User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    07 Jul 2006
    Messaggi
    382
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Kompagni - La Festa dell'Unità

    Kompagni, la Fictionsss RAI equa e solidale!

    Episodio I: La Festa dell'Unità.

    Premessa: giusto un anno fa presentavo sul Giulivo il primo episodio della rivoluzionaria Fictionsss RAI “Kompagni”. La prima puntata, intitolata “La Festa dell’Unità” rappresentava l’ideale inizio di un viaggio senza speranza nella vita (e nella desolante scatola cranica) dei komunisti, con i loro dogmi ideologici, i loro riti, la loro tolleranza a senso unico, i loro fallimenti umani e politici, sempre ed irrimediabilmente uguali a sé stessi, immutabili, anche di fronte all’evidenza più sfacciata dei fatti e della storia.
    La Festa dell’Unità è un rito cui i kompagni non possono esimersi, un po’ come il Ramadan per i musulmani (prosciutto e vino a parte) e per il quale il vero komunista è pronto a sacrificare quel minimo di tempo, di denaro e di neuroni che il Partito non gli ha già succhiato via in mille altri modi.
    A distanza di un anno - ohibò! - si vocifera su una possibile cancellazione della Festa dell’Unità per far posto ad una nuova kermesse patrocinata da quel nebbioso universo politico-umanoide che fa capo al nascituro PD. Forse che ai tavoli si consumeranno tonellate di nutella al posto dei tradizionali salami? Fish & chips al posto del cacciucco alla livornese? Latte di cammella (bevanda multiculturale) al posto del lambrusco? Insomma, il DNA dei komunisti subirà un’irrimediabile mutazione? E di che tipo?
    Risposta: tranquilli, i komunisti possono cambiare nome e la Festa dell’Unità trasformarsi in un evento ekumeniko, ma il cervello dei kompagni resterà sempre lo stesso in secula seculorum amen!
    E allora, carissimi, godetevi la riedizione del primo episodio della Fictionsss “Kompagni”, consapevoli che se anche si rendesse necessaria una modifica del titolo, il succo della storia resterà sempre il medesimo.
    Buona visione!

    Pietro Aretino


    Kompagni

    Ecco in anteprima mondiale la nuova fiction della RAI, intitolata “Kompagni”. Attraverso storie di vita vissuta in alcune famiglie toscane di provata fede demokratica, la serie ci fa scoprire la vita di quell’Italia giusta, solidale, onesta, ulivista, moralmente superiore che tutto il mondo vuol prendere ad esempio, specie nel modo di arricchirsi coi soldi degli altri. L’episodio di apertura è diretto, manco a dirlo, da Nanni Moretti.


    Episodio I – La Festa dell’Unità

    Giugno 2006. In casa Cioni fervono i preparativi per la prossima Festa dell’Unità di Bagno a Ripoli (FI). Libero, padre di famiglia, ha preso 5 giorni di ferie, rinunciando così ad una settimana al mare con la famiglia, per aiutare i kompagni ad organizzare la tradizionale kermesse estiva presso il Parco “P. Togliatti” del piccolo borgo alle porte di Firenze. Il suo compito è quello di montare gli stands gastronomici e gli impianti elettrici, nonostante non abbia alcuna competenza in materia. Proprio l’anno precedente il kompagno Bigazzi, capocellula della sezione di Compiobbi (un paesino accanto) era rimasto folgorato a causa di un filo scoperto mentre provvedeva ad allacciare l’alimentazione generale al capannone della tombola. Libero, in occasione del funerale, oltre a tentare di consolare la vedova dicendole che morire per il Partito è un onore riservato a pochi, prometteva all’Assessore Provinciale agli Appalti Truccati, il dott. Antonio Depetris, di occuparsi lui della cosa in futuro, anche a rischio di fare la stessa fine. La vedova Bigazzi approfittava quindi per mandare affan**** Libero e l’Assessore in un colpo solo.
    La moglie di Libero, Wanda, insegnante di Filosofia Teoretica all’Università della Terza Età di Pontassieve (FI), si è intanto data malata, con la complicità del medico della USL, la kompagna Rosy Bindolis, che le ha firmato un certificato in bianco, anzi diciamo pure vergine. Poco importa se i vecchietti non potranno sostenere esami fino a Settembre, tanto le elezioni sono lontane. Wanda si occuperà della segreteria, delle forniture dalla vicina Ipercoop e dei bilanci, sia ufficiali che al nero, della manifestazione.
    La figlia, Guevara Cioni, ha invece deciso di posticipare gli esami biennali per preparare il cartellone musicale, vera attrazione della Festa. Grazie ad una serie di viaggi sponsorizzati dal Comune di Firenze, ovviamente con denaro pubblico, Guevara ha trotterellato in vari Paesi e continenti per ramazzare il meglio (o il peggio, a seconda dei gusti) delle bands terzomondial – sinistrorse – punkabbestia – reggae-metal – antimperailiste, fra cui spiccano i “kamikaze”, band di punta della scena iraniana, i “mitralleros” del Chiapas e i “Mòlti-di-fame” dello Xiniang. Poco importa se gli esami universitari aspettano, tanto i prof sono tutti kompagni e una mini-sessione ad personam ad inizio settembre possono sempre organizzarla.
    Tutto sembra procedere per il meglio quando il figlio, Leonildo Iotto Cioni, che aveva dato la sua disponibilità agli amici del circolo ARCI per pulire i cessi durante la Festa in cambio di un buono sconto del 5% in tutti i magazzini COOP fino a natale, torna sui suo passi ed annuncia che a pulire i cessi ci mandino pure qualcun altro.
    Di fronte a quest’atto di insubordinazione contro-rivoluzionaria il padre va su tutte le furie, minacciando il figlio di sequestrargli le molotov faticosamente fabbricate per rivenderle al più vicino centro culturale islamico. Leonildo, per tutta risposta, lo manda in c*** e parte sgommando sulla sua fiammante Honda 900, acquistata spacciando eroina nel vicino Centro Sociale Firenze Sud.
    Ma i guai non vengono mai soli. Venuti a conoscenza dei fatti, i kompagni sindacalisti dell’ufficio distaccato delle Poste di Bagno a Ripoli si presentano a casa Cioni, minacciando Libero di licenziamento in caso il figlio non rientri nei ranghi.
    La situazione sembra farsi disperata, quando, a seguito del’ennesimo litigio fra padre e figlio, Leonildo non sgomma di nuovo con la sua Honda 900, investendo in pieno un vecchietto lungo il viale principale del Paese, ad una velocità presunta di circa 170 kmh.
    La situazione pare davvero tragica, ma nell’aula del tribunale di Firenze, il GIP chiamato alla convalida del fermo riceve una provvidenziale telefonata: il vecchietto steccolato, infatti, altro non era che Benizio Mussolotti, vecchio fascistone del paese, reo di aver sputato in faccia ad un partigiano nel’45, quando questi era penetrato in casa sua per rubargli prosciutti e formaggi in nome del Popolo.
    Leonildo viene quindi totalmente scagionato dall’accusa di omicidio colposo e riceve una medaglia al valor militare, nonché la dispensa dal dover effettuare i servizi igienici alla Festa dell’Unità ed infine un buono sconto non del 5, bensì del 15% presso tutti i centri COOP d’Italia fino al 2010.
    La puntata termina con la famiglia Cioni che apre una bottiglia di lambrusco intonando “bandiera rossa”.

    Fine

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    13,969
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    fantastico...

  3. #3
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,770
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito

    Voi non venite alla festa?
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Finlandia
    Messaggi
    570
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Kompagni

    Ottimo pezzo.Aspetto di leggere la seconda parte.
    Saluti dalla Finlandia.
    Marino

  5. #5
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    questa non è satira, è offendere, ma mi fa felice che certa gente stia dall'altra parte questa gente che spende le ferie per un ideale è la migliore che ho conosciuto

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Jan 2006
    Messaggi
    18,041
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    mamma mia che ridere....

  7. #7
    ana
    ana è offline
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Apr 2009
    Messaggi
    686
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da benfy Visualizza Messaggio
    questa non è satira, è offendere, ma mi fa felice che certa gente stia dall'altra parte questa gente che spende le ferie per un ideale è la migliore che ho conosciuto
    Quoto.

    Certamente migliore di chi perde tempo a scrivere idiozie, offendendo persone degne di tutto rispetto.

  8. #8
    Forumista
    Data Registrazione
    07 Jul 2006
    Messaggi
    382
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Aruna Visualizza Messaggio
    Quoto.

    Certamente migliore di chi perde tempo a scrivere idiozie, offendendo persone degne di tutto rispetto.
    e kome no, kissà perké ki fa satira kontro i kompagni viene sempre bollato kome superficiale, volgare, idiota etc. etc.
    Il disko è vekkio, kambiate musika, kompagni!

  9. #9
    Gran Divano di Azathoth
    Data Registrazione
    21 Aug 2007
    Località
    Marche
    Messaggi
    952
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Pietro Aretino Visualizza Messaggio
    Kompagni, la Fictionsss RAI equa e solidale!

    Episodio I: La Festa dell'Unità.

    Premessa: giusto un anno fa presentavo sul Giulivo il primo episodio della rivoluzionaria Fictionsss RAI “Kompagni”. La prima puntata, intitolata “La Festa dell’Unità” rappresentava l’ideale inizio di un viaggio senza speranza nella vita (e nella desolante scatola cranica) dei komunisti, con i loro dogmi ideologici, i loro riti, la loro tolleranza a senso unico, i loro fallimenti umani e politici, sempre ed irrimediabilmente uguali a sé stessi, immutabili, anche di fronte all’evidenza più sfacciata dei fatti e della storia.
    La Festa dell’Unità è un rito cui i kompagni non possono esimersi, un po’ come il Ramadan per i musulmani (prosciutto e vino a parte) e per il quale il vero komunista è pronto a sacrificare quel minimo di tempo, di denaro e di neuroni che il Partito non gli ha già succhiato via in mille altri modi.
    A distanza di un anno - ohibò! - si vocifera su una possibile cancellazione della Festa dell’Unità per far posto ad una nuova kermesse patrocinata da quel nebbioso universo politico-umanoide che fa capo al nascituro PD. Forse che ai tavoli si consumeranno tonellate di nutella al posto dei tradizionali salami? Fish & chips al posto del cacciucco alla livornese? Latte di cammella (bevanda multiculturale) al posto del lambrusco? Insomma, il DNA dei komunisti subirà un’irrimediabile mutazione? E di che tipo?
    Risposta: tranquilli, i komunisti possono cambiare nome e la Festa dell’Unità trasformarsi in un evento ekumeniko, ma il cervello dei kompagni resterà sempre lo stesso in secula seculorum amen!
    E allora, carissimi, godetevi la riedizione del primo episodio della Fictionsss “Kompagni”, consapevoli che se anche si rendesse necessaria una modifica del titolo, il succo della storia resterà sempre il medesimo.
    Buona visione!

    Pietro Aretino


    Kompagni

    Ecco in anteprima mondiale la nuova fiction della RAI, intitolata “Kompagni”. Attraverso storie di vita vissuta in alcune famiglie toscane di provata fede demokratica, la serie ci fa scoprire la vita di quell’Italia giusta, solidale, onesta, ulivista, moralmente superiore che tutto il mondo vuol prendere ad esempio, specie nel modo di arricchirsi coi soldi degli altri. L’episodio di apertura è diretto, manco a dirlo, da Nanni Moretti.


    Episodio I – La Festa dell’Unità

    Giugno 2006. In casa Cioni fervono i preparativi per la prossima Festa dell’Unità di Bagno a Ripoli (FI). Libero, padre di famiglia, ha preso 5 giorni di ferie, rinunciando così ad una settimana al mare con la famiglia, per aiutare i kompagni ad organizzare la tradizionale kermesse estiva presso il Parco “P. Togliatti” del piccolo borgo alle porte di Firenze. Il suo compito è quello di montare gli stands gastronomici e gli impianti elettrici, nonostante non abbia alcuna competenza in materia. Proprio l’anno precedente il kompagno Bigazzi, capocellula della sezione di Compiobbi (un paesino accanto) era rimasto folgorato a causa di un filo scoperto mentre provvedeva ad allacciare l’alimentazione generale al capannone della tombola. Libero, in occasione del funerale, oltre a tentare di consolare la vedova dicendole che morire per il Partito è un onore riservato a pochi, prometteva all’Assessore Provinciale agli Appalti Truccati, il dott. Antonio Depetris, di occuparsi lui della cosa in futuro, anche a rischio di fare la stessa fine. La vedova Bigazzi approfittava quindi per mandare affan**** Libero e l’Assessore in un colpo solo.
    La moglie di Libero, Wanda, insegnante di Filosofia Teoretica all’Università della Terza Età di Pontassieve (FI), si è intanto data malata, con la complicità del medico della USL, la kompagna Rosy Bindolis, che le ha firmato un certificato in bianco, anzi diciamo pure vergine. Poco importa se i vecchietti non potranno sostenere esami fino a Settembre, tanto le elezioni sono lontane. Wanda si occuperà della segreteria, delle forniture dalla vicina Ipercoop e dei bilanci, sia ufficiali che al nero, della manifestazione.
    La figlia, Guevara Cioni, ha invece deciso di posticipare gli esami biennali per preparare il cartellone musicale, vera attrazione della Festa. Grazie ad una serie di viaggi sponsorizzati dal Comune di Firenze, ovviamente con denaro pubblico, Guevara ha trotterellato in vari Paesi e continenti per ramazzare il meglio (o il peggio, a seconda dei gusti) delle bands terzomondial – sinistrorse – punkabbestia – reggae-metal – antimperailiste, fra cui spiccano i “kamikaze”, band di punta della scena iraniana, i “mitralleros” del Chiapas e i “Mòlti-di-fame” dello Xiniang. Poco importa se gli esami universitari aspettano, tanto i prof sono tutti kompagni e una mini-sessione ad personam ad inizio settembre possono sempre organizzarla.
    Tutto sembra procedere per il meglio quando il figlio, Leonildo Iotto Cioni, che aveva dato la sua disponibilità agli amici del circolo ARCI per pulire i cessi durante la Festa in cambio di un buono sconto del 5% in tutti i magazzini COOP fino a natale, torna sui suo passi ed annuncia che a pulire i cessi ci mandino pure qualcun altro.
    Di fronte a quest’atto di insubordinazione contro-rivoluzionaria il padre va su tutte le furie, minacciando il figlio di sequestrargli le molotov faticosamente fabbricate per rivenderle al più vicino centro culturale islamico. Leonildo, per tutta risposta, lo manda in c*** e parte sgommando sulla sua fiammante Honda 900, acquistata spacciando eroina nel vicino Centro Sociale Firenze Sud.
    Ma i guai non vengono mai soli. Venuti a conoscenza dei fatti, i kompagni sindacalisti dell’ufficio distaccato delle Poste di Bagno a Ripoli si presentano a casa Cioni, minacciando Libero di licenziamento in caso il figlio non rientri nei ranghi.
    La situazione sembra farsi disperata, quando, a seguito del’ennesimo litigio fra padre e figlio, Leonildo non sgomma di nuovo con la sua Honda 900, investendo in pieno un vecchietto lungo il viale principale del Paese, ad una velocità presunta di circa 170 kmh.
    La situazione pare davvero tragica, ma nell’aula del tribunale di Firenze, il GIP chiamato alla convalida del fermo riceve una provvidenziale telefonata: il vecchietto steccolato, infatti, altro non era che Benizio Mussolotti, vecchio fascistone del paese, reo di aver sputato in faccia ad un partigiano nel’45, quando questi era penetrato in casa sua per rubargli prosciutti e formaggi in nome del Popolo.
    Leonildo viene quindi totalmente scagionato dall’accusa di omicidio colposo e riceve una medaglia al valor militare, nonché la dispensa dal dover effettuare i servizi igienici alla Festa dell’Unità ed infine un buono sconto non del 5, bensì del 15% presso tutti i centri COOP d’Italia fino al 2010.
    La puntata termina con la famiglia Cioni che apre una bottiglia di lambrusco intonando “bandiera rossa”.

    Fine
    accozzaglia di luoghi comuni, ben distante dalla satira di destra di forattini

  10. #10
    Forumista
    Data Registrazione
    07 Jul 2006
    Messaggi
    382
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dantès Visualizza Messaggio
    accozzaglia di luoghi comuni, ben distante dalla satira di destra di forattini
    Forattini è da sempre demonizzato da voi kompagni coi medesimi argomenti e come lui chiunque osi mettervi alla berlina.
    Siete monotoni

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Festa dell'unità comunista
    Di No pasaran nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 19-08-08, 11:43
  2. Festa dell'Unità
    Di Bardamu (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-08-07, 16:23
  3. Ieri sera festa dell'Unità
    Di O'Rei nel forum Fondoscala
    Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 29-07-06, 16:15
  4. ieri alla festa dell'unità
    Di dragone nel forum Fondoscala
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 12-07-05, 09:03
  5. Festa dell' Unità a gonfie vele!!
    Di Oasis nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 03-09-02, 18:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226