User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    Cattolico Tradizionalista
    Data Registrazione
    19 May 2004
    Località
    Provincia di Lecce - Il mondialismo è una statua di cera, Lady U$A non mi farò mai ammagliare dalla tua bandiera
    Messaggi
    13,145
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rendiamo omaggio a TITO

    Nacque nella sabina presso Rieti il 17 Novembre dell’anno 9 d.C. da Flavio Sabino e Vespasia Polla. Sposò Flavia Domitilla che gli diede Tito, Domiziano e Domitilla.Era d’origini modeste : il nonno paterno era stato centurione e poi esattore, il padre ricevitore dell’imposta doganale in Asia Minore e banchiere presso gli Elvezi; migliore la famiglia della madre che vantava un senatore. Della sua educazione si occupò a Cosa la nonna Tertulla. Fu tribuno militare nella Tracia; questore nella provincia di Creta e Cirene.
    Sotto Caligola fu edile e pretore e si schierò apertamente dalla parte dell’imperatore nel conflitto tra questo e il Senato. Sotto Claudio fu legato della legione II Augusta sul Reno nel 42 e dal 43 fino a circa il 47 nella Britannia, dove condusse la sua legione di vittoria in vittoria sottomettendo due fortissime popolazioni e l’isola di Wight; per questo ricevette gli ornamenta triumphalia. Nel Novembre e Dicembre del 51 fu console suffetto. Il periodo fino al proconsolato lo trascorse nell’ozio e nel ritiro, perché, essendo stato protetto da Narcisso, temeva l’odio di Agrippina.
    Esercitò il proconsolato d’Africa con severità e grande integrità, tanto che dopo fu’ costretto a ipotecare al fratello tutti i suoi possessi e a fare il mercante di schiavi per mantenere il rango. Nel 66, mentre era in Grecia al seguito di Nerone, cadde in disgrazia, perché si era allontanato o addormentato mentre l’imperatore cantava (non è chiaro se questo fosse avvenuto già prima a Roma).
    Bandito dalla corte, si ritirò in una piccola città fuori di mano. Ma la situazione gravissima nella Giudea indusse Nerone ad affidare il compito di soffocare la ribellione giudaica a Vespasiano che aveva le qualità adatte e non destava preoccupazioni, dati i suoi umili natali. Vespasiano, inviato avanti quale legato legionario il figlio Tito, si recò per via di terra ad Antiochia e poi Tolemaide, dove si incontrò con Tito e operò il concentramento di tutto il suo esercito, che comprendeva le legioni V Macedonia, X Fretensis, XV Apollinaris e con le milizie ausiliarie e i contingenti dei re asiatici ammontava a una forza di circa 60.000 uomini.
    Ristabilita la disciplina, Vespasiano, riuscito vano il suo tentativo di indurre i Giudei a rinunciare alla resistenza, iniziò la sottomissione della Galilea. Questa fu compiuta con la campagna del 67 che ebbe due fasi, i cui episodi culminanti furono nella prima l’espugnazione, dopo lungo assedio durante il quale Vespasiano fu ferito, di Jotapata (il condottiero nemico Giuseppe, il futuro storico, caduto prigioniero profetò a Vespasiano l’impero), nella seconda la conquista di Tarichea, di Giscala e soprattutto di Gamala. Nel 67 inoltre con l’occupazione della costa Vespasiano tagliava Gerusalemme dal mare.
    Trascorso l’inverno dal 67 al 68 nell’ammirazione del territorio e nell’addestramento dell’esercito, Vespasiano non ritenne opportuno muovere senz’altro all’attacco di Gerusalemme, come suggerivano i suoi ufficiali ma volle lasciar produrre i suoi effetti alla guerra civile scoppiata nella città e sottomettere prima il resto del territorio attorno alla capitale nemica. Occupò quindi la Perea, la Samaria, stringendo Gerusalemme in un cerchio d’armi. A Cesarea si preparava poi nell’attacco finale contro Gerusalemme, quando la notizia del suicidio di Nerone lo indusse a sospendere le operazioni in attesa degli eventi.
    Solo nel giugno del 69 vi fu’ una ripresa di attività con una spedizione diretta a ristabilire l’ordine nei dintorni di Gerusalemme, ma la guerra in sostanza fu’ interrotta dalle complicazioni politiche. Durante la grande crisi che travagliò l’impero dopo la morte di Nerone l’atteggiamento di Vespasiano, esteriormente sempre uguale, nell’intimo non dovette essere lo stesso. La fedeltà giurata a Galba si può ritenere sincera; egli avrebbe voluto dimostrargli il suo omaggio e forse anche stringersi a lui con più forti legami mediante l’invio di Tito, il quale però non giunse a tempo. Uno degli autori principali della trama fu’ il governatore della Siria, C. Licinio Muciano, che, intermediario efficace Tito, abbandonata l’antica inimicizia, aveva stretto buoni rapporti con Vespasiano e rinunciato all’impero in favore di lui sperando di divenirne l’onnipotente collaboratore.
    La riedificazione di Giove Capitolino, che fu’ tra le sue prime cure, era anche simbolica e rientrava nell’opera di rinnovamento della fiducia della popolazione di Roma, che fu’ tra i suoi compiti principali. Vespasiano era e voleva apparire il salvatore dell’impero romano, il campione della libertà, cioè della genuina costituzione dell’impero, il restauratore della pace. Nel risolvere il problema costituzionale Vespasiano seguì una politica di decisa reazione a quella di Nerone e si ispirò soprattutto ad Augusto.
    Naturalmente però egli tenne conto delle mutate condizioni e dei nuovi bisogni dell’impero e la conseguenza fu’ che si trovò munito di poteri maggiori di quelli dei suoi predecessori e che la direzione del governo fu completamente nelle suoi mani. Vespasiano volle non solo rafforzare il potere imperiale, ma assicurarne anche la continuità, per evitare che l’impero ricadesse in una crisi simile a quella che ne aveva minacciata l’esistenza. Non meno bene benefica fu’ la sua attività in favore della romanizzazione e dell’urbanizzazione dell’impero soprattutto nell’Occidente. Fra i problemi più difficili che Vespasiano risolse fu’ indubbiamente quello finanziario.
    Egli calcolò a 40 miliardi di sesterzi la somma necessaria per assicurare la stabilità finanziaria dello stato. Per raccoglierla ricorse senza esitare alla tassazione, aumentando e qualche volta raddoppiando le imposte, imponendone delle nuove.
    L’opera di Vespasiano in Oriente creò quella base su cui si appoggiò Traiano per le sue guerre di conquista. Essa rientra in ogni modo in quel programma generale di riorganizzazione dell’esercito e del sistema di difesa dei confini che fu’ tra i meriti non minori di Vespasiano. I campi legionari furono ricostruiti e rafforzati, i forti delle milizie ausiliarie costruiti in pietra o spostati sulla riva destra del Reno.
    Secondo una felice espressione di Svetonio, Vespasiano volle non solo dare stabilità allo stato, ma anche abbellirlo. A quest’ultimo scopo corrispose pienamente il grandioso programma edilizio, attuato principalmente a Roma. Uno dei più grandiosi abbellimenti attuati da Vespasiano fu’ lo splendido tempio della Pace, inaugurato nel 75, che si innalzava in mezzo a quello spazio circondato da un portico, poi chiamato Foro della Pace, e l’Anfiteatro Flavio, che è per noi il simbolo migliore della maiestas imperii (del Colosseo sembrò però che egli costruisse solo i due primi ordini di arcate).
    Nello svolgimento della sua grande e benefica attività Vespasiano, oltre a essere minacciato da congiure, fu fatto segno all’ostilità di uomini inguaribilmente attaccati ad un passato definitivamente tramontato, come Elvidi Prisco, e di filosofi, principalmente cinici, banditori di teorie anarchiche.
    Non è assolutamente possibile un confronto tra questi individui capaci solo di un’azione sterile o dannosa e il grande imperatore a cui Roma fu’ debitrice della pace, dell’ordine, della sicurezza, della riacquistata fiducia nei suoi destini e in misura non piccola dell’età aurea della sua storia. Vespasiano morì nella sua dimora estiva di Cutilia nella Sabina il 24 Giugno 79; fino all’ultimo attese agli affari dello stato e nell’istante supremo si sforzò di alzarsi, esclamando: <<un imperatore deve morir in piedi>>
    Se un uomo non è disposto a correre qualche rischio per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla o non vale niente lui.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Cattolico Tradizionalista
    Data Registrazione
    19 May 2004
    Località
    Provincia di Lecce - Il mondialismo è una statua di cera, Lady U$A non mi farò mai ammagliare dalla tua bandiera
    Messaggi
    13,145
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Se un uomo non è disposto a correre qualche rischio per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla o non vale niente lui.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,716
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 May 2007
    Messaggi
    70
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sraquoto


    Citazione Originariamente Scritto da ITALIANO Visualizza Messaggio
    Nacque nella sabina presso Rieti il 17 Novembre dell’anno 9 d.C. da Flavio Sabino e Vespasia Polla. Sposò Flavia Domitilla che gli diede Tito, Domiziano e Domitilla.Era d’origini modeste : il nonno paterno era stato centurione e poi esattore, il padre ricevitore dell’imposta doganale in Asia Minore e banchiere presso gli Elvezi; migliore la famiglia della madre che vantava un senatore. Della sua educazione si occupò a Cosa la nonna Tertulla. Fu tribuno militare nella Tracia; questore nella provincia di Creta e Cirene.
    Sotto Caligola fu edile e pretore e si schierò apertamente dalla parte dell’imperatore nel conflitto tra questo e il Senato. Sotto Claudio fu legato della legione II Augusta sul Reno nel 42 e dal 43 fino a circa il 47 nella Britannia, dove condusse la sua legione di vittoria in vittoria sottomettendo due fortissime popolazioni e l’isola di Wight; per questo ricevette gli ornamenta triumphalia. Nel Novembre e Dicembre del 51 fu console suffetto. Il periodo fino al proconsolato lo trascorse nell’ozio e nel ritiro, perché, essendo stato protetto da Narcisso, temeva l’odio di Agrippina.
    Esercitò il proconsolato d’Africa con severità e grande integrità, tanto che dopo fu’ costretto a ipotecare al fratello tutti i suoi possessi e a fare il mercante di schiavi per mantenere il rango. Nel 66, mentre era in Grecia al seguito di Nerone, cadde in disgrazia, perché si era allontanato o addormentato mentre l’imperatore cantava (non è chiaro se questo fosse avvenuto già prima a Roma).
    Bandito dalla corte, si ritirò in una piccola città fuori di mano. Ma la situazione gravissima nella Giudea indusse Nerone ad affidare il compito di soffocare la ribellione giudaica a Vespasiano che aveva le qualità adatte e non destava preoccupazioni, dati i suoi umili natali. Vespasiano, inviato avanti quale legato legionario il figlio Tito, si recò per via di terra ad Antiochia e poi Tolemaide, dove si incontrò con Tito e operò il concentramento di tutto il suo esercito, che comprendeva le legioni V Macedonia, X Fretensis, XV Apollinaris e con le milizie ausiliarie e i contingenti dei re asiatici ammontava a una forza di circa 60.000 uomini.
    Ristabilita la disciplina, Vespasiano, riuscito vano il suo tentativo di indurre i Giudei a rinunciare alla resistenza, iniziò la sottomissione della Galilea. Questa fu compiuta con la campagna del 67 che ebbe due fasi, i cui episodi culminanti furono nella prima l’espugnazione, dopo lungo assedio durante il quale Vespasiano fu ferito, di Jotapata (il condottiero nemico Giuseppe, il futuro storico, caduto prigioniero profetò a Vespasiano l’impero), nella seconda la conquista di Tarichea, di Giscala e soprattutto di Gamala. Nel 67 inoltre con l’occupazione della costa Vespasiano tagliava Gerusalemme dal mare.
    Trascorso l’inverno dal 67 al 68 nell’ammirazione del territorio e nell’addestramento dell’esercito, Vespasiano non ritenne opportuno muovere senz’altro all’attacco di Gerusalemme, come suggerivano i suoi ufficiali ma volle lasciar produrre i suoi effetti alla guerra civile scoppiata nella città e sottomettere prima il resto del territorio attorno alla capitale nemica. Occupò quindi la Perea, la Samaria, stringendo Gerusalemme in un cerchio d’armi. A Cesarea si preparava poi nell’attacco finale contro Gerusalemme, quando la notizia del suicidio di Nerone lo indusse a sospendere le operazioni in attesa degli eventi.
    Solo nel giugno del 69 vi fu’ una ripresa di attività con una spedizione diretta a ristabilire l’ordine nei dintorni di Gerusalemme, ma la guerra in sostanza fu’ interrotta dalle complicazioni politiche. Durante la grande crisi che travagliò l’impero dopo la morte di Nerone l’atteggiamento di Vespasiano, esteriormente sempre uguale, nell’intimo non dovette essere lo stesso. La fedeltà giurata a Galba si può ritenere sincera; egli avrebbe voluto dimostrargli il suo omaggio e forse anche stringersi a lui con più forti legami mediante l’invio di Tito, il quale però non giunse a tempo. Uno degli autori principali della trama fu’ il governatore della Siria, C. Licinio Muciano, che, intermediario efficace Tito, abbandonata l’antica inimicizia, aveva stretto buoni rapporti con Vespasiano e rinunciato all’impero in favore di lui sperando di divenirne l’onnipotente collaboratore.
    La riedificazione di Giove Capitolino, che fu’ tra le sue prime cure, era anche simbolica e rientrava nell’opera di rinnovamento della fiducia della popolazione di Roma, che fu’ tra i suoi compiti principali. Vespasiano era e voleva apparire il salvatore dell’impero romano, il campione della libertà, cioè della genuina costituzione dell’impero, il restauratore della pace. Nel risolvere il problema costituzionale Vespasiano seguì una politica di decisa reazione a quella di Nerone e si ispirò soprattutto ad Augusto.
    Naturalmente però egli tenne conto delle mutate condizioni e dei nuovi bisogni dell’impero e la conseguenza fu’ che si trovò munito di poteri maggiori di quelli dei suoi predecessori e che la direzione del governo fu completamente nelle suoi mani. Vespasiano volle non solo rafforzare il potere imperiale, ma assicurarne anche la continuità, per evitare che l’impero ricadesse in una crisi simile a quella che ne aveva minacciata l’esistenza. Non meno bene benefica fu’ la sua attività in favore della romanizzazione e dell’urbanizzazione dell’impero soprattutto nell’Occidente. Fra i problemi più difficili che Vespasiano risolse fu’ indubbiamente quello finanziario.
    Egli calcolò a 40 miliardi di sesterzi la somma necessaria per assicurare la stabilità finanziaria dello stato. Per raccoglierla ricorse senza esitare alla tassazione, aumentando e qualche volta raddoppiando le imposte, imponendone delle nuove.
    L’opera di Vespasiano in Oriente creò quella base su cui si appoggiò Traiano per le sue guerre di conquista. Essa rientra in ogni modo in quel programma generale di riorganizzazione dell’esercito e del sistema di difesa dei confini che fu’ tra i meriti non minori di Vespasiano. I campi legionari furono ricostruiti e rafforzati, i forti delle milizie ausiliarie costruiti in pietra o spostati sulla riva destra del Reno.
    Secondo una felice espressione di Svetonio, Vespasiano volle non solo dare stabilità allo stato, ma anche abbellirlo. A quest’ultimo scopo corrispose pienamente il grandioso programma edilizio, attuato principalmente a Roma. Uno dei più grandiosi abbellimenti attuati da Vespasiano fu’ lo splendido tempio della Pace, inaugurato nel 75, che si innalzava in mezzo a quello spazio circondato da un portico, poi chiamato Foro della Pace, e l’Anfiteatro Flavio, che è per noi il simbolo migliore della maiestas imperii (del Colosseo sembrò però che egli costruisse solo i due primi ordini di arcate).
    Nello svolgimento della sua grande e benefica attività Vespasiano, oltre a essere minacciato da congiure, fu fatto segno all’ostilità di uomini inguaribilmente attaccati ad un passato definitivamente tramontato, come Elvidi Prisco, e di filosofi, principalmente cinici, banditori di teorie anarchiche.
    Non è assolutamente possibile un confronto tra questi individui capaci solo di un’azione sterile o dannosa e il grande imperatore a cui Roma fu’ debitrice della pace, dell’ordine, della sicurezza, della riacquistata fiducia nei suoi destini e in misura non piccola dell’età aurea della sua storia. Vespasiano morì nella sua dimora estiva di Cutilia nella Sabina il 24 Giugno 79; fino all’ultimo attese agli affari dello stato e nell’istante supremo si sforzò di alzarsi, esclamando: <<un imperatore deve morir in piedi>>

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    2,989
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ITALIANO Visualizza Messaggio

    D'accordo, rendiamo omaggio a Tito. Ma questo non è Tito, è Vespasiano!

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    2,989
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tito è questo.

  7. #7
    Becero Reazionario
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Königreich beider Sizilien
    Messaggi
    18,031
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ma questa roba non andava in "viva la resistenza italiana"???

  8. #8
    CIAVARDINI LIBERO
    Data Registrazione
    23 Oct 2006
    Messaggi
    1,507
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Visto l'amore per i vari Honecker, Stalin, Ceausescu e Pol Pot cha alcuni dimostrano avevo temuto il peggio!!

    Viva TITO!!!

  9. #9
    NAZIONALISTA CRISTIANO
    Data Registrazione
    28 Sep 2004
    Località
    Le forti montagne
    Messaggi
    1,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Per essere precisi è nato a Falacrina,dove oggi sorge Cittareale (RI),appunto nella valle Falacrina.Vi consiglio di andarci,a un ora da Roma,è un posto bellissimo in mezzo alle montagne,si mangia benissimo la natura è bella e per chi ama sciare in tranquillità è l'ideale,perchè se vai al Terminillo o a Ovindoli te pare de sta sulla metropolitana ma con gli sci ai piedi!
    NEMO ME DOMAT

  10. #10
    Cattolico Tradizionalista
    Data Registrazione
    19 May 2004
    Località
    Provincia di Lecce - Il mondialismo è una statua di cera, Lady U$A non mi farò mai ammagliare dalla tua bandiera
    Messaggi
    13,145
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eginardo Visualizza Messaggio
    Tito è questo.
    'azz...è vero!
    Se un uomo non è disposto a correre qualche rischio per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla o non vale niente lui.

 

 

Discussioni Simili

  1. Un doveroso omaggio a Falcone, un omaggio di verità...
    Di Zorro nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-05-12, 21:41
  2. Ma ci rendiamo conto?
    Di codino nel forum Cattolici in Politica
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 25-06-09, 07:26
  3. rendiamo omaggio a de gasperi
    Di albertsturm nel forum Conservatorismo
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 31-01-09, 18:13
  4. rendiamo omaggio ai liberatori
    Di maryamati nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 02-03-06, 19:56

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226