Ai patrioti veneti,
e, par conosiensa, ai patrioti de ogni nasion sensa stato ocupada,

Ła Lega Nord xe morta.

Finalmente xe morta.

El dexerto inbarasante deła manifestasion leghista in Riva dei S-ciavoni łasa come soło exenpio de atività quełe che resta dełe senplici liste civiche de puro exercisio de poter fine a łu steso inte łe province de Trevixo, Vicensa e Verona. El resto xe sparìo. Par senpre, ghe xonto.

No se sa ancora se el cadavere połitico vegnarà mantegnuo in vita ancora par tanto co ła respirasion artificiałe del sentro-drita e del centro-sanca tałiane, che trova inte ła Lega exangue un utiłe spała par el so teatrin połitico. Non se sa e ramai conta poco.

Łe trentamiła persone che soło na setimana fa a Sitadeła se gà riunìo, inte el siłensio generałe dei media, soło grasie al’opera de na xovanisima asociasion – e del so giornałe in łengoa veneta Raixe Venete – che xe stada inisialmente creada da do toxi veneti che no gà gnancora trent’ani, Davide Guiotto e Patrik Riondato, dimostra in realtà che ła cauxa veneta xe viva e vegeta e che ła xe drio canbiar interpreti połitici.

Qualcosa de novo xe drio nasar par naltri veneti. Qualcosa de novo che par poder vegner fora gavea de bixogno che fuse ciamai i bechini de chi oscurava połiticamente ła nostra batajia.

I bechini xe rivai. Deso basta parlare de łori. Ognuno de naltri gà da costruir ła so piataforma połitica. I leader vegnarà fora co łe idee, no dovemo ver paura.

Cultura, paaienza, pasion połitica, senso civico e el volerghe ben ała nostra tera sarà i segreti del nostro suceso da doman.

El futuro xe nostro, finalmente


----


Ai patrioti veneti,
e, per conoscenza, ai patrioti di ogni nazione senza stato occupata,

La Lega Nord è morta.

Finalmente è morta.

Il deserto imbarazzante della manifestazione leghista in Riva degli Schiavoni lascia quale unico esempio di attività quelle che restano delle semplici liste civiche di puro esercizio del potere fine a sé stesso nelle province di Treviso, Vicenza e Verona. Il resto è sparito. Per sempre, aggiungo.

Non si sa ancora se il cadavere politico verrà mantenuto in vita ancora a lungo con la respirazione artificiale del centro-destra e del centro-sinistra italiane, che trovano nella Lega esangue un utile spalla per il loro teatrino politico. Non si sa e poco conta ormai.

Le trentamila persone che solo una settimana fa a Cittadella si sono riunite, nel silenzio generale dei media, solo grazie all’opera di una giovanissima associazione – e del suo giornale in lingua veneta Raixe Venete – che è stata inizialmente creata da due ragazzi veneti che ancora non hanno trent’anni, Davide Guiotto e Patrik Riondato, dimostrano in realtà che la causa veneta è viva e vegeta e sta cambiando interpreti politici.

Qualcosa di nuovo sta nascendo per noi veneti. Qualcosa di nuovo che per poter emergere aveva bisogno che fossero chiamati i becchini di chi oscurava politicamente la nostra battaglia.

I becchini sono arrivati. Ora basta parlare di loro. Ognuno di noi costruisca la propria piattaforma politica. I leader emergeranno con le idee, non temiamo.

Cultura, pazienza, passione politica, senso civico e il voler bene alla nostra terra saranno i segreti del nostro successo da domani.

Il futuro è nostro, finalmente


Gianluca Busato
“I VENETI”
http://www.iveneti.org