User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    28 Nov 2011
    Messaggi
    704
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    08 settembre 1943: il giorno della Vergogna e del tradimento

    8 settembre 1943: Il giorno della vergogna

    Categoria : Cultura, Opinione
    Tratto da Rinascita Da qualche tempo la storiografia dominante, sempre più partigiana, sta tentando, in verità con discreto successo, di riformulare il giudizio storico sull’8 settembre del 1943 quando il tremebondo governo italiano del maresciallo Badoglio si arrese ai perentori ‘desiderata’ degli anglo-americani chiamandosi fuori da una guerra che si stava facendo sempre più difficile: con tale gesto ci si illudeva di poter riacquistare un certo peso nell’ambito delle trattative e delle spartizioni post-belliche. E così, come per incanto, il giorno della vergogna si trasforma nel giorno della rinascita, dell’orgoglio e dell’identità nazionale. Badoglio, spogliato del suo manto di ignavia, viene agghindato con la fulgida veste di salvatore della Patria. Una manovra insidiosa, subdola ed anche ben orchestrata che rischia, stante l’assenza di reazioni e l’opulenza di mezzi mediatici messa in campo dai sacerdotali paladini del falso storico, di passare per verità inoppugnabile. Ma andiamo ad analizzare più da vicino quel triste giorno. Diventato capo del governo dopo la drammatica seduta del Gran Consiglio (25 luglio) che aveva portato alla caduta del fascismo e all’esautorazione di Mussolini, Badoglio, d’accordo con il re Vittorio Emanuele III, si era subito adoperato per procurare l’uscita dell’Italia dal conflitto. E mentre incaricava i suoi emissari di avviare le trattative, nello stesso tempo provvedeva a riaffermare la volontà di proseguire la guerra accanto all’alleato tedesco. Fu proprio Bado-glio a chiedere al comando germanico di dislocare sul territorio della Penisola un congruo numero di divisioni per prevenire un possibile sbarco degli anglo-americani. Un campione di doppiezza, quindi, neanche tanto avveduto visto che a Berlino conoscevano a menadito le sue incaute mosse. Le trattative, comunque, gestite in maniera approssimativa da parte dei rappresentanti ufficiali e non del governo italiano (il più delle volte agivano l’uno all’insaputa dell’altro provocando equivoci grotteschi e l’insofferenza degli Alleati), si conclusero agli inizi di settembre. L’Italia non aveva molto da scegliere: doveva piegarsi senza porre condizioni di sorta. Badoglio accettò il diktat e così il 3 settembre, a Cassibile, in Sicilia, il generale Castellano e il pari grado statunitense Bedell-Smith apposero le firme sul documento di resa. Ci si prese, però, ancora qualche giorno per rendere noto l’accordo: ciò al fine di consentire al governo italiano di predisporre misure idonee per evitare ritorsioni da parte dei tedeschi. All’improvviso, però, gli Alleati, stizziti dall’atteggiamento ondivago e contraddittorio del governo italiano, decisero di divulgare l’avvenuta sottoscrizione del patto. Erano le 18.45 dell’8 settembre quando ‘Radio Londra’ trasmetteva un messaggio di Eisenhower che annunciava al mondo intero la resa incondizionata delle forze armate italiane. Colto di sorpresa Badoglio si vide costretto a fare altrettanto: alle 19.30 si recò nella sede romana dell’Eiar e, presentato laconicamente da uno speaker, lesse il testo di un breve comunicato: “Il governo italiano, riconosciuta l’impossibilità di continuare l’impari lotta contro la schiacciante potenza avversaria, nell’intento di risparmiare ulteriori e più gravi danni alla nazione, ha chiesto l’armistizio al generale Eisenhower. La richiesta è stata accolta. Conseguentemente ogni atto di ostilità contro le forze anglo-americane deve cessare da parte delle forze italiane in ogni luogo. Esse però reagiranno ad eventuali attacchi da qualsiasi altra provenienza”. L’Italia, dunque, usciva dalla guerra e con una incredibile capriola, ribaltando antiche alleanze, passava da un campo all’altro. Eppure proprio quell’8 settembre, il re Vittorio Emanuele, ricevendo a Villa Savoia l’ambasciatore Rahn, aveva inviato un messaggio al Fuhrer nel quale ribadiva che l’Italia era “legata alla Germania per la vita e per la morte”. Mentre, però, da artista consumato recitava il suo menzognero copione, alcuni suoi fiduciari avevano provveduto a spedire al sicuro in Svizzera una quarantina di autocarri stracolmi di quadri, oggetti preziosi, mobili, sculture, tappeti, argenterie e, naturalmente, i gioielli della Corona. Il giorno seguente (9 settembre) i sovrani e buona parte dei ministri del governo, Badoglio in testa, decisero di abbandonare Roma per correre incontro agli Alleati che, sbarcati in Sicilia (10 luglio), stavano risalendo lo Stivale. Alle prime luci dell’alba una interminabile sequela di automobili si avviò da Palazzo Baracchini, sede capitolina del ministero della guerra: la fuga era iniziata. Il corteo, scortato da alcune autoblindo dell’esercito italiano, trasportava passeggeri di rango assai elevato: il re Vittorio Emanuele III, la regina, il ministro della Real Casa Acquarone, il maresciallo Badoglio, Umberto di Savoia, i generali Ambrosio e Roatta, rispettivamente capo di Stato Maggiore generale e capo di Stato Maggiore dell’esercito, il ministro della marina De Courten ed altri numerosi militari e funzionari governativi. Destinazione Pescara da dove si contava di raggiungere via mare una località al riparo dalle possibili rappresaglie tedesche. Si era pensato alla Sicilia, alla Tunisia ma poi si optò per Brindisi. A Pescara, però, la popolazione dimostrò di gradire molto poco la precipitosa fuga. Qualcuno, allora, decise di ripiegare sul più discreto porto di Ortona dove il grosso dei fuggitivi si imbarcò. Sulla corvetta ‘Baionetta’, accanto al re e alla regina, trovarono posto 57 persone; parecchi restarono a terra tra disordini, baruffe e improperi. Una volta salpata la nave, il porto di Ortona, che aveva vissuto un inatteso momento di celebrità, si svuotò dei fuggitivi costretti a prendere altre direzioni. E, come chiosa argutamente Indro Montanelli, “a testimonianza dell’unica vera battaglia che lo Stato Maggiore italiano abbia ingaggiato dopo l’8 settembre, restavano solo fagotti e cartocci imbrattanti il molo”. In tutto questo marasma così tipicamente italiano, per qualche minuto, si perse di vista il maresciallo Badoglio che, non va dimenticato, era il capo del governo in carica. Qualcuno giunse a pensare che il vecchio militare, mosso da un vigoroso sussulto di orgoglio, avesse invertito la marcia per far ritorno a Roma. Niente di più inesatto: egli, non volendo correre rischi, si era imbarcato sulla ‘Baionetta’ fin da Pescara, evitando così i disordini di Ortona. Non c’è che dire davvero una gran bella tempra di eroe! L’indecorosa fuga dei regnanti sabaudi e dell’esecutivo, se riuscì a mettere in salvo un manipolo di imbelli, provocò guasti irreparabili per le tante centinaia di migliaia di soldati dislocati in Italia e all’estero, che restarono disorientati, confusi e, soprattutto, privi di ordini e di direttive. Ma ciò, per quegli ineffabili signori, fu soltanto un particolare di marginale importanza.
    Quel che contava davvero era mettere in salvo la pelle e conservare ben stretta la poltrona: tutto il resto era assolutamente secondario. Del resto, da che mondo è mondo, è sempre la logica dei superiori interessi che prevale. Ma quelli di Badoglio, di Vittorio E-manuele e compagnia cantando, erano veramente tali? Sarebbe bello poter rispondere in maniera affermativa, specie per cercare di restituire un minimo di dignità al nostro Paese. Bello ma profondamente ingiusto e, soprattutto, contrario alla realtà storica. Ecco perché quell’8 settembre 1943, ad onta dei ripetuti tentativi di travisamento, resta pur sempre una data luttuosa e nefasta, l’indelebile giorno della vergogna nazionale.
    15th Maggio 2007

    V-Day, un giorno per liberarsi
    dalla vergogna
    di essere italiani
    ROMA - Sabato 8 settembre è stato il giorno del V-Day, dove V sta per Vendetta o Vaff.., organizzato da Beppe Grillo in centinaia di piazze italiane per raccogliere firme a favore di una legge di iniziativa popolare contro la presenza dei deputati condannati presenti in Parlamento, e perché tutti gli eletti non possano restare in carica per più di due legislature. L'iniziativa si è mossa sulla rete e sabato si è concretizzata con centinaia di banchetti di fronte ai vari municipi di piccole e grandi città della penisola.
    BANCHETTI IN ALMENO 225 PIAZZE - «Dobbiamo portare la politica verso i cittadini, la politica dobbiamo farla noi tutti i giorni»: di fronte a una Piazza Maggiore affollatissima - le stime indicano in oltre 20mila le presenze - è iniziato nel pomeriggio da Bologna, con l'intervento del promotore Beppe Grillo, il «V-Day», cioè il giorno del «Vaffa.....», «una via di mezzo tra il D-Day dello sbarco in Normandia - spiega il volantino firmato dal comico genovese - e V come Vendetta». Una iniziativa «per ricordare che dal 1943 non è cambiato niente. Ieri il re in fuga e la Nazione allo sbando, oggi i politici blindati nei palazzi immersi in problemi "culturali". La protesta contro i "Politici corrotti" lanciata da Beppe Grillo si è concretizzata nella raccolta delle firme a sostegno di una legge di iniziativa popolare che tra l'altro punta a escludere dal Parlamento chi sia stato eletto già due volte e chi sia stato condannato con sentenza definitiva, o abbia patteggiato una pena. «Al V-Day ci sei o non ci sei, serve una nuova soluzione, c'è troppa corruzione», dice l'inno ufficiale della giornata, scritta dal cantautore Leo Pari e diffusa via web.




    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,692
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    è il giorno che rappresenta meglio l'itaglia che ha dato il meglio del suo repertorio: doppiogioco, regnanti incapaci, trattative sottobanco coi nemici, ...
    daltronde aveva iniziato la guerra solo per spartirsi la torta delle conquiste fatte dai Tedeschi, quanto han visto che la torta stava andando agli AngloAmericani han persato bene di cambiare alleato sperando di mangiare almeno le briciole ...

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Una data vergognosa: se il sistema politico nel Paese cambia radicalmente, un governo ONESTO chiede una pace separata ed esce in qualunque modo dal conflitto. Così fece Lenin nel 1917.
    Badoglio era un cesso umano, che ben rappresentava il paese biscazziere che proibisce i casinò (per mandare i giocatori a Nova Gorica). Il re nano a Brindisi, come Craxi a Hammamet. De Gasperi che condanna gli istriani all' esodo per punire i suoi nemici sudtirolesi.

    Da cagare

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Posso ricordarti che Napoleone face cadere la gloriosa Repubblica Veneta
    quasi senza sparare un colpo e accolto con ovazioni , canti e balli ?



    ... del tipo:
    "Venezia, l' ultima ora è venuta,
    illustre martire, tu sei perduta,
    il morbo infuria, il pan ti manca,
    sul ponte sventola bandiera bianca...."

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    19 Dec 2005
    Messaggi
    147
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    il popolo italiano è cosi e anche chi si dice padano con la "P" maiuscola se trova una strada o una facilitazione......bhe a voi le conclusioni....................

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    armistizio ?
    fu resa senza condizioni.

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Quel re fuggì e mi sa che tra un pò fuggirà anche suo figlioccio.

  8. #8
    L'Italia nn esiste
    Data Registrazione
    28 May 2007
    Località
    Messina
    Messaggi
    1,958
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Mitteleuropeo Visualizza Messaggio
    Una data vergognosa: se il sistema politico nel Paese cambia radicalmente, un governo ONESTO chiede una pace separata ed esce in qualunque modo dal conflitto. Così fece Lenin nel 1917.
    Badoglio era un cesso umano, che ben rappresentava il paese biscazziere che proibisce i casinò (per mandare i giocatori a Nova Gorica). Il re nano a Brindisi, come Craxi a Hammamet. De Gasperi che condanna gli istriani all' esodo per punire i suoi nemici sudtirolesi.

    Da cagare

    concordo, del resto badoglio, sciaboletta,& C erano tutti massoni

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-10-10, 17:47
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-02-07, 15:01
  3. 25 luglio 1943 - 8 settembre 1943;1 febbraio 2007 - ………?…………..
    Di Veneto Governo nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-02-07, 22:27
  4. Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 09-09-06, 20:40
  5. 8 Settembre 1943: Il Giorno Della Vergogna....
    Di Danny nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 07-09-03, 22:08

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226