User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rai, tutto intorno a te

    Nonostante non influenzi più nessuno, i politici fanno a gara per apparire sulla Tv di Stato. Ed intanto il deficit sembra più grande degli 80 milioni di euro di cui si parlava nel mese di luglio

    di Gianluca Marchi

    La Rai è l'ombelico del mondo? A guardare i giornali di ieri, si dovrebbe rispondere senza alcun dubbio che sì, l'azienda televisiva pubblica è il perno intorno al quale ruota la politica italiana. Non ci può essere altra considerazione, se è bastato l'avvicendamento di un consigliere di amministrazione per monopolizzare l'attenzione dei media e per scatenare l'iradiddio di reazioni politiche.

    Ma ha ancora un senso tutto ciò? Qui la risposta si fa più complicata, perché dentro ci sta una vecchia abitudine della politica italiana, cioè quella di considerare la Rai come la cartina di tornasole delle proprie future evoluzioni, ma anche una sorta di arretratezza culturale della politica stessa che, nella sua stragrande maggioranza, ritiene fondamentale controllare il Cavallo morente per poter orientare politicamente una parte consistente dell'opinione pubblica. Ora, è vero che la Rai rimane la più grande azienda culturale del Paese, ma è anche vero che sul fronte mediatico sono in corso tali e tante evoluzioni alle quali la politica italiana sembra refrattaria. O comunque non sembra credere. Ad esempio uno come Beppe Grillo – che possano piacere o meno i suoi contenuti, che possa essere condivisibile o meno il suo qualunquismo distribuito a piene mani – è riuscito a mobilitare 300mila persone con il Vday semplicemente attraverso la rete e i blog.

    E la politica che fa? In alcuni casi si preoccupa, in altri condanna, in altri ancora minimizza, ma non sa usare gli stessi strumenti, pensa semplicemente che sia sufficiente uno spezzone di intervista a qualche telegiornale nazionale o una comparsata alle solite trite e ritrite trasmissioni televisive per interdire l'operazione grillesca. E sbaglia, perché è ancora al vecchio, e non solo per il fatto che il pubblico della famigerata Rai sta sempre più invecchiando dal punto di vista anagrafico. Certo, una possibile obiezione potrebbe ad esempio essere questa: una giornalista come Lilly Gruber ha preso un milione di voti come candidata dei Ds al Parlamento Europeo solo perché appariva tutte le sere in televisione. Vero, la popolarità di un personaggio è lanciata e sostenuta quasi esclusivamente dal mezzo televisivo, soprattutto in un Paese come il nostro, ma ciò riguarda i personaggi, non l'idea e la proposta politica. Esempio contrapposto: la Lega Nord si è imposta a valanga nel Nord Italia quando viveva in una sorta di ostracismo da parte dei mezzi di comunicazione, ma volava sulle ali di una idea per certi versi rivoluzionaria. Quando invece il partito di Bossi è entrato nei meccanismi classici del potere e ha persino messo le mani su una delle reti televisive pubbliche, ciò non si è affatto tradotto in un aumento del consenso elettorale, anzi. Come dire che non c'è un rapporto direttamente proporzionale tra il grado di controllo dei media e il successo di una proposta politica.

    I politici italiani – che sono tendenzialmente miopi e quindi pensano essenzialmente a se stessi e ai loro amici più che all'idea da veicolare – ritengono fondamentale poter controllare la tv pubblica per poter apparire, presenziare sempre e di più, anche se l'argomento in discussione è il famigerato caso di Cogne. La logica è: occupare il potere, in questo caso dell'azienda di Stato dove poter piazzare i propri uomini, ed essere così forti politicamente da apparire il più possibile. Dove? Innanzitutto nelle trasmissioni di cosiddetto approfondimento, che poi non approfondiscono quasi nulla, trasformandosi spesso in una parata simil-accozzaglia. In prima pagina pubblichiamo un grafico che riassume gli ascolti medi delle trasmissioni delle tre reti pubbliche: Porta a Porta, Annozero e Ballarò. Come si vede è solo una frazione, anche minima, del pubblico votante e per di più nel corso degli ultimi anni gli esperti ci hanno ripetutamente spiegato che le rispettive platee sono fatte da un pubblico in gran parte già convinto della propria scelta politica ed elettorale. Quindi, Vespa, Santoro e Floris attraverso i loro programmi non possono spostare masse di elettori, ma solo fasce marginali.

    Eppure i politici fanno a cazzotti per apparire – e in onda a volte fanno quasi letteralmente a cazzotti – e per consolidare il proprio potere, per sentirsi sempre più forti: occupare per esserci. In questo senso la televisione pubblica è sempre stata una prateria immensa e ancora così viene considerata: territori da conquistare, e chissenefrega se i conti non tornano mai, tanto pagano i cittadini (a proposito, si vocifera che i conti Rai stiano sprofondando ben oltre gli 80 milioni di rosso ipotizzati prima dell'estate). In questa pratica il centrosinistra, va detto, è sempre stato più bravo del centrodestra, che quando ha avuto il potere in viale Mazzini non è stato capace di crearsi neppure una trasmissione “vicina” degna di questo nome. Sarà perché nell'era del duopolio, con la Mediaset berlusconiana sul fronte opposto, il centrosinistra ha affilato meglio le armi per conquistare più prati sul lato pubblico, sarà che gli eredi di Dc e Pci sono sempre stati allenati a occupare e spartirsi il potere, sta di fatto che la Rai continua a essere appunto l'ombelico del mondo politico italico. Con il rischio che la politica, che fin qui ha vissuto di e intorno al duopolio, finisca per morire proprio di duopolio.

    http://www.opinione.it/pages.php?dir...t=5850&aa=2007

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non influenzerà più nessuno (ma non è poi così vero) ma di certo concede importanti cadreghe, che danno potere e soldi.

  3. #3
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    che la RAI (Roma) informi e mediaset (Milano) no, è un dato di fatto.

  4. #4
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da yurj Visualizza Messaggio
    che la RAI (Roma) informi e mediaset (Milano) no, è un dato di fatto.

  5. #5
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,408
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da yurj Visualizza Messaggio
    che la RAI (Roma) informi e mediaset (Milano) no, è un dato di fatto.


    Nella mente infetta dei comunisti tutto è possibile.

    In realtà è disinformazia in entrambi i casi: stessi accenti, stessa mentalità, stessi pupari.

  6. #6
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ragazzi, datemi una trasmissione mediaset paragonabile a "W l'Italia" di Diacona, o Report della Gabanelli.

  7. #7
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Report lo ritengo uno dei pochissimi (e sto arrotondando per eccesso) programmi degni di apparire in Tv. Da qui a dire che la rai fa informazione ce ne corre, perchè dovresti spiegarmi cosa fa la tivvù di sdado per le restanti 166 ore settimanali. Da notare che la rai la manteniamo con il canone e le sovvenzioni, mediaset puoi non guardarla e non averne a male, visto che non sborsi una lira.

  8. #8
    I sa smentés mai...
    Data Registrazione
    26 Nov 2006
    Messaggi
    994
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Report fa informazione interessante ma faziosa e talvolta scorretta.
    Vergognosa poi la proiezione di quel film spazzatura sull'11 settembre...nemmeno il Santoro più militante sarebbe riuscito a far passare in prima serata su una TV di stato una tale disinformazione (senza nemmeno un commento tecnico neutro che potesse minimamente controbilanciare le "stravaganti" teorie complottistiche).

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    02 Jun 2006
    Messaggi
    1,557
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Glaser Visualizza Messaggio
    Report fa informazione interessante ma faziosa e talvolta scorretta.
    Vergognosa poi la proiezione di quel film spazzatura sull'11 settembre...nemmeno il Santoro più militante sarebbe riuscito a far passare in prima serata su una TV di stato una tale disinformazione (senza nemmeno un commento tecnico neutro che potesse minimamente controbilanciare le "stravaganti" teorie complottistiche).
    le teorie complottistiche, sul 11 settembre e sul finto alunaggio del 69 erano stravaganti fino a qualche tempo fa ma ora vedo che diventano sempre più popolari e credibili (certo non ai bigotti e ai reazionari)

  10. #10
    I sa smentés mai...
    Data Registrazione
    26 Nov 2006
    Messaggi
    994
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da francodisassoni Visualizza Messaggio
    le teorie complottistiche, sul 11 settembre e sul finto alunaggio del 69 erano stravaganti fino a qualche tempo fa ma ora vedo che diventano sempre più popolari e credibili (certo non ai bigotti e ai reazionari)
    La cosa è trasversale: a queste stronzate complottistiche (grazie per aver citato la ridicola teoria sul "mai avvenuto" allunaggio) ci credono i sapientini di ogni parte politica: si va da quelli che tu definisci bigotti e reazionari ai trinariciuti e ideologizzati di ogni colore.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Noi intorno a 30 anni...
    Di Frescobaldi nel forum Fondoscala
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 21-07-12, 16:33
  2. Intorno al cannibalismo
    Di Tomás de Torquemada nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 15-03-07, 14:16
  3. Intorno Al Fascismo
    Di Titus Tatius nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-06-06, 23:16
  4. mla si guarda intorno
    Di fontanarossa nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 25-08-05, 14:37
  5. E tutto intorno a me.....
    Di pensiero nel forum Fondoscala
    Risposte: 79
    Ultimo Messaggio: 22-02-05, 20:17

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226