contagiato i giovani del gruppo "Identità padana". Ne è nato un nuovo circolo culturale, "Noter de ché de l’Adda". Il discorso è, per ora, rigorosamente culturale. Ma siccome all’orizzonte ci sono le elezioni di Brescia, la vecchia passione politica riaffiora. «Potremmo fare qualcosa, senza ambizione, giusto per dare un segnale». Come? «Presentando un "procuratore" della città, magari Flavio Contin. Toccasse a me, mi candiderei come "esecutore": io sono un esecutore per indole, farei quello che mi chiede il popolo bresciano».
    Orini ha lasciato la Lega nel ’97 dopo che Bossi scaricò i «serenissimi». «Pensavo di aver militato in un partito rivoluzionario - dice - ho scoperto che è una monarchia, con il capo che designa il figlio come erede e successore».
    E poi ci sono le domande che Orini vorrebbe fare a Bossi: «Perchè l’obiezione fiscale non è mai stata praticata? Che fine hanno fatto i parlamenti di Mantova, di Chignolo Po e di Vicenza? Come mai al Po siamo andati una sola volta? Perchè ci fu il ribaltone del ’94? Di chi è la colpa se la Lega è passata da 4 a 2 milioni di voti?». Domande che agitano tanti vecchi cuori lumbàrd, che non hanno perso il «vizio» della politica.M.TE.

    Risposta che speriamo venga pubblicata

    Egregio direttore,
    innanzi tutto tengo a ringraziare sentitamente l’amico GIANCARLO ORINI per la citazione dedicataci nella sua intervista.
    Al fine però di non ingenerare fraintendimenti fra noi ed il suo rispettabile pubblico di lettori tengo, in qualità di presidente dell’ associazione culturale NOTER DE CHE DEL ADA, a portare due, seppur brevi ed insignificanti, precisazioni al già encomiabile pezzo apparso sul quotidiano in data 05/08/2007.
    Nonostante gli ottimi rapporti che intercorrono con alcuni membri dell’associazione IDENTITÀ PADANA , io ed altri abbiamo partecipato tempo addietro ad alcune assemblee in veste di “uditori” ed è quindi errato dire che ci siamo staccati o siamo nati dalla stessa (che tra l’altro pare una cosa brutta quasi accompagnata da tratti polemici) ma bensì che in quel ambito ci siamo incontrati ed abbiamo deciso di condividere un’esperienza nuova incentrata su un recupero culturale e sociale della brescianità e quindi diversa dall’idea movimentista in salsa padana (peraltro apprezzabile ed alla quale auguriamo ogni bene) della summenzionata associazione.
    Per quanto concerne poi l’onorevole ROSCIA, per il quale nutro virtualmente la massima stima, ma del quale non riconoscerei una fotografia essendo estranei alla mia conoscenza gli essenziali tratti somatici dello stesso, spero si faccia presto sentire così da ingrossare le fila di chi mette la sua gente ed il suo territorio al centro dei suoi pensieri.
    Una sola preghiera per il futuro, nel caso il suo giornale si trovasse in condizioni così grame da doverci dedicare ulteriore inchiostro la pregherei di non far coincidere nel medesimo spazio notizie inerenti la nostra associazione culturale con le simpatiche dichiarazioni dell’Onorevole CALDEROLI, persona a noi cara per il notevole afflusso di associati che ci procura, ma delle cui uscite, particolarmente per quelle sul tono di quest’ultima, faremmo volentieri a meno.

    IL PRESIDENTE.

    Altri articoli interessanti :

    Domenica 5 Agosto 2007





    LA TESTIMONIANZA. Corrado Della Torre, vicepresidente dell’Aler, è l’unico superstite (politico) degli otto fondatori del Carroccio a Brescia
    «Noi, i pionieri della rivolta»
    «La prima sede aprì in contrada del Mangano: eravamo in 8» Dopo l’89 vennero a galla gli umori profondi della provincia
    «Militanza significava attacchinaggio abusivo di notte e scritte sui muri con lo spray»
    «Alle prime assemblee incontravi popolo vero: operai, professionisti e casalinghe»





    Massimo Tedeschi
    L’anniversario è passato senza che nessuno lo celebrasse. Eppure la Lega lombarda a Brescia ha tagliato un traguardo storico: ha compiuto vent’anni. Un’età che fa del partito di Bossi la forza politica con la «ragione sociale» più longeva. L’unica traghettata, più o meno indenne, dalla prima alla seconda repubblica.
    L’amnesia che ha colpito i vertici di via Mejo Voltolina è però, almeno in parte, giustificata. Nessuno di loro c’era, vent’anni fa, a staccare le prime tessere da «socio sostenitore» su cui campeggiava Alberto da Giussano con il motto «us de popol/us de töcc» e, all’interno, il volitivo slogan «quand sa öl sa pöl».
    IL PARTITO fondato da un matto visionario di Gemonio e da quattro ragazzini scalmanati di provincia è oggi un partito gonfio di assessori e parlamentari, auto blu e sindaci, «pochette» di seta verde e posti nei consigli d’amministrazione, ma è una macchina orfana delle passioni furibonde e dei tumulti ormonali di gioventù.
    I «fondatori» si sono persi per strada, espulsi dal partito, rifluiti nel privato, oppure semplicemente stufi di una militanza che - allora - non dava gettoni di presenza ma esigeva scorribande notturne a colpi di vernice spray. E così la memoria storica ufficiale e «interna» è affidata all’unico degli otto pionieri bresciani che ancora ha la tessera leghista: Corrado Della Torre, capogruppo in Regione per un decennio, oggi vicepresidente dell’Aler.
    VENT’ANNI FA Della Torre era un ragazzino. «Bossi - ricorda - venne per la prima volta a Brescia il 6 aprile del 1986, in una sala comunale in via Battaglie. Ci saranno state quindici persone. Il tentativo di organizzare qualcosa sfumò». Sul palco, oltre a Bossi, c’erano il bergamasco Arizzi e il bresciano Enrico Zecca, pioniere dell’autonomismo. In platea i tesserati della primissima ora: Giulio Arrighini, Corrado Manessi, Roberto Abeni, Renato Manfredi e Francesco Cavalli.
    Ci riprovarono un anno dopo alle politiche del 14 giugno. Riunione in pizzeria da don Rodriguez e Bossi che dà la benedizione: «Fondate pure la sezione, ma per l’organizzazione appoggiatevi a Bergamo. Giornali e manifesti andate là a prenderli». Subito dopo, giusto vent’anni fa, apre la prima sede, in contrada del Mangano 7/A: «C’erano Roberto Abeni e Corrado Manessi, che poi diventarono consiglieri provinciali. C’era Francesco Cavalli, che poi divenne capogruppo in Loggia. C’era Giulio Arrighini e c’ero io che avevo appena finito il servizio militare, passato a scrivere "Lombardia libera" nelle altane di guardia». Quando si trattò di mettersi in lista nell’87 l’unico bresciano che se la sentì fu però Giuseppe Cagno. Non eletto, naturalmente.
    «La militanza allora consisteva nel fare scritte di notte sui muri, attacchinaggio abusivo e volantinaggi al venerdì e al sabato davanti alle scuole. Puntammo subito sui giovani. Sono stati anni divertenti, appassionati. Intorno sentivi la curiosità della gente, l’interesse per le tue idee».
    Di pari passo arriva la politica «seria»: il primo incontro pubblico a Palazzolo (oratori Cavalli, Della Torre e Arrighini) in secondo a Gardone Valtrompia. Un trionfo. «Agli incontri partecipava popolo vero: incontravi l’operaio, il professionista, la casalinga. Adesso se fai un’assemblea vengono solo addetti ai lavori».
    AI CINQUE moschettieri dell’inizio (ripetiamo: Abeni, Manessi, Cavalli, Arrighini e Della Torre) si uniscono Marco Bosio, Mauro Moretti di Lumezzane e Enrico Pighetti di Gardone Valtrompia: «Noi 8 andammo a Milano nel novembre dell’88 e fummo indicati come soci fondatori di Brescia della Lega lombarda. Tenemmo la prima assemblea provinciale, nacque la sezione Leonessa, fu eletto il primo direttivo. Eravamo sempre noi otto». Il superstite (politicamente) è solo Della Torre. «Alla fine degli anni Ottanta si avvicinarono al gruppo anche Giovan Maria Flocchini e Gian Carlo Rovetta».
    LA SVOLTA però arriva con le europee del 1989: il partitino degli otto ragazzini e degli slogan anti-tasse e anti-meridionali rastrella in provincia 56mila voti (l’8%). I partiti storici sono annichiliti, contrada del Mangano diventa un crocevia trafficato. Ricorda Della Torre: «Arrivarono Tabladini, i fratelli Roscia di Vobarno, Massimo Wilde, Gian Carlo Orini, Giorgio Becchetti di Lumezzane. Nacquero i primi gruppi in provincia: a Quinzano c’erano i Boldrini padre e figlio, a Orzinuovi Scalvi, a Vobarno i Roscia, Ferrari, Beltrami e Flocchini, in Valtrompia io, Moretti e Pighetti, sul Garda Wilde, in Valcamonica si stentava».
    I successi elettorali fanno uscire allo scoperto umori che se ne stavano annidati nel ventre della provincia bianca. E l’onda di piena si allarga: «Dal 1990 in poi l’afflusso nelle fila leghiste è incontenibile. Quell’anno eleggiamo i primi consiglieri a Brescia, Gardone, Sarezzo, Vobarno, Salò, Orzinuovi, Chiari». Le due stanze di contrada del Mangano non bastano più: apre la sede di via X giornate, sopra una callista. L’anno dopo stanze e insegna della «Leonessa» vengono cedute al «cittadino» e il provinciale emigra in via Porcellaga.
    Arrivano i trionfi del ’94 e del ’96, ma anche segni di appannamento. Oggi l’elettorato leghista conta ancora almeno centomila affezionati, dal 15 al 18% del totale. La decapitazione di interi gruppi dirigenti, la malattia del leader, l’affievolirsi delle spinte contestatrici nelle secche del sottogoverno: nulla sembra oscurare la stella leghista. «Il fatto è che la Lega è un umore: quanto ti incazzi voti Lega. E motivi per incazzarsi ce n’è sempre». Parola di Corrado Della Torre, fondatore superstite della Lega nostrana. Uno che può dire: «1987, contrada del Mangano: io c’ero».


    Domenica 5 Agosto 2007





    APRILE 1992
    DEPUTATI E SENATORI DEBUTTANO IN 4 A ROMA
    APRILE 1994
    IL TRIONFO IN TUTTI I 9 COLLEGI BRESCIANI
    MAGGIO 1996
    DOPO IL «RIBALTONE» IL RECORD DEI CONSENSI
    MAGGIO 2001
    SCHIERATA NELLA CDL SCENDE AL 16,5%
    MAGGIO 2006
    CON IL «PORCELLUM» UN SOLO PARLAMENTARE


    Primo, exploit elettorale della Lega a Brescia. Nell’aprile del 1992 vengono eletti due deputati (Giulio Arrighini e Vito Gnutti) e 2 senatori (Luigi Roscia e Francesco Tabladini)

    9 deputati (Arrighini, Guido Baldi, Salvatore Bellomi, Flavio Bonafini, Francesco Ghiroldi, Vito Gnutti, Daniele Molgora, Roberta Pizzicara, Daniele Roscia) e 2 senatori (Tabladini e Massimo Wilde)

    La Lega corre da sola: il 34% dei consensi porta 5 deputati (Davide Caparini, Alessandro Cè, Roberto Faustinelli, Daniele Molgora, Daniele Roscia) e 3 senatori (Tabladini, Francesco Tirelli, Vito Gnutti).

    L’alleanza organica con la Cdl non è premiante: la Lega ottiene il 16,5% e, nei collegi, 3 deputati (Davide Caparini, Alessandro Cè, Daniele Molgora) e 2 senatori (Sergio Agoni e Francesco Tirelli)

    Nella legislatura iniziata nel maggio del 2006, in cui s’è votato per la prima volta con il «porcellum», la Lega bresciana è scesa a 1 solo deputato: Davide Caparini. Nessun senatore
    maggio 96: dal bs oggi i senatori erano 4 c'era anche massimo wilde ora desaparesidos che aveva preso piu' preferenze di speroni.che fine ha fatto questo senatore battagliero?

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Jade Cargo a VBS: l'articolo di Bresciaoggi
    Di Oli nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 07-11-06, 13:12
  2. VBS su Bresciaoggi di oggi
    Di Oli nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 29-10-06, 18:44
  3. AN sulla lega
    Di Ilovepadania nel forum Padania!
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 14-09-06, 21:30
  4. La Pontida del FIP vista dal Bresciaoggi
    Di Fenrir nel forum Padania!
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 20-06-06, 12:37
  5. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 03-04-06, 18:45

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226