Scoperta a Napoli: manomettendo una centralina Telecom, riuscivano a dirottare le telefonate di ignari cittadini

Truffa informatica con il numero 899: tredici arresti, 3 milioni di guadagno


NAPOLI - Dirottavano le telefonate di ignari utenti su numeri con prefisso 899: tredici persone sono state arrestate a Napoli in flagranza di reato. I cittadini pagavano 12,50 euro solo per la risposta. Le società, create per gestire la truffa, hanno incassato almeno tre milioni di euro.

La frode informatica è stata scoperta, dopo indagini iniziate nel novembre 2006, dalla Guardia di Finanza. I 13 arrestati risiedono nei quartieri napoletani di Pianura e Vasto-Arenaccia: sono accusati di violazione di domicilio, accesso abusivo a sistemi informatici.

Due società con sede legale ad Avellino erano titolari del diritto d'uso delle numerazioni con 899: ad esse erano state accreditate migliaia di chiamate di ignari utenti Telecom, nelle cui centrali telefoniche si inserivano abusivamente gli indagati, grazie a tre badge di accesso detenuti illegalmente e a sofisticati apparati telefonici. Le chiamate erano anomale anche perché duravano il tempo necessario a generare lo scatto alla risposta.

Le 13 persone sono state arrestate in flagranza, e sono stati anche sequestrati 250mila euro, di cui 5mila in azioni e obbligazioni rinvenute su due conti correnti intestate alle società irpine; 155 utenze con 899; 27 apparati telefonici modificati per connettersi alle centraline; 13 cellulari; i 3 badge di ingresso alle centrali telefoniche.

(20 agosto 2007)

www.repubblica.it