User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Parma-Catania 2-2

  1. #1
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,669
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Parma-Catania 2-2

    Morimago incanta Parma

    di Max Licari



    Parma-Catania 2-2

    Baldini, che raptus!
    Potevamo inserire in prima pagina la foto della pedata di Baldini con titoli tipo “Calcio d’inizio” o “Calcio d’agosto”. Ma sarebbe stato ingiusto nei confronti di una società seria come quella del presidente Pulvirenti e di una tifoseria fin troppo provata da tragedie ripetute. L’autoironia è una stupenda dote, ma talora va tralasciata. Questa volta no. Questa volta la prendiamo seriamente e cerchiamo di rimuovere il più in fretta possibile quest’ennesima pagina da dimenticare. Cavolo, sembrerebbe proprio che Catania viva una maledizione. Sembrerebbe che nella città dell’Elefante non si possa serenamente gioire per un risultato, per una prestazione, per un successo, senza poi gettare tutto a mare per evitabilissimi “colpi di testa”. Parma-Catania, esordio in campionato fra i meno duri per i rossazzurri, poteva tranquillamente passare alle cronache per un discreto debutto del team di Baldini, condito da un importante risultato ottenuto in trasferta contro quella che, con tutta probabilità (a meno che il presidente gialloblù Ghirardi non proceda a tre acquisti di caratura negli ultimi giorni di mercato), sarà una concorrente diretta per ottenere la permanenza in massima serie. Invece, ecco il “colpo di teatro” che riporta la nostra città in primo piano non certo per le proprie bellezze e la nostra squadra per virtù tecnico-tattiche: il tecnico toscano si inventa un “calcio nel sedere” da “L’allenatore nel pallone” e cala il buio. Niente riflettori per super Morimoto, niente giusto tributo alla prima realizzazione in rossazzurro del solito, immenso Capitan Baiocco (l'ultimo gol della Streghetta risale al 13 maggio 2005 in occasione di Verona-Perugia; in totale 10 reti in carriera di cui 3 in A), trattenuta la gioia dei tifosi per il punto d’oro conquistato. Solo amarezza per un raptus che consentirà ai soliti moralisti da strapazzo sparsi per l’Italia e per il mondo (purtroppo sì, quelle immagini quasi goderecce da commedia all’italiana stile anni '70 stanno già facendo il giro del globo) il massacro di una città e di una tifoseria che sta cercando faticosamente – maledizione! - faticosamente di venir fuori dall’anno zero caratterizzato da una tragedia pagata duramente. Lungi da noi voler apparire ugualmente “moralisti”. Baldini è stato provocato in maniera non simpatica da Di Carlo, non nuovo a evoluzioni verbali del genere, ma la sua reazione è inaccettabile, ingiustificabile, un atto che lede l’immagine della squadra e della città. Non riusciamo a capacitarci. Tutti noi, società rossazzurra in testa, prima del campionato ci eravamo affannati a stigmatizzare il fatto che nulla sarebbe stato perdonato, ad affidare ai quattro venti parole di ammonimento volte a evitare che anche un solo fazzolettino venisse gettato giù dagli spalti dai tifosi ... e già alla prima un tesserato del Calcio Catania, per giunta importantissimo come l’allenatore, si permette, senza rifletterci su quel momentino in più, di produrre un danno d’immagine così rilevante, di fornire un esempio così negativo. Non vogliamo crocifiggere il tecnico, che ha dimostrato di saperci fare come evidenzia l’analisi tecnica della gara del “Tardini” (quarta volta che il tecnico affronta la sua ex squadra da avversario; nelle precedenti tre aveva sempre perso per 2-0), ma l’auspicio è che la società prenda una posizione di condanna netta e inequivocabile, in modo da troncare sul nascere qualsivoglia tentativo di strumentalizzazione, pericolosissimo in vista del prosieguo del torneo. Catania ad atteggiamenti che richiamino all’intolleranza o alla violenza non può e non deve mai più accostare la propria immagine. Anche perché il danno è innegabilmente pure tecnico: Baldini sarà pesantemente squalificato, essendo reo di un’azione-reazione mai verificatasi sui campi di calcio fra colleghi allenatori. Ma ci auguriamo che venga squalificato, come Materazzi al Mondiale, anche Di Carlo, protagonista di una manata nei confronti del trainer toscano, non dimentichiamolo. Un errore fargliela passare liscia.

    Un bel pareggio, ma occorre puntellare la difesa
    Troppo presto per trinciare giudizi netti e definitivi. Ma il piglio della squadra, al di là delle qualità tecniche, ci è piaciuto molto. Gran carattere, gran pressing, un modulo a nostro avviso adatto a esaltare le caratteristiche da contropiedista di giocatori come Baiocco, Mascara, Morimoto e Caserta. Ottimo punto, insomma (per la cronaca l'ultimo 2-2 fuori casa risale al 3 dicembre 2006, ad Ascoli). In special modo, è piaciuta la grinta mostrata dai ragazzi di Baldini nel voler immediatamente porre rimedio a un risultato negativo giunto a seguito di gravi errori dei singoli. Chiaramente, su tratta di un modulo e di un atteggiamento tattico, al di là del numero di attaccanti in campo, antitetici rispetto a quelli cui erano abituati da due anni i catanesi dall’ex allenatore Marino: pressing e contropiede adesso, possesso palla e gioco offensivo manovrato in precedenza. Altrettanto evidente ci pare la necessità di puntellare la squadra in questi ultimi giorni di mercato, soprattutto nel reparto arretrato che ha mostrato le stesse identiche pecche riscontrate nel girone di ritorno della passata stagione: “Muro” Stovini a cercare, con alterne fortune, di turare le falle prodotte dall’incerto Sottil (clamoroso il suo errore in occasione della rete di Pisanu) e dall’ancor non sopraggiunta maturazione in fase difensiva del “loco” Vargas. In più, il giovane Gazzola, al debutto in Serie A, non poteva certo fare molto di più rispetto a una gara d’attesa (da rivedere il ragazzo, ma lo stesso Pisanu lo ha messo in difficoltà). Mancava Terlizzi, che quando è entrato ha fatto vedere quello che può dare (decisivi alcuni suoi interventi nel finale), mancava Silvestri (che, comunque, fu protagonista di una pessima seconda parte di scorsa stagione), ma andrà certamente rilevato il cartellino di un difensore in grado di fare il titolare in massima serie.

    Morimago, ma il Catania necessita dei suoi titolari
    La scelta iniziale di inserire Morimoto premia Baldini e il suo coraggio. Il 4-2-3-1 è perfetto per mettere in risalto le sue doti di velocità e tecnica. Il “Ronaldo del Sol Levante” non è un bluff. È un campioncino che, da solo, può salvare il Catania. Non un caso la sua rete alla Del Piero su bell’assist di Mascara, non un caso il suo assist a Baiocco in occasione del pareggio rossazzurro. Una prestazione da 8, assolutamente letale in fase di conclusione e rifinitura. Andrà gestito bene, in quanto il giapponesino ha 19 anni (ma i vari Rooney, Owen, Fabregas, Messi a quanti anni hanno sfondato?), eppure il suo ruolo da titolare, al momento, non può essere messo in dubbio. Tuttavia, è ovvio che il Catania necessiti di tutti i suoi titolari in campo. Senza Terlizzi, senza Caserta (prima della gara si erano diffuse voci sui media nazionali, poi rivelatesi inesatte, circa un suo accantonamento per motivi contrattuali), senza Martinez (da vedere e giudicare, comunque) non è vero Catania. In particolare, grave l’assenza del centrale difensivo, ma lo stesso Reggia ha dimostrato quale impatto possa avere sul gioco etneo quando, inserito al posto di un evanescente Izco (buono il taglio per Morimoto in occasione del pareggio rossazzurro, ma per il resto nullo l'argentino), ha cominciato a dettare legge in mezzo. Quando la rosa sarà al completo e interamente a disposizione, si potranno dare giudizi più esaurienti.

    Streghettissima!
    La prima rete in rossazzurro del Capitano ha commosso un po’ tutti. Merita questa gioia irrefrenabile, Davide, ancora una volta il migliore (insieme al nipponico) dei suoi. È la vera anima del Catania. Da sottolineare come, nella sua nuova veste di “comandante” della truppa, si sia mostrato inappuntabile anche dal punto di vista comportamentale. Oltre tutto, lo si è visto bene in abbinamento con Tedesco che, dopo un primo tempo di assestamento, è cresciuto in personalità e peso nella ripresa. Una sicurezza pure lui.

    In attesa del Gabbiano e dell’esplosione di Topolinik
    Nessuna paura. Conosciamo Gionatha. Entra in forma un po’ in ritardo, poi non si ferma più. È al suo terzo anno in rossazzurro e nei due precedenti ha sempre fatto così. Oggi ha fatto quel che poteva, lottando isolato a centro area. Deve fagocitare il nuovo modulo e recuperare velocità. Ma è una sicurezza. Attendiamolo con fiducia. Discorso diverso per Mascara. Si vede che è in forma, che corre e lotta. Deve solo divenire più consapevole della sua forza ed evitare ingenuità letali. Il suo tentativo di prezioso “filtrante” al limite dell’area catanese si è rivelato di agghiacciante autolesionismo. Ha regalato una rete al Parma, insomma. Ma in precedenza aveva fornito un grande assist a Morimoto, poi trasformato in rete e, nel complesso, fornito una prova sufficiente per impegno e abnegazione. Ma può e deve far di più. Noi siamo sicuri che lo farà.

    Sotto con il Grifone ... sperando nel “Massimino”
    Adesso, concentrazione massima sull’esordio casalingo contro il Genoa (sconfitto 3-0 in casa dal Milan), cercando di dimenticare e far dimenticare il più in fretta possibile il raptus odierno di Baldini e, contestualmente, di completare la rosa, sfoltendola e potenziandola ove necessario. Dal punto di vista tecnico-tattico l’esordio in terra emiliana induce a un pizzico di fiducia. Naturalmente, andrà vista e rivista la squadra. Ma ciò che più conta è che il “Massimino” possa essere pronto e ospitare la gara, giacché non aleggia in città la sicurezza più assoluta. Speriamo che si eviti l’ultima “malacumpassa”, quella definitiva. Le assicurazioni, come al solito, ci sono tutte. Attendiamo con fiducia.

    Bene Stefanini
    Comincia bene la stagione arbitrale targata Collina. Stefanini non si è prodotto in mirabilie, ma ha arbitrato imparzialmente, non commettendo errori evidenti.


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,669
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito

    "...nel fuori onda si sente Di Carlo dire a Pulvirenti: « Se fossi io il presidente manderei via Baldi­ni, ha la lingua biforcuta. Gliela tagli, presi­dente. Guardi, se leggo qualcosa di sbagliato sull’episodio poi ci va di mezzo il Catania e ne risponde lei... »."


    Ci va di mezzo il CATANIA e ne risponde lei??????????? Come mai questo individuo si permette di minacciare? Chi gli copre le spalle? E' chi è lui per "consigliare" al presidente di una squadra avversaria come comportarsi con il suo allenatore?

    Altra domanda "dietrologica": chi è il vero proprietario del parma?



  3. #3
    Idealista DemoProletario :-)
    Data Registrazione
    17 Apr 2005
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,906
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Salve ... ieri e' stata una bella partita ... continuate cosi' e tenetevi stretto quel giapponese che e' una vera bomba ... vi puo' dare la salvezza.
    Consiglio spassionato: Baldini e' INDIFENDIBILE ... non perdete tempo arrovellandovi coi se e i ma .... non ci fareste una bella figura ... ha sbagliato, chieda scusa e che paghi il giusto.
    Le provocazioni nel calcio ci sono sempre state ma per fortuna nessuno agisce come se stesse in osteria ... e sull'affare Materazzi-Zidane mi pare che eravamo tutti concordi col dare la colpa al francese che aveva ceduto alla provocazione ... o no!?
    Hola!
    "HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!"

  4. #4
    morirò prima di arrendermi
    Data Registrazione
    02 May 2007
    Messaggi
    834
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    belin meno male ke alla prossima partita di campionato Baldini non ci sarà! Almeno il culo diGasperini è salvo! ehehehe

  5. #5
    Idealista DemoProletario :-)
    Data Registrazione
    17 Apr 2005
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2,906
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jackson Visualizza Messaggio
    belin meno male ke alla prossima partita di campionato Baldini non ci sarà! Almeno il culo diGasperini è salvo! ehehehe
    Ganza questa!!!
    "HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!"

  6. #6
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,669
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JollyRoger239 Visualizza Messaggio
    Salve ... ieri e' stata una bella partita ... continuate cosi' e tenetevi stretto quel giapponese che e' una vera bomba ... vi puo' dare la salvezza.
    Consiglio spassionato: Baldini e' INDIFENDIBILE ... non perdete tempo arrovellandovi coi se e i ma .... non ci fareste una bella figura ... ha sbagliato, chieda scusa e che paghi il giusto.
    Le provocazioni nel calcio ci sono sempre state ma per fortuna nessuno agisce come se stesse in osteria ... e sull'affare Materazzi-Zidane mi pare che eravamo tutti concordi col dare la colpa al francese che aveva ceduto alla provocazione ... o no!?
    Hola!
    Io non difendo nessuno, ci mancherebbe altro. Baldini ha fatto quello che ha fatto, si assumerà le proprie responsabilità e pagherà. Se la vedranno poi lui e Di Carlo. Comunque io non ho mai dato tutta la colpa a Zidane.


  7. #7
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,669
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jackson Visualizza Messaggio
    belin meno male ke alla prossima partita di campionato Baldini non ci sarà! Almeno il culo diGasperini è salvo! ehehehe

  8. #8
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,669
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito

    Da www.calciocatania.com

    Tagghiamula, accuzzamula, finemula

    di Max Licari


    Tagghiamula
    Oh, mio dio, che nausea! Quante parole, quanti falsi moralismi e moralisti, quanti dubbi personaggi dal cervello a spasso ci sono magicamente riapparsi davanti quando pensavamo di poterli giustamente relegare nel nostro personalissimo sgabuzzino degli incubi più spaventosi. Sì, come l’incubo più trash, stile Nightmare 9, per un paio di giorni ogni catanese ha rivissuto il suo piccolo dramma da stress da bombardamento mediatico, da sindrome da accerchiamento. Come tanti daini abbagliati dagli accecanti riflettori del teatrino televisivo, impotenti a muoversi, immobili, noi figli del Liotru abbiamo assistito attoniti al massacro. Dopo lo scempio del post 2 febbraio, scientificamente e quasi voluttuosamente cercato dalla nostra stessa vocazione al vittimistico autolesionismo, ci siamo rituffati nel dramma pseudo-calcistico. Noi in mezzo e il mondo attorno, compiaciuto di averci di nuovo pescato con le mani nel vasetto della marmellata, quasi beato della succulenta possibilità di poterci nuovamente bacchettare come indisciplinati bimbetti dell’asilo accanto. Tutti con il dito puntato verso Catania, “dagli all’untore”, al catanese brutto e cattivo. Effettivamente, troppo grande si configurava la colpa, troppo grande per non essere ricondotta agli autenticamente tragici fatti di Catania-Palermo. E sì, carusanza, che orrore per ... un calcio in culo! A un certo punto, seguendo tv e radio locali e nazionali oppure spulciando i siti internet di tutto il mondo, ci siamo persi. Possibile che diventi fatto di importanza sportiva e sociale a livello internazionale una pedata nel deretano stile commedia all’italiana anni ’70 piuttosto che il dramma di Puerta o il contratto da 150 milioni di euro di Ronaldinho? Possibile, possibilissimo in questa nostra strampalata era dell’apparire. Le minchiate diventano simboli, le cose serie optional.

    Accuzzamula
    Con ciò non vogliamo assolutamente minimizzare. Baldini ha sbagliato di grosso. Si è macchiato di un gesto brutto e inaccettabile a qualsiasi latitudine. E ha sbagliato ancor più in quanto ha mostrato di non possedere la necessaria lucidità per fermarsi al momento giusto, forte della consapevolezza che, come allenatore del Catania e “visibile”, assai visibile rappresentante della nostra città, reca sulle proprie (robuste) spalle il fardello di responsabilità molto più gravose rispetto a quelle dei colleghi. Impensabile, dopo tutto quello che si è predicato e detto, che un tesserato del Catania possa cadere in simili bucce di banana, dando così (come puntualmente accaduto) ai soliti moralisti da strapazzo che nulla sanno e tutto pensano di presumere il destro per poter sputare risibili sentenze, di azzardare collegamenti ipertestuali da manga giapponese per dodicenni afflitti da irrefrenabile onanismo, di avventurarsi in arzigogolati “voli pindarici” degni delle sconsolate distese oceaniche in cui galleggiano le povere sinapsi neuronali di Giufà. Ha sbagliato, lo abbiamo detto e ridetto. Ha sbagliato e giustamente pagato, oltre tutto lasciando la propria squadra senza guida in campo (lo sostituirà il “secondo” Atzori) per più di un mesetto, procurando così anche un evidente disagio tecnico. Ha sbagliato, ma ora basta. Non ce ne frega più nulla di nulla di questa storia. Baldini è l’allenatore del Catania e va rispettato in quanto tale, rispettato e sostenuto dai veri tifosi del Catania. Così come il tecnico toscano dovrà rispettarci non sognando mai più di ripetere gesti come quello di Parma. È il nostro allenatore. Punto.

    Finemula
    Basta, ha chiesto scusa, non lo farà più (anche perché, se ciò accadesse, significherebbe che non possiede la serenità idonea per allenare ai massimi livelli). Basta. Dimentichiamo le chiacchiere, rimuoviamo i salotti urlati tenuti da “parrucchini” perennemente bisticciati con il nostro bell’italico idioma. Dimentichiamo le zuffe da cortile fatte di maleducazione e starnazzamenti volgarotti tipici di chi non possiede un’adeguata sostanza culturale e si nasconde dietro la confortevole cortina del “ruolo”, peraltro istigate con compiacimento quasi infantile da personaggiucoli in cerca di quella poca audience di solito loro negata dalla pochezza dell'offerta contenutistica. Basta. Volgiamo il nostro sguardo alle vicende serie. Pensiamo a sostenere la squadra, pensiamo a valutare costruttivamente la rosa del Catania, magari sommessamente anelando a un puntello in difesa, pensiamo a veicolare comportamenti civili, pensiamo a rimboccarci le maniche e cercare, almeno un pizzichino, di migliorare le tante, tantissime pecche riscontrabili nella nostra mentalità e nel nostro modo di fare. Noi che viviamo la nostra realtà ce lo possiamo dire con franchezza e senza astio, possiamo lucidamente riconoscere le nostre mancanze, senza il bisogno che vengano a spiattellarcele in faccia coloro che, come precedentemente detto, nulla conoscono e tutto presumono, magari da ex concittadini dal pedigrée arricchito di “Fumo di Londra”. Anche perché il pericolo è sotto gli occhi di tutti: così si fa il gioco di chi sonnecchia da millenni. Non è, infatti, più comodo fornire alla massa assetata di pazzesche cazzate, (minchiate, coglionate, fate voi) l’inebriante oppio dei calci nel deretano da barzelletta piuttosto che farla riflettere approfonditamente, che ne so, sui ritardi nella messa a norma dello stadio o sull’ennesima “malacumpassa” che la nostra città farà nel mondo (Catania, ehm, ultimamente è molto gettonata dal punto di vista calcistico, sebbene, ahinoi, non propriamente per gli indubbi meriti tecnici negli ultimi anni esibiti dalla squadra etnea) quando presenterà, per il trentesimo anno consecutivo, un bellissimo campo di patate degno della Cipster? Smettiamola, smettiamola di discutere di bestialità e pensiamo alla gara di Coppa Italia che, se vinta a Trieste, ci porterà a storici ottavi contro il Milan (e a un lauto incasso per a società) e, subito dopo, al ritorno al “Massimino”, dopo sette mesi di esilio, contro i fratelli genoani del Grifone. Riflettiamoci. Si ritorna a casa, sì, ma come brillantemente propone il blog del mio amico “Sanceli” (http://calciocataniablog.splinder.com/), a Casa... Circondariale! Lo stadio è un carcere e ce lo siamo voluto solo ed esclusivamente noi; noi con il nostro eterno minimizzare su fenomeni poi sfociati in tragica cancrena cittadina; noi con il nostro esagerato menefreghismo; noi con il nostro smisurato individualismo. Pensiamo a questo e non perdiamo il nostro tempo a parlare, ad ascoltare e a scrivere di calci nel deretano. Pensiamo, magari, a darne qualcuno a chi lo merita davvero. Figurato, ma ben assestato.

  9. #9
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,669
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

 

 

Discussioni Simili

  1. Parma-Catania
    Di Frescobaldi nel forum Catania, Palermo e squadre siciliane
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-08-11, 23:31
  2. Catania-Parma 3-0
    Di Frescobaldi nel forum Catania, Palermo e squadre siciliane
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-02-10, 22:46
  3. Parma-Catania
    Di Frescobaldi nel forum Catania, Palermo e squadre siciliane
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09-09-09, 15:30
  4. Catania-Parma 0-0
    Di Frescobaldi nel forum Squadre Siciliane
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 30-01-08, 00:25
  5. I Giornata parma-CATANIA
    Di Frescobaldi nel forum Squadre Siciliane
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 24-08-07, 23:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226