User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    vetera sed semper nova
    Data Registrazione
    14 Mar 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    529
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito 31 agosto - S. Aristide Marciano

    Arístides Ateniense

    Apologista griego del s. II, autor del más antiguo escrito apologético cuyo texto se conserva. Los testimonios sobre su vida y obra son escasos. Según Eusebio de Cesarca «Adriano, al iniciarse en los misterios Eleusinos, fue generoso con los atenienses. Cuadrato... y Arístides, nuestro filósofo ateniense, entregaron a Adriano libros compuestos en defensa de la religión cristiana, Chronikon, ad a. Abr. 2140-2142 (=a. 124-126 de nuestra era). En la Hisioriti Eclesiástica, IV, 3, añade: «Arístides, fiel seguidor de nuestra religión, dejó una apología en favor de nuestra fe dirigida a Adriano. Muchos conservan esta obra en nuestros días». S. Jerónimo, que en esta cuestión depende esencialmente de, las noticias de Eusebio, sólo añade que A. siguió conservando el palio de filósofo tras su conversión al cristianismo (De viris illtistribus, 20 y Epistolci 70, 4). A este testimonio sucede el silencio hasta 1878, en que los Mequitaristas de S. Lázaro de Venecia publican un manuscrito del s. X, conteniendo un fragmento en armenio titulado «Al emperador Adriano César de parte del filósofo ateniense Arístidos». En 1891 R. Harris descubre en el monasterio de S. Catalina del monte Sinaí una traducción siria de dicha apología. J. A. Robinson muestra que el texto de esta apología se encuentra publicado en griego entre las obras de S. Juan Damasceno (PG 96, 859-1240), formando parte de la leyenda «Viclcí de B(irlaam y losalat». La Apología nos llega en siriaco, armenio y griego, coincidentes en líneas esenciales, pero con diferencias sensibles en los detalles. No es cuestión resuelta qué texto reproduce más fielmente el original. Aunque la mayoría de los autores opinan que la Apología fue escrita ea. 124-126 y dirigida a Adriano durante su estancia en Atenas, según testimonio de Eusebio, otros, Geffcken, p. ej., la consideran dirigida a Antonio Pío ea. el 140 apoyados en la segunda inscripción del códice siriaco 16 (s. VI-VII) del Monastetio de S. Catalina, inscripción que pudo ser alterada.
    La Apología se compone de 17 capítulos, que pueden dividirse en: introducción (cap. l), examen de las diversas religiones (cap. 2-16) y conclusión (cap. 17). A. comienza mostrando la existencia de un único Dios, personal y providente, fundándose en el movimiento y arimonía del universo, señalando los principales atributos que convienen a la Divinidad y recalcando que Dios no necesita ni de sacrificios ni de libaciones. Tras esta confesión de monoteísmo, inicia el examen de las diversas religiones siguiendo la división del género humano en cuatro razas o pueblos: bárbaros, griegos, judíos y cristianos: el texto griego no indica más que tres - adoradores de los dioses, judíos y cristianos- al parecer, en estrecha dependencia del Kerygma Petri. Esta división queda simplificada más tarde en la de buscadores de la verdad e indiferentes. Tras criticar las religiones no cristianas, afirma que sólo los cristianos, que tienen su 1. origen en Jesucristo, el Señor, Hijo de Dios y nacido de una virgen hebrea (en el texto griego «una virgen santa»), han encontrado la verdad. Ellos reconocen al verdadero Dios, Padre, Hijo y Espíritu Santo; guardan en su corazón los mandamientos de Cristo y esperan «la resurrección de los muertos y la vida del siglo futuro». Subraya la idea de la autenticidad del cristianismo basándose en la renovación de costumbres que lleva consigo. En la descripción de la vida cristiana, A. parece depender de los primeros capítulos de la Didaié. Concluye expresando una doble esperanza: que callen las lenguas calumniosas y que antes de la vuelta de Cristo Juez se conviertan aquellos que todavía no conocen al verdadero Dios. En suma, A. ordena toda su Apología en torno a la noción de Dios. No se detiene en rechazar las calumnias contra los cristianos ni se aventura por los caminos de los argumentos jurídicos. Simplemente, confiesa su fe con sencilla y ardiente convicción.
    No se puede atribuir a A. con seguridad ni la Homilía sobre S. Lucas 23, 42-43, ni el Fragmento de una carta II todos los filósofos, ambos publicados por P. Martín (Analecta Sacra Spicilegio Solesmensi parata, IV, París 1883). En la Carta a los filósofos se designa a la Virgen con la misma expresión de la Apología: «virgen hebrea». Puede admitirse que algunas líneas dependen de la Apología, pero otras expresiones, Theotokos, p. ej., imponen el admitir numerosos retoques del texto hechos en el s. V, tras las luchas contra el nestorianismo.

    L. F. MATEO SECO

    BIBL.: Ediciones: l. R. HARRIS, The Apology of A., Texts and Stztdies, 2 ed. Cambridge 1893; E. HENNECKE, Die Apologie des A., Texte und Uyztersuchzirzgeiz, Leipzig 1893,-Tradiicciones: D. Ruiz BUENO, Padres Apologistas griegos, Madrid 1954; A. D'ALES, L'Apologie d'Aristide et le roniari de Bai-laam et de losap7zat, «Rev. des questions historiques» (1924); M. FERMI, L'a!gologia di A. e la lettera a Diogneto, «Ricerche Religiose» (1925) 451-545; W. C. VON UNNIK, Die Gotteslehre be¡ A. Und in gnostischien Schriften, «Theologische Zeitschrift» (1961) 166174.

    FONTE

    * * * * * *
    LOS CRISTIANOS VIVEN UNA VIDA CARITATIVA A LOS DEMÁS

    “Socorren a quienes los ofenden, haciendo que se vuelvan amigos suyos; hacen bien a los enemigos. No adoran dioses extranjeros; son dulces, buenos, pudorosos, sinceros y se aman entre sí; no desprecian a la viuda; salvan al huérfano; el que posee da, sin esperar nada a cambio, al que no posee. Cuando ven forasteros, los hacen entrar en casa y se gozan de ello, reconociendo en ellos verdaderos hermanos, ya que así llaman no a los que lo son según la carne, sino a los que lo son según el alma.
    Cuando muere un pobre, si se enteran, contribuyen a sus funerales según los recursos que tengan; si vienen a saber que algunos son perseguidos o encarcelados o condenados por el nombre de Cristo, ponen en común sus limosnas y les envían aquello que necesitan, y si pueden, los liberan; si hay un esclavo o un pobre que deba ser socorrido, ayunan dos o tres días, y el alimento que habían preparado para sí se lo envían, estimando que él también tiene que gozar, habiendo sido como ellos llamado a la dicha”. (ARISTIDES, La Apología, Siglo II)

    LOS CRISTIANOS VIVEN UNA VIDA DE SANTIDAD

    “Observan exactamente los mandamientos de Dios, viviendo santa y justamente, así como el Señor Dios les ha mandado; le rinden gracias cada mañana y cada tarde, por cada comida o bebida y todo otro bien... ". (ARISTIDES, La Apología, Siglo II)

    "Estas son, oh emperador, sus leyes. Los bienes que deben recibir de Dios, se los piden, y así atraviesan por este mundo hasta el fin de los tiempos, puesto que Dios lo ha sujetado todo a ellos. Le están, pues, agradecidos, porque para ellos ha sido hecho el universo entero y la creación. Por cierto, esta gente ha hallado la verdad”. (ARISTIDES, La Apología, Siglo II).

    “Los cristianos llevan grabadas en su corazón las leyes de Dios y las observan en la esperanza del siglo futuro. Por esto no cometen adulterio ni fornicación, no levantan falso testimonio; no se adueñan de los depósitos que han recibido; no anhelan lo que no les pertenece; honran al padre y a la madre, hacen bien al prójimo; y, cuando son jueces, juzgan justamente. No adoran ídolos de forma humana; todo aquello que no quieren que los otros les hagan a ellos, ellos no se lo hacen a nadie. No comen carnes ofrecidas a los ídolos, porque están contaminadas. Sus hijas son puras y vírgenes y huyen de la prostitución; los hombres se abstienen de toda unión ilegítima y de toda impureza; igualmente sus mujeres son castas, en la esperanza de la gran recompensa en el otro mundo…” (ARÍSTIDES, La apología, Siglo II).

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    vetera sed semper nova
    Data Registrazione
    14 Mar 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    529
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


    S. Aristide Marciano, apologeta

  3. #3
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dal sito SANTI E BEATI:

    Sant'Aristide Marciano, Apologista

    31 agosto

    Etimologia: Aristide = il migliore (degli uomini), ottimo, dal greco

    Martirologio Romano: Ad Atene, sant’Aristide filosofo, che, insigne per fede e sapienza, indirizzò all’imperatore Adriano degli scritti sulla religione cristiana.

    Martirologio tradizionale (31 agosto): Ad Atene sant'Aristide, chiarissimo per fede e per dottrina, il quale presentò al Principe Adriano un egregio volume sulla religione cristiana, in cui si esponeva la ragione della nostra fede, e, alla presenza dello stesso Imperatore, chiarissimamente dimostrò che solo Gesù Cristo è Dio.

    Noto dalle notizie tramandate da Eùsebio e da s. Gerolamo, Arialdo fiorì sotto l'impero di Adriano e di Antonino Pio (138-161). La lettura delle Sacre Scritture lo portò al Cristianesimo, nel quale continuò a professare la filosofia, riscuotendo l'ammirazione di molti per la sua eloquenza. Ingiuste sollevazioni popolari contro i cristiani lo spinsero a scrivere, contemporaneamente a Quadrato, una Apologia, intessuta di dottrine filosofiche, indirizzata all'imperatore Adriano, come risulta dalla prima inscriptio siriaca e dalla inscrittio del frammentario testo armeno. Ad Arialdo si offrì l'opportunità di presentare il suo scritto all'imperatore, probabilmente quando questi, attraversando la Grecia, svernò ad Atene e si fece iniziare ai misteri eleusini. Tale circostanza dovette eccitare il fanatismo religioso dei pagani, i quali infuriarono maggiormente contro i cristiani. Per reprimere questo sconsigliato impeto si adoperò A., la cui opera indusse Adriano a scrivere al proconsole dell'Asia, Minucio Fundano, per porre termine alle angherie a cui erano sottoposti i cristiani ed impedire che essi fossero denunciati e condannati senza formali e fondate accuse. Alcuni critici vogliono riportare ad una età più recente la presentazione dell'Apologia, ritenendone destinatario Antonino Pio, che è menzionato nella seconda inscriptio siriaca. Ma a tale cronologia si oppone sia la testimonianza della prima inscriptio siriaca e dell'inscriptio armena che il tono arcaico dell'Apologia, i cui accenni alle classiche accuse contro i cristiani, ampiamente trattate nelle apologie posteriori, suppongono un ambiente diverso. Inoltre nelle inscrittiones non si menziona il nome di Marco Aurelio, associato all'impero nel 147; quindi l'Apologia deve essere anteriore a tale data. Le circostanze descritte da Eusebio ed alcuni accenni a catastrofi avvenute nell'impero, presenti nell'Apologia, non consentono di collocare lo scritto durante l'impero di Antonino Pio.
    L'Apologia di Aristide ebbe una singolare vicenda. Fu conosciuta da Eusebio e da Gerolamo e fu ricordata da quegli scrittori che dipesero da tali fonti. Essa non fu citata da nessuno scrittore cristiano antico. Il Ceillier secondo cui alcuni monaci si vantaváno di avere ancora tale Apologia nella Biblioteca del monastero di Medelli a dieci miglia da Atene. Nel 1878 i Mechitaristi di Venezia scoprirono un frammento armeno dell'Apologia, seguiti poi nel ritrovamento dello stesso testo, sempre in armeno, dal Conybeare e dall'Eemin. Una scoperta più fortunata toccò a J. Rendell Harris che nel 1889 rinvenne nella Biblioteca del monastero di S. Caterina del Sinai un codice siriaco contenente la traduzione dell'Apologia. In base a questo documento, J. A. Robinson individuò il testo greco inserito, con adattamenti, nel romanzo greco di Barlaam e Ioasaph, attribuito a s. Giovanni Damasceno. Infine nel 1922 e nel 1923 furono scoperti dei frammenti greci su papiri, notevoli per la conoscenza del testo primitivo dell'opera.
    L'Apologia è stata divisa in 17 brevi capitoli. Dopo un proemio sulla conoscenza, esistenza, natura ed attributi divini (cap. 1), vi è 1'esposizione dell'origine delle quattro principali religioni (cap. 2) che sono trattate nei capitoli seguenti: la religione dei barbari (caldei, secondo il testo greco) capp. 3-7; quella dei greci (ed egiziani), capp. 8-12 (13); quella dei giudei, cap. 14, e quella dei cristiani, capp. 15-17. In realtà, la trattazione è l'esposizione del contrasto che vi è tra la religione dei greci e la religione dei cristiani; e quindi si comprende facilmente l'intonazione morale che viene data all'opera. Interessante è soprattutto l'esposizione della primitiva vita cristiana, che si svolge nell'esercizio dei precetti del Signore, che i fedeli portano scolpiti nei loro cuori. E' messa in evidenza l'assiduità nella preghiera per gli amici e per i nemici, per i vivi e per i defunti; la carità verso tutti, I'opera di assistenza per i viandanti e per i condannati per il nome di Cristo; la cura per la conversione dei pagani; la santità della vita domestica; la purezza dei costumi. Questi argomenti sono trattati con devota mestizia, che non toglie la gioia del cuore nell'attesa della seconda venuta di Cristo, ehe, secondo i meriti, premierà i buoni e punirà i cattivi. Notevoli sono pure due brevi accenni, che possono riferirsi al battesimo ed alla penitenza. Questa è l'unica opera completa che sia pervenuta degli scritti di A. Si conservano brevi frammenti di discorsi, editi dai Mechitaristi. Null'altro si conosce sugli scritti o sulla persona dell'apologeta. La tradizione vuole che egli morisse martire. Di ciò si conserva me moria in vari martirologi. Il Vetus Romarrum e i martirologi di Beda, Usuardo e Baronio, ne celebrano la memoria al 31 ag.; il Vetus Romanum, Adone e Usuardo lo ricordano anche al 3 ottobre.

    Autore: Costantino Vona


  4. #4
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Aristide Marciano

    Sant'Aristide Marciano
    è stato un santo e filosofo greco, Padre apologeta del II secolo. Vissuto ad Atene intorno al 140, Aristide era un filosofo, molto ammirato; la lettura delle Sacre Scritture lo portò al Cristianesimo, nel quale continuò a professare la filosofia. Aristide era ben noto ad Eusebio e anche a Girolamo, che lo menziona nel De Viris Illustribus 20 e nell'Ep 70, dove scrive:
    «Aristides philosophus, vir eloquentissimus, eidem principi (Hadriano) Apologeticum pro Christianis obtulit, contextum philosophorum sententiis, quem imitatus postea Justinus, et ipse philosophus».
    La Chiesa cattolica ricorda Sant'Aristide il 31 agosto. L'apologeta è annoverato inoltre tra i martiri: si veda il Martyrologium Vetus Romanum di Adone in Patrologia Latina, CXXIII, 344, 374
    «Athenis Dionysii Areopagitae sub Hadriano diversis tormentis passi, ut Aristides testis est in opere quod de Christiana religione composuit; hoc opus apud Athénien ses inter antiquorum memorias clarissimum tenetur».
    L'opera: l'Apologia

    Aristide di Atene scrisse una Apologia, intessuta di dottrine filosofiche, indirizzata all'imperatore Adriano, come risulta da Eusebio e dalla versione armena della Apologia. Questa è il più antico scritto apologetico cristiano che ci sia pervenuto. L'Apologia di Aristide ebbe una singolare vicenda. Fu conosciuta da Eusebio e da Gerolamo e fu ricordata da quegli scrittori che dipesero da tali fonti. Nel 1878 i Mechitaristi di Venezia scoprirono un frammento armeno dell'Apologia, seguiti poi nel ritrovamento dello stesso testo, sempre in armeno (secolo V), dal Conybeare e dall'Eemin. Una scoperta più fortunata toccò a J. Rendell Harris che nel 1889 rinvenne nella Biblioteca del monastero di Santa Caterina del Sinai il Cod. Syr. 16 (secolo VII) contenente la traduzione siriaca dell'Apologia (sec. V). In base a questo documento, J. A. Robinson si accorse della straordinaria somiglianza con una parte del romanzo greco di Barlaam e Ioasafat, attribuito a san Giovanni Damasceno, scoprendo come quest'ultimo utilizzava l'Apologia sotto forma di discorso pronunciato dall'indovino Nachor. Infine nel 1922 e nel 1923 furono scoperti dei frammenti greci su papiri, notevoli per la conoscenza del testo primitivo dell'opera (Grenfell, Hunt, Milne).

    Scrive Costantino Vona in Bibliotheca Sanctorum, I:
    «L'Apologia è stata divisa in 17 brevi capitoli. Dopo un proemio sulla conoscenza, esistenza, natura ed attributi divini (cap. 1), vi è l'esposizione dell'origine delle quattro principali religioni (cap. 2) che sono trattate nei capitoli seguenti: la religione dei barbari (caldei, secondo il testo greco) capp. 3-7; quella dei greci (ed egiziani), capp. 8-12 (13); quella dei giudei, cap. 14, e quella dei cristiani, capp. 15-17. In realtà, la trattazione è l'esposizione del contrasto che vi è tra la religione dei greci e la religione dei cristiani; e quindi si comprende facilmente l'intonazione morale che viene data all'opera».
    Secondo Aristide, i barbari adorano gli elementi di cui si compone la natura visibile (cielo, terra, acqua, fuoco, uomo) e, quindi, si rivolgono alle opere di Dio e non a Dio stesso. I greci attribuiscono agli dèi comportamenti simili a quelli degli uomini, con le loro debolezze e le loro colpe. I giudei adorano il vero Dio, ma il loro culto apprezza molto più l'esteriorità che la spiritualità. Soltanto il cristianesimo afferma l'idea e l'esistenza di Dio tramite la vita pura e l'armonia con il prossimo.

    È scritto nell'Apologia:
    «(I cristiani) non adorano dei stranieri; sono dolci, buoni, pudichi, sinceri, si amano fra loro; non disprezzano la vedova; salvano l'orfano; colui che possiede dà, senza mormorare, a colui che non possiede. Allorché vedono dei forestieri, li fanno entrare in casa e ne gioiscono, riconoscendo in essi dei veri fratelli, poiché così chiamano non quelli che lo sono secondo la carne, ma coloro che lo sono secondo l'anima (...). Osservano esattamente i comandamenti di Dio, vivendo santamente e giustamente, così come il Signore Iddio ha loro prescritto; gli rendono grazie ogni mattina e ogni sera, per ogni nutrimento o bevanda e ogni altro bene (...). Queste sono, o imperatore, le loro leggi. I beni che devono ricevere da Dio, glieli domandano, e così attraversano questo mondo fino alla fine dei tempi: poiché Dio ha assoggettato tutto ad essi. Sono dunque riconoscenti verso di lui, perché per loro è stato fatto l'universo intero e la creazione. Di certo questa gente ha trovato la verità».
    Carlotta Alpigiano, curatrice della edizione italiana dalle versioni greca e siriaca (Nardini ed., 1988) fa notare come Aristide
    «si rivela nell'Apologia un pagano convertito che, attraverso un'esperienza di ricerca e forse una momentanea adesione al giudaismo, che egli giudica tutto sommato con favore, ha trovato nel cristianesimo la realizzazione e il compimento dell'idea di Dio a cui egli era giunto per vie razionali e ne ha accettato anche la rivelazione. Attraverso il ragionamento svolto nell'Apologia Aristide presenta e propone ai pagani il suo stesso cammino di conversione, offrendo loro la possibilità di ottenere la salvezza e contemporaneamente invitandoli a desistere dal calunniare i cristiani. (...) Nei cc. 15-17 presenta un lungo elenco di virtù dei cristiani: essi sono il "popolo nuovo", la "stirpe beata", dalla cui bocca escono "cose divine" e la cui dottrina è "la porta della luce" che permette di giungere alla salvezza nel giudizio finale».
    Bibliografia
    • Costantino Vona, Sant'Aristide, Bibliotheca Sanctorum, I, 1998.
    • Aristide di Atene, Apologia, a cura di Carlotta Alpigiano, Nardini ed., Centro Internazionale del Libro, Firenze, 1988.
    • Aristide, Apologie, a cura di Bernard Pouderon... (et al.), Paris, Éditions du Cerf, 2003.
    • J. A. Robinson M.A. (Fellow and Assistant Tutor of Christ's College Cambridge), The remains of the original greek of the Apology of Aristides
    • Ronchey-Cesaretti, Vita bizantina di Barlaam e Joasaf, Milano, 1980 (dal greco).
    • Woodward, G.R. & H. Mattingly (edd.), Barlaam and Joasaph, London, 1907 (II ed., Harvard University Press, Cambridge MA, 1914: il testo è di pubblico dominio).

    Fonte: wikipedia

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    IPERURANIO INTERIORE
    Messaggi
    3,939
    Mentioned
    28 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Lightbulb Re: 31 agosto - S. Aristide Marciano

    31 AGOSTO 2019: SAN RAIMONDO NONNATO, CONFESSORE; NOSTRA SIGNORA BEATA VERGINE MARIA SANTISSIMA DELLA CONSOLAZIONE O DELLA CINTURA…



    San Raimondo Nonnato - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/san-raimondo-nonnato/
    «31 agosto, San Raimondo Nonnato, Confessore (Portell, 1200/1204 – Cardona, 31 agosto 1240).
    “San Raimondo Nonnato, dell’Ordine della Beata Maria della Mercede per la redenzione degli schiavi, Cardinale e Confessore; il cui giorno natalizio è ricordato il ventisei di questo mese”.

    Dio, che rendesti mirabile il tuo beato confessore Raimondo nel liberare i tuoi fedeli dalla cattività degli empi, concedici per sua intercessione, che sciolti dai lacci dei peccati, compiamo con libertà di spirito la tua volontà. Così sia.»
    http://www.sodalitium.biz/wp-content...to-197x300.jpg
    http://www.sodalitium.biz/wp-content...-1-197x300.jpg






    SANTE MESSE CATTOLICHE IN LATINO CELEBRATE "NON UNA CUM" DAI SACERDOTI DELL' I.M.B.C. ("ISTITUTO MATER BONI CONSILII") E DA DON FLORIANO ABRAHAMOWICZ IN TUTTA ITALIA:


    "Sante Messe - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/

    "Torino - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/torino/

    "Modena - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/modena/

    "Rimini - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/rimini/

    "Pescara - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/pescara/

    "Potenza - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/potenza/

    "Roma - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/roma/

    "S. Messa in provincia di Verona - Sodalitium"
    http://www.sodalitium.biz/s-messa-provincia-verona/

    “Sodalitium - IMBC.”
    https://www.youtube.com/user/sodalitium

    “Omelie dell'I.M.B.C. a Ferrara.”
    https://www.facebook.com/OmelieIMBCFerrara/


    http://www.oratoriosantambrogiombc.it/
    “Oratorio Sant'Ambrogio, Milano - Offertur Oblatio Munda (Malachia 1, 11).”




    «Don Floriano Abrahamowicz - Domus Marcel Lefebvre.
    http://www.domusmarcellefebvre.it/
    https://www.youtube.com/user/florianoabrahamowicz
    XI domenica d. Pentecoste (Santa Messa)
    https://www.youtube.com/watch?v=NNOE3X7h7kc
    XI domenica d. Pentecoste (Omelia)
    https://www.youtube.com/watch?v=hk75pIqAtog
    http://www.domusmarcellefebvre.it/santa-messa-1.php
    La Santa Messa tutte le domeniche alle ore 10.30 a Paese, Treviso.».





    http://www.centrostudifederici.org/
    Ultimi comunicati estivi - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/u...nicati-estivi/
    «Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza
    Ultimi comunicati estivi
    Da settembre riprenderà l’invio regolare dei comunicati e degli avvisi del Centro Studi Federici. Intanto ricordiamo i comunicati e le segnalazioni di luglio e di agosto.
    In rilievo: Modena, 12/10 2019, XIV giornata per la regalità sociale di di Cristo
    http://www.centrostudifederici.org/a...galita-cristo/
    L’editoriale di Opportune Importune n. 36
    http://www.centrostudifederici.org/o...mportune-n-36/
    Una gravissima vicenda minaccia il quartiere cristiano di Gerusalemme
    http://www.centrostudifederici.org/g...o-gerusalemme/
    Terra Santa: ancora cristianofobia di matrice giudaica
    http://www.centrostudifederici.org/t...rice-giudaica/
    Anniversari di Terra Santa
    http://www.centrostudifederici.org/segnalazioni-5/
    Nagasaki 9 agosto 1945
    http://www.centrostudifederici.org/n...9-agosto-1945/
    La buona stampa
    http://www.centrostudifederici.org/buona-stampa/ »
    http://www.centrostudifederici.org/w...2019/08/14.jpg











    www.sursumcorda.cloud
    https://www.facebook.com/CdpSursumCorda/?fref=nf
    «Carlo Di Pietro - Sursum Corda.
    Vergine Santissima Immacolata Vi ringraziamo per tutte le grazie e misericordie che ci avete ottenuto in questo giorno con la Vostra potente intercessione.»
    https://www.sursumcorda.cloud/preghiere/

    “Preghiera a San Raimondo Nonnato (31.8) --->”
    https://www.sursumcorda.cloud/preghi...nato-31-8.html

    “Il 31 agosto la Chiesa festeggia san Domenichino del Val (nato e morto a Saragozza, 1243 - 1250), vittima di un omicidio rituale giudaico. Nel quadro san Domenichino è ai piedi della SS. Trinità insieme a san Valerio, san Vincenzo e san Pietro d'Arbués.
    Dalla bacheca di don Ugo Carandino
    Sul delitto rituale, storia e critica (di Mons. Umberto Benigni) --->”
    https://www.sursumcorda.cloud/artico...o-benigni.html

    https://www.sursumcorda.cloud/sostienici/libri.html
    “Appunti sulla questione del cosiddetto «papa eretico»”
    https://www.sursumcorda.cloud/massim...a-eretico.html
    "Complotto contro la Chiesa e la società civile - La Massoneria e l'Alta Vendita Suprema ---> https://youtu.be/Yq80fiJvVAc "

    “Sant'Alfonso sull'ecumenismo, sulla tolleranza e sul dialogo interreligioso --->”
    https://www.sursumcorda.cloud/massim...cumenismo.html
    “Preghiera di San Pietro Canisio per conservare la vera fede.”
    https://www.sursumcorda.cloud/preghi...vera-fede.html
    “Catechismo tridentino. Bisogna pregare Dio Uno e Trino.”
    https://www.sursumcorda.cloud/artico...o-e-trino.html






    https://www.facebook.com/catholictradition2016/
    «Sancti et Sanctae Dei, orate pro nobis.»
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...3d&oe=5E09A45B






    https://sardiniatridentina.blogspot....santa.html?m=1
    «SAN RAIMONDO NONNATO, CONFESSORE
    San Raimondo Nonnato Confessore

    San Raimondo Nonnato, dell'Ordine della beata Maria della Mercede per la redenzione degli schiavi, Cardinale di Santa Romana Chiesa e Confessore. Fu liberatore di schiavi in Africa dove subì anche atroci torture dai Maomettani fra i quali non cessava di far proseliti con la parola e l’esempio. Passò al Signore il 31 agosto 1240.
    INTROITUS
    Ps 36.30-31.- Os iusti meditábitur sapiéntiam, et lingua eius loquétur iudícium: lex Dei eius in corde ipsíus. ~~ Ps 36:1- Noli æmulári in malignántibus: neque zeláveris faciéntes iniquitátem. ~~ Glória ~~ Os iusti meditábitur sapiéntiam, et lingua eius loquétur iudícium: lex Dei eius in corde ipsíus.
    Ps 36.30-31.- La bocca del giusto pronuncia parole di saggezza, la sua lingua parla con rettitudine; ha nel cuore la legge del suo Dio. ~~ Ps 36:1.- Non invidiare i malvagi e non essere geloso degli operatori di iniquità. ~~ Gloria ~~ La bocca del giusto pronuncia parole di saggezza, la sua lingua parla con rettitudine; ha nel cuore la legge del suo Dio.

    Gloria

    ORATIO
    Orémus.
    Deus, qui in liberándis fidélibus tuis ab impiórum captivitáte beátum Raymúndum Confessórem tuum mirábilem effecísti: eius nobis intercessióne concéde; ut, a peccatórum vínculis absolúti, quæ tibi sunt plácita, líberis méntibus exsequámur. Per Dominum nostrum Iesum Christum, Filium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.

    Preghiamo.
    O Dio, che facesti mirabile nella liberazione dei cristiani dalla schiavitù degli infedeli il beato Raimondo confessore tuo; concedici che per sua intercessione, sciolti dalle catene del peccato, con libero animo conseguiamo ciò che a te piace. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

    LECTIO
    Léctio libri Sapiéntiæ.
    Eccli 31:8-11.
    Beátus vir, qui invéntus est sine mácula, et qui post aurum non ábiit, nec sperávit in pecúnia et thesáuris. Quis est hic, et laudábimus eum? fecit enim mirabília in vita sua. Qui probátus est in illo, et perféctus est, erit illi glória ætérna: qui potuit tránsgredi, et non est transgréssus: fácere mala, et non fecit: ídeo stabilíta sunt bona illíus in Dómino, et eleemósynis illíus enarrábit omnis ecclésia sanctórum.

    Beato l'uomo che è trovato senza macchia, che non è andato dietro all'oro, e non ha sperato nel danaro e nei tesori. Chi è costui e gli daremo lode? Poiché certo ha fatto meraviglie nella sua vita. Costui fu provato con l'oro e rimase incorrotto, sicché ridonda a sua gloria. Costui poteva peccare e non peccò, fare del male e non lo fece. Per questo i suoi beni sono resi stabili nel Signore e le sue limosine saranno celebrate dalla piena adunanza dei Santi

    GRADUALE
    Ps 91:13; 91:14
    Iustus ut palma florébit: sicut cedrus Líbani multiplicábitur in domo Dómini.
    Ps 91.3
    Annuntiándum mane misericórdiam tuam, et veritátem tuam per noctem.
    Il giusto fiorirà come palma; crescerà come cedro del Libano nella casa del Signore.
    V. Per annunziare la tua misericordia al mattino, e la tua fedeltà nella notte.

    ALLELUIA
    Allelúia, allelúia
    Iac 1:12
    Beátus vir, qui suffert tentatiónem: quóniam, cum probátus fúerit, accípiet corónam vitæ. Allelúia.
    Alleluia, alleluia
    Beato l'uomo che sopporta la tentazione, perché una volta superata la prova riceverà la corona della vita. Alleluia.

    EVANGELIUM
    Sequéntia ✠ sancti Evangélii secúndum Lucam.
    Luc 12.35-40
    In illo témpore: Dixit Iesus discípulis suis: Sint lumbi vestri præcíncti, et lucernæ ardéntes in mánibus vestris, et vos símiles homínibus exspectántibus dóminum suum, quando revertátur a núptiis: ut, cum vénerit et pulsáverit, conféstim apériant ei. Beáti servi illi, quos, cum vénerit dóminus, invénerit vigilántes: amen, dico vobis, quod præcínget se, et fáciet illos discúmbere, et tránsiens ministrábit illis. Et si vénerit in secúnda vigília, et si in tértia vigília vénerit, et ita invénerit, beáti sunt servi illi. Hoc autem scitóte, quóniam, si sciret paterfamílias, qua hora fur veníret, vigiláret útique, et non síneret pérfodi domum suam. Et vos estóte paráti, quia, qua hora non putátis, Fílius hóminis véniet.
    In quel tempo: Disse Gesù ai suoi discepoli: «I vostri fianchi sian cinti ed accese nelle vostre mani le lucerne, come coloro che aspettano il loro padrone quando torni da nozze, per aprirgli appena giunge e picchia. Beati quei servi che il padrone, arrivando, troverà desti. In verità vi dico, che, cintosi, li farà sedere a tavola e si metterà a servirli. E se giungerà alla seconda vigilia e se giungerà alla terza vigilia e li troverà così, beati loro! Sappiate però che se il padrone conoscesse in qual ora viene il ladro, veglierebbe senza dubbio, e non si lascerebbe sfondare la casa. E anche voi tenetevi pronti, perché, nell'ora che non pensate, verrà il Figlio dell'uomo».

    OFFERTORIUM
    Ps 88:25
    Véritas mea et misericórdia mea cum ipso: et in nómine meo exaltábitur cornu eius.
    Con lui staranno la mia fedeltà e il mio amore, e s'innalzerà nel mio Nome la sua forza.

    SECRETA
    Laudis tibi, Dómine, hóstias immolámus in tuórum commemoratióne Sanctórum: quibus nos et præséntibus éxui malis confídimus et futúris. Per Dominum nostrum Iesum Christum, Filium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.
    Ti offriamo, o Signore, un sacrificio di lode in memoria dei tuoi santi, e per esso speriamo di essere liberati dai mali presenti e futuri. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

    COMMUNIO
    Matt 24:46-47.
    Beátus servus, quem, cum vénerit dóminus, invénerit vigilántem: amen, dico vobis, super ómnia bona sua constítuet eum.
    Beato il servo il padrone al suo ritorno troverà vigilante: in verità vi dico che lo porrà a capo di tutti i suoi beni.

    POSTCOMMUNIO
    Orémus.
    Refécti cibo potúque coelesti, Deus noster, te súpplices exorámus: ut, in cuius hæc commemoratióne percépimus, eius muniámur et précibus. Per Dominum nostrum Iesum Christum, Filium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.
    Preghiamo.
    Ristorati dal cibo e dalla bevanda celeste, ti supplichiamo, o Signore Dio nostro, sia nostra difesa la preghiera del santo, nella cui festa abbiamo partecipato a questi doni. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.»
    https://1.bp.blogspot.com/-Nv9dzgRr3...00/EK27738.jpg






    https://tradidiaccepi.blogspot.com/2...rtire.html?m=1
    «SAN DOMENICO DE VAL
    Fanciullo innocente e Martire, vittima di omicidio rituale ebraico nel 1250.

    Doppio maggiore.
    Paramenti rossi.
    Nato a Saragozza nel 1243 dalla nobile famiglia del Val, Domenico (Dominguito) cresceva in grazia e bontà al cospetto di Dio e degli uomini e venne ben presto ammesso nella schiera dei chierichetti della Cattedrale di Saragozza. Il Giovedì Santo del 1250 finite le funzioni, si avviò per tornare a casa, ma degli Israeliti, che ricercavano il sangue di un cristiano per compiere i loro riti superstiziosi e sacrileghi, lo rapirono e lo portarono sulle sponde dell'Ebro. Spogliato e vituperato, egli invocava il Nome di Gesù Cristo e come Gesù Cristo venne crocifisso in odium fidei: quei perfidi lo confissero su di un muro e gli infersero anche una ferita al costato. Il piccolo Martire morì lentamente e i suoi assassini, quando si accorsero che era ormai morto, lo strapparono dal muro e ne gettarono il corpo nel vicino fiume. Intanto i genitori lo cercavano disperati, ma lo trovarono solo quando un pescatore, abbagliato da una luce che splendeva sulle acque, avvicinatosi con la barca, trovò lo straziato corpicino. Illustrato dai miracoli - fra i quali il pentimento e la conversione del più feroce dei suoi carnefici - Dominguito venne ben presto onorato come Santo in tutta la Spagna, diventando Patrono degli scolari e dei chierichetti. Le sue reliquie si conservano tuttora nella Metropolitana di Saragozza. Il giorno della sua festa, i fanciulli adornavano la Cappella in cui era sepolto e offrivano ai canonici, sopra un piatto d'argento, dei fiori, simbolo della purezza del piccolo Martire; poi presentavano le sue reliquie alla venerazione e al bacio dei devoti. L'urna passava per la città portata a spalla dai chierichetti finché non rientrava in Cattedrale accolta dall'Arcivescovo che dopo offriva un rinfresco ai fanciulli e regalava loro 50 ducati. Il culto ab immemorabili ricevette la suprema sanzione da Pio VII, Pontefice Massimo, con rescritto del 9 luglio 1808.
    Legato a questo Santo fanciullo martire da vincoli di parentela è il Servo di Dio Cardinale Rafael Merry del Val y Zulueta (Londra, 10 ottobre 1865 - Roma, 26 febbraio 1930), amico fidatissimo e Segretario di Stato di san Pio X.
    PROPRIUM MISSÆ PRO REGNO ARRAGONIÆ (Proprio della Messa per il Regno di Aragona).»
    https://3.bp.blogspot.com/-w-qjTMxZB...22459141_n.jpg
    https://1.bp.blogspot.com/-WG6LaJOLm...01421605_n.jpg











    “NOVENA IN PREPARAZIONE DELLA FESTA DELLA NATIVITÀ DI NOSTRA SIGNORA BEATA VERGINE MARIA SANTISSIMA. (30 Agosto - 7 Settembre).”
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...37&oe=5DCCFEF1



    https://tradidiaccepi.blogspot.com/2...zione.html?m=1


    «NOSTRA SIGNORA BEATA VERGINE MARIA SANTISSIMA DELLA CONSOLAZIONE O DELLA CINTURA
    Beata Vergine Maria della Consolazione o della Cintura
    Il Sabato dopo la festa di Sant’Agostino ci viene proposta la venerazione della beatissima Vergine Madre Dio Maria sotto il titolo “della Consolazione”.
    La Chiesa Romana invoca Maria Santissima “Consolatrice degli afflitti”: ella infatti “li libera dalle afflizioni .... rende ad essi leggere le afflizioni ... giunge finanche a rendere loro amabili le afflizioni” (Padre Pasquale Grassi, Le litanie della santissima Vergine spiegate e proposte in forma di considerazioni, Napoli, 1859, pp. 211-216). La Vergine della Consolazione è detta anche della Cintura, secondo la devozione agostiniana. Si tramanda che santa Monica, degna madre di sant’Agostino, desiderava imitare la Madonna anche nel vestire. La benignissima Signora volle accondiscendere alla pietà della santa e le apparve vestita di una veste semplice e scura, dall’aspetto penitenziale, stretta da una cintura. Maria, slacciatasi la cintura, la porse a Monica raccomandandosi di portarla sempre e le chiese di invitare tutti coloro che desideravano il Suo particolare patrocinio ad indossarla. Poco per volta, la cintura divenne uno dei tratti distintivi degli Agostiniani e di quanti hanno regole di vita che traggono spunto da sant’Agostino. Nel tempo, si è formata poi un’associazione - detta dei Cinturati - con tanto di indulgenze concesse dall’autorità ecclesiastica che richiede soltanto l’iscrizione all’associazione, di indossare la cintura e la recita quotidiana di una coroncina di 13 Pater, un Credo e una Salve Regina.»
    https://4.bp.blogspot.com/-neDOpErc-...s640/troja.jpg
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...26&oe=5DCC0CBE











    «SOLENNITA’ DELLA BEATA VERGINE MARIA DI SIPONTO.»
    https://www.statoquotidiano.it/wp-co...di_Siponto.jpg





    https://www.statoquotidiano.it/wp-co...50339315_n.jpg





    «INNO A MARIA SANTISSIMA DI SIPONTO
    https://www.youtube.com/watch?v=Q89h_Y3JjxU»







    https://www.radiospada.org/
    http://www.edizioniradiospada.com/
    https://www.facebook.com/radiospadasocial/?fref=nf
    “31 agosto 2019 : San Raimondo Nonnato, confessore.

    Nacque a Portell nella Catalogna (Spagna) e si chiama Nonnato perché fu estratto vivo dal grembo della madre morta. La sua breve vita iniziò nel 1200 e si chiuse nel 1240. Entrato nell'Ordine Mercedario diede prova di grande carità verso i cristiani schiavi. Restato in pegno al posto di uno di loro era talmente zelante nella predicazione del vangelo di Cristo che riuscì in molte conversioni. Allora gli perforarono le labbra e gliele chiusero con un lucchetto. Molto devoto dell'Eucarestia (sostenitore della comunione quotidiana) e della Vergine Maria (da lui sempre chiamata "mamma") fu eletto cardinale nel 1240. Ma mentre si recava dal Papa per essere insignito della dignità cardinalizia si sentì male e, secondo la tradizione, dopo aver ricevuto miracolosamente la comunione, morì. E' invocato come protettore delle partorienti.”
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...62&oe=5E033BDD






    “31 agosto 2019: L'omaggio di Radio Spada a San Domenichino del Val, martire, ucciso in odium Fidei in un omicidio rituale ebraico.
    Deus, qui beato Dominico, Martyri innocenti, vitæ perpetuæ præmium contulisti: concede quæsumus; ut, eius maeritis et precibus fulti, æterna beatitudine perfrui mereamur. Per Dominum nostrum Iesum Christum Filium tuum: Qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia sæcula sæculorum. Amen.

    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...63&oe=5DD43D09

    https://www.radiospada.org/2019/08/d...or-los-judios/







    www.agerecontra.it | Sito del Circolo Cattolico "Christus Rex"
    http://www.agerecontra.it/

    "Centro Studi Giuseppe Federici - sito ufficiale"
    http://www.centrostudifederici.org/

    "sito dedicato alla crisi dottrinale nella Chiesa cattolica"
    http://www.crisinellachiesa.it/

    "Sito ufficiale del Centro Culturale San Giorgio"
    http://www.centrosangiorgio.com/


    C.M.R.I. - "Congregatio Mariae Reginae Immacolata" ("Congregation of Mary Immaculate Queen" "Congregazione di Maria Regina Immacolata"):
    http://www.cmri.org/ital-index.html





    https://www.truerestoration.org/


    https://novusordowatch.org/


    ": Quidlibet : ? A Traditionalist Miscellany — By the Rev. Anthony Cekada"
    http://www.fathercekada.com/

    "Home | Traditional Latin Mass Resources"
    http://www.traditionalmass.org/

    http://www.traditionalcatholicpriest.com/





    "Como ovejas sin Pastor"
    http://sicutoves.blogspot.com/


    https://moimunanblog.com/





    “Pro Fide Catholica | Le site de Laurent Glauzy”
    https://profidecatholica.com/


    https://johanlivernette.wordpress.com/


    https://lacontrerevolution.wordpress.com/


    https://sedevacantisme.wordpress.com/


    "Sede Vacante -"
    http://www.catholique-sedevacantiste.fr/


    http://wordpress.catholicapedia.net/





    Ligue Saint Amédée
    http://www.SaintAmedee.ch
    https://www.facebook.com/SaintAmedee/?fref=nf
    «Intransigeants sur la doctrine ; charitables dans l'évangélisation [Non Una Cum]. Pas de "motu proprio" chez nous : nous célebrons la Sainte Messe selon le missel de Saint Pie V.»
    “Mieux vaut une petite œuvre dans la Vérité, qu’une grande dans l’erreur.”

    31 août : Saint Raymond Nonnat, Cardinal (1201-1240) :: Ligue Saint Amédée
    «31 août : Saint Raymond Nonnat, Cardinal (1201-1240).»
    http://liguesaintamedee.ch/applicati...d_nonnat_2.jpg







    Ad majorem Dei gloriam - Per la maggior gloria di Dio!!! A.M.D.G.
    Gloria Patri et Filio et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio et nunc et semper et in saecula saeculorum. Amen.
    «O Santissima Trinità, vi adoro! Mio Dio, mio Dio, Vi amo nel Santissimo Sacramento!»
    CHRISTUS VINCIT, CHRISTUS REGNAT, CHRISTUS IMPERAT!!!
    Luca, SURSUM CORDA – HABEMUS AD DOMINUM!!!
    ADDIO GIUSEPPE, amico mio, sono LUCA e nel mio CUORE sarai sempre PRESENTE!
    «Réquiem aetérnam dona ei, Dómine, et lux perpétua lúceat ei. Requiéscat in pace. Amen.»

    SURSUM CORDA - HABEMUS AD DOMINUM!!! A.M.D.G.!!!

 

 

Discussioni Simili

  1. Immortali Marciano a Bautzen
    Di Pensiero Nazionale nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-06-11, 23:47
  2. Giulio Aristide Sartorio
    Di er uagh nel forum Arte
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 05-07-06, 20:36
  3. 200 sindaci marciano su Roma
    Di Liquid Sky nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 39
    Ultimo Messaggio: 21-07-04, 17:09
  4. hugo chavez ha le ... arìstide un po' meno
    Di myisbetter nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-03-04, 11:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226